Tutti i vini migliori d’Italia secondo DoctorWine (attenzione: conflittone d’interesse)

Tutti i vini migliori d’Italia secondo DoctorWine (attenzione: conflittone d’interesse)

di Andrea Gori

Sabato 8 a Milano e sabato 23 a Roma sarà presentata l’edizione 2017 della Guida essenziale ai Vini d’Italia di Daniele DoctorWine Cernilli, di certo il più esperto conoscitore al mondo dei vini della nostra penisola. Come (forse) saprete io e Fiorenzo Sartore siamo parte del team di collaboratori, per cui il nostro conflitto di interesse è palese. Fatta la premessa dolente, ma data la diffusione non banale della guida (prima edita da Mondadori, quest’anno autopubblicata) ci tengo a dire di che si tratta.

La Guida essenziale ai Vini d’Italia non è una pubblicazione enciclopedica e onnicomprensiva, ma appunto è essenziale, quindi cerca di riassumere l’Italia in 979 Cantine, 2436 vini di cui 210 premiati per aver ottenuto in assaggio alla cieca almeno 95 punti, per salire fino ai magnifici 5 che hanno raggiunto la vetta dei 99 punti, ovvero il Barbaresco Crichet Pajé 2006 Roagna I Paglieri, i due Brunello di Montalcino Cerretalto 2010 Casanova di Neri, e Il Greppo Riserva 2010 Biondi Santi, il Chianti Classico Riserva 2013 Querciabella, e il Taurasi Riserva 2007 di Perillo, al secondo grande exploit consecutivo.

 

E adesso, ecco a voi l’elenco dei premiati col faccino del Doctor:

  • 5 vini con 99/100
  • 11 vini con 98/100
  • 33 vini con 97/100
  • 62 vini con 96/100
  • 99 vini con 95/100

95/100

AA Gewürztraminer Vigna Kastelaz 2015, Elena Walch, Alto Adige

AA Gewürztraminer Nussbaumer 2014, Cantina Tramin, Alto Adige

AA Lagrein Mauns Riserva 2012, Ritterhof, Alto Adige

AA Lagrein Mirell 2013, Waldgries, Alto Adige

AA Müller Thurgau Feldmarschall von Fenner 2014, Tiefenbrunner, Alto Adige

AA Pinot Nero Trattmann Mazon Riserva 2013, Cantina Girlan, Alto Adige

AA Pinot Nero Zeno Riserva 2013, Cantina Meran Burggraefler, Alto Adige

AA Sauvignon Riserva 2014, Cantina Bolzano / Bozen, Alto Adige

AA Sauvignon Sanct Valentin 2015, Cantina San Michele Appiano, Alto Adige

AA Terlano Pinot Bianco Eichhorn 2015, Manincor, Alto Adige

AA Valle Venosta Riesling Windbichel 2014, Castel Juval Unterortl, Alto Adige

Aglianico del Vulture Re Manfredi 2012, Re Manfredi Terre degli Svevi, Basilicata

Alghero Marchese di Villamarina 2011, Sella & Mosca, Sardegna

Amarone della Valpolicella Campo dei Gigli 2012, Tenuta Sant’Antonio, Veneto

Amarone della Valpolicella Classico Monte Ca’ Bianca 2011, Lorenzo Begali, Veneto

Amarone della Valpolicella Classico Sergio Zenato Riserva 2010, Zenato, Veneto

Amarone della Valpolicella Riserva Cent’anni Alberto Trabucchi 1907 2008, Trabucchi d’Illasi, Veneto

