gran bretagna

Brexit ad ogni costo e a rimetterci sarà il vino italiano

Brexit ad ogni costo e a rimetterci sarà il vino italiano

La potenza del coronavirus si misura anche con la forza con cui ha spodestato il Brexit-virus dopo quattro anni di quasi indiscusso dominio. Ma, COVID o no, per la GB è ora di riprendere le redini del divorzio dalla EU … continua »

Bevi, ingrassa, ammalati: gli inglesi e la paura del Covid

Bevi, ingrassa, ammalati: gli inglesi e la paura del Covid

In questa fase di relativa calma si cerca di prepararsi a quella che viene definita la “seconda ondata” del coronavirus attesa per l’autunno. Certo ora ne sappiamo molto di più su come affrontarlo e si spera che questo ci aiuti … continua »

Gran Bretagna: il futuro del Prosecco è rosè ma dobbiamo aspettare il 2021

Gran Bretagna: il futuro del Prosecco è rosè ma dobbiamo aspettare il 2021

La notizia della nascita legislativa del Prosecco DOC Rosé é stata accolta con grande entusiasmo dal consumatore britannico che si prepara ad acquistarlo nel 2021. Ora che gli ultimi passaggi burocratici hanno dato il verde all’uso del vitigno glera e … continua »

Cos’è F.O.G.O. e che effetto ha sul mercato degli alcolici

Cos’è F.O.G.O. e che effetto ha sul mercato degli alcolici

Ripartiamo da FOGO, fear of going out.

Dopo esserci lamentati per mesi della prigionia in casa, è ora di rimettersi in moto. Ci dicono che dovremo abituarci a nuove regole sociali e quindi non c’è momento migliore di … continua »

Coronavirus e vino: diario da una Londra assetata

Coronavirus e vino: diario da una Londra assetata

Di questi tempi siamo tutti delle cavie. Non mi riferisco tanto agli studi di laboratorio che presto si spera, meglio se prestissimo, ci daranno la chiave per uscire dal lockdown, quanto piuttosto a quelli paralleli che ci analizzano sotto queste … continua »

Lockdown: in Gran Bretagna solo la carta igienica batte birra e alcol

Lockdown: in Gran Bretagna solo la carta igienica batte birra e alcol

In Italia “tutto andrà bene”, in GB “stay at home”, in Svizzera “è un problema che riguarda tutti”, in India “vai via corona, via!” ma anche “… continua »

L’Automated Prosecco Machine e le altre stupide invenzioni del marketing

L’Automated Prosecco Machine e le altre stupide invenzioni del marketing

È l’obiettivo del marketing quello di sorprenderci, magari con delle idee, anche geniali, che quando tradotte nella realtà provocano delle conseguenze piú grandi di quelle previste. Nell’epoca dei social media succede anche che tutto si gonfia e sgonfia nel giro … continua »

Le conseguenze immediate della Brexit

Le conseguenze immediate della Brexit

Venerdí 31 gennaio la Gran Bretagna sarà ufficialmente fuori dalla UE, ma sono ancora in molti a non sapere cosa accadrà.

Una settimana fa il cancelliere Sajid Javid, in una intervista rilasciata al Financial Times, ha creato sconcerto quando ha … continua »

La Brexit sarà l’apocalisse? Nel dubbio beveteci su

La Brexit sarà l’apocalisse? Nel dubbio beveteci su

Se la stragrante maggioranza di noi sta perdendo tempo a chiedersi se e come cambierà il mercato dopo la Brexit, c’è chi è già passato ai fatti per dimostrare che le cose possono solo migliorare. Lo sostiene l’imprenditore Tim Martincontinua »

Boris Johnson odia più il vino o l’Europa?

Boris Johnson odia più il vino o l’Europa?

Il neo primo ministro della Gran Bretagna, Boris Johnson, al suo discorso di insediamento ha confermato che guiderà il paese fuori dall’Unione Europea il 31 di ottobre, senza se e senza ma. In altre parole, il settore industriale sia … continua »

Brexit: che succederà a fine mese al whisky ed al Prosecco?

Brexit: che succederà a fine mese al whisky ed al Prosecco?

Conclusi i passaggi parlamentari tra la Camera dei Lord ed i Comuni, ed incassato l’assenso reale, il governo del Regno Unito ha dichiarato ieri che il prossimo 29 marzo invocherà formalmente l’articolo 50 del trattato di Lisbona che regola il … continua »

Il vino inglese è qui per restare. Che vi piaccia o no

Tutti d’accordo nel dire che se la qualità di un vino fosse giudicata in base a determinazione e marketing, quelli inglesi non avrebbero rivali. Ma anche chi si ostina a mettere la qualità al primo posto – e chi legge … continua »