scandalo

Scandalo in Francia: Lidl “svende” Cognac a 20 euro!

Scandalo in Francia: Lidl “svende” Cognac a 20 euro!

La Lidl, diffusa catena di hard discount tedesca, ha messo in commercio dal 28 febbraio un Cognac XO (dall’invecchiamento legale minimo di 6 anni) col marchio Bredon all’incredibile prezzo di € 19,99 per 50 cl, a meno del … continua »

Affaire Amarone in Cina. Ci mancava solo l’etichetta “double face”

Affaire Amarone in Cina. Ci mancava solo l’etichetta “double face”

Chi è Igino Accordini? Chi era, semmai. Fu il fondatore dell’azienda in Valpolicella (sede legale a Negrar e sede operativa in Via dell’Industria a San Pietro in Cariano) che oggi è guidata dal figlio Bruno e da … continua »

Oggi parliamo di false doc regolarmente in commercio e di enologi con la “ricettina”

Lo scandalo del vino contraffatto nell’Oltrepò Pavese sta rivelando, giorno dopo giorno, dei risvolti a metà tra l’inquietante e il curioso. La notizia del dissequestro delle bottiglie, ad esempio, credo non abbia precedenti in Italia. C’è la quasi certezza dell’avvenuta … continua »

Siamo senza ministro dell’agricoltura. Ma tranquilli, ce ne daranno subito un altro

E così si è dimessa. Nunzia De Girolamo, Ministro per le Politiche agricole e forestali (vulgo ministro dell’agricoltura) ha rassegnato le dimissioni, travolta dallo scandalo sulle nomine nella Asl di Benevento. Ma Nunzia non è indagata, anzi: è indignata con … continua »

L’angolino della tricoteuse. Ovvero: capire perché un consigliere regionale detrae il vino sfuso dalle spese

Se avete qualche rimembranza circa gli studi sulla Rivoluzione francese, ricorderete anche cos’erano le tricoteuse: le signore che si mettevano sedute in prima fila sotto la ghigliottina, e si godevano con perfidia lo spettacolo, sferruzzando amabilmente. Lo spirito della … continua »

Quando il marketing negativo funziona e fa vendere. Il caso Brunellopoli

Ma siamo proprio sicuri che gli scandali facciano sempre male? Guardando prezzi e giacenze qui a Montalcino, non si direbbe. Mi spiego. Nel 2008 noi del Brunello eravamo quasi alla canna del gas, con aziende importanti sotto indagine e milioni … continua »