Arshura 2014, Valter Mattoni, Marche

Barbaresco Il Bricco 2012, Pio Cesare, Piemonte

Barbaresco Rabajà 2013, Rocca Rabajà, Bruno, Piemonte

Barbaresco Rombone 2012, Fiorenzo Nada, Piemonte

Barolo Bricco delle Viole 2012, Vajra, G. D., Piemonte

Barolo Bricco Rocche 2012, Ceretto, Piemonte

Barolo Briccolina 2012, Batasiolo, Piemonte

Barolo Bussia Riserva 2010, Barale Fratelli, Piemonte

Barolo Bussia Vigna Colonnello Riserva 2010, Prunotto, Piemonte

Barolo Essenze Riserva 2007, Vite Colte, Piemonte

Barolo Falletto 2012, Bruno Giacosa, Piemonte

Barolo Lazzarito 2012, Vietti, Piemonte

Barolo Parafada 2012, Massolino, Piemonte

Barolo San Bernardo Riserva 2010, Palladino, Piemonte

Bolgheri Camarcanda 2013, Ca’ Marcanda, Toscana

Bolgheri Superiore Ornellaia 2013, Tenuta dell’Ornellaia, Toscana

Bolgheri Superiore Paleo 2013, Le Macchiole, Toscana

Brunello di Montalcino 2011, Giodo, Toscana

Brunello di Montalcino 2011, Le Potazzine, Toscana

Brunello di Montalcino Riserva 2010, Argiano, Toscana

Brunello di Montalcino Riserva 2010, Canalicchio di Sopra, Toscana

Brunello di Montalcino Riserva 2010, La Fortuna, Toscana

Brunello di Montalcino Vigna Schiena d’Asino 2010, Mastrojanni, Toscana

Capichera 2014, Capichera, Sardegna

Casa Romana 2012, Principe Pallavicini, Lazio

Castel del Monte Aglianico Bocca di Lupo 2012, Tormaresca, Puglia

Castel del Monte Rosso Vigna Pedale Riserva 2013, Torrevento, Puglia

Castelli di Jesi Verdicchio Riserva Utopia 2013, Montecappone, Marche

Centomoggia 2012, Terre del Principe, Campania

Centosassi 2012, Amastuola, Puglia

Chianti Classico Gran Selezione Solatìo 2013, Castello d’Albola, Toscana

Chianti Classico Novecento Riserva 2013, Dievole, Toscana

Chianti Classico Vigneto La Selvanella Riserva 2012, Melini, Toscana

Colli Tortonesi Derthona Timorasso Sterpi 2013, Vigneti Massa, Piemonte

Collio Friulano 2015, Franco Toros, Friuli Venezia Giulia

Collio Sauvignon Ronco delle Mele 2015, Venica & Venica, Friuli Venezia Giulia

Collio Sauvignon Segre 2015, Castello di Spessa, Friuli Venezia Giulia

Conero Campo San Giorgio Riserva 2011, Umani Ronchi, Marche

Contessa Entellina Mille e una notte 2011, Donnafugata, Sicilia

Controguerra Lumen Riserva 2011, Illuminati, Abruzzo

Core Bianco 2015, Montevetrano, Campania

Do ut des 2013, Carpineta Fontalpino, Toscana

Dogliani Papà Celso 2015, Marziano Abbona, Piemonte

Etna Bianco Superiore Pietra Marina 2012, Benanti, Sicilia

Etna Rosso Feudo di Mezzo 2014, Girolamo Russo, Sicilia

FCO Bianco Pomédes 2014, Roberto Scubla, Friuli Venezia Giulia

FCO Friulano Vigne Cinquant’Anni 2015, Le Vigne di Zamò, Friuli Venezia Giulia

FCO Sauvignon Liende 2015, La Viarte, Friuli Venezia Giulia

Fiano di Avellino 2014, Rocca del Principe, Campania

Fiorano Rosso 2011, Tenuta di Fiorano, Lazio

Flaccianello della Pieve 2013, Fontodi, Toscana

Franciacorta Sansevé Satèn , Monte Rossa, Lombardia

Frascati Superiore Luna Mater Riserva 2015, Fontana Candida, Lazio

Friuli Isonzo Pinot Grigio Gris 2014, Lis Neris, Friuli Venezia Giulia

Gioia del Colle Primitivo 14 Vigneto Marchesana 2013, Polvanera, Puglia

Grave di Stecca 2012, Nino Franco, Veneto

Habemus Etichetta Rossa 2013, San Giovenale, Lazio

I Capitelli 2012, Roberto Anselmi, Veneto

Il Pollenza 2013, Il Pollenza, Marche

K’un 2013, Clara Marcelli, Marche

Mamuthone 2014, Giuseppe Sedilesu, Sardegna

Montecucco Sangiovese Poggio Lombrone Riserva 2012, ColleMassari, Toscana

Montefalco Sagrantino 25 Anni 2012, Arnaldo Caprai, Umbria

Montello Colli Asolani Il Rosso dell’Abazia 2011, Serafini & Vidotto, Veneto

Moscato Passito di Saracena 2015, Cantine Viola, Calabria

Nuracada 2014, Audarya, Sardegna

Ograde Bianco 2013, Skerk, Friuli Venezia Giulia

Olmaia 2012, Col d’Orcia, Toscana

OP Barbera La Maga 2013, Castello di Cigognola, Lombardia

Orvieto Classico Superiore Pourriture Noble 2014, Decugnano dei Barbi, Umbria

Roero Mompissano Riserva 2013, Cascina Ca’ Rossa, Piemonte

Roero Printi Riserva 2012, Monchiero Carbone, Piemonte

Romagna Sangiovese Predappio di Predappio Vigna del Generale Riserva 2013, Fattoria Nicolucci, Emilia Romagna

Romagna Sangiovese Superiore Avi Riserva 2012, San Patrignano, Emilia Romagna

Rosso In Correggio 2005, Lini 910, Emilia Romagna

Secco Bertani Original Vintage 2013, Bertani, Veneto

Sicilia Sàgana 2014, Cusumano, Sicilia

Sicilia Saia 2014, Feudo Maccari, Sicilia

Soave Classico Monte Fiorentine 2015, Ca’ Rugate, Veneto

Soente 2015, Falesco, Lazio

Taurasi Radici Riserva 2009, Mastroberardino, Campania

Terre di Pisa Nambrot 2013, Tenuta di Ghizzano, Toscana

Tignanello 2013, Antinori, Toscana

Trebbiano d’Abruzzo Castello di Semivicoli 2014, Masciarelli, Abruzzo

Trentodoc Altemasi Graal Brut Riserva 2009, Cavit, Trentino

Trentodoc Ororosso Dosaggio Zero, Cembra Cantina di Montagna, Trentino

Val d’Arno di Sopra Sangiovese Vigneto di Bàggina 2013, Petrolo, Toscana

Verdicchio di Matelica Cambrugiano Riserva 2013, Belisario, Marche

Vermentino di Gallura Stellato Nature 2015, Pala, Sardegna

Vernaccia di San Gimignano Albereta Riserva 2013, Il Colombaio di Santa Chiara, Toscana

Vino Nobile di Montepulciano Simposio 2011, Tenuta Tre Rose, Toscana

Vintage Tunina 2014, Jermann, Friuli Venezia Giulia

E questi finora sono i vini che Doctor Wine definisce “la base della piramide dell’eccellenza vinicola italiana”, 99 vini che hanno preso in degustazione il punteggio di 95/100. Di seguito ecco i vini con punteggi maggiori.

