beppe rinaldi

C’è qualcosa di artigianale che andiamo perdendo e forse non dovremmo

Preferisco di gran lunga la prosa alla poesia ma le cose importanti della vita come conquistare una donna e fare vino necessitano poesia e metodo. Ferdinando Principiano è un Tarzan dalle fattezze nobili, barolista di Monforte d’Alba, “modernista pentito” e … continua »

Amare Beppe Rinaldi e prevedere che la figlia Marta farà vini più buoni dei suoi

Marta ha neanche 26 anni ma serena consapevolezza da vendere. Regista perfetta in cantina, supervisiona botti, ordini in partenza, travasi e microriduzioni che vanno e vengono. Il suo vecchio, Beppe Rinaldi – veterinario, motociclista, poeta-filosofo, burbero – è un … continua »

Parlare di vino naturale è confrontarsi con la lettera di Giovanna Morganti, nient’altro

Giovanna Morganti è una produttrice chiantigiana che adoro. “Naturale”, diremmo sapendo che l’etichetta non precisa abbastanza. Ha pubblicato una lettera sul sito del Consorzio Vini Veri, quasi in risposta al nostro post “L’idiozia di due fiere naturali separate continua »

La settimana “biofurba” e botticelliana

1 – Questo vino sa di primavera botticelliana. Vabbè che sei Gelasio Gaetani d’Aragona Lovatelli ma a tutto c’è un limite.
2 – Il commissariamento di Lavis, grande cantina cooperativa trentina con 80 milioni di euro di debiti,  … continua »

Pietre Colorate è una rivista poetica e profumata. Crescerà

Alzi la mano chi al giorno d’oggi investirebbe sull’editoria cartacea del vino. Federico Graziani, Marco Pozzali e Francesco Orini l’hanno fatto e Pietre Colorate – terra radici mani, pubblicazione trimestrale giunta al terzo numero, è un progetto indipendente … continua »