Vini d’Italia 2013 de L’Espresso | Le Eccellenze in anteprima

di Alessandro Morichetti

Quello che mancava ora c’è. Non so come siamo riusciti ad averle ma ecco le Eccellenze della guida Vini d’Italia 2013 dell’Espresso. In attesa della presentazione ufficiale di giovedì prossimo, uno scampolo non banale dell’introduzione già mette in chiaro alcuni punti che potrebbero interessare il lettore. Adesso passiamo il listone ai raggi X. Il Piemonte sbanca, 20/20 vanno al Brunello di Montalcino Riserva 2006 Poggio di Sotto, Marche e Campania si confermano a trazione bianchista e poi cos’altro? Campo libero ai commenti. Di suggestioni per far inviperire il wine snob di turno ce ne sono a sufficienza.

Valle d’Aosta
18 Valle d’Aosta Muscat Petit Grain 2011 Lo Triolet – Marco Martin
18 Valle d’Aosta Blanc de Morgex et de la Salle 2011 Pavese Ermes
18 Valle d’Aosta Mayolet 2010 Feudo di San Maurizio
18 Valle d’Aosta Torrette Superiore 2010 Ottin Elio

Piemonte
18 Erbaluce di Caluso 13 Mesi 2010 Favaro – Le Chiusure
18 Gavi Pisé 2010 La Raia
18 Langhe Bianco Hérzu 2010 Germano Ettore
18 Langhe Riesling Pétracine 2011 Vajra G. D.
18 Piemonte Moscato d’Autunno 2011 Saracco Paolo
19.5 Barbaresco Montefico Vecchie Vigne 2007 Roagna
19 Barbaresco Asili di Barbaresco 2009 Giacosa Bruno
19 Barolo Ca’ Mia 2008 Brovia Fratelli
19 Barolo Cascina Francia 2008 Conterno Giacomo
18.5 Barbaresco Asili Vecchie Vigne 2007 Roagna
18.5 Barbaresco Martinenga 2009 Cisa Asinari
18.5 Barbaresco Rabajà 2009 Cortese Giuseppe
18.5 Barbaresco Santo Stefano 2009 Castello di Neive
18.5 Barolo Brunate – Le Coste 2008 Rinaldi Giuseppe
18.5 Barolo Bussia 2008 Prunotto
18.5 Barolo La Pira Vecchie Vigne 2007 Roagna
18.5 Barolo La Serra 2008 Marcarini
18.5 Barolo Margheria 2008 Massolino
18.5 Barolo Monprivato Cà d’Morissio Riserva 2004 Mascarello Giuseppe e Figlio
18.5 Barolo Riserva 2005 Borgogno Giacomo & Figli
18.5 Barolo Riserva Le Rocche del Falletto di Serralunga d’Alba 2007 Giacosa Bruno
18.5 Barolo Rocche 2008 Brovia Fratelli
18.5 Carema Etichetta Bianca 2008 Ferrando e C.
18 Barbaresco Borgese 2009 Busso Piero
18 Barbaresco Faset 2008 Castello di Verduno
18 Barbaresco Gallina 2009 Castello di Neive
18 Barbaresco Gallina 2009 Lequio Ugo
18 Barbaresco Ovello 2009 Bianco Gigi
18 Barbaresco Riserva Rabajà 2007 Produttori del Barbaresco
18 Barbera d’Alba Cascina Francia 2010 Conterno Giacomo
18 Barbera d’Asti I Bricchi 2008 Scarpa – Antica Casa Vinicola
18 Barbera d’Asti La Crena 2009 Vietti
18 Barbera d’Asti Superiore Montruc 2010 Martinetti Franco M.
18 Barbera d’Asti Superiore Muaschae Massimo Pastura 2009 La Ghersa
18 Barolo Bricco Sarmassa 2008 Brezza Giacomo & Figli
18 Barolo Bussia 2008 Fenocchio Giacomo
18 Barolo Cannubi Boschis 2008 Sandrone Luciano
18 Barolo Costa Grimaldi 2008 Einaudi
18 Barolo La Rosa 2008 Fontanafredda
18 Barolo Monprivato in Castiglione Falletto 2007 Mascarello Giuseppe e Figlio
18 Barolo Monvigliero 2008 Burlotto G. B.
18 Barolo Ravera 2008 Cogno Elvio
18 Barolo Vigna Colonnello 2008 Bussia Soprana
18 Barolo Vigneto Cerequio 2008 Batasiolo
18 Carema Etichetta Nera 2008 Produttori Nebbiolo di Carema
18 Dogliani Cavagnè 2010 La Fusina – Abbona Enrico e Luigi
18 Gattinara San Francesco 2008 Antoniolo
18 Grignolino del Monferrato Casalese Bricco del Bosco Vecchie Vigne 2007
Accornero Giulio & Figli

Liguria
18 Riviera Ligure di Ponente Pigato 2011 Terre Bianche
18.5 Rossese di Dolceacqua Superiore Posau 2010 Maccario Dringenberg

Lombardia
18.5 Barbacarlo 2010 Barbacarlo
18.5 Valtellina Superiore Sassella 2007 Fojanini – La Castellina
18.5 Valtellina Superiore Sassella Ultimi Raggi 2005 AR.PE.PE.
18 Valtellina Superiore Sassella Riserva Rocce Rosse 2001 AR.PE.PE.
18.5 Franciacorta Satèn 2007 Ca’ del Bosco
18 Franciacorta Brut Collezione Esclusiva Giovanni Cavalleri 2004 Cavalleri
18 Franciacorta Brut Satèn 2008 Il Mosnel

Trentino
18 Isidor 2009 Fanti Giuseppe
18 Trentino Riesling Le Strope 2009 Zanotelli
19 Trentino Vino Santo 2001 Poli Francesco
18.5 San Leonardo 2007 San Leonardo
18 Teroldego Rotaliano Sangue di Drago 2010 Donati Marco
18 Trentino Lagrein 2009 Cesconi
18.5 Trento Brut Riserva del Fondatore Giulio Ferrari 2002 Ferrari
18 Trento Brut Riserva Cuvée dell’Abate 2007 Abate Nero