96/100

AA Terlano Pinot Bianco Vorberg Riserva 2013, Cantina Terlano / Terlan, Alto Adige

Amarone della Valpolicella 2007, Giuseppe Quintarelli, Veneto

Amarone della Valpolicella 2012, Roccolo Grassi, Veneto

Amarone della Valpolicella Classico La Fabriseria Riserva 2011, Tedeschi, Veneto

Amarone della Valpolicella La Mattonara Riserva 2006, Zymè, Veneto

Amarone della Valpolicella Mazzano 2009, Masi , Veneto

Amarone della Valpolicella Mithas 2010, Corte Sant’Alda, Veneto

Barbaresco Angelo 2013, Albino Rocca, Piemonte

Barbaresco Asili Riserva 2011, Ca’ del Baio, Piemonte

Barbaresco Camp Gros Martinenga Riserva 2011, Tenute Cisa Asinari dei Marchesi di Gresy, Piemonte

Barbaresco Cottà 2013, Sottimano, Piemonte

Barbaresco Pajé Vecchie Viti 2010, Roagna I Paglieri, Piemonte

Barbaresco Rio Sordo Cascina Bruciata Riserva 2011, Marchesi di Barolo, Piemonte

Barbera d’Asti Superiore Nizza 2013, Olim Bauda, Piemonte

Barbera d’Asti Superiore Nizza La Court Vigna Veja 2011, Michele Chiarlo, Piemonte

Barbera d’Asti Superiore Nizza Riserva della Famiglia 2007, Coppo, Piemonte

Barolo Brunate 2011, Elio Altare, Piemonte

Barolo Brunate 2012, Roberto Voerzio, Piemonte

Barolo Francia 2012, Giacomo Conterno, Piemonte

Barolo Gran Bussia Riserva 2008, Aldo Conterno, Piemonte

Barolo Liste 2011, Borgogno, Piemonte

Barolo Monprivato 2011, Giuseppe Mascarello & Figlio, Piemonte

Barolo Vigna Elena Riserva 2010, Elvio Cogno, Piemonte

Brunello di Montalcino Poggio all’Oro Riserva 2010, Castello Banfi, Toscana

Brunello di Montalcino PS Riserva 2010, Siro Pacenti, Toscana

Brunello di Montalcino Riserva 2010, Castello Romitorio, Toscana

Cannonau di Sardegna Classico Dule 2013, Gabbas, Sardegna

Castelli di Jesi Verdicchio Riserva Classico 2013, Pievalta, Marche

Castello del Terriccio 2011, Castello del Terriccio, Toscana

Chianti Classico Gran Selezione Castello di Brolio 2013, Barone Ricasoli – Castello di Brolio, Toscana

Chianti Classico Il Campitello Riserva 2013, Monteraponi, Toscana

Collio Friulano 2015, Ronco Blanchis, Friuli Venezia Giulia

Collio Friulano 2015, Schiopetto, Friuli Venezia Giulia

Costa d’Amalfi Furore Bianco Fiorduva 2014, Marisa Cuomo, Campania

Duemani 2013, Duemani, Toscana

Etna Bianco Contrada Calderara 2014, Cottanera, Sicilia

FCO Sauvignon Zuc di Volpe 2015, Volpe Pasini, Friuli Venezia Giulia

Fontalloro 2013, Felsina, Toscana

Franciacorta EBB Extra Brut 2011, Mosnel, Lombardia

Franciacorta Vintage Collection Dosage Zéro Noir Riserva 2007, Ca’ del Bosco, Lombardia

Friuli Isonzo Rive Alte Pinot Grigio Sot Lis Rivis 2015, Ronco del Gelso, Friuli Venezia Giulia

Friuli Isonzo Sauvignon Piere 2014, Vie di Romans, Friuli Venezia Giulia

Gambellara Classico Vin Santo Nostra Historia 2009, Menti, Veneto

Ghemme Le Blanque 2011, Vigneti Valle Roncati, Piemonte

Ghemme Vigna Pelizzane 2010, Torraccia del Piantavigna, Piemonte

I Sodi di San Niccolò 2012, Castellare di Castellina, Toscana

Kurni 2014, Oasi degli Angeli, Marche

Matarocchio 2012, Guado al Tasso, Toscana

Orma 2013, Orma, Toscana

Pecorino Il Frontone 2013, Cataldi Madonna, Abruzzo

Primitivo di Manduria Es 2014, Gianfranco Fino, Puglia

Romagna Albana Passito Scaccomatto 2013, Fattoria Zerbina, Emilia Romagna

Rosso Piceno Superiore Roggio del Filare 2013, Velenosi, Marche

Saffredi 2013, Fattoria Le Pupille, Toscana

Sicilia Carricante Eruzione 1614 2015, Planeta, Sicilia

Soave Classico Calvarino 2014, Pieropan, Veneto

Syrah Collezione de Marchi 2010, Isole e Olena, Toscana

Taurasi Selezione Hamilton Riserva 2008, Di Meo, Campania

Taurasi Vigna Grande Cerzito Riserva 2010, Quintodecimo, Campania

Taurasi Vigne d’Alto 2011, Contrade di Taurasi, Campania

Torgiano Rosso Riserva Vigna Monticchio 2011, Lungarotti, Umbria

Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Podium 2014, Gioacchino Garofoli, Marche

97/100

AA Terlano I (Primo) Grande Cuvée 2013, Cantina Terlano / Terlan, Alto Adige

Amarone della Valpolicella Classico 2008, Bertani, Veneto

Amarone della Valpolicella Vigneto di Monte Lodoletta 2010, Romano Dal Forno, Veneto

