4 parole necessarie per parlare di birra nell’anno 2011

di Marco Pion

Non c’è niente da fare, di fronte a un birrofighetto le cose sono due: o hai un piccolo dizionario di sopravvivenza o tempo 2 minuti e sei ignorantemente pronto per la prossima edizione del Grande Fratello. C’è che essere bombardati da termini incomprensibili non piace a nessuno e lo capisco. Ecco allora che qualche vocabolo di quelli topici può fare comodo per sentirsi meno soli e far capire che anche voi ne sapete, piuttosto che accampare scuse come una fantomatica pulizia dei denti per evitare il soggetto molesto. L’elenco è incompleto ma prevedere che escano termini nuovi prima di fine anno è una scommessa già vinta.

A come AiPiEi. Dispregiativo italianizzato dell’anglofono IPA (India Pale Ale) che indica tutte quelle birre fortemente luppolate di stampo american-danese che tanto piacciono ai giovani. Di colore tendente al verde (causa quantità immani di luppolo impiegate per produrle) e spesso dolci (perché i pischelli alla fine non sono veri duri) sono il must del momento, il “mai più senza” del birrofighetto universitario. Se vi sembrano tutte uguali e spesso monotone siete nel giusto, ma gli invasati non possono proprio capirvi.
Utilizzo: “Quante nuove AiPiEi hai degustato oggi?”

M come Mappazza. Mappazza indica una birra di beva difficile. Non è per nulla dispregiativo e identifica correttamente quelle birre di cui proprio non riesci a bere più di un dito non perché siano delle ciofeche ma perché sono così spesse da annodarsi nel gargarozzo e tapparlo irrimediabilmente. Il termine è nato probabilmente come descrittore della Chouffe Houblon (primo esempio di contaminazione tra tradizione belga e luppoli americani) e da lì in poi battezza molte birre che hanno in comune la strana caratteristica di essere tendenzialmente dolci e fortemente luppolate.
Utilizzo: “Buona questa XY ma è proprio una mappazza, non va giù neanche a spinta.”

P come Pigna. Pigna è un neologismo in erba dall’etimologia non ancora codificata. Probabilmente indica tutte quelle birre di alto tenore alcolico che, pur essendo ottime, tramortiscono il bevitore come uno scontro con un TGV lasciandolo inerme alla mercè di Gambrinus. Dicesi di quelle birre che il birrofighetto esperto tiene per fine serata mentre lo sbarbato trangugia anche all’ora del tè. Dal carattere deciso e complesso è una birra spesso speciale e di difficile reperibilità. Il prototipo di pigna è per me la Angel’s Share, birra americana da 11 gradi e più ripassata in botti di Burbon: divina ma soporifera (nel senso che ti mette a nanna…).
Utilizzo: rivolti a un noto publican “oh finalmente t’hanno svuotato il frigo delle pigne!”

R come Rater. Non sei cool se non rati, fattene una ragione. Se non scrivi le tue note su RateBeer (sito dove ogni appassionato può votare e recensire qualsiasi birra o locale), se non hai almeno una media di 10 rating al giorno, se non scrivi sempre e comunque un giudizio sei fuori posto. E se ne critichi i modi ti subisci il pippone del birrofighetto di turno sull’importanza cultural-evoluzionistica del rating come mezzo di comunicazione birraria ridotto ai minimi termini ma oltremodo incisivo e risolutivo. E non dirmi che non ti avevo avvisato.
Utilizzo: “Io preferisco Beeradvocate” (sito di rating concorrente). E la conversazione cade.

32 Commenti

avatar

SR

circa 9 anni fa - Link

appartenendo alla commissione tecnica di codifica dei neologismi descrittori della birra mi permetto di precisare il termine Pigna, spesso confuso con Mappazza (le due cose possono coesistere...). la Pigna spesso triangola fra alcolico, resinoso e tostato. dove la Mappazza è fatica, la Pigna è dolore

Rispondi
avatar

rampollo

circa 9 anni fa - Link

Non avevo ancora letto l'articolo e sapevo gia' che avresti parlato di pigne e mappazze...i leit motiv del momento...

Rispondi
avatar

SR

circa 9 anni fa - Link

diciamocelo: il Pion è un saprofita

Rispondi
avatar

Niccolò Benvenuti

circa 9 anni fa - Link

Mi piace la birra, mi piace conocere birre e gustarle, mi piace parlarne con il mio "birraio" di fiducia.... e ringrazio il cielo di non aver mai sentito gli orripilanti termini descritti in questo articolo.

Rispondi
avatar

Andrea Camaschella

circa 9 anni fa - Link

Marco, ma un tempo IPA non era acronimo di "Io Prendo Altro"?!

Rispondi
avatar

kenray

circa 9 anni fa - Link

c'è anche il neologismo NBAS

Rispondi
avatar

rampollo

circa 9 anni fa - Link

kenray suvvia , sono convinto che un buon publican riuscirebbe a convincerti... addendum (cit.) sei sempre sul pezzo e dieci volte avanti a tutti...