Alto Adige
18.5 Alto Adige Pinot Bianco Plattenriegl 2011 Girlan – Cornaiano
18.5 Alto Adige Sauvignon Voglar 2010 Dipoli
18 Alto Adige Gewürztraminer Brenntal Riserva 2009 Cortaccia
18 Alto Adige Sauvignon Castel Giovanelli 2010 Caldaro
18 Alto Adige Terlano Chardonnay 1999 Terlano
18 Alto Adige Terlano Pinot Bianco 2011 Niedrist Ignaz
18 Alto Adige Terlano Sauvignon Quarz 2010 Terlano
18 Alto Adige Terlano Sauvignon Tannenberg 2011 Manincor
18 Alto Adige Valle Isarco Kerner 2011 Nössing Manfred-Hoandlhof
18 Alto Adige Valle Isarco Sylvaner R 2011 Köfererhof
18 Alto Adige Valle Venosta Riesling Castel Juval Windbichel 2010 Unterortl – Aurich
18 Alto Adige Gewürztraminer Vendemmia Tardiva Pasithea Oro 2010 Girlan – Cornaiano
18 Alto Adige Valle Venosta Müller Thurgau Spatlese Spielerei 2010 Unterortl – Aurich
18.5 Alto Adige Lagrein Riserva 2007 Nusserhof
18 Alto Adige Lagrein Riserva 2010 Waldgries
18 Alto Adige Lagrein Riserva 2009 Untermoserhof
18 Alto Adige Lagrein Riserva Abtei 2009 Muri – Gries
18 Alto Adige Santa Maddalena Classico 2011 Untermoserhof
18 Donà Rouge 2008 Hartmann Dona

Veneto
18.5 Soave Classico Staforte 2010 Prà Graziano
18 Breganze Vespaiolo Superiore Vignasilan 2009 Contrà Soarda
18 Massi Fitti 2009 Suavia
18 Soave Classico Contrada Salvarenza Vecchie Vigne 2010 Gini
18 Soave Classico Monte Fiorentine 2011 Ca’ Rugate
18 Soave Superiore Il Casale 2011 Vicentini Agostino
18 Breganze Torcolato 2009 Ca’ Biasi
18 Passito Calprea 2007 Filippi
19 Amarone della Valpolicella Classico 2005 Bertani Cav. G. B.
18.5 Amarone della Valpolicella Classico 2003 Quintarelli Giuseppe
18.5 Malanotte del Piave Gelsaia 2009 Cecchetto Giorgio
18.5 Relogio 2010 Ca’ Orologio
18 Amarone della Valpolicella Riserva Cent’anni 1907 Alberto Trabucchi 2004 Trabucchi
18 Colli Euganei Rosso Villa Capodilista 2009 Emo Capodilista – La Montecchia
18 Valpolicella Classico Superiore 2003 Quintarelli Giuseppe
18 Valpolicella Superiore Vigneto Campi Magri 2009 Corte Sant’Alda

Friuli Venezia Giulia
18.5 Collio Friulano 2011 Colle Duga
18.5 Isonzo del Friuli Bianco Latimis 2011 Ronco del Gelso
18 Collio Friulano 2010 Schiopetto Mario
18 Isonzo del Friuli Pinot Grigio Gris 2010 Lis Neris
18 Kaplja 2008 Podversic Damijan
18 Malvasia 2009 Skerlj
18 Vitovska Selezione 2004 Kante
18 Carso Rosso Crnina 2010 Bole
18 Colli Orientali del Friuli Schioppettino Cialla 2008 Ronchi di Cialla
18 Colli Orientali del Friuli Schioppettino di Prepotto 2009 Petrussa

Emilia Romagna
18 Colli Bolognesi Pignoletto Classico Vigna del Grotto 2010 San Vito
18 Colli Piacentini Malvasia Passito 2010 Il Negrese
18 Colli Piacentini Vin Santo di Vigoleno 2002 Lusignani Alberto
18 Lambrusco di Sorbara Frizzante Secco Villa di Corlo
18 Rifermentazione Ancestrale 2011 Bellei Francesco & C.
18 Sangiovese di Romagna Riserva Superiore P. Honorii 2009 Tenuta La Viola
18 Puntamora Frizzante Dolce 2010 Tenuta Pederzana
18 Lambrusco di Modena Rosè Metodo Classico 2010 Cantina della Volta

Toscana
18.5 Vernaccia di San Gimignano Montenidoli Fiore 2010 Montenidoli
18 Vernaccia di San Gimignano Montenidoli Carato 2008 Montenidoli
18 Vernaccia di San Gimignano Riserva Vigna ai Sassi 2008 Le Calcinaie
19 Vin Santo del Chianti Classico 1995 Castell’in Villa
19 Vin Santo di Montepulciano 2004 Poliziano
18.5 Sanpetrolo 2003 Petrolo
18 Il Passito di Corzano 2000 Corzano e Paterno
20 Brunello di Montalcino Riserva 2006 Poggio di Sotto
19.5 d’Alceo 2008 Rampolla
19 Brunello di Montalcino Riserva 2006 Fuligni
19 Montevertine 2009 Montevertine
18.5 Brunello di Montalcino Riserva 2006 Biondi Santi
18.5 Brunello di Montalcino Riserva 2006 Pian delle Querci
18.5 Brunello di Montalcino 2007 Biondi Santi
18.5 Brunello di Montalcino 2007 Solaria
18.5 Brunello di Montalcino 2007 Poggio di Sotto
18.5 Carmignano Riserva Trefiano 2008 Capezzana
18.5 Chianti Classico 2010 Isole e Olena
18.5 Le Pergole Torte 2009 Montevertine
18.5 Terrine 2006 Paneretta
18 Acciaiolo 2009 Castello d’Albola
18 Bolgheri Rosso Superiore Grattamacco 2009 Grattamacco
18 Bolgheri Sassicaia 2009 San Guido
18 Brunello di Montalcino Colleoni 2007 Santa Maria
18 Brunello di Montalcino Riserva 2006 La Fortuna
18 Brunello di Montalcino Riserva 2006 Le Chiuse
18 Brunello di Montalcino Riserva 2006 Sesta
18 Brunello di Montalcino 2007 Pietroso
18 Brunello di Montalcino 2007 Tassi
18 Brunello di Montalcino Ugolaia 2006 Lisini
18 Brunello di Montalcino Vigna Schiena d’Asino 2007 Mastrojanni
18 Caiarossa 2009 Caiarossa
18 Cepparello 2009 Isole e Olena
18 Chianti Classico Riserva 2006 Castell’in Villa
18 Chianti Classico Riserva Bandini 2009 Villa Pomona
18 Chianti Classico 2010 Badia a Coltibuono
18 Haiku 2009 Ama
18 Il Caberlot 2009 Il Carnasciale
18 Lupicaia 2009 Terriccio
18 Montigiano 2010 Il Borghetto
18 Poggio de’ Colli 2010 Piaggia
18 Rosso di Montalcino 2009 Poggio di Sotto
18 Sammarco 2008 Rampolla
18 Vallerana Alta 2010 Camillo Antonio
18 Vino Nobile di Montepulciano Nocio dei Boscarelli 2008 Boscarelli
18 Cristino 2011 La Piana

Marche
18 Offida Pecorino Fiobbo 2010 Aurora
18 Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Riserva Gli Eremi 2010 La Distesa
18 Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Riserva Plenio 2009 Umani Ronchi
18 Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Riserva Vigna delle Oche 2009
San Lorenzo – Crognaletti
18 Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Riserva Villa Bucci 2009 Bucci
18 Verdicchio di Matelica Riserva Mirum 2010 La Monacesca

