Alternative al cavatappi. Usare una scarpa, per esempio

di Fiorenzo Sartore

CavatappiE’ successo pure a voi? La bottiglia è pronta per essere aperta, e manca il cavatappi. Oppure dovete aprire l’amato nettare lontano dalla vostra attrezzatissima cantina, o cucina – figuriamoci se ad un enofilo duro e puro può mancare il cavatappi – e non disponete dei vostri tecnologicissimi strumenti. E allora come si fa? Davanti ad un riottoso tappo di sughero, in quei momenti, si benedice il tappo a vite. Pure la gretta metallica sarebbe più aggirabile del tappo tradizionale.

Ebbene, ecco finalmente il sistema definitivo. Performato da un enofilo (diciamo così) non del tutto sobrio. In questi casi si dice “non rifatelo a casa”. Valore duplice: non restate senza cavatappi, e non abusate. Poi, siccome Youtube è grande, troverete lo stesso metodo applicato adoperando un albero. Oppure un elenco telefonico.

avatar

Fiorenzo Sartore

Vinaio. Pressoché da sempre nell'enomondo, offline e online.

3 Commenti

avatar

Rizzo Fabiari

circa 10 anni fa - Link

che c'è di strano? io le bottiglie le apro sempre così

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 10 anni fa - Link

Mi insegni come fare? Io stacco regolarmente i tacchi, ma il tappo non ne vuo sapere :-)

Rispondi
avatar

Sergio

circa 10 anni fa - Link

e se è vuota? ecco http://www.youtube.com/watch?v=bz70kdzVkT8

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.