Barbaresco Asili Riserva 2011, Bruno Giacosa, Piemonte

Barbaresco Sorì Tildin 2013, Gaja, Piemonte

Barolo 2012, Bartolo Mascarello, Piemonte

Bolgheri Superiore Grattamacco 2013, Grattamacco, Toscana

Brunello di Montalcino Madonna del Piano 2010, Valdicava, Toscana

Brunello di Montalcino Riserva 2010, Capanna, Toscana

Brunello di Montalcino Riserva 2010, Caprili, Toscana

Brunello di Montalcino Ugolaia 2010, Lisini, Toscana

Brunello di Montalcino Vigna di Pianrosso Santa Caterina d’Oro Riserva 2010, Ciacci Piccolomini d’Aragona, Toscana

Chianti Classico Gran Selezione Castello di Fonterutoli 2012, Castello di Fonterutoli, Toscana

Chianti Classico Gran Selezione Sergio Zingarelli 2012, Rocca delle Macìe, Toscana

Chianti Classico Riserva 2013, Val delle Corti, Toscana

Contea di Sclafani Rosso del Conte 2012, Tasca d’Almerita, Sicilia

Costabate 2010, Uccelliera, Toscana

Cupo 2013, Pietracupa, Campania

Etna Rosso Zottorinoto Riserva 2012, Cottanera, Sicilia

Faro Palari 2011, Palari, Sicilia

FCO Merlot Filip 2012, Miani, Friuli Venezia Giulia

Gioia del Colle Primitivo Riserva 2011, Chiaromonte, Puglia

Masseto 2013, Tenuta dell’Ornellaia, Toscana

Montepulciano d’Abruzzo 2012, Valentini, Abruzzo

Recioto della Valpolicella 2004, Giuseppe Quintarelli, Veneto

Ribolla Gialla 2008, Gravner, Friuli Venezia Giulia

San Leonardo 2011, San Leonardo, Trentino

Solaia 2013, Antinori, Toscana

Solo MM12 2012, Vodopivec, Friuli Venezia Giulia

Tenores 2012, Dettori, Sardegna

Trentodoc Giulio Ferrari Riserva del Fondatore 2005, Cantine Ferrari, Trentino

Valtellina Superiore Sfursat 5 Stelle 2013, Nino Negri, Lombardia

Vino Nobile di Montepulciano Asinone 2012, Poliziano, Toscana

98/100

AA Terlano Nova Domus Riserva 2013, Cantina Terlano / Terlan, Alto Adige

Barbaresco Sorì San Lorenzo 2013, Gaja, Piemonte

Barolo Casa Mirafiore Riserva 2007, Fontanafredda, Piemonte

Barolo Ester Canale Rosso Poderi dell’Antica Vigna Rionda 2012, Giovanni Rosso, Piemonte

Bolgheri Sassicaia 2013, Tenuta San Guido, Toscana

Castelli di Jesi Verdicchio Riserva Classico Villa Bucci 2013, Bucci, Marche

Cervaro della Sala 2014, Castello della Sala, Umbria

Collio Friulano M 2015, Schiopetto, Friuli Venezia Giulia

Kupra 2013, Oasi degli Angeli, Marche

Ugo Contini Bonacossi 2013, Capezzana, Toscana

Vecchio Samperi, Marco De Bartoli, Sicilia

99/100

Barbaresco Crichet Pajé 2006, Roagna I Paglieri, Piemonte

Brunello di Montalcino Cerretalto 2010, Casanova di Neri, Toscana

Brunello di Montalcino Il Greppo Riserva 2010, Biondi Santi – Tenuta Il Greppo, Toscana

Chianti Classico Riserva 2013, Querciabella, Toscana

Taurasi Riserva 2007, Perillo, Campania

 

Aggiornamento , Premi speciali

Vino rosso dell’anno: Taurasi Riserva 2007, Perillo, Campania

Vino bianco dell’anno: Castelli di Jesi Verdicchio Riserva Classico Villa Bucci 2013, Bucci, Marche

Vino vivace dell’anno: Trentodoc Giulio Ferrari Riserva del Fondatore 2005, Cantine Ferrari, Trentino

Vino dolce dell’anno: Vecchio Samperi, Marco De Bartoli, Sicilia

Vino dal miglior rapporto qualità/prezzo: Tellus Syrah 2015, Falesco, Lazio

Premio qualità diffusa: Chianti Classico Gran Selezione Riserva Ducale Oro, Ruffino, Toscana

Azienda dell’anno: Cantina Terlano / Terlan, Alto Adige

Il produttore emergente: Vallepicciola, Toscana

Premio cooperazione: Cavit, Trentino

L’enologo dell’anno: Dottor Lorenzo Landi

Premio vitienologia compatibile: Professor Attilio Scienza

Andrea Gori

Quarta generazione della famiglia Gori – ristoratori in Firenze dal 1901 – è il primo a occuparsi seriamente di vino. Biologo, ricercatore e genetista, inizia gli studi da sommelier nel 2004. Gli serviranno 4 anni per diventare vice campione europeo. In pubblico nega, ma crede nella supremazia della Toscana sulle altre regioni del vino, pur avendo un debole per Borgogna e Champagne. Per tutti è “il sommelier informatico”.

70 Commenti

avatar

Tom

circa 1 anno fa - Link

Ci sarete dopodomani a Milano per la presentazione (e per numerose bevute agli stand)?

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 1 anno fa - Link

certo! o almeno ci sarò io, Fiorenzo deve ancora confermare...

Rispondi
avatar

Fiorenzo Sartore

circa 1 anno fa - Link

Per quanto mi riguarda purtroppo no, molteplici impegni di lavoro e famiglia.

