spagna

Tutti i numeri del vino nel 2018

Tutti i numeri del vino nel 2018

E va bene lo confesso, mi piace studiare il vino anche attraverso fogli excel e diagrammi e, anche quest’anno, è giunto il tanto atteso riepilogo in numeri della scorsa annata, la 2018.

Da ormai circa 10 anni seguo diverse organizzazioni … continua »

Breve guida alla Galizia (e ai suoi vini)

Breve guida alla Galizia (e ai suoi vini)

Andare in Galizia fuori stagione è una cosa da fare. E rifare. Non è un viaggio in cima alla vostra lista di priorità? Attaccate questa playlist: auto & albarino. Abbinamenti on the road: in bocca sempre onde rinfrescanti e conchiglie … continua »

Chi beve e produce più vino al mondo? Diamo i numeri del consumo mondiale

Chi beve e produce più vino al mondo? Diamo i numeri del consumo mondiale

Oggi, prendendo spunto da un interessantissimo articolo scritto da J.M Abad in collaborazione con D. Almeda e J.Galán, pubblicato nella sezione economica di El País, vi riporto alcuni dati sulla produzione e sul consumo mondiale di vino, giusto per … continua »

Le D.O. Ribera del Duero y Rueda e  qualche ottima bottiglia in assaggio al tasting di New York

Le D.O. Ribera del Duero y Rueda e qualche ottima bottiglia in assaggio al tasting di New York

Recentemente, in occasione del Ribera y Rueda Trade & Media Tastingtenutosi a New York lo scorso 9 Aprile presso il West Edge, mi è capitato di rispolverare due delle regioni vitivinicole più interessanti della Spagna. Prima di parlarne, … continua »

Neanche il vino blu salverà il più “mentalmente chiuso” dei settori produttivi

Neanche il vino blu salverà il più “mentalmente chiuso” dei settori produttivi

Noi non crediamo nelle regole di degustazione e non pensiamo che qualcuno dovrebbe studiare la Bibbia dell’enologia per gustare un bicchiere di vino“. Da vecchio copy quale sono le frasi a effetto mi sono sempre piaciute, quando poi … continua »

La Spagna del vino ci invidia di brutto. Lo dice Juancho Asenjo in un articolo (tradotto) su El Mundo

La Spagna del vino ci invidia di brutto. Lo dice Juancho Asenjo in un articolo (tradotto) su El Mundo

Depressi perché il vostro Prosecco costa quanto un tappo di Champagne? Stanchi del vostro consorzio che non riesce a conquistare il mercato cinese? Il successo dei vini alsaziani vi fa spuntare i canini che neanche un lupo mannaro? Tranquilli, c’è … continua »

Il Santo Graal del Priorato

Il Santo Graal del Priorato

È il Priorato più famoso di Catalogna ma non c’entra nulla Sion, i Cavalieri templari o i racconti di Dan Brown. Solo una cosa accomuna il romanzo, trasformato in pellicola da Ron Howard, con le terre che circondano la cittadina … continua »

Lanzarote: cenere, vento e Malvasia

Le Canarie sono decisamente più vicine all’Africa che all’Europa. Terre conosciute da Fenici e Cartaginesi in epoche antiche, per alcuni rappresentano ciò che rimane della mitica Atlantide, per altri (meno profani) uno lido eccezionale per andare a godersi il mare … continua »

Catalogna, i vini in anfora tra illusione e realtà

Josko Gravner è lontano chilometri, molti chilometri. Nonostante questo alcuni giovani produttori catalani negli ultimi anni hanno iniziato a introdurre le anfore nelle rispettive cantine.

Non siamo in Friuli e non ci sono le Alpi alle nostre spalle. Non fa … continua »

Vino a Expo, il giro del mondo alcolico (e analcolico) in 88 padiglioni. Parte 2

Secondo intenso fine settimana di Expo, e secondo tour nel tentativo di bere tutto quanto è possibile reperire, spesso a prezzi meno esosi di quello che si pensa. Dopo giorni di ricerche siamo riusciti a localizzare dello Champagne: in attesa … continua »

Tutto il vino che ho assaggiato finora all’Expo 2015. Compresa qualche birra

Non di solo “Vino a Taste of Italy” vive l’uomo ad Expo 2015. Ci sono tante altre occasioni di assaggio, ma in ogni caso smontiamo subito l’entusiasmo per chi pensa di darsi alle orge alcoliche e assaggiare centinaia di vini … continua »

Intervista a Marco Simonit. Quando la potatura della vite diventa Made In Italy da esportazione

Quando Marco Simonit e il suo gruppo andarono per la prima volta in Francia a insegnare un nuovo metodo non invasivo di potatura, qualcuno obiettò: «Pourquoi les Italianes?». E la risposta fu pragmatica più che verbale: perché la … continua »