aimo e nadia

Aimo e Nadia, cambiare tutto tranne se stessi

Aimo e Nadia, cambiare tutto tranne se stessi

Le possibilità di sviluppo, aggiornamento e sopravvivenza stessa di un ristorante stellato passano oggi per molte strade ma non necessariamente dalla cucina e dai piatti in sé. Lo sanno bene Aimo e Nadia che da “trattori” toscani arrivati nella Milano … continua »

Alberto Piras, il miglior sommelier dell’anno per la guida ai ristoranti 2016 de L’Espresso

Ho conosciuto Alberto Piras nella notte del febbraio 2013 – durante Identità Golose – in cui poi avrebbe avuto un terribile incidente che poteva costargli la pelle. Dopo otto giorni di coma, per tre mesi e mezzo ha parlato … continua »

Tre mostri sacri alla Borgognata improvvisata, tra Domaine de la Romanée-Conti e Cros Parantoux

Sono in ritardo. Merde. Spero che mi abbiano aspettato quei maledetti. Oggi va così, si parla in francese, anche se arrivo da una cena italianissima. I miei genitori adottivi mi hanno nutrito come solo i nonni sanno fare, quando … continua »

Profumo di Vulcano o puzza di relativismo da quattro soldi? Vallo a capire

Lunedì scorso, nel pomeriggio, ho visitato una azienda di Barolo con Federico Graziani e Marco Pozzali, due persone con cui è piacevole fare cose insieme. Siamo stati da un produttore quotato, persona squisita, un langhetto. Abbiamo assaggiato 4 vini delle … continua »