Umbria
18 Cervaro della Sala 2010 Castello della Sala
18 Montefalco Sagrantino 2009 Lungarotti
18 Montefalco Sagrantino 2009 Pardi Fratelli

Lazio
18 Cesanese del Piglio Ju Quarto 2010 La Visciola

Abruzzo e Molise
18 Trebbiano d’Abruzzo Fonte Cupa 2011 Montori Camillo
18 Trebbiano d’Abruzzo 2007 Valentini
18 Rosato 2011 Pepe Emidio
18.5 Montepulciano d’Abruzzo Riserva 2007 Praesidium
18 Montepulciano d’Abruzzo 2010 Jasci & Marchesani
18 Montepulciano d’Abruzzo ControLaGuerra 2006 Pepe Stefania
18 Montepulciano d’Abruzzo Mazzamurello 2009 Torre dei Beati

Campania
19 Fiano di Avellino 2011 Pietracupa
18.5 Campi Flegrei Falanghina 2010 Contrada Salandra
18.5 Campi Flegrei Falanghina Cruna DeLago 2010 La Sibilla
18.5 Cupo 2010 Pietracupa
18.5 Fiano di Avellino 2010 Picariello Ciro
18.5 Greco di Tufo 2011 Bambinuto
18 Fiano di Avellino Aipierti 2011 Vadiaperti
18 Greco di Tufo 2011 Di Prisco
18 Greco di Tufo Franciscus 2011 Di Marzo
18 Grecomusc’ 2010 Lonardo – Contrade di Taurasi
18 Campi Flegrei Pèr ‘e Palumm Vigna delle Volpi 2010 Agnanum
18 Le Fole 2010 Giardino
18 Sabbie di Sopra il Bosco 2010 Nanni Cope’
18 Taurasi Poliphemo 2008 Tecce Luigi

Puglia
18.5 Brindisi Rosso Vigna Flaminio Riserva 2008 Agricole Vallone
18 Capoposto 2009 Longo Alberto
18 Majara 2008 Mille Una
18 Primitivo di Gioia del Colle Muro Sant’Angelo Contrada Barbatto 2009
Chiaromonte Nicola
18 Primitivo Lamie delle Vigne 2009 Guttarolo
18 Salice Salentino 2009 Resta
18 Primitivo di Manduria Dolce Naturale Il Sava 2007 Savese

Basilicata
18 Aglianico del Vulture Antelio 2009 Camerlengo
18 Aglianico del Vulture Riserva 2007 Tenuta del Portale

Calabria
18 Cirò Rosso Classico Superiore Riserva Volvito 2009 Caparra & Siciliani
18 Moscato Passito 2011 Viola Luigi & Figli

Sicilia
18 Ante 2010 I Custodi
18 Cometa 2011 Planeta
18 Etna Bianco A’ Puddara 2010 Fessina
18.5 Marsala Superiore Riserva Donna Franca Florio
18.5 Moscato Passito di Pantelleria 2008 Ferrandes
18.5 Moscato Passito di Pantelleria Ben Ryé 2010 Donnafugata
18 Malvasia delle Lipari Passito 2010 Punta dell’Ufala – Lantieri
18 Malvasia delle Lipari Passito Selezione Carlo Hauner 2009 Hauner
18 Extra Brut 2006 Scammacca del Murgo
18.5 Contrada Rampante 2010 Passopisciaro
18.5 Etna Rosso Outis 2008 Biondi
18.5 Il Frappato 2010 Occhipinti Arianna
18 Eloro Nero d’Avola Spaccaforno 2010 Riofavara

Sardegna
18 Entemari 2011 Pala
18 Nuraghe Crabioni Sussinku 2010 Tresmontes
19 Malvasia di Bosa 2005 Columbu
19 Malvasia di Bosa 2009 Porcu F.lli
18.5 Vernaccia di Oristano Antico Gregori Contini Attilio
18.5 Cannonau di Sardegna Sonazzos 2008 Gostolai
18.5 U.V.A. Panevino
18 Carignano del Sulcis Giba 2010 6Mura
18 Terralba Tiernu 2010 Cantina di Mogoro Il Nuraghe

 

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

97 Commenti

avatar

roberto gatti

circa 7 anni fa - Link

Nel sito Acquabuona ci sono da 3 giorni, siete arrivati secondi.....sorry

Rispondi
avatar

Svetlana Sgrondalich

circa 7 anni fa - Link

Ma quali tre giorni? l'acquabuona l'ha messo online un quarto d'ora prima o giù di lì. Troppo alcol.

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 7 anni fa - Link

Confermo. Confermo pure che è un commento a cavolo Era questo che volevi dire, vero Simo? :-)

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 7 anni fa - Link

Il testo Acquabona è stato scitto 3 giorni e pubblicizzato solo ieri, 30 min prima di te. Ma che senso può avere andare su un altro blog e fare quelle affermazioni. PS: Si, volevo dire quello un commento a KavolodiKane ;-)

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 7 anni fa - Link

Lo so, ma vaglielo a spiegare al Gatti :-)

avatar

roberto gatti

circa 7 anni fa - Link

02 ottobre 2012 impara almeno a leggere prima, poi parleremo di alcol ah ah ah

Rispondi
avatar

roberto gatti

circa 7 anni fa - Link

@Tomas Era per dare a Cesare quello che è di Cesare....tanto per scherzà !!

Rispondi
avatar

Svetlana Sgrondalich

circa 7 anni fa - Link

Scritto il 2 ma pubblicato il 4 sera: riesci a capire la differenza? svegliaaaaaaaaa, Rommel!!!

avatar

roberto gatti

circa 7 anni fa - Link

............? L'anteprima non esiste piu' dal momento che qualcun altro lo aveva già fatto, la capisci la differenza ? Ma se vuoi la primogenitura te la lasciamo tutta, hai capito .......... ?? Vieni allo scoperto con il tuo nome e cognome che ci divertiamo! Dove credi di essere, Gatti, a un convegno di Bibenda? Per questa volta stai fermo un giro, senza passare dal via. (AT)

avatar

Svetlana Sgrondalich

circa 7 anni fa - Link

Per l'ultima volta: il Pardini dell'acquabuona ha scritto il pezzo in anticipo poi l'ha messo online il 4. Fino al 4 non era visibile, quindi per i lettori non era pubbblicato. Fino al 4 NON C'ERA. Non c'è peggior sordo...

avatar

Simone e Zeta

circa 7 anni fa - Link

Bello vedere che accanto a grandi nomi, troviamo dei viticoltori che riescono ad emozionare e fare ladifferenza tra gli appassionati. Aggiungo presentando prodotti dall'eccezionale rapporto qualità/prezzo. Favaro, Fenocchio, La Distesa, il funambolico Barbacarlo, Biondi, la splendida falanghina di Contrada Salandra. Bellissima l'introduzione al lavoro svolto pubblicata sul blog dell'Espresso che tu hai linkato. Condivido e trovo intelligente e interessante che l’approccio green non sia una condizione di valutazione ma una posizione di osservazione dalla quale si esprime un principio e non giudizio aprioristico.