Rispondi
avatar

mariazzo

circa 1 anno fa - Link

io, ovvero sig.nessuno, a milano ci sarò... ma è prevista bolgiona di gente? com'è il programma? c'è prima la presentazione e poi aprite le gabbie per assaltare i vini?

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 1 anno fa - Link

lo scorso anno ci fu molta gente, ce ne sarà abbastanza anche quest'anno ma non faremo entrare più di un tot di persone. Per evitare problemi all'ingresso ti consiglierei di usare la prevendita qui... http://www.theagency.it/guida-2017-doctorwine/

Rispondi
avatar

mariazzo

circa 1 anno fa - Link

sì sì già in possesso del biglietto :) la mia domanda era solo per capire se ci sarà da sgomitare per bere un unghia di biondi santi, grondando sangue e sudore ahahhaha

Rispondi
avatar

vinogodi

circa 1 anno fa - Link

... c'ho da esserci...

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 1 anno fa - Link

e vorrei vedere, scansafatiche che non sei altro

Rispondi
avatar

gp

circa 1 anno fa - Link

L'elenco dei vini che avete valutato 95/100 ne comprende 109, non 99. Dove sta l'errore? Comunque, con tutti i suoi limiti, la buona vecchia divisione per regione eviterebbe l'effetto "listone eterogeneo".

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 1 anno fa - Link

se la mettessimo per regione ci sarebbero le lamentele di chi dice "Ma per il Molise nulla?!?" ;-)

Rispondi
avatar

gp

circa 1 anno fa - Link

Simpatica battuta, ma a me una sequenza come questa (tratta da un elenco qui sopra) fa venire il mal di mare: Costa d’Amalfi Furore Bianco Fiorduva 2014, Marisa Cuomo, Campania Duemani 2013, Duemani, Toscana Etna Bianco Contrada Calderara 2014, Cottanera, Sicilia FCO Sauvignon Zuc di Volpe 2015, Volpe Pasini, Friuli Venezia Giulia Fontalloro 2013, Felsina, Toscana Franciacorta EBB Extra Brut 2011, Mosnel, Lombardia

Rispondi
avatar

landmax

circa 1 anno fa - Link

A parte i voti in sé (a mio parere insensati non solo e tanto in assoluto, ma soprattutto considerando che sono vini appena usciti sul mercato e quindi non ancora in grado di esprimere quella complessità e armonia che solo l'evoluzione sa dare), l'impressione, scorrendo la lista, è che il gusto della guida sia alquanto agée, premiando vini affermati da decenni, ma, molti di essi, dallo stile marcatamente internazionale. Cambio di stile in chi li produce o gusto del curatore settato sugli anni '90?

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 1 anno fa - Link

Io direi che c'è molta pigrizia da parte dei lettori o presunti tali! Nella lista sono presenti vini del tutto ignorati dalle altre guide e la percentuale di vini cosiddetti naturali è piuttosto alta accanto ad altri classici. In ogni caso vi inviterei, soprattutto nel caso di una guida essenziale, di aspettare di aver tra le mani la guida completa perchè la lista dei premiati è ancora meno indicativa in questo caso rispetto a chi recensisce 4000 aziende..

Rispondi
avatar

cernilli

circa 1 anno fa - Link

Se sono affermati da decenni magari sono buoni. O no?

Rispondi
avatar

landmax

circa 1 anno fa - Link

Forse è come dice lei. O forse è il gusto di chi li assaggia che non evolve. Ma a parte questa querelle (che penso interessi a pochi), a me interessava molto di più capire se c'è stato un cambiamento di stile in certi vini di stampo internazionale: il Cerretalto, ad esempio, o il Sorì San Lorenzo (tanto per non far nomi) sono i soliti noti o stanno in qualche modo cambiando stile anche loro e cioè virando verso una maggiore bevibilità e un uso meno "intensivo" dei legni?

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 1 anno fa - Link

Posso rispondere sul Cerretalto che ho assaggiato personalmente e direi che lo stile è il solito anche se rispetto a prima l'uso del legno è meno intenso. Anche il San Lorenzo credo si discosti poco dal "solito". Ma sono anche convinto che il pubblico che ama e continua a comprare questi vini non sarebbe disposto ad accettare cambiamenti troppo marcati di sensazioni.

Rispondi
avatar

landmax

circa 1 anno fa - Link

Grazie per la cortese risposta. Rimane per me (che, lo preciso a scanso di equivoci, sono un semplice appassionato) insanabilmente stridente vedere accostati a livello di punteggi il Greppo e il Cerretalto, il Crichet Pajé e il Sorì San Lorenzo (quest'ultimo con un punticino in meno, per la precisione). Va bene essere di larghe vedute, va bene non avere pregiudizi "ideologici", ma non posso credere, in coscienza, che bevitori "esperti" come voi possano apprezzare allo stesso modo (con lo stesso grado di "intima", vera soddisfazione) vini così stilisticamente agli antipodi. Il che, ai miei occhi, evidenzia un problema "critico" di fondo della guida (e mi scuso per la franchezza).

avatar

cernilli

circa 1 anno fa - Link

Riguardo all'uso intensivo del legno mi pare che in Italia siamo come sempre un po' precipitosi. Primo perché i vini vanno anche interpretati in prospettiva, e questo è il vero compito della critica. Secondo perché, e con questo rispondo anche alla sua seconda affermazione, proprio il saper valutare positivamente vini con diverse filosofie produttive fa parte del compito. A me piacciono i vini moderni di Laurent e quelli tradizionali di Rousseau, e potrei fare lo stesso discorso fra Roagna e Gaja a Barbaresco o fra Biondi Santi e Neri a Montalcino. Fa parte della maturità e della grandezza di una zona il saper esprimere produttori che la interpretano con personalità e in modo diverso. Io non devo proporre solo il mio gusto personale, ma capire, "criticare", il risultato finale secondo le premesse che ciascun produttore ha voluto scegliere per il proprio percorso d'interpretazione del territorio. Non è possibile amare Bach e Mozart allo stesso tempo? O Jimi Hendrix e i Beatles? O Gadda ed Hemingway?

