guerra

Il pinot noir approda in Beaujolais, è guerra

Il pinot noir approda in Beaujolais, è guerra

Che succede nell’aoc Bourgogne?
Pochi giorni fa qui vi avevamo parlato di alcune novità nel territorio borgognone, tra cui nuovi premier cru e una prossima raccolta, in zona Pouilly-Fuissé, che sembrerebbe essere molto promettente. A quanto pare c’è anche qualcos’altro … continua »

Perché Puglia Lambrusco sì e Sicilia Primitivo no?

Perché Puglia Lambrusco sì e Sicilia Primitivo no?

Che cosa c’è di più autenticamente pugliese dell’Asprinio, del Barbera, del Cabernet Franc o del Cabernet Sauvignon, dello Chardonnay o della Coda di volpe?

E ancora: chi non immagina i trulli circondati da Incrocio Manzoni o Lacrima, Lambrusco Maestri o … continua »

Quasi come una guerra

Quasi come una guerra

Tutti lo dicono: è come una guerra, questo maledetto virus. Ma la parola evoca in noi solo narrazioni leggendarie, o generazione fortunata!

I racconti dei nostri padri, bimbi o neppure nati a quel tempo, ancora non bastano a farcela comprendere. … continua »

Botte da orbi e risse in terra di Chianti (1902 – 1930)

Botte da orbi e risse in terra di Chianti (1902 – 1930)

Mettetevi comodi.
Mettetevi comodi e soprattutto pigliatela come volete. L’altra sera, qui a Genova, sono andato al concerto di Vinicio Capossela, che è terminato con “La lumaca”, una canzone tratta dall’album “Ballate per uomini e bestie”:

(…) Lasciare un passaggio,continua »

Produrre vino in tempo di guerra

Nonostante la guerra e un futuro del tutto incerto in Siria, i winemakers Karim and Sandro Saade anche quest’anno imbottigliano il loro vino per dire che si può e si deve andare avanti. Anche se residenti a Beirut, a 150 … continua »