Rispondi
avatar

ag

circa 7 anni fa - Link

Strali venite! Per me la Riserva 2006 di Poggio di Sotto non è un "Poggio di Sotto".

Rispondi
avatar

Zakk

circa 7 anni fa - Link

Come mai dici questa cosa?

Rispondi
avatar

ag

circa 7 anni fa - Link

L'ho detto dal primo momento che l'ho assaggiato: l'impressione immediata di un centro bocca che non è tutto da Poggio di Sotto. Può anche essere suggestione, lo ammetto, ma anche gli altri due riassaggi mi hanno confermato quella prima impressione. E dirò di più, stessa sensazione che ho trovato nel Rosso e nel Brunello annata.

Rispondi
avatar

ag

circa 7 anni fa - Link

PS: preciso, a scanso di equivoci: niente di illegale, solo uno stile diverso.

Rispondi
avatar

Carmelo Limpio

circa 7 anni fa - Link

Affermazione un po' lunare: il 2006 riserva di Poggio di Sotto è l'ultimo, grandissimo rosso vinificato da Giulio Gambelli. Più continuità di così.

avatar

ag

circa 7 anni fa - Link

Carmelo mi permetta la battuta, lei era ed è stato in cantina con Gambelli?

avatar

Carmelo Limpio

circa 7 anni fa - Link

Guardi che è una verità assodata, lo sanno anche le pietre a Montalcino. Scrivere che Gambelli ha fatto la riserva 2006 di Poggio di Sotto è la scoperta dell'acqua calda, mica una rivelazione. Invece che non sia stato lui bisogna dimostrarlo, non basta certo buttare li' una generica 'impressione'.

avatar

ag

circa 7 anni fa - Link

E se le pietre lo sanno, sanno anche che quello(i) non è un Palmucci - Gambelli - (vecchio)Staderini. E forse per quello ha preso 20/20. E' una mia impressione, di appassionato, di consumatore e di degustatore, mica sono Ernesto Gentili. E quello rimane.

avatar

Carla Perez

circa 7 anni fa - Link

Suvvia, finiamola e prendiamo atto che "ag" ha questa "impressione" :-))

avatar

Nelle Nuvole

circa 7 anni fa - Link

La Guida va comprata e letta, regalata, prestata. Pesa meno delle altre, sta comoda in borsa. Soprattutto è scritta bene, chiara nei giudizi e nelle motivazioni. E lo scampolo d'introduzione è un Manifesto da sottoscrivere. Per quanto riguarda le scelte d'eccellenza, ci sarà sempre qualcuno in disaccordo. Secondo me è questo, purtroppo, il limite delle Guide specialistiche: la lettura di gran parte dei lettori, che non cercano di sapere, ma pretendono di giudicare.

Rispondi
avatar

Sterouge

circa 7 anni fa - Link

NN sempre grande ,la guida e' precisa ue chiara con alcuni vini Chicca di cui nessuno parla.Poi per essere un po' partigiani sono pochissimo trattati i vini dei COLLI BOLOGNESI, ma non è' solo colpa dei curatori, il Consorzio non si muove e i produttori non sanno neanche se hanno ricevuto i campioni per le degustazioni

Rispondi
avatar

Federico Orsi

circa 7 anni fa - Link

Caro Stefano. Scusami se ti rispondo solo ora ma ieri sera ero con Il Consorzio per la Mostra Assaggio a presentare i vini ai bolognesi (anche stasera). Ricordo che anche tu sei stato invitato qualche anno fa, quale critico/appassionato, ad un momento importante che coinvolge direttamente i produttori: l'assaggio alla cieca dei vini del Consorzio per definire quali sono le eccellenze che possono rappresentare tutto il territorio. Questo l'abbiamo ripetuto almeno 1/2 volte l'anno sempre invitando di volta in volta 1/2 degustatori esterni. Credo sia un ottimo mezzo per far crescere tutto il comprensorio, dove il produttore si mette in gioco e degusta senza pregiudizi il proprio lavoro e quello dei colleghi. Infatti, i risultati si vedono: 2/3 anni fa solo fango dalle guide, mentre quest'anno diversi premi: Espresso, 2 slow wine, un grande Esordio per Veronelli e vini in finale per il GR con il curatore che nota una evidente crescita dei vini (lo scorso anno un 3 bicch ed un 5 grappoli)... certo ancora poco, ma infondo è passato troppo poco tempo per passare da "caproni" a vignerons d'eccellenza. Un abbraccio e ti aspetto ad assaggiare i vini dei Colli Bolognesi stasera in Corte Isolani in centro a Bologna. PS - mi spieghi anche come fa il produttore a non sapere se ha consegnato i campioni?

Rispondi
avatar

Federico

circa 7 anni fa - Link

Un Pignoletto tra i vini di eccellenza penso sia un successo insperabile fino a qualche anno fa. Direi che l'attenzione al comprensorio c'è, tanto più per merito di alcuni produttori meritevoli.

Rispondi
avatar

Hazel

circa 7 anni fa - Link

Ho assaggiato il suo vino premiato,ma senza fare nessuna polemica e solo per curiosita', le chiedo se e' pignoletto al 100% o c'e' una percentuale di sauvignon o altri vitigni? L'ho trovato ottimo ma non proprio tipicissimo.

Rispondi
avatar

Federico

circa 7 anni fa - Link

Trattasi di omonimia. Federico Orsi è il produttore, non io :-) Dovrai chiederlo al Federico "di sopra".

avatar

Federico Orsi

circa 7 anni fa - Link

Hazel, la perplessità può essere legitima. Premesso che il Pignoletto può facilmente sviluppare sostanze terpene tipiche del Sauvignon, specie se vinificato in ambiente riduttivo. Ci sono altri Pignoletti ricchi di terpeni sui Colli Bolognesi. Infatti, qualche anno fa questo vino veniva fermentato ancora in prevalenza in acciaio a basse temperature con lieviti selezionati. Perplesso sulla sua tipicità ho eliminato tutta questa tecnologia per botti grandi, fermentazioni spontanee ed i terpeni sono rimasti. In realtà ora lavoro tutti i mosti di Pignoletto, delle varie vigne in maniera separata, con la stessa metodologia, ma questa singola vigna continua ad esasperare una aromaticità molto particolare. La domanda quindi ora è diversa: la tipicità sta solo nel vitigno o anche nella vigna? Questa domanda è nata dopo aver smesso di concimare le vigne, aver ricreato una terra viva e aver tolto tutti i "disturbi/aiuti" dell'enologia moderna in cantina che portano all'omologazione. Spero di essere stato esauriente visto che per noi la trasparenza è un valore fondamentale. PS - il nostro Pignoletto Superiore ha una aggiunta variabile tra il 5 - 10% di Sauvignon fermentando in acciaio e ha molto meno terpeni del Vigna del Grotto che è da sempre 100% Pignoletto.

avatar

Hazel

circa 7 anni fa - Link

Piu' che esauriente.Molte grazie.

avatar

Marco De Tomasi

circa 7 anni fa - Link

Mi fa enormemente piacere vedere l'Isidor di Alessandro Fanti, il Vin Santo di Poli e il Lagrein di Cesconi in Trentino ! E poi il Vignasilan di Contrà Soarda e il Torcolato di Innocente Dalla Valle in Veneto. Magari si poteva osare qualcosina di più sui colli Euganei (penso al Marcus di Marco Sambin e al Passacaglia de Il Vignale di Cecilia).

