Birra Cantillon | Quando “acida” è un complimento spontaneo

di Alessandro Morichetti

Non so cosa il lettore di questo blog beva d’estate per dissetarsi, io ho una dieta liquida ferrea: acqua, tè alla pesca ghiacciato e birra Cantillon, nome ignoto al grande pubblico ma venerato tra chi cerca una birra indimenticabile. Cantillon è uno storico produttore belga di birre a fermentazione spontanea, realizzate cioé senza inoculo di lieviti da alta o bassa fermentazione bensì lasciando il lavoro ai microrganismi nell’aria del Pajottenland. Chi volesse sapere tutto della fermentazione spontanea può guardare questo diagramma, giovarsi della puntigliosa precisione dei nostri commentatori birrofili o meglio vedere una vecchia puntata di “A tutta birra” in cui Marco Bolasco intervista il Kuaska – al secolo Lorenzo Dabove – sulle birre belghe. Io non mi dilungherò in dettagli che conosco poco, voglio solo suggerire un gusto fuori dagli schemi a chi non lo conosce.

La gamma di Cantillon è ampia: piatta e maschia è la Grand Cru Bruocsella, assemblata e “champagnosa” la Gueze Gueuze, aromatizzata con ciliegie e irresistibile la Lou Pepe – una “gamma” dei 3 prodotti (Geuze, Kriek e Framboise) fatti solo con le botti migliori e selezionate (almeno un tempo) da “mr Cantillon” Jean-Pierre Van Roy. Come nei vini da lieviti indigeni, il timbro fermentativo è caratterizzante e le note acidulo-acetiche sono forti, al naso e in bocca. Spiazzante il primo approccio, per chiunque. Andando “oltre” esce però un piacere vivace, coinvolgente, duro e non ammiccante, fatto di freschezza gustativa imbarazzante e bevibilità contagiosa. Se poi dovessi dirvi che saprei distinguere al volo i lamponi di una Rosé de Gambrinus dalle albicocche della Fou’ Foune mentirei: il colore aiuta più dell’odore. Rimane un’asprezza tagliente che segna il palato e la memoria con una bevuta straordinaria e di grande carattere. Consiglio per enofili paurosi: se volete iniziare con le birre acide ma non sapete da dove, Saint Lamvinus (lambic con uve merlot) e Vigneronne (blend con moscato italiano) fanno al caso vostro. Da consumare belle fresche e rigorosamente DOPO la data di scadenza, chiaro.

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

14 Commenti

avatar

vittorio

circa 10 anni fa - Link

Birre...meglio dire Lambic, un mondo a sè, qualcuno parla di "anello mancante fra il vino e la birra", è un mondo affascinante e tutto ancora da scoprire, almeno in Italia. Cantillon è un grande produttore, il riferimento quando si parla di lambic. Consiglio di acquistare tutte le Fou'Foune (originali anche nel nome), sembra non le facciano più.

Rispondi
avatar

Massimo D'Alma

circa 10 anni fa - Link

Un mondo a parte, di sicuro, quello lambic, ma l'estremismo acido che lo contraddistingue (e che mi esalta), però, pone il tutto ad una certa distanza dal vino, a parer mio.

Rispondi
avatar

Terry Nesti

circa 10 anni fa - Link

Saint Lamvinus bevuta come entreè all'0pen a Roma qualche sera fà, un occasione per assaggiarla per chi non la conosce e per rinforzare il ricordo per gli amanti

Rispondi
avatar

Nic Marsèl

circa 10 anni fa - Link

A qualcuno è capitato di assaggiare l'acida "Birra Madre" del birrificio brianzolo Menaresta ottenuta con lievito madre? Non siamo in Belgio ma secondo me vale la pena.

Rispondi
avatar

TERROIR

circa 10 anni fa - Link

studiati le gueuze...merita... ;) vengono assemblate come lo champagne..perchè ebbene sì ,si possono "invecchiare" ...open your mind. Grazie a nome di tutti gli amanti per la diffusione.

Rispondi
avatar

Fabrizio Giorgi

circa 10 anni fa - Link

"Quanto attizza una birra Cantillon d'estate?" Mai quanto le brillanti trasparenze donate dai raggi del sole del tramonto sulla bottiglia di Kriek De Ranke, tralascio ogni commento sull'altra bevanda, chimico-industriale.

Rispondi
avatar

Luca

circa 10 anni fa - Link

Pausa cafè fa una buona lambic con pere martin sec...

Rispondi
avatar

Schigi

circa 10 anni fa - Link

Gueuze!!

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 10 anni fa - Link

Seminiamo volontariamente qualche errore qui e lì per sapere che ci sei. Perché non scrivi qualcosa, piuttosto? ;-)

Rispondi
avatar

emanu

circa 10 anni fa - Link

Io adoro la Lou Pepe. La mia compagna d'estate

Rispondi
avatar

Antonio Marino

circa 10 anni fa - Link

La Cantillon Vigneronne da uve moscato.... a secchi con sto caldo!!!!!

Rispondi

Commenta

Rispondi a Schigi or Cancella Risposta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.