cabernet franc

Milano Wine Week: Tenute Lunelli presenta Auritea, il nuovo cabernet franc in purezza

Milano Wine Week: Tenute Lunelli presenta Auritea, il nuovo cabernet franc in purezza

Domenica 7 ottobre: esplode la Milano Wine Week nei mille angoli della città. Milano scoppia di salute e l’iniziativa vitaminizza il suo tessuto connettivo con un’iniezione di liquido rosso e bianco. Cardine della manifestazione Palazzo Bovara, gioiello neoclassico incastonato nel … continua »

24 ore a Le Macchiole (e tutto quel che ho capito di Bolgheri nel frattempo)

24 ore a Le Macchiole (e tutto quel che ho capito di Bolgheri nel frattempo)

Adesso che più o meno tutti siamo in vacanza, a Bolgheri si prepara la vendemmia. Concentrare il picco di lavoro e tensione annuale quando chi ti sta intorno va in ferie non è il massimo. Ma il mondo del vino … continua »

Tenuta di Trinoro, Andrea Franchetti sbanda per il cabernet franc: i tre cru del vitigno del momento

Tenuta di Trinoro, Andrea Franchetti sbanda per il cabernet franc: i tre cru del vitigno del momento

“Era necessario”. Andrea Franchetti risponde con questo commento lapidario, a chi gli chiede come mai ha deciso di uscire, per l’annata 2015, con tre cru diversi del suo cabernet franc da Sarteano, in mezzo ai boschi della Toscana più sperduta. … continua »

L’educazione tecnica e sentimentale al vino attraverso alcune fasi maniacali (e un esempio concreto)

L’educazione tecnica e sentimentale al vino attraverso alcune fasi maniacali (e un esempio concreto)

C’è stata una fase specifica nell’apprendimento delle cose sul vino, dopo gli studi sommelieristici e il petting iniziale con la materia prima, in cui ho cercato la purezza, la forma espressiva tipica di un vitigno; quella che per forza dovevo … continua »

Vi racconto la più completa verticale di Caberlot che sia mai stata fatta

Vi racconto la più completa verticale di Caberlot che sia mai stata fatta

“Ci sei domani alla verticale di Caberlot?” lancia lì l’amico giornalista mentre ci avviamo alla cena di gala dell’anteprima della Vernaccia. “E chi se la perde!”, gli rispondo. Quando mai mi ricapita un’occasione come questa? Un vino che adoro, il … continua »

7 buoni motivi per non amare il vino di Massimo D’Alema, vignaiolo in Umbria

Di quando in quando mi piace concedermi il lusso di un’antipatia a pelle, solo per il gusto di avere qualcuno su quei parallelepipedi in cartone di cui ora mi sfugge il nome (su consiglio del mio avvocato). Prendi Massimo D’Alema, … continua »

Verticali Cult | La degustazione dei dieci migliori film della storia

Dopo cento post su Dissapore si viene promossi editor di Intravino. Diamo il benvenuto ad Adriano Aiello, caporedattore della rivista Total Film Italia

The Heat – Dom Perignon: Il più grande film della storia del cinema – secondo l’arrogante … continua »

La biodinamica secondo Luca D’Attoma: Duemani e il mare

Luca D’Attoma è tipo che non le manda a dire. E non fa sconti a nessuno, neanche a se stesso. Quando mette mano ad un progetto gli succede spesso di creare piccoli capolavori (bastano Messorio e Paleo come esempi). Quando … continua »

Il Moro di San Giovanni | Prove tecniche di grande vino

La ricetta pare ormai collaudata: prendi un imprenditore ben avviato in altri campi, una regione bellissima e dal nome altisonante (tipicamente la Toscana) e pianta Cabernet Sauvignon e Cabernet Franc a pioggia, Petit Verdot giusto se vuoi. Già che ci … continua »

Tutti assaggiatori | Come riconoscere i profumi in un vino, e dargli anche un nome. Parte seconda, vegetali e minerali

Dopo la frutta e i fiori, ci sono almeno tre famiglie di parole adatte a descrivere i profumi di un vino. E sono, tutto sommato, descrittori “umani”, ancora abbastanza distanti dalle vette iperboliche della sommelierie più seria e compassata. Oggi, … continua »

Haiku | Quando meno te lo aspetti, Castello di Ama fa un Supertuscan

È quasi Vinitaly, quel periodo dell’anno durante il quale le aziende mandano più email possibili per annunciare, quasi sempre, la loro presenza in fiera – ricordate? In ordine cronologico, l’ultimo comunicato stampa che è spuntato nella casella email di … continua »

Monteverro e il sogno di Capalbio | Quale terroir per la bassa Maremma?

I sogni, a dire la verità, sono almeno due: non solo quello di far nascere un vino-icona in grado di rivaleggiare con i grandi bordolesi italiani e mondiali, ma anche quello di dimostrare la vocazione del terroir di Capalbio per … continua »