Rispondi
avatar

landmax

circa 1 anno fa - Link

Grazie per la cortese risposta. Continuo tuttavia a mantenere molte perplessità sulla correttezza, e financo onestà intellettuale, del suo ragionamento. Per riprendere le sue parole, "A me piacciono i vini moderni di Laurent e quelli tradizionali di Rousseau": anche a me piacciono entrambi, ma non li metto sullo stesso piano qualitativo, è qui il punto! Un grande vino di Laurent non raggiungerà mai i vertici qualitativi di un grande vino di Rousseau (non parliamo poi di Leroy o DRC): gli mancherà sempre quella frazione di equilibrio, complessità, estro che solo i grandi vini possiedono. E' evidentemente giustissimo "saper valutare positivamente vini con diverse filosofie produttive", ci mancherebbe, si dia a Cesare quel che è di Cesare , ma proprio per questo non credo che, per tornare all'esempio di prima, una riserva Cerretalto potrà mai raggiungere la complessità, la profondità, l'armonia di una riserva del Greppo! Tra 20 anni sarebbe interessante fare la controprova, e penso nessuno avrebbe più dubbi. Ma questo, probabilmente, lo sa anche lei, e non tenerne conto è, per l'appunto, un errore di prospettiva critica. Mi pare invece che "l'ecumenismo" della guida tenda a strizzare l'occhio ad un pubblico internazionale, più che a valorizzare in modo criticamente maturo le vere eccellenze italiche (e mi scuso nuovamente per la franchezza). Poi, se vogliamo dire che gli Oasis sono come i Beatles, o che Salieri è come Mozart, facciamo pure.

avatar

Vignadelmar

circa 1 anno fa - Link

@ Landmax: a parte che non capisco cosa voglia dire gusto datato. Esiste anche un gusto moderno? Forse anche post moderno? Noi di Doctorwine giudichiamo i vini in maniera laica. Non dobbiamo caldeggiare alcuna "religione" enologica, non dobbiamo essere a favore o contro a chi usa le barrique, ad esempio. Ecco, questo si mi sembra un punto datato: stiamo ancora a parlare di barrique si o barrique no? Sull'universo vino, sui sitemi di coltivazione, sui pesticidi, sulla biodinamica, sul rame, sulla sostenibilità ambientale e su mille altri problemi da approfondire siamo ancora fermi alle barrique? Ad esempio i vini di Giacomo Neri a Montalcino sono radicalmente diversi da quelli di Biondi Santi. Basterebbe però visitarne i rispettivi vigneti, quelli del Cerretalto ad esempio, per capire che sarebbe impossibile produrre vini simili. Che sarebbe un abominio se per inseguire un presunto stile dominante in certa critica, si evitasse di far esprimere a quel vigneto tutte le caratteristiche e potenzialità che porta in dote. I brunelli a Montalcino sono tanti, diversissimi, per altitudine, esposizione, sottosuoli e così via. Ma così è anche in Borgogna, dove anche produttori confinanti realizzano vini diversissimi e dove nessuno si azzarderebbe mai ad imputare a chicchessia di proporre un vino diverso da quello del confinante..Certi ragionamenti mi sembra abbiano gradita cittadinanza da noi, guarda caso Paese di chiese e parrocchie, con ecclesiatici e parrocchiani a non finire. Il Cerretalto 2010 l'ho ribevuto 13 gg addietro. E' un vino incredibile, buonissimo, che farà parlare di se per decenni. Indiscutibilmente è un brunello. Questo conta. Con buona pace di certi parroci e certi parrocchiani.... . Ciao

Rispondi
avatar

landmax

circa 1 anno fa - Link

Grazie per l'attenzione. Un gusto datato è un gusto che non evolve, statico, incapace di crescere con l'affinamento del palato. Ecco cosa intendo per gusto agée, riferendomi alle "marmellatone" prive di dinamismo e bevibilità tanto amate (e premiate) dalla guida Gambero Rosso-Slow Food di fine anni '90. Penso che nessuno rimpianga più quel gusto, suppongo, nemmeno lei. Il Cerretalto 2010 lo proverò certamente se ne avrò la possibilità, ma mi lasci dubitare che potrà evolvere come una riserva del Greppo...

Rispondi
avatar

Vignadelmar

circa 1 anno fa - Link

Due domande, forse tre: 1) Perché il Cerretalto dovrebbe evolvere in maniera differente dal Biondi Santi? 2) Tutti i Biondi Santi evolvono alla stessa maniera? 3) Un eventuale evoluzione differente dal Biondi Santi evidentemente per te significa un minor valore del vino stesso. Perché? Questo per dire che due vini concettualmente diversi, pur se realizzati con del sangiovese, se evolvono in maniera diversa è assolutamente normale e non per questo uno dei due è minore dell'altro. . Ciao p.s. comunque prima bevi il Cerretalto, poi ne riparliamo ;-)

Rispondi
avatar

cernilli

circa 1 anno fa - Link

Magari è un gusto che non "decade" in affermazioni di principio che sanno tanto di preconcetti e di posizioni ideologiche.

