chablis

Sei vini in cui il consiglio dell’amico esperto è stato proprio utile

Sei vini in cui il consiglio dell’amico esperto è stato proprio utile

Prendiamo un caso di scuola: compri alcune bottiglie, te ne piace mezza, ne scrivi con scarso trasporto, il pezzo viene uno schifo, non lo pubblichi, diventi triste, tua moglie ti rinfaccia i soldi spesi, tua figlia ti chiama “papasticcione” e … continua »

Bere Chablis nel giardino dei Finzi Contini

Bere Chablis nel giardino dei Finzi Contini

Micòl Finzi-Contini. Ho pensato a lei bevendo vino, e suona già come una bestemmia. Vino che è diventato partecipe di una lettura della quale esso stesso avrebbe goduto e per la quale avrebbe sofferto quanto me se avesse potuto. Ma … continua »

Joseph Drouhin, il pinot nero dei due Mondi

La tipicità è del territorio, la qualità è dell’uomo. L’abbiamo sentito ripetere tantissimo, ma a volte ci scordiamo chi l’ha detto per primo. La famiglia Drouhin inizia la sua storia alla fine del 1800, e risale ai primi anni dello … continua »

Le stagioni dell’amore e il vino buono. Un romanzo post di formazione

Ma chi è quella bella biondina dagli occhi verdi, col musetto vispo che sembra un furetto? A chi avrà rubato quello sguardo scintillante, sempre acceso come le miccette di Supergiovane? Non puoi sbagliare, non può che essere lei: è la … continua »

IndoVino | La rubrica “Mai più senza” del 2013

Smaltito il 2 gennaio – “giorno più lungo per i wc italiani” (anonimo romano) – continua l’appuntamento con la degustazione in doppio cieco revisited, coperta per chi beve e pure per chi legge. Ottimo esercizio di analisi, speculazione e … continua »

Ostriche e Champagne: contro la casta degli abbinamenti errati

Pensando alla vicenda der Batman, la prima cosa che mi viene in mente è che Bruce Wayne era un ricco filantropo, non un arricchito arruffone. La seconda, è che leggendo per l’ennesima volta di cene a base di ostriche e … continua »

Riscaldamento globale. La crisi del wine blogger ai tempi di Lucifero

La Terra diventa sempre più calda: climatologi allertati, anticicloni africani a ripetizione con un crescendo di nomi minacciosi, agricoltura in crisi e le vendemmie, verso cui inevitabilmente abbiamo un occhio di riguardo, che collezionano più punti interrogativi che stelle. E … continua »

Scintille bianche di Borgogna: 2007 mon amour

Estate, tempo di bilanci prevacanzieri e bevute di arrivederci alla prossima stagione di stappature. Sul mio personale tabellino di quest’anno risulta che ho bevuto davvero tanti vini rossi, troppi per i miei gusti di laico (o laido?) bianchista. Ma quando … continua »

Roccia liquida a Chichée: Domaine Gilbert Picq e il suo Chablis

L’inverno a Chablis non è mite. L’aria è dura, il paesaggio alterna case grigie, colline brulle, vigne nude, e spazi di un verde acceso, acido. La strada per arrivare a Chichée guarda spesso il Serein che incede tumultuoso, scuro. La … continua »

Notizie dal mondo | Uva contro le scottature e Stati Uniti primo consumatore di vino al mondo

La settimana enologica si è aperta con due notizie debitamente stagionali.
THE HUFFINGTON POST. Abbiamo tutti letto e con piacere che i flavonoidi dell’uva proteggono la pelle contro le scottature solari e perfino dal cancro. A rovinare parzialmente la … continua »

Enotendenze | Parola d’ordine, bevibilità

La parola d’ordine dell’anno enoico 2010 potrebbe essere la bevibilità. Ne consegue però una domanda che sorge facile: è una discriminante nel giudizio di un vino? Cioè, sono andato a sfogliarmi appunti e manuali dei corsi Ais che ho … continua »

Smart Buys | Borgogna minore, ovvero come salvare il conto in banca

Avventurarsi in questa regione (enoicamente parlando) il più delle volte non lascia scampo: il salasso è assicurato. Dobbiamo dunque rassegnarci alla fidejussione bancaria, alle finanziarie e al prosciugamento delle carte di credito? Noi, a dirla tutta, non ci sentiamo preparati … continua »