Rispondi
avatar

colonna

circa 9 anni fa - Link

Il baretto sotto casa mia non ha spine, è un pò sfigato, ma pieno di prospettive e tutto da scoprire. Te lo consiglio

Rispondi
avatar

kenray

circa 9 anni fa - Link

tranquillo colonna che un bel dì arriverò al tuo pub e mi farò un sacco di risate alle tue spalle. te le do io le prospettive coatto di un birraio

Rispondi
avatar

INDASTRIA

circa 9 anni fa - Link

Centratissime le prime tre la distinzione tra "pigna" e "mappazza" è centratissime Come sempre sul discorso del rate si cade sulle solite (inutili. come il mio stesso commento=) ) storie. Io rato raramente (la ritengo una cosa inutile a meno che non si voglia segnalare una birra) ma pretendo il copyright su "preferisco beeradvocate" :°D

Rispondi
avatar

Francesco

circa 9 anni fa - Link

Ma che posti frequenti oh??? io amo bere birra ogni tanto e frequento quindi dei locali specifici per degustarne varie e di qualità, ma i termini mappazza, rati e AiPiEi non li ho mai sentiti! Il termine IPA è usato correttamente da tutti quelli che conosco io, poi è anche vero che il mondo è bello xchè è vario, ma se dovessi mai sentire AiPiEi da qualcuno gli scoppierei a ridere in faccia!! E' anche vero però che oramai stiamo italianizzando molti termini anglosassoni, quante volte ci è capitato di leggere o anche scrivere "quoto"??? Quindi che passino pure rati e AiPiEi, l'importante è bere e mangiare di gusto e per piacere, non per moda e per strafogarsi/ubriacarsi e chissenefrega della terminologia anglo/italianizzata!

Rispondi
avatar

INDASTRIA

circa 9 anni fa - Link

La pronucia corretta di IPA è proprio AiPiEi. Marco Pion si riferisce, credo, più all'abitudine di scriverlo così e pronunciarlo con tono ironico tra appassionati o al fatto che i "birrofihetti" (che ancora devo capire che sono. Troppe categorie diverse...) usano l'acronino per darsi un tono P.S. Commento precedente sputtanato dal copia+incolla

Rispondi
avatar

colonna

circa 9 anni fa - Link

Ma infatti ultimamente non si capisce più nulla, l'altro giorno al pub uno mi chiede cosa era una birra che avevo sotto...Gli ho risposto "Più o meno una AIPIEI" (ora penso a Francesco di cui sopra che mi sbotta a ride in faccia e io che lo accompagno gentilmente a bere al locale di fronte), lui mi fa: "Ah, no, cercavo una IPA" Sono rimasto turbato, gliel'ho fatta assaggiare senza dirgli nulla, e lui "'Azzo, bona...pare 'na IPA". "Bravo, so' 6 bleuri, grazie" Ho concluso. Tanto abbiamo birrerie a Roma che chiamano le Dunkel "DAnkel" e siamo cresciuti con un negozio chiamato "Energie" che pronunciavamo "Energi", ma so' sottigliezze. Il massimo lo trovi quando un termine italianizzato nel vero senso del termine come "Bir&Fud" viene pronunciato "BairendFad" ...MA CHE POSTI FREQUENTI TYRSER???

Rispondi
avatar

Marco Pion

circa 9 anni fa - Link

Manuele, sai bene che il mio locale preferito a Roma è quello che serve la TaipoPails e le Sciantillon e ha la lavagna con un sacco di pigne e un frigo con certe mappazze...:-)

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 9 anni fa - Link

Si può sapere come si chiama questo locale a Roma, così la prossima volta vedo di passarci? L'altro ieri ho assaggiato a Chicago una Ale sotto il marchio Stone. Niente a che vedere con lo stile IPA. Apparentemente da quelle parti esistono da tempo molti microbirrifici. Il mio pensiero é volato a te, prima di rituffarmi nel mondo vino.

avatar

Marco Pion

circa 9 anni fa - Link

Il malfamato locale romano da me citato è il "Ma che siete venuti a fà" (Macche per gli amici) in via Benedetta a Trastevere dietro le cui spine troviamo il Colonna (che leggi qui) e la sua truppa. Chicago è una città molto attiva birrariamente negli USA. Stone, birrificio californiano, fa prodotti interessanti ed è un produttore medio/grande di fama ma, a mio parere, un po' più commerciale che "artigianale" (leggi: fa birre pulite che piacciono e non spaventano) Sono quelli dell'Arrogant Bastard Ale, seconodo me il miglior caso di marketing birrario del pianeta.

avatar

INDASTRIA

circa 9 anni fa - Link

La ruination un po' spaventa. Così come l'arrogant è una grande birra nonostante il marketing. Sul fatto che siano "pulite" sono assolutamente d'accordo. PEr me è un pregio, per alcuni un difetto.

avatar

Francesco

circa 9 anni fa - Link

ma guarda... io al macche sono venuto un sacco di volte come sono anche andato al bir e fud, e nessuno mi ha mai proposto una AiPiEi, ma sempre una IPA, chissà.... forse mi avranno visto in faccia che ero il tipo del locale a fianco...