Rispondi
avatar

Hamlet

circa 1 anno fa - Link

visto che fate parte della squadra di collaboratori, si potrebbe sapere quante copie sono state vendute negli anni passati della guida di Cernilli? Tanto, per sapere.

Rispondi
avatar

cernilli

circa 1 anno fa - Link

Il primo anni circa 7.000, il secondo quasi 10.000. Per il terzo pensiamo a 12-13 mila.

Rispondi
avatar

GIANNI

circa 1 anno fa - Link

QUESTI SONO VINI CHE PIACCIONO SOLO AI SIGNORI CERNILLI E GORI!! E' PALESE. SONO TUTTE SCELTE STUDIATE A TAVOLINO X COMPIACERE I SOLITI IGNOTI.NON SANNO CHE COSI FANNO SOLO DEL MALE AL MONDO DEL VINO .PERO' QUELLO VERO!!

Oh Gianni! E vacci piano dai. Come mai non sei ottimista? Suvvia diamoci una regolata (anche col capslock) :D [F.]

Rispondi
avatar

cernilli

circa 1 anno fa - Link

E' Palese come l'aeroporto di Bari. Ma su, non diciamo cose assurde e a voce alta, poi. Ci sono ben altri problemi nella vita, non se la prenda solo perché c'è chi non la pensa come lei.

Rispondi
avatar

GIANNI

circa 1 anno fa - Link

INOLTRE CI SONO PROPRIO TUTTI I VINI CHE PREMIAVA IL GAMBERO ROSSO NEGLI ANNI 90!! UNA GUIDA COSI LA PUO' FARE CHIUNQUE.TUTTI VINI IMPRENDITORIALI CON A FIANCO QUALCHE NUOVA REALTA' CHE FA DA SPECCHIETTO DELLE ALLODOLE..

Vale quanto detto prima: niente maiuscolo (capslock) ma soprattutto un po' di relax, grazie. F.

Rispondi
avatar

cernilli

circa 1 anno fa - Link

E anche questo non è vero. Basta riguardare gli elenchi dell'epoca. Ma si fa troppa fatica a controllare forse.

Rispondi
avatar

GiovanniP

circa 1 anno fa - Link

Ho dato una rapida occhiata e ho l'impressione che la lista sia incompleta, non vedo i 97 punti.

errore di stumpa, reinseriti. [F.]

Rispondi
avatar

cernilli

circa 1 anno fa - Link

Glieli rimetto. 97/100 AA Terlano I (Primo) Grande Cuvée 2013, Cantina Terlano / Terlan, Alto Adige Amarone della Valpolicella Classico 2008, Bertani, Veneto Amarone della Valpolicella Vigneto di Monte Lodoletta 2010, Romano Dal Forno, Veneto Barbaresco Asili Riserva 2011, Bruno Giacosa, Piemonte Barbaresco Sorì Tildin 2013, Gaja, Piemonte Barolo 2012, Bartolo Mascarello, Piemonte Bolgheri Superiore Grattamacco 2013, Grattamacco, Toscana Brunello di Montalcino Madonna del Piano 2010, Valdicava, Toscana Brunello di Montalcino Riserva 2010, Capanna, Toscana Brunello di Montalcino Riserva 2010, Caprili, Toscana Brunello di Montalcino Ugolaia 2010, Lisini, Toscana Brunello di Montalcino Vigna di Pianrosso Santa Caterina d’Oro Riserva 2010, Ciacci Piccolomini d’Aragona, Toscana Chianti Classico Gran Selezione Castello di Fonterutoli 2012, Castello di Fonterutoli, Toscana Chianti Classico Gran Selezione Sergio Zingarelli 2012, Rocca delle Macìe, Toscana Chianti Classico Riserva 2013, Val delle Corti, Toscana Contea di Sclafani Rosso del Conte 2012, Tasca d’Almerita, Sicilia Costabate 2010, Uccelliera, Toscana Cupo 2013, Pietracupa, Campania Etna Rosso Zottorinoto Riserva 2012, Cottanera, Sicilia Faro Palari 2011, Palari, Sicilia FCO Merlot Filip 2012, Miani, Friuli Venezia Giulia Gioia del Colle Primitivo Riserva 2011, Chiaromonte, Puglia Masseto 2013, Tenuta dell’Ornellaia, Toscana Montepulciano d’Abruzzo 2012, Valentini, Abruzzo Recioto della Valpolicella 2004, Giuseppe Quintarelli, Veneto Ribolla Gialla 2008, Gravner, Friuli Venezia Giulia San Leonardo 2011, San Leonardo, Trentino Solaia 2013, Antinori, Toscana Solo MM12 2012, Vodopivec, Friuli Venezia Giulia Tenores 2012, Dettori, Sardegna Trentodoc Giulio Ferrari Riserva del Fondatore 2005, Cantine Ferrari, Trentino Valtellina Superiore Sfursat 5 Stelle 2013, Nino Negri, Lombardia Vino Nobile di Montepulciano Asinone 2012, Poliziano, Toscana

Rispondi
avatar

Nicola

circa 1 anno fa - Link

Che differenza c'è tra un vino da 98 e uno di 99?

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 1 anno fa - Link

è sottile ma si può distinguere. In una scala centesimale i punteggi più in alto si va più si restingono. tra un 99 e un 98 c'è la differenza (quasi) tra un 85 e un 80. Ma solo assaggiandoli a breve distanza si può apprezzarla

Rispondi
avatar

Adriano Aiello

circa 1 anno fa - Link

Non ci sono vini con 100/100, guida fallimentare:)

Rispondi
avatar

cernilli

circa 1 anno fa - Link

Ha proprio ragione...