Rispondi
avatar

jovica todorovic (teo)

circa 7 anni fa - Link

secondo me è già un mezzo miracolo e poi c'è anche il Relogio

Rispondi
avatar

Marco De Tomasi

circa 7 anni fa - Link

... che personalmente non mi piace ! ;-)

Rispondi
avatar

jovica todorovic (teo)

circa 7 anni fa - Link

intendevo dire che c'è parecchio altro Veneto

Rispondi
avatar

maria gioia

circa 7 anni fa - Link

rispetto la tua opinione, ma mi pare che ragioni da tifoso. mi risulta che relogio 2010 non sia ancora ancora uscito dalla cantina. quando lo hai bevuto?

Rispondi
avatar

Marco De Tomasi

circa 7 anni fa - Link

Forse ho assaggiato il 2009 ... ma non mi piacevano manco le annate precedenti, posso ? Non è che ho detto che fa schifo, ho detto non è stilisticamente di mio gradimento: io, Marco De Tomasi.

avatar

jovica todorovic (teo)

circa 7 anni fa - Link

Amo da sempre, la guida dell'Espresso e quella del Gambero. Già da qualche tempo vivo una maggiore sintonia con l'Espresso. E' più solletichevole, stimolante. Trovo ancora degli spunti interessantie i giudizi sono spesso equilibrati. Sono contento che ci sia un 20/20 perchè la "vizzariana" teoria che la perfazione non esiasta raccontata qualche tempo fa credo alla Leopolda mi lascio un poco perplesso. Oggi apprezzo L'espresso perchè evidenzia complessivamente più coraggio, che quest'anno, salvo rarissime e ben circoscritte aree, manca quasi del tutto al Gambero. :-( @ Alessandro Abruzzo e Molise: tutti i vini premiati sono Bruzzesi e leva sto Molise che tanto.... :-)

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 7 anni fa - Link

Sempre rimanendo in Toscana però il Gambero premia Mattia Barzaghi con una Vernaccia stratosferica mentre Espresso ri-premia il duetto di Montenidoli. Il Gambero ha poi ha la lungimiranza di dare tre bicchieri all'incredibile 2009 Syrah di Amerighi, cosa che l'Espresso non fa...ma Amerighi non era un mito per tutti voi? occhio, spesso le differenze stanno in come si guardano le guide, non nelle guide stesse!

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 7 anni fa - Link

Possiamo pure aggiungere che il Gambero ha premiato il Barolo di Roddolo.

Rispondi
avatar

Federico

circa 7 anni fa - Link

Da una prima lettura veloce e non omnicomprensiva, ovviamente a titolo personale, ecco in ordine sparso cosa noto di interessante: - In Alto Adige 4 lagrein (+ 1 in Trentino) tra le eccellenze, bello, spero sia un segnale, oltre che dell'annata, anche di un serio lavoro di valorizzazione di questa varietà. Bello vedere anche un Santa Maddalena. - "Pochi" Franciacorta rispetto ai prezzi di vendita (che spesso si usano mentalmente come uno degli indicatori indiretti di qualità) e al giudizio mediatico di massa. - Dopo l'ormai confermata "riqualificazione" avvenuta in questi anni per certi lambruschi (coltivati e lavorati bene), quest'anno se ne trova tra le eccellenze anche uno dolce! Dolcezza che in passato era sfociata in dozzinalità e a quanto sembra può invece trovare una riaffermazione, un suo perchè. Lo cercherò sicuramente di assaggiare. - Dalla Puglia spariscono certi vini di grande "importanza" sia in senso mediatico che di struttura, di cui si era parlato molto in questo ultimo anno. Su due piedi mi vengono in mente l'Es e il 17. Annata o altro? - Nelle Marche il Verdicchio sbanca. Vino bianco simbolo italino di qualità? - Un grande terroir decantato in questi anni come culla di vini rossi da un futuro radioso, l'Etna, porta a casa "solo" due eccellenze.

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 7 anni fa - Link

Ben più pesanti le sparizioni di un' Aia e Eto in toscana, direi :-)

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 7 anni fa - Link

all'Espresso Ornellaia e Masseto non sono mai piaciuti...nonostante questo due anni fa premiarono Ornellaia azienda dell'anno come risarcimento... Quest'anno a quanto pare erano troppo massicci per loro. Eppure Ornellaia 2009 mi pareva un passo avanti in questa direzione più light E comunque fanno il soldout ogni anno di 250mila bottiglie quindi non credo se la prendano più di tanto!

Rispondi
avatar

jovica todorovic (teo)

circa 7 anni fa - Link

ciao andrea, se fossero riusciti a fare una vesrione fat delle 2009 sarebbero stati dei mostri. Io comunque ricordo un Bis recente. Credo proprio il primo anno al Mercato di San Lorenzo

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 7 anni fa - Link

Dai scherzavo :-) non mi aspettavo l'assenza di Masseto il quale vale 2/10 di quello che costa ma secondo me a 18 ci arriva sempre.

Rispondi
avatar

Svetlana Sgrondalich

circa 7 anni fa - Link

Mi sa che ti confondi, l'espresso non ha nessun riconoscimento all'"azienda dell'anno". Ma poi un po' di coerenza: come fai a dire che all'espresso non sono mai piaciuti ornellaia e masseto, se fino all'anno scorso l'azienda era tra le pochissime a tre stelle? e se i rossi sono stati premiati a 5 bottiglie varie volte? Va bene che quelli dell'espresso ti stanno sui coglioni e lo sanno tutti, ma almeno scrivi cose esatte!

