osteria

Osteria dell’Oste Matto, ovvero, il diritto di tappo a Roma

Osteria dell’Oste Matto, ovvero, il diritto di tappo a Roma

La mia cantinetta è piena di bottiglie, il garage nel periodo invernale ospita più di qualche scatolone da 6 e il frigo è una dependance iper-affollata della cantinetta di cui sopra.

Per dirla tutta la mia curiosità enoica è ancor … continua »

In attesa del “World’s 50 best restaurants” di Londra, si ritorna all’Osteria Francescana

Il 28 aprile è vicino: a Londra ci sarà la serata finale della “The world’s 50 best restaurants” e lì vedremo se Massimo Bottura, già salito sul podio nell’edizione 2013, riuscirà a fare il balzo definitivo sul gradino più alto. … continua »

Il sacrosanto diritto di stare bene al ristorante. Dove sono finite ospitalità e accoglienza?

Se si fa eccezione per quelli che vivono solo per postare in rete, esiste una maggioranza di persone che frequenta i locali per ricrearsi, per stare bene e, non di rado, torna a casa insoddisfatta e annoiata. Uno che se … continua »

Ristorazione e cliché. Basta turbotrattorie, rimettiamo le tovaglie ai tavoli

Sono solo una cliente, una che paga il conto al ristorante e credo che mangiare bene in Italia con una buona scelta di vini stia diventando sempre più difficile. La grande ristorazione e la sommellerie di altissimo livello sono sparite … continua »

Scoperte dell’acqua calda. All’Osteria Rosso di Sera ci sono almeno due marce in più

Castelletto Ticino, Piemonte orientale al confine col Lago Maggiore: per uscire da una zona commerciale ad alto tasso di capitale serve la via giusta per arrivare al Rosso di Sera, “non solo un’osteria, più di una vineria”. Il primo … continua »

Stiamo cercando il miglior vino della casa possibile. Ammesso che esista

Il vino della casa, lo sappiamo, è una forma d’alcol in via di estinzione. Ebbe il suo momento d’oro nel dopoguerra, quando i ristoranti si chiamavano trattorie e Instagram era un incubo di là da venire. Vivacchiò tranquillo e spensierato … continua »

In difesa dell’osteria. Basta con la criminalizzazione della ristorazione pop. Pure se ci va Beppe Grillo

E’ il momento di scatenare l’indignodromo: adesso basta con quest’uso criminogeno che si fa del termine “osteria”. Se uno va all’osteria non può e non deve significare che i suoi costumi siano rilassati. Pure se è un politico romano, pure … continua »

Cotti | Apologia dell’enoteca in cui diventare bevitori consapevoli. E uomini

Mio padre è nato a Milano nel 1948. Come tanti nati poco dopo la guerra, ha vissuto innumerevoli esistenze, una delle quali l’ha riportato, troppo giovane, nel paesello da cui suo padre era partito per fare fortuna. Ciò nonostante, ha … continua »