Lambruschisti insieme, appassionatamente

di Jacopo Cossater

calice lambrusco consorzio logoChe ci fossero molteplici spunti di riflessione era chiaro. Anzi, auspicato. Che però la tipologia provocasse reazioni così passionarie non era certo prevedibile. Che qui trattasi di credo religioso, praticamente.

Un piccolo passo indietro. L’idea nasce su Twitter (network sociale di microblogging in 140 caratteri – ci siamo anche noi): radunare contestualmente un certo numero di amici e di Lambruschi per vedere cosa ne sarebbe venuto fuori. Il livello di attenzione, poi, era gradualmente aumentato grazie ad alcuni insider che amavano parlarne qua e là.

Sede della degustazione l’Enoteca 67 di Carpi, vicina alle zone di produzione più note. Plurale perchè si, le denominazioni sono più di una, anche se la maggior parte in provincia di Modena. E poi “Lambrusco” significa sia vini che vitigni. Ed infatti agli occhi di un non esperto può apparire questione confusa. Poi, per rendere il tutto non troppo codificabile, molti produttori amano smarcarsi per essere più liberi ed imbottigliare nella più accogliente indicazione geografica tipica.

Durante la serata molte le chiavi di lettura. Diversi i vitigni (salamino e grasparossa certo, ma anche Sorbara ed il meno diffuso Maestri), i territori (Reggio Emilia e Modena, ma anche Parma), le vinificazioni e gli approcci.
Le nove bottiglie, infatti, in comune avevano ben poco. Dalle più familiari interpretazioni dell’inizio – Saetti e Pederzana in particolare, ma anche Leclisse di Paltrinieri, con il secondo in grado di stupire per il frutto ed il grande equilibrio – era facile uscire dal battuto e stupirsi di fronte a “Il mio lambrusco” di Camillo Donati od alla “Rifermentazione Ancestrale” di Bellei, bottiglie espressive, estreme ed ammalianti insieme. O i non-Lambruschi, Barbaterre e Cinque Campi, bevute fuori dagli schemi, severe, asciutte, certamente avventurose.
Difficile prevedere tanta eterogeneità nelle opinioni, però. Perché se, rimanendo su un piano meno specifico, “quello vero è solo salamino” è apprezzabile tanto quanto “quello in grado di dare più soddisfazioni è il grasparossa”, va detto che ognuno difendeva strenuamente il suo campione, senza cedere centimetri agli avversari.

Diverse filosofie sia in produzione ma anche e soprattutto nel consumo, perché probabilmente ognuno è (anche) quello che beve. E voi, che Lambrusco siete/bevete?

Jacopo Cossater

Comunicazione digitale ed e-commerce, è tutta una questione di vino, di birra artigianale e di trail running. Vive in Umbria, a Perugia, ha un debole tanto per i Paesi del Mediterraneo quanto per quelli scandinavi ma non potrebbe mai fare a meno dei ritmi dell'Italia Centrale. Blogger della seconda ora, su Intravino dal 2009.

32 Commenti

avatar

Stefano Caffarri

circa 10 anni fa - Link

Io il Reggiano. Il migliore di tutti. *ghigna*

Rispondi
avatar

Patatone

circa 10 anni fa - Link

Integralista che non sei altro! (per Caffarri) Complimenti a Jacopo per l'esordio, gran bel pezzo. Un saluto Pat

Rispondi
avatar

francorugby

circa 10 anni fa - Link

Posso ridere? Comunque a mio parere su tutti Leclisse. (Modenese non Reggiano).

Rispondi
avatar

Massimo

circa 10 anni fa - Link

Bello scritto. Nella prossima vivisezioneremo le Doc della zona..Mi piacciono tutti, meno le imitazioni.

Rispondi
avatar

Jacopo Cossater

circa 10 anni fa - Link

Interessante Massimo, ma la vera domanda è: c'erano imitazioni? Forse no. Tante personalità, molto diverse tra di loro.

Rispondi
avatar

Massimo

circa 10 anni fa - Link

Secondo il mio palato, tante imitazioni. Il vino di Camillo Donati e' interessante ma non ha niente a che fare con il Lambrusco. Puo' piacere, a me poco per una estraneita' gusto/olfattiva al panorama vinicolo nostrano. Nonostante cio' e' sul mio podio, per il naso veramente intrigante. Sugli altri, escluso Pederzana e Eclisse, mi prometto di ri-assaggiarli in momenti diversi perche' la delusione e' stata troppo grande.

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 10 anni fa - Link

Invito ai partecipanti della serata - Potreste mettere qui nei commenti dicitura corretta dei vini e prezzi sullo scaffale? Grazie

Rispondi
avatar

Massimo

circa 10 anni fa - Link

Tenuta Pederzana Grasparossa 2008 Semi Secco 07.00 € al publlico Leclisse Sorbara doc Paltrinieri 10.00 € al pubblico. Per cio' che mi concerne. E se mi posso permettere, io ho messo a disposizione l'enoteca, ma la serata e' stata organizzata solo ed esclusivamente da PATATONE. Bravo.