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 7 anni fa - Link

ma che elocutio forbito! i degustatori dell'Espresso sono tutti amici e persone con le quali assaggio molto spesso e ho molta stima di tutti loro specie per Ernesto Gentili, Filippo Bartolotta e Pardini. Ma è altrettanto vero che non sempre la pensiamo allo stesso modo su certe valutazioni. Se vai indietro nel tempo, rispetto ad altre guide, Ornellaia e Masseto non sono certo habituèe all'eccellenza Quanto al premio speciale, domani recupero la guida e per correttezza, ti cito il premio in questione

avatar

Svetlana Sgrondalich

circa 7 anni fa - Link

Tu scrivi "all’Espresso Ornellaia e Masseto non sono mai piaciuti", io ti rispondo che nelle ultime dieci edizioni della guida dell'espresso Masseto è stato SEMPRE PREMIATO tranne che che nel 2003 e nel 2005, mentre Ornellaia è stato premiato due o tre volte. In più, azienda SEMPRE a tre stelle (il massimo) fino a quest'anno. Allora, hi scritto un'affermazione esatta? Poi tu scrivi: "premiarono Ornellaia azienda dell’anno come risarcimento". A parte il risarcimento, frase dubbia, confermo che non c'è nessun premio ad aziende dell'anno, perché ho (quasi) tutte le annate della guida e proprio non c'è mai stato. Lascia perdere l'eloquio e rispondi sui fatti.

avatar

ChemRob

circa 7 anni fa - Link

"Il Piemonte sbanca". A me personalmente sembra che sia la Toscana a sbancare per un'inezia o per lo meno che se la giochino. ChemRob

Rispondi
avatar

Montosoli

circa 7 anni fa - Link

Penso che la grande differenza e dettata dall andamento dell annata nelle regioni...............questo secondo me e la giustificazione di tipologia su e tipolgia giu.. Comunque complimenti al gran lavoro fatto....ora non resta che comprarla

Rispondi
avatar

Zakk

circa 7 anni fa - Link

Ma veramente "bisogna comprarla"?

Rispondi
avatar

Giovanni Solaroli

circa 7 anni fa - Link

No, si può anche fotocopiarla. per un max del 15% però.

Rispondi
avatar

Jean

circa 7 anni fa - Link

Ma perché quando chiedo lo Herzu di Ettore Germano nelle enoteche A ROMA mi guardano come se avessi parlato in cinese?

Rispondi
avatar

Armando Castagno

circa 7 anni fa - Link

Perché qui lo chiamano tutti, non si sa il motivo, "Herzù". :D

Rispondi
avatar

Gabriele Succi

circa 7 anni fa - Link

La Romagna, brilla per presenze... ...è ora di cominciare a riflettere... Io lo faccio da mò... :(

Rispondi
avatar

giorgio m

circa 7 anni fa - Link

la romagna premiata con solo un vino... forse Falcone può farci capire perché, credo sia lui che fa queste scelte. Sinceramente un solo vino premiato mi sembra poco, ma è una mia personale opinione.

Rispondi
avatar

Gabriele Succi

circa 7 anni fa - Link

Ehm... una precisazione... Chi deve cominciare a riflettere siamo noi produttori della Romagna eh! Sarà anche poco solo un vino premiato... ...per molti, moltissimi è anche troppo... Domandiamoci, cari colleghi produttori il perchè... ...e una volta trovatone il motivo, cerchiamo di risolvere il problema... :|

Rispondi
avatar

Nic Marsél

circa 7 anni fa - Link

fare il vino come piace ai redattori delle guide?

Rispondi
avatar

claudia

circa 7 anni fa - Link

Buongiorno, Sono un enologo romagnolo che si trova su queste pagine quasi per caso. Ieri sera sono stata provocata da un nome a me insospettabile a dire la mia su punti eccellenze guide e guidine e su come noi Romagnoli siamo tante volte un pò l'ultima ruota del carro , l'esperienza di quest'anno dell'Espresso insegna. Le mie riflessioni sono queste: 1-Non sappiamo fare gruppo, per un territori come il nostro si contano, a mio parere tanti troppi gruppi di produttori. 2-Beviamo troppo poco il vino degli altri,io per prima se mi chiedono come deve essere fatto un vino per le guide nn so rispondere 3-I comunicatori del territorio :giornalisti, sommelier , redattori di guide ecc girano solo dai soliti nomi 4-Alcuni produttori di nome , che potrebbero fare da traino ,a volte dimenticano della loro Romagnolità 5- Forse non vogliamo troppo bene al nostro territorio per saperlo raccontare Saluti da Modigliana,

Rispondi
avatar

Gabriele Succi

circa 7 anni fa - Link

Ciao Claudia, sulla prima parte del punto 2 ti do ragione al 1000 % Sulla seconda no; secondo me, il vino bisogna farlo prima di tutto buono... Io lo faccio cercando di farlo nel miglior modo possibile partendo dalla vigna, ma non per farlo piacere a quella o a quell'altra guida... ...tanto un premio di eccellenza, ahimè, non mi cambierebbe il fatturato. Pensiamo a cosa facciamo noi: il Sangiovese. Allora, andiamo a bere delle cisterne di buon sangiovese fuori dalla romagna... è inutile rimanere nella nostra riserva indiana... bere solo il vino di Tizio che sta a Predappio o di Caio che ha le vigne a Bertinoro, porta a poco... Io provo a far così: la riserva '06 di Poggio di Sotto, si è beccata 20/20...cerchiamo di capire il perchè bevendo quel vino... Costa caro? Bene, allora vado a prendermi la riserva 06 della tenuta di Sesta ad esempio che è meno costosa ma è, per me mooolto buona, perchè questi sono vini che mi emozionano? Io voglio troppo bene al mio territorio, e non sai quanto mi scocci capire il perchè "...noi Romagnoli siamo tante volte un pò l’ultima ruota del carro" (cit.) Il "fare territorio", significa per me uscire con dei vini che abbiano una certa identità; qual è l'identità del SdR? Per ora leggo solo: "caricature, legno, estrazione, alcol etc etc"... Partiamo da questo e facciamo delle critiche un tesoro. Io cerco di provarci. A presto.

avatar

Montosoli

circa 7 anni fa - Link

Come si fa a giustificare la differenza di costo di questi vini ? Con il costo del primo, 1bt.......compri 12bt. del secondo.. 18.5 Brunello di Montalcino Riserva 2006 Biondi Santi 18.5 Brunello di Montalcino Riserva 2006 Pian delle Querci

Rispondi
avatar

Jean

circa 7 anni fa - Link

Il valore aggiunto...

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 7 anni fa - Link

Ma possibile che qui nessuno abbia sottolineato che l'unico 20/20 é un Brunello di Montalcino! Da montalcinese, da collega e da estimatore da sempre di Poggio di Sotto sono contentissimo, un Brunello che ha sempre puntato sulla purezza del sangiovese è il vino con il miglior punteggio della Guida dell'Espresso! Un successo per tutto Montalcino, senza distinzioni.

Rispondi
avatar

pietro

circa 7 anni fa - Link

Bravo Stefano concordo! Intanto io mi bevo il tuo... quando potrò permettermelo assaggerò per curiosità i più caretti... Anche se trovo grande soddisfazione nel RdM Poggio di Sotto.

Rispondi
avatar

attoadivenire

circa 7 anni fa - Link

19 Malvasia di Bosa 2005 Columbu 18.5 U.V.A. Panevino Sono molto contento del riconoscimento dato a questi 2 vini sardi, fatti da due grandi vignaioli Sardi. Il primo ci mancherà tanto.

