leroy

Vini e terre di Borgogna. Intervista a Camillo Favaro (e 12 segnalazioni del ♥)

Vini e terre di Borgogna. Intervista a Camillo Favaro (e 12 segnalazioni del ♥)

È appena uscito il nuovo libro di Camillo Favaro e Giampaolo Gravina, Vini e Terre di Borgogna. Lettura preziosa per chi di Borgogna sa già parecchio ma anche per chi di Borgogna non sa un accidenti. Libro in poco o … continua »

11 mostri tra Chambolle-Musigny e Morey St. Denis: la vergine e l’ermafrodito. Note e punteggi

11 mostri tra Chambolle-Musigny e Morey St. Denis: la vergine e l’ermafrodito. Note e punteggi

Alessandro Vaudagna è un giovane farmacista torinese col vizietto dei grandi vini. Ha una ottima conoscenza di certe zone e sin troppo pochi peli sulla lingua. [a.m.]

Cote d’Or, interno giorno. Siamo saliti in Cote De Nuits per l’approfondimento domenicale … continua »

Il famoso indice Liv-Ex spiegato bene: tanto Sassicaia e troppo Bordeaux tra i fine wines del mondo

Il famoso indice Liv-Ex spiegato bene: tanto Sassicaia e troppo Bordeaux tra i fine wines del mondo

Andrea Troiani è un nostro lettore, “appassionato di vino, aspirante sommelier, etc”. Su di lui possiamo aggiungere quest’altra parte della sua presentazione: “mi occupo di marketing digitale da (troppi) anni e, come voi, sono un eno-curioso”. Questo è il suo continua »

Sono stato da Leroy

Vosne Romanée per noi incalliti è una specie di apoteosi: una miriade di microterroir in cui il pinot nero raggiunge l’Olimpo: Romanée Conti, La Tache, La Romanée, Richebourg, Romanée Saint Vivant, Cros Parantoux, Les Chaumes, Les Malconsorts, Clos de Reas, … continua »

Una Borgognata epocale (a braccio saranno stati 14.000 euro o giù di lì)

L’appuntamento è segnato in rosso sull’agenda, l’occasione non è unica ma quasi. La finale di Coppa dei Campioni consiste in una guerra serrata tra bianchi e rossi – rappresentati idealmente da Real Madrid e Manchester United – suddivisa in due … continua »

Psicanalisi con Cristiana. Fenomenologia del bevitore naturale

Forse non tutti sanno che in passato il bevitore naturale è stato oggetto di attenzioni psicanalitiche da parte di Sigmund Freud. L’occhio in tralice davanti all’etichetta di un vino (detto) naturale, può celare un disturbo (parole di Sigmund) che non … continua »

A rendere un anno abbastanza memorabile basterebbero 10 etichette così

Neanche 24 anni, calciatore mancato, aspirante cuoco poi dirottato in sala. Marco Meneghelli è diplomato Ais e già neo-patentato girava rigorosamente in solitaria cantine e ristoranti del Nord Italia. Ha fatto esperienza da Perbellini, poi da Aimo e Nadia. Oggi continua »

La settimana “biofurba” e botticelliana

1 – Questo vino sa di primavera botticelliana. Vabbè che sei Gelasio Gaetani d’Aragona Lovatelli ma a tutto c’è un limite.
2 – Il commissariamento di Lavis, grande cantina cooperativa trentina con 80 milioni di euro di debiti,  … continua »

Qual è il prezzo della nostra passione?

Io, a una degustazione come questa mi sarei fiondato volentieri. Che c’è di strano? Alcune cose. Innanzitutto i vini, 15 outstanding Bordeaux 2005 (bottiglie della collezione “Bevi queste poi muori o passi alla limonata”). Poi il conducador, Robert Parker … continua »