Rispondi
avatar

Patatone

circa 10 anni fa - Link

Ale, eccoli: 1- Lambrusco Emilia IGT "Stopai", Tirelli 2- Lambrusco Salamino di Santa Croce DOC, Saetti 2008 3- Lambrusco Grasparossa di Castelvetro DOC, Pederzana 2008 4- Lambrusco Spumante Brut, Lusvardi 5- Lambrusco Emilia IGT, Camillo Donati 2008 6- Lambrusco di Sorbara DOC Leclisse, Paltrinieri 2008 7- Emilia IGT "Rosso di rosso", Le Barbaterre 2007 8- Vino da tavola "Cinquecampi rosso", Cinque Campi 2007 9- Lambrusco di Sorbara DOC "Rifermentazione ancestrale", Bellei 2007 Non sono perfettamente a conoscenza dei prezzi di ogni singola bottiglia ma siamo sempre al di sotto dei 10 euro.

Rispondi
avatar

vittorio rusinà

circa 10 anni fa - Link

Camillo Donati su tutti, ma grande rispetto per Barbaterre e Cinque Campi e curiosità per tutti gli altri che devo ancora testare. Devo il mio amore per il lambrusco all'amico Andrea Bezzecchi che tempo fa mi ha introdotto alla conoscenza di questo vino, giusto fino a ieri sottovalutato. Consiglio a tutti una visita in azienda da Camillo Donati, da Barbaterre (dovrebbe già essere in funzione la parte ospitalità agrituristica) e Cinque Campi...tre terroir diversi fra loro, tre vignaioli, tre grandi storie. E complimenti a Jacopo Cossater, sempre pronto a nuove sfide.

Rispondi
avatar

Il Fermentatore

circa 10 anni fa - Link

Camillo Donati tutta la vita!

Rispondi
avatar

Patatone

circa 10 anni fa - Link

Esatto! Camillo Donati uber alles!!

Rispondi
avatar

M.Grazia (Soavemente)

circa 10 anni fa - Link

Caro Jacopo, complimenti per l'esordio. Direi che vi mancava una versione di Lambrusco un po' offuscata dalle più note denominazioni, quello Mantovano. Ottima versione quella della Cantina Sociale di Quistello. Fragranza e frutto, oltre che ottima beva. Nella composizione oltre al Salamino, al Ruberti e Maestri, anche il vitigno tipico di quell'area, l'Ancellotta. MG

Rispondi
avatar

Stefano Caffarri

circa 10 anni fa - Link

Per la verità lo Stopai di Tirelli a me ricorda molto più il Mantovano che il Reggiano con tutto quel blu e tutta quella polpa. Del resto da quelle bande la lingua, la cucina, la cultura sono più virate al mantovano: del resto nella storia Gualtieri è sinonimo di Gonzaga, che è sinonimo di Mantova. C'è "solo" il Po di mezzo... That's it

Rispondi
avatar

bucanero

circa 10 anni fa - Link

Non bevo Lambrusco, i miei vini quotidiani sono altri. Dovessi scegliere, Bellei per tutta la vita :) Scherzi a parte, devo approfondire la conoscenza del Lambrusco... Ah, complimenti a Jacopo per il suo "caldo" pragmatismo ;)

Rispondi
avatar

Flavio

circa 10 anni fa - Link

Grasparossa di Castelvetro. Azienda Bonezzi&Gozzi. Biologico e onesto.

Rispondi
avatar

effeessegi

circa 10 anni fa - Link

Devo dire che preferisco altri vini: pero' ammetto la mia enorme ignoranza. Qualche giorno fa ho bevuto del Lambrusco che sembrava esser quotato: 5 grappoli, 2 bicchieri, 3 bottiglie e 91 da Maroni. Per me? Improponibile...

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 10 anni fa - Link

A questo punto ci manca il nome per capire se qualcuno di noi l'abbia assaggiato, prima o poi.. Coraggio ;-)

Rispondi
avatar

Gabriele

circa 10 anni fa - Link

Sarà mica l'Otello di Ceci?

Rispondi
avatar

Davide Cocco

circa 10 anni fa - Link

Nessuno lo nomina in giro, ma a me piace il Mazzi e Tasselli. Ciao.davide

Rispondi
avatar

Antonio

circa 10 anni fa - Link

Grande Jacopo, mi fa piacere vederti qui... Viva il lambrusco!

Rispondi
avatar

Andrea Bezzecchi

circa 10 anni fa - Link

Un grazie a Massimo per l'ospitalita'e a PatatOne per l'organizzazione (le schede tecniche dei vini mi hanno provocato brividi di piacere :-) Putroppo i vini erano troppo freddi per cui considero questa una prova d'allenamento (=scusa per farne altre) Non mi sono piaciute uscite categoriche come "il lambrusco è solo questo vitigno" oppure una sniffata e "questo fa schifo, punto." Ma il fastidio deriva proprio dal credo religioso insito nei lambruschisti :-) bez

Rispondi
avatar

Stefano Caffarri

circa 10 anni fa - Link

Temo che il "lambruschismo" possa essere considerata una forma di devianza sociale... *schiaccia il tasto enter*

Rispondi
avatar

bucanero

circa 10 anni fa - Link

Temo che il lambruschismo sara' a breve reato... ;)

Rispondi

Commenta

Rispondi a bucanero or Cancella Risposta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.