Rispondi
avatar

endovinoso

circa 7 anni fa - Link

Ben rye in classifica....puzza di raccomandazione ma godo uguale

Rispondi
avatar

pietro

circa 7 anni fa - Link

ma come, non puzza di albicocca, uva passa, miele e orzo?

Rispondi
avatar

she-wolf in agreement

circa 7 anni fa - Link

Endovinoso, come al solito non capisci nulla, godi e basta. si sta parlando di una guida curata da persone serie che non hanno paura a premiare chi se lo merita.

Rispondi
avatar

Giovanni Petriliggieri

circa 7 anni fa - Link

endovinoso forse esagera, però vedere ferrandes e ben rye con la stessa valutazione insinua qualche dubbio e lascia perplessi; con tutto il rispetto per i redattori della guida, che sono sicuramente persone serie.

Rispondi
avatar

Filippo

circa 7 anni fa - Link

Ben Rye assieme a Ferrandes proprio non si può vedere

avatar

Paolo Brini

circa 7 anni fa - Link

Se non si bevono le etichette ma i vini, Ferrandes insieme a Ben Ryè si può vedere benissimo.

avatar

Filippo

circa 7 anni fa - Link

Mi sa che stiamo dicendo la stessa cosa, io sto dicendo che un vino da supermercato non può stare insieme ad una chicca quasi unica come Ferrandes. (Io Ferrandes lo prendo da quando non era nemmeno in vendita).

avatar

Paolo

circa 7 anni fa - Link

No non diciamo la stessa cosa. Io dico che è meglio assaggiarli i vini e non bersi le etichette, dividere in partenza i vini tra produttori fichi e non fichi ( non c'è dubbio che Ferrandes fa fico superesperto e Donnafugata fa vecchia repubblica). Poi scrivere che il Ben Ryè è un vino da supermercato non è proprio partire senza pregiudizi mi pare.

avatar

Edoardo Fioravanti

circa 7 anni fa - Link

Niente da eccepire sulla guida,bella come "un vero libro da leggere"... semmai è la colla che tiene le pagine che da' problemi!!:)

Rispondi
avatar

Franco Traversi

circa 7 anni fa - Link

Sicuramente i curatori della giuda sono fra i più preparati in assoluto, almeno per la Regione alla quale appartengo, la Toscana, hanno il coraggio di premiare Poggio di Sotto Riserva 2006, grande Brunello, sia Pian delle Querci Riserva 2006, bellissima scoperta, grazie Fernando ed Ernesto!!! Inoltre in un recente viaggio in Piemonte ho avuto la fortuna di assaggiare tutti i vini di Giacomo Fenocchio, concordo con il Bussia 2008, ero rimasto impressionato anche dal Barolo base, che poi sarebbe un (Bussia Sottana), inoltre avevo degustato un ottimo Barbaresco Basarin Riserva 2006, credo che presto lo troveremo fra i premiati.

Rispondi
avatar

Angelo Cantù

circa 7 anni fa - Link

In realtà il Barbaresco Basarin, ottimo vino confermo, è prodotto da Adriano di Seno d'Elvio d'Alba e non da Giacomo Fenocchio che credo produca solo Barolo

Rispondi
avatar

Franco Traversi

circa 7 anni fa - Link

Infatti, il Barbaresco Basarin Riserva 2006 era dei F.lli Adriano, forse mi ero spiegato male

Rispondi
avatar

Davide Catino

circa 7 anni fa - Link

Chi mi spiega come può il Vigna Flaminio, ancorché riserva, essere più eccellenza (tanto per restare in famiglia) del Graticciaia?

Rispondi
avatar

gp

circa 7 anni fa - Link

Non è esatto, dato che in questa edizione della guida il Graticciaia non è recensito.

Rispondi
avatar

QUINTO

circa 7 anni fa - Link

Inviato al blog espresso nella presentazione della nuova guida il 06/10/2012 Discorso interessante e vero però molto da salotto anche un po lontano dalla realtà di chi si trova in prima linea in campagna e poi in cantina. -Il cambiamento del clima è uno di questi problemi,vigneti per mesi e mesi sottoposti a temperature torride pensate veramente che tutto questo è naturale oppure deve intervenire l’uomo in cantina per rimediare ai danni provocati dalla natura. -I produttori e gli enologi hanno delegato voi per la valutazione del proprio lavoro è un gioco delle parti nel quale non so se voi rispettate anche i produttori che non contano -l’esaltazione del carattere autentico del territorio nelle zone che enologicamente contano poco non lo vedo ,anzi noto che i vostri degustatori nelle zone di produzione del montepulciano hanno come riferimento i vini di Borgogna ,ma forse questa è una nuova linea editoriale • Fabio Rizzari scrive: 6 ottobre 2012 alle 16:50 Ho pubblicato il suo commento anche se palesemente prevenuto e non rispettoso: lei qui è ospitato, quindi con espressioni come “molto da salotto”, “non so se voi rispettate tutti i produttori” è lei per primo a non rispettare l’interlocutore. “Da salotto” sottintende una logica del tipo: noi stiamo nel vigneto e sappiamo come stanno le cose, voi state comodi ad assaggiare e non sapete una mazza. Un luogo comune dei più avvilenti. Dal tardo medioevo si sente sempre una frangia di produttori tirare in ballo il rimasticato “chi produce vino è l’unico davvero in grado di giudicare chi fa vino”. Et similia per i ristoratori. Eh no, sarebbe troppo comodo. Dove sta il controllo della qualità da parte di terzi? Sennò uno se la canta e se la suona. Sul resto le rispondo punto per punto: 1) lei è un lettore superficiale. Se avesse letto con attenzione le nostre parole, non avrebbe trovato da nessuna parte che sosteniamo l’assenza di tecnica. Proprio al contrario, qui e in altre passate introduzioni abbiamo sottolineato i pericoli di una deriva che abbiamo definito “neopauperista”: quella di chi pretende che il vino si faccia da sé. 2) noi rispettiamo tutti i produttori perché siamo persone serie e questo ci viene riconosciuto per fortuna da un numero ampio di appassionati e di addetti ai lavori. Se lei la pensa diversamente, amen, ce ne faremo una ragione. 3) anche su questo aspetto la sua è una osservazione pregiudiziale e del tutto indifendibile: le pare – solo per fare solo alcuni nomi di vini che premiamo e giudichiamo di grande qualità da anni – che il Kurni di Oasi degli Angeli, il Montepulciano d’Abruzzo di Praesidium, il Mazzamurello di Torre dei Beati siano dei vini di stile borgognone? se lei la pensa così, non solo è prevenuto, ma pure disinformato. Si studi meglio com’è fatto un vino borgognone e poi ripassi. Risposta non pubblicata dal blog espresso 1)Sono ospite nel suo blog quindi non posso fare una critica al vostro lavoro mentre voi tranquillamente potete giudicare il lavoro di un’azienda con dei punti , voi i maestri noi gli alunni 2)Mi ha dato del prevenuto, non rispettoso,disinformato quindi si è comportato allo stesso modo 3)I produttori ogni giorno si confrontano con i consumatori e con il mercato quindi che se la cantano e se la suonano è una grossa banalità 4)Il Kurni è un vino sempre premiato da tutte le guide non ha detto niente di nuovo 5)Chi degusta i vini nel nostro territorio è Gravina che ha scritto un libro affascinante sulla Borgogna, mi pare che i suoi riferimenti ideali sono quei vini un po’ lontani dal nostro territorio 6)Cerco di difendere questo territorio terra di Montepulciano sangiovese e pecorino ma mi faccio solo nemici, cerchiamo di rimettere al centro i produttori

Rispondi
avatar

Joe Pantoliano

circa 7 anni fa - Link

Scusi , ma lei pensa che il Kurni o il Mazzamurrello siano dei vini di stile borgognone? no, perchè se uno scrive un libro sulla borgogna non è per forza uno che cerca la borgogna dappertutto.

