passito di pantelleria

Ho il dente avvelenato

Ho il dente avvelenato

Sono intorno a noi, in mezzo a noi, in molti casi siamo noi
A far bevute senza offrire mai se non per calcolo
Il fine è solo l’utile, il mezzo ogni possibile
La bottiglia in gioco è ottima, l’imperativo è continua »

Cucinare col vino. Pesche, amaretti, passito e pannacotta: che altro vi serve per svenire di piacere?

Poche sono le cose che sanno di estate come le pesche al vino; purtroppo ancora non è propriamente estate, anzi. Le temperature un po’ ballerine degli ultimi tempi hanno aiutato ben poco la maturazione della frutta ma le prime pesche … continua »

Donnafugata in tripla verticale: cosa preferire tra Chardonnay, Nero d’Avola e Pantelleria

C’è una sorta di timore ad assaggiare certi vini. Hai costantemente l’impressione che gran parte dell’enomondo non li consideri, e magari neanche li beve. Alla fine solo parlarne fa di te un paria. Oltre a non berli, tra un’alzata di … continua »

Sicilia En Primeur 2013. Marsala, vini dolci e bollicine

L’ultimo capitolo di Sicilia En Primeur edizione 2013 (qui i rossi, e qui i bianchi) mette a confronto le degustazioni di Marsala, vini dolci e bollicine. Da una parte un grande classico, dall’altra la novità degli ultimi anni … continua »

Mannino come Soldera. Il passito Abraxas finisce nelle fogne

La cantina Abraxas, di proprietà dell’ex ministro Calogero Mannino, ha subito lo stesso trattamento di Case Basse a Montalcino. Settecento ettolitri di vino non esistono più e, in buona parte, si tratta di prezioso passito di Pantelleria finito nei chiusini … continua »

Pubblico e privato | Essere donna nell’enosocietà moderna

Chiamatemi vetero femminista ma io ci credo davvero che “il personale è politico”. La mia quotidiana battaglia contro i pregiudizi sessisti si traduce in alcune semplici linee di condotta che la donna del terzo millennio dovrebbe tenere. In particolare:
1) … continua »

L’importanza di chiamarsi col nome giusto. Ovvero perché scegliamo un vino in base al nome. E tanti saluti al resto

Quanti indizi servono per fare una prova? Tempo fa chattavo con un amico sulle denominazioni di certi vini che, da sole, ne determinano l’appeal. Si diceva che un vino con un nome fighetto ha maggiori chance di piacere, così, in … continua »

7 riflessioni profonde su Slow Wine 2012

Slow Wine 2012 è la seconda edizione della guida ai vini targata Slow Food. Per i promotori, un modo nuovo e rivoluzionario di fotografare il mondo del vino. Per gli scettici, un tentativo interessante ma poco riuscito. Per i critici, … continua »

Dimmi che vino ordini e ti dirò chi sei

Quando ordini da bere stai comunicando qualcosa di te stesso. Consciamente o meno, prerogative del tuo carattere investono il vino ordinato. Sicuramente le generalizzazioni sono sempre rischiose ma gli stereotipi nella società sono un dato di fatto…

Chianti: il … continua »