ristorante

Osteria dell’Oste Matto, ovvero, il diritto di tappo a Roma

Osteria dell’Oste Matto, ovvero, il diritto di tappo a Roma

La mia cantinetta è piena di bottiglie, il garage nel periodo invernale ospita più di qualche scatolone da 6 e il frigo è una dependance iper-affollata della cantinetta di cui sopra.

Per dirla tutta la mia curiosità enoica è ancor … continua »

Piazza Duomo ad Alba, la magia di Enrico Crippa

Piazza Duomo ad Alba, la magia di Enrico Crippa

Cominciamo dalla leggerezza, di animo, dei sensi e della testa che si prova uscendo dal Piazza Duomo ad Alba. E poi ripensiamo a come siamo arrivati qui nella stagione magica del tartufo, quel momento in cui l’aria non sa solo … continua »

Rezdora, la via Emilia arriva fino a New York

Rezdora, la via Emilia arriva fino a New York

Sembra proprio che la cucina emiliana abbia stregato ancora una volta la grande mela.

“At Rezdôra, a Fresh Voice in Italian Cooking for New York”, così titolava questa estate il New York Times, che tra le colonne dedicate … continua »

Né cielo né mare, Indaco

Né cielo né mare, Indaco

Nel mare. 
La ragazza che ci accoglie ci spiega che il ristorante si chiama “Indaco” perché nelle giornate più limpide, guardando l’orizzonte, è impossibile distinguere il colore del cielo da quello del mare di Ischia. Tutto diventa indaco. Oggi però … continua »

Il ristorante degli ordini sbagliati

Il ristorante degli ordini sbagliati

“Questo cameriere è demente” è un pensiero poco “politically correct” che aleggia nella mente quando in certi ristoranti non funziona niente, forse il cibo è buono ma il servizio langue, fa rimpiangere di non essere rimasti a casa, rovina una … continua »

Ristoratori, attenti alla pericolosa truffa del vino

Ristoratori, attenti alla pericolosa truffa del vino

Dopo il no-show, perpetrato dagli imbecilli che prenotano dieci posti a cena e poi non si presentano, sta prendendo piede un altro tipo di “scherzetto” ai danni dei ristoranti, la così detta “truffa del vino”. L’ultimo ristoratore che ha rischiato continua »

In Puglia di burocrazia si muore. Dal ridere

In Puglia di burocrazia si muore. Dal ridere

Il fatto, o meglio, il misfatto, è avvenuto a Monte S. Angelo, frequentatissimo sito Unesco arroccato sulla cima del monte Gargano, in Puglia. Qui, durante una calda sera d’estate, due vigili della locale polizia hanno multato per 100 euro il … continua »

Io al ristorante ordino sempre gli stessi vini (e faccio bene)

Io al ristorante ordino sempre gli stessi vini (e faccio bene)

L’ultima volta in ordine di tempo è stato venerdì scorso da Gusto Madre ad Alba, dove si mangiano ottime pizze: mi appresto a pescare da una carta di vini e birre ampia un Cerasuolo di Vittoria di fiducia quando … continua »

Lido 84, Riccardo Camanini è l’antifuffa

Lido 84, Riccardo Camanini è l’antifuffa

Quello che resta
Ultimamente quando assaggio mi faccio sempre la stessa domanda: che cosa resta? In effetti è un quesito importante. Cosa rimane quando l’esperienza è finita? Cosa resta subito dopo, un po’ dopo e molto tempo dopo? La verità … continua »

Vita (difficile) da sommelier

Vita (difficile) da sommelier

In questo mondo enoico l’unico modo per restare con i piedi ben piantati per terra, è parlare di vino con i clienti al ristorante. Sporadici gli espertoni (perché sono statisticamente una minoranza), pochi i filosofi del calice: semplicemente persone – … continua »

A casa di Ana Ros, al di là del confine di tutti i sensi

A casa di Ana Ros, al di là del confine di tutti i sensi

Angela Mion è una nostra lettrice. Ci ha inviato questo racconto della sua cena da Ana Roš che ci piace condividere con voi.

Incuriosita dai numerosi articoli che avevo letto negli ultimi anni su Ana Roš, a novembre scorso … continua »

La carta dei vini: quattro (umili) consigli ai ristoratori

La carta dei vini: quattro (umili) consigli ai ristoratori

Doveroso incipit a questo mio sfogo, è parlare dell’umiltà.
Scrivere per dare consigli è già un fardello pesante per chi ha davvero peso, misura e competenza. Lo è quindi tanto più per chi, come me, non è che un cliente … continua »