vini francesi

Incontri con gli alieni: una verticale di Chateau Rayas

Incontri con gli alieni: una verticale di Chateau Rayas

La prima volta che ho assaggiato Chateau Rayas ho avuto una folgorazione. La sensazione che ho provato deve essere stata simile ad un incontro ravvicinato del quarto tipo.
No, non sono mai stato rapito dagli alieni, non so cosa si … continua »

La Borgogna di Vosne non delude mai

La Borgogna di Vosne non delude mai

“ Non ci sono vini ordinari a Vosne ” – dichiarava l’abate Claude Courtepée a metà del settecento.

Nonostante una reputazione così radicata,  la fama dei vini di Borgogna non ha mai raggiunto vette così alte come negli ultimi anni … continua »

Sono in fissa per lo chenin: otto vini per saperne di più

Sono in fissa per lo chenin: otto vini per saperne di più

Lo confesso: mi è partita la ruota per lo chenin. L’ennesima fissa, di quelle per cui, anche stavolta, gli amici non chiedono nemmeno, mi assecondano a prescindere, a patto che non rompa ulteriormente le palle. E dire che di obsession … continua »

Nuovi premier cru: il 2020 è l’anno del Pouilly-Fuissé

Nuovi premier cru: il 2020 è l’anno del Pouilly-Fuissé

In un periodo in cui Masnaghetti lavora su una delle più importanti denominazioni italiane lanciando un grande progetto virtuale sulle menzioni geografiche (Barolo MGA), la Francia del vino continua la sua opera di valorizzazione dei territori, aggiungendo un altro tassello … continua »

Chateau Petrus: Olivier Berrouet ci svela la ricetta per fare un grande vino

Chateau Petrus: Olivier Berrouet ci svela la ricetta per fare un grande vino

Olivier Berrouet è un grande enologo, giovane, simpatico, carismatico, molto alla mano e con idee chiare in testa. Dal 2008 è il direttore dell’azienda Chateau Petrus. I proprietari sono in parte di Bordeaux e in parte americani; da quando … continua »

9 vini di René Engel per sognare un po’ (ma non con tutti)

9 vini di René Engel per sognare un po’ (ma non con tutti)

Philippe Engel è stato uno dei produttori più ispirati dell’intero panorama borgognone. Mano fatata, legno dosato, vini di pulizia estrema (salvo rari casi) e di ineguagliabile eleganza.

Mentre Elio Altare girava in 500 per le vigne della Cote d’Or cercando … continua »

Mito di Borgogna, il Cros Parantoux: Emmanuel Rouget vs Meo Camuzet

Mito di Borgogna, il Cros Parantoux: Emmanuel Rouget vs Meo Camuzet

Vincenzo Le Voci è farmacista e bevitore seriale di altissimo livello. Le sue descrizioni centrano spesso il bersaglio.

Il mondo del vino è complesso e affascinante. È fatto da grandi uomini che grazie al loro intuito, al loro estro, alla … continua »

Chablis, lo chardonnay che venne dal freddo

Chablis, lo chardonnay che venne dal freddo

Simone Di Vito è un giovane di belle speranze e belle lettere che vorrebbe scrivere su Intravino. Per metterlo alla prova cominciamo da questo post.

Nel mondo del vino è facile imbattersi nello chardonnay, l’alloctona francese infatti è tra le … continua »

La Gironda e l’altra sponda: note di viaggio dalla regione del cognac

La Gironda e l’altra sponda: note di viaggio dalla regione del cognac

Quanti di voi lettori avranno fatto il pellegrinaggio da Bordeaux verso i celeberrimi châteaux del Médoc ? Più di qualcuno, penso. Probabilmente nessuno di voi, posando lo sguardo sui flutti della Gironda, ha mai pensato che, oltre a spaziare … continua »

Cos d’Estournel e quel tocco di Oriente lungo due secoli

Cos d’Estournel e quel tocco di Oriente lungo due secoli

La figura di Louis Gaspard d’Estournel che nel 1838 investe nel mercato indiano puntando ai gusti degli ufficiali britannici di stanza nella più grande colonia inglese in terra d’Asia è una scuola di marketing che andrebbe studiata a fondo. Ma continua »

Chateau Pedesclaux e la rincorsa dei cru a  Pauillac

Chateau Pedesclaux e la rincorsa dei cru a Pauillac

Fare vino non è difficile, sono i primi 300 anni che sono complicati“. Questa famosa frase attribuita al Barone Rothschild viene ripetuta spesso nei corridoio e nei meandri di Chateau Pedesclaux, un luminoso esempio di architettura moderna … continua »

Bordeaux 2017 Late En Primeur: sulla riva destra il manico sconfigge la gelata

Bordeaux 2017 Late En Primeur: sulla riva destra il manico sconfigge la gelata

Se non ci fossero state le note gelate primaverili nel 2017, ci saremmo trovati davanti ad una delle migliori vendemmie EVER per la riva destra a Bordeaux, con merlot e cabernet franc a livelli mai immaginati prima. Ma la sorte … continua »