Rispondi
avatar

colonna

circa 9 anni fa - Link

Ma certo Francè, è ovvio che alle volte si dice IPA, ma è più corretto dire AIPIEI, suona strano quando non riusciamo a farci capire pronunciandola giustamente... Ma te lo immagini all'americano di turno dirlgi: "this is an IPA"??? Lui sì che riderebbe...

avatar

SR

circa 9 anni fa - Link

grande, hai innescato un discorso più surreale ancora della differenza fra pigne e mappazze: la differenza fra IPA e AIPIEI...

Rispondi
avatar

Carlo Cleri

circa 9 anni fa - Link

Piccola precisazione: le India Pale Ale (IPA) hanno una origine molto più antica della recente interpretazione dei birrai americani. Erano le birre leggere e fortemente luppolate prodotte fin dal 1800 in Inghilterra e destinate principalmente al comsumo nella colonia britannica dell'India, dove la temperatura e l'umidità del luogo facevano prevalere il consumo di queste birre dissetanti e rinfrescanti.

Rispondi
avatar

Tyrser

circa 9 anni fa - Link

Per la precisione. Se con IPA intendiamo Pale Ale prodotte per l'esportazione allora venivano prodotte fin dal XVIII secolo. Invece il termine IPA venne usato per la prima volta nel 1835. E non erano leggere, per lo meno nell'accezione del termine di quel tempo.

Rispondi
avatar

Carlo Cleri

circa 9 anni fa - Link

quello che ho riferito è quanto ho trovato più volte negli scritti di Michael Jackson.

Rispondi
avatar

colonna

circa 9 anni fa - Link

Vatti a fidare della Bibbia, talvolta è meglio leggere con attenzione i Vangeli apocrifi

Rispondi
avatar

Carlo Cleri

circa 9 anni fa - Link

Verrò volentieri a studiare i vangeli apocrifi nel tuo locale quando passerò per Roma. ;-)

avatar

13th

circa 9 anni fa - Link

Da quello che ho letto su Amber, Gold & Black (e che mi ricordo) i birrai di Burton facevano le IPA piu' leggere delle loro ale (EIL) tipiche di allora, spiega anche il motivo ma non ho tempo di andare a cercarlo!

Rispondi
avatar

Tyrser

circa 9 anni fa - Link

Penso tu ti riferisca alle "Small Ale" da 4/5° e poco luppolate che venivano mandate in India prima che i birrai di Burton rompessero il monopolio di Hodgson che comunque faceva fortuna (anche) con la sua October. Ma allora le IPA non esistevano, o almeno non di nome. Le IPA prima del 1837 venivano chiamate "pale ale" o "beer" in India e "Indian Beer" in patria.

Rispondi
avatar

13th

circa 9 anni fa - Link

Ero a conoscenza delle small ales, Hodgson etc... ma continuo a ricordare di queste IPA piu' luppolate e meno alcooliche. Stanotte spulcio un po' e vediamo di uscirne :P

avatar

13th

circa 9 anni fa - Link

Mi viene il dubbio che l'abbia letto su "Pale Ale" di Foster...

avatar

Giuseppe

circa 9 anni fa - Link

boh, sarà come dite voi, ma siamo sicuri che "birrorighetti" si stiano buttando sulle Ales? boh, magari è vero... io conoscevo diversi birrofili che millantavano di sapere tutto sulle birre tedesche, poi gli chiedevi se avessero mai assaggiato una Alt e facevano le facce strane bofonchiando "eh???". Piccolo appunto: non ho ben capito se il wannabe saputello si basi sulla degustazione di birre in bottiglia (che non è reato), su birre in loco (ales provate in un pub vero, con spine vere), o sia solo un giochino del momento per fare il figo. E poi tornare a casa da "mammabirrabelga"

Rispondi
avatar

colonna

circa 9 anni fa - Link

...Ma il tuo è un commento fuori dal tempo, pare quasi scritto nel 2003 o qualcosa di simile (che non è tanto in termini temporali, ma fa capire quanto sia cresciuto- nel bene e nel male- questo movimento)...

Rispondi
avatar

13th

circa 9 anni fa - Link

E' anche vero che il tuo contesto e' piuttosto particolare. Da noi (Bologna) birre come la Castigamatt o altre birre muscolari non riescono a reggere il confronto (di pubblico) di Terzo Miglio, Hobo e pale ales piu' equilibrate.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.