Rispondi
avatar

Paolo

circa 7 anni fa - Link

Mah, non mi pare che i premiati dell'espresso in Abruzzo siano di stile borgogna: il Montepulciano Presidium è una bomba, quello di Stefania Pepe anche di più (nerissimo e supermontepulciano!). E quello di Torre dei Beati poi? QUello di Jasci non lo conosco ma insomma, a giudicare dai fatti...

Rispondi
avatar

Nic Marsél

circa 7 anni fa - Link

Ogni sua annata è diversa, ma non mi risulta di aver mai trovato un Montepulciano di Pepe "nerissimo supermontepulciano".

Rispondi
avatar

Paolo

circa 7 anni fa - Link

Mi sa che ti confondi: STEFANIA PEPE, non Emidio (il padre). Apri un Montepulciano qualsiasi di Stefania e poi ne riparliamo.

Rispondi
avatar

Nic Marsél

circa 7 anni fa - Link

Accidenti che casino. Pensavo esistesse soltanto Emidio :-(

avatar

QUINTO

circa 7 anni fa - Link

Forse non ci siamo capiti non ho detto che il kurni o altri montepulciani premiati sono in stile borgognone,non lo penso assolutamente ma la critica enologica di Gravina ormai fa riferimeno a quei vini, quelli sono i suoi vini ideali è chiaro e mi pare giusto che i migliori montepulciani vengano premiati, ma sono pochissimi rispetto alla grande produzione del territorio

Rispondi
avatar

Paolo

circa 7 anni fa - Link

O è vero che gli piacciono vini più leggeri, borgognoni, e allora non dovrebbero premiare quelli scritti, o non gli piacciono. Non ho ancora compratola 2013 però trovo nella precedente (nella pagina dei riassunti) ai primi posti decine di rossi di sicuro non leggeri: Torre dei Beati, Cataldi Madonna, MAsciarelli, Pepe Emidio e Stefania, Pietrantonj, Filomusi Guelfi, Barone Cornacchia, Barba. E questi sarebbero di stile borgognone? ripeto mah

Rispondi
avatar

il marchese

circa 7 anni fa - Link

Ho cassato la prima parte del suo intervento. La prossima volta casserò lei :-) (AT) Trovo interessanti i suoi punti di reflessione pur non condividendoli. Sono convinto che Gravina non ci abbia mai capito nulla di vino :-D :-D :-D. Le segnalo tuttavia che i suiu riferimenti sono sbagliati. Se conoscesse veramente il succitato saprebbe che lui, nell'assaggio cerca Rufina, cerca l'espressione più pura dell'Etna, che ci azzecca la Borgogna. Si documenti quinto, forse diventerà quarto, e poi terzo e poi secondo e forse un bel giorno PRIMO. Con rispetto e una certa dose di ironia..... :-)

Rispondi
avatar

jovica todorovic (teo)

circa 7 anni fa - Link

@ AT - capisco e condivido. :-) me so' allargato

Rispondi
avatar

jovica todorovic (teo)

circa 7 anni fa - Link

e così mi sono pure bruciato il nick. Sono davvero un cretino

Rispondi
avatar

utente certificato

circa 7 anni fa - Link

i cloni, brutte bestie.

avatar

QUINTO

circa 7 anni fa - Link

Caro Marchese lei è un nobile e può sfottere chi vuole io sono Quinto primo di cinque figli, famiglia contadina tipica del sud delle Marche, una volta sola ho assaggiato l'Etna e mi sono fatto questa idea, eleganza e complessità di un borgogna corposità di un nebbiolo

Rispondi
avatar

insider

circa 7 anni fa - Link

quello che taglia la testa al toro è che Gravina da molti anni NON è più il responsabile dell'Abruzzo per l'espresso. questo dimostra che lei è in effetti un po' disinformato (e anche un po' prevenutino, eh?) :-)

Rispondi
avatar

QUINTO

circa 7 anni fa - Link

Insider non sono disinformato e prevenuto sto parlando delle Marche infatti in Abruzzo diversi produttori vengono premiati

Rispondi
avatar

insider

circa 7 anni fa - Link

Che vuole dire "diversi produttori vengono premiati"? Perchè, nelle Marche non ci sono "diversi produttori" che vengono premiati? Mi sa che si è capito che tipo è lei, la precisione non è il suo forte. Meglio lasciar perdere. :-)

Rispondi
avatar

A. Di Stefano

circa 7 anni fa - Link

Beh, anche in famiglia non erano il massimo dell'ordine: è nato per primo ma lo hanno chiamato Quinto.... :-D Precisi però si: avevano accusato il numero di nascite complessive al primo colpo.

Rispondi
avatar

vittorio

circa 7 anni fa - Link

le guide prosperano sulle nostre fatiche e non distinguono tra chi ama la terra e chi la rapina. nè sanno discernere tra 'vin de terroir e vin de laboratoir'. e alora fangala tutte. il vignaiolo ombratile.

Rispondi
avatar

Armando Castagno

circa 7 anni fa - Link

Sei un vignaiolo tanto umbratile quanto bravo, però permettimi: invochi distinguo e discernimenti - sacrosanti - ma tu stesso non ne fai alcuno e vai giù piatto e affilato come una scimitarra. E no. I vini non sono tutti uguali; i degustatori delle guide, nemmeno.

Rispondi
avatar

Emanuele Giannone

circa 7 anni fa - Link

Approfitto della presenza di molti commentatori qualificati e diversi per opinioni espresse, ponendo una domanda alla quale fatico a trovare risposte convincenti: a cosa servono le guide?

Rispondi
avatar

Emanuele Giannone

circa 7 anni fa - Link

preciso: non è polemica, semplicemente quel che mi chiedo da potenziale lettore. Forse mi risulta più semplice comprendere l'utilità della guida per un ipotetico produttore, sebbene proprio qui sopra Vittorio - se ho inteso bene chi sei, möge Dich Gott verhüten! - proponga un interessante argomento contrario.

Rispondi

Commenta

Rispondi a Zakk or Cancella Risposta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.