clos du mesnil

Anteprima Krug Clos du Mesnil 2004, più luce e freschezza in Champagne

Anteprima Krug Clos du Mesnil 2004, più luce e freschezza in Champagne

La 2004 è stata un’annata magnifica più per abbondanza che per qualità, ma che ha visto comunque grandissimi vini rilasciati nei mesi scorsi. Mancava giustamente solo la firma di un solista fuoriclasse di chardonnay a sancire il giudizio definitivo in … continua »

Vin claires 2017 da Krug. Come nasce la 173eme edition della mitica Grande Cuvée

Vin claires 2017 da Krug. Come nasce la 173eme edition della mitica Grande Cuvée

Una radiosa mattinata di fine aprile ci accoglie nel giardino delle meraviglie di Clos du Mesnil, lo chardonnay più famoso di tutta la Champagne che rivaleggia per complessità e nitore con i grandi Montrachet. L’occasione è quella di farci intravedere … continua »

Sotto a chi tocca. La gente del vino: Luca Santini (professione: direttore commerciale)

Sotto a chi tocca. La gente del vino: Luca Santini (professione: direttore commerciale)

Alcuni saranno famosi, altri lo sono già ma poco cambia: sono le persone che – a vario titolo: giornalisti, degustatori, blogger, sommelier, commercianti – ci aiutano a bere meglio, capire di vino, approfondire la nostra passione e divertirci. 
La gente continua »

Pranzo a Clos du Mesnil e cena a Clos d’Ambonnay. Da Krug, la giornata perfetta

Certe giornate càpitano, se va bene, una sola volta nella vita. Non capita tutti i giorni di pranzare con un bucolico déjeuner sur l’herbe nel mitico Clos Du Mesnil e cenare nel forse ancora più irraggiungibile e splendido Clos d’Ambonnay, … continua »

Krug Clos d’Ambonnay 1996 spiegato a mia zia (causa mamma ancora svenuta)

Io sul comodino accanto alla Bibbia – che se viene la Grazia quando meno me l’aspetto così sono pronto – c’ho la Christies’s World Encyclopedia of Champagne and Sparkling Wine di Tom Stevenson ed Essi Avellan MW, che a suo … continua »

Krug Clos du Mesnil 2003 e la pizza più emozionante della mia vita

Lo sforzo più grande di Krug negli ultimi anni, oltre a quello (vano) di convincere i suoi fan che i loro Champagne non sono cambiati, è quello di diventare un prodotto meno elitario e snob, per arrivare sulle tavole di … continua »

Sarò anche libero di fantasticare in pausa pranzo un viaggio pazzesco con bottiglie da urlo

Sto conducendo da qualche anno uno studio del lusso e la prima conclusione che sento di trarre è che la metafora della volpe e l’uva vale nell’80% dei casi. Perché se hai soldi da spendere e buon gusto, l’unico limite … continua »

Dillo@Cristiana. Non c’è niente che non puoi chiedere alla tua dottoressa di fiducia

Cara Cristiana, sono un’appassionata di vino e investo tutto quello che guadagno in grandissime bottiglie. Di recente ho anche mollato il fidanzato, un po’ perché non me ne fregava niente e poi perché beveva limoncello. Oltre ai vini costosi mi continua »

Che cos’è oggi lo Champagne. Un racconto zippato dagli anni Settanta ai giorni nostri

Che cos’è oggi lo Champagne. Un racconto zippato dagli anni Settanta ai giorni nostri

Riconoscendo e rispettando le diversità, non si può negare che il punto di riferimento, nella qualità e nel metodo, per chiunque produca vini con una seconda fermentazione in bottiglia siano la Champagne e i suoi prodotti, in particolare i vini … continua »

La lunga storia di Krug, una volta per tutte

Prologo: Pensate a Johann-Joseph Krug, immigrato tedesco, che dalla Renania approda in Francia e in breve tempo diventa socio di Jacquesson, la maison di Champagne più quotata dell’epoca. Ecco, pensate a questo signore che abilmente consolida il suo ruolo, … continua »

Professione Sommelier/11: Vincenzo Donatiello. Capire in 2 mosse che un sommelier ha gli attributi

Giovane, competente, modesto e curioso. Ho conosciuto Vincenzo Donatiello via mail per poi scambiarci tre parole al Vinitaly davanti ai vini di Massimo Clerico, vignaiolo a Lessona: l’Alto Piemonte ormai tira come un tempo le pin up di Playboy. … continua »

Cercando lo Champagne più buono del mondo. Œenoteque di Dom Perignon in 15 annate, per esempio

Il dilemma di oggi è ozioso e penetrante: qual è lo Champagne più buono del mondo? Di getto, io direi Salon e con tutte le attenuanti generiche. Salta un sacco di annate, esce da Mesnil (Côte des blancs) e si … continua »