Rispondi
avatar

Denis Mazzucato

circa 1 anno fa - Link

@landmax al netto delle critiche nel merito delle quali non entro, dare punteggi simili a vini stilisticamente agli antipodi è invece indice di apertura mentale e di professionalità. L'intima soddisfazione quando si dà un voto per una guida dove i vini sono per forza comparati uno all'altro deve starsene in un cantuccio. Poi magari un vino che ha preso 99 punti non entrerà mai nella cantina di chi glie li ha dati perché preferisce bere altro. Va bene così. E' giusto così.

Rispondi
avatar

landmax

circa 1 anno fa - Link

Condivido la prima parte, meno la seconda. Che dare punteggi simili a vini stilisticamente agli antipodi sia indice di apertura mentale e di professionalità mi pare assolutamente condivisibile. Meno che "magari un vino che ha preso 99 punti non entrerà mai nella cantina di chi glie li ha dati perché preferisce bere altro". Un vino da 99 punti, secondo il mio punto di vista, è un vino pressoché ideale, è impensabile che un critico possa dare punteggi simili senza un apprezzamento anche emotivo, senza un "intimo convincimento" (dove parte razionale e irrazionale collimano) sul vino in questione. Che l'intima soddisfazione debba stare in un cantuccio nella valutazione critica di un vino è in linea di principio affermazione corretta, non però su vini cui si pretenda di attribuire gli attributi di una qualità ideale.

Rispondi
avatar

cernilli

circa 1 anno fa - Link

Ma infatti i vini ai quali abbiamo assegnato 99 punti sono tutti nella mia cantina e li berrei sempre molto volentieri, potendolo fare. Purtroppo uso acquistarli e non mi posso permettere si spendere spesso cifre importanti.

Rispondi
avatar

alfio

circa 1 anno fa - Link

Le guide sono fatte per far risparmiare gli appassionati, perché spendere 200 euro per un amarone , quando con 20 puoi comprare un rosso piceno di pari valore....

Rispondi
avatar

Denis Mazzucato

circa 1 anno fa - Link

Perché non sono lo stesso vino? Ci sta che uno voglia semplicemente un buon rosso e se ne freghi di tutto il resto, e quindi cerchi il miglior rosso per il proprio budget dal friuli alla sicilia, ma in genere un appassionato che vuole bere amarone, piuttosto ne cerca uno che vada bene per le proprie tasche, non lo sostituisce con un rosso qualunque.

Rispondi
avatar

cernilli

circa 1 anno fa - Link

I suoi commenti sprizzano saggezza da tutti i pori. Sono d'accordissimo con tutto quello che ha scritto.

Rispondi
avatar

alfio

circa 1 anno fa - Link

Ho come l'impressione che tu non abbia colto l'ironia...96/100 ad un vino insignificante e tra l'altro premiato tutti gli anni qualche dubbio dovrebbe instillarlo..

Rispondi
avatar

cernilli

circa 1 anno fa - Link

Il vino insignificante sarebbe il Rosso Piceno Superiore Roggio del Filare 2013 dell'azienda Velenosi. E' tanto insignificante che è stato premiato da molte guide e pubblicazioni, anche internazionali, e che è un indiscutibile successo anche presso il pubblico dei consumatori, visto che se ne vendono in un soffio più di 50 mila bottiglie. Poi ognuno può dire ciò che vuole, ma anche che insignificante rischia di essere il parere di Alfio, nel senso che lascia il tempo che trova e rappresenta solo una controtendenza. E io non sono ironico, guarda un po'.

Rispondi
avatar

cernilli

circa 1 anno fa - Link

Poi è in degustazione domani a Milano. Chi va può assaggiarlo e dare un parere.

avatar

alfio

circa 1 anno fa - Link

Non mancherò di assaggiarlo, domani le saprò dire se ha più ragione lei o Raspelli.

Rispondi
avatar

cernilli

circa 1 anno fa - Link

Raspelli ha sempre dichiarato di non capir nulla di vino. Non so cosa abbia detto o scritto, ma quel fatto è agli atti.

Rispondi
avatar

cernilli

circa 1 anno fa - Link

E' peraltro uno straordinario critico di ristoranti e un ottimo conoscitore di prodotti alimentari.

Rispondi
avatar

Nicola

circa 1 anno fa - Link

Personalissimo parere. Con la storia dei punteggi, grappoli, bicchieri, bottiglie, stelle e stelline, mi sembra di rivedere Johnathan Evans Prichard, Professore Emerito e il suo grafico su come misurare la poesia.

Rispondi
avatar

Fiorenzo Sartore

circa 1 anno fa - Link

Però restando in tema alla fine Keating l'hanno licenziato...

Rispondi
avatar

Nicola

circa 1 anno fa - Link

Vero, Keating è stato licenziato ma i suoi alunni l'hanno salutato stando in piedi sui banchi. Le teorie su come valutare la poesia del professor Prichard sono finite in bagno. Veda Lei Sig. Sartore se preferisce ergersi su un tavolo e non uniformarsi, oppure continuare a fare grafici su come misurare la poesia.

Rispondi
avatar

cernilli

circa 1 anno fa - Link

Però da che mondo è mondo si "misurano" con i voti anche gli studenti in tutte le classi del mondo. Perciò, secondo lei, ciò che va bene per degli esseri umani non va invece bene per dei vini? E che dire delle valutazioni di libri, film, ristoranti e persino calciatori che appaiono sui quotidiani di tutto il mondo e sul web? Certo che misurare la qualità in parte è una contraddizione, ma a volte certe forzature aiutano a capire. A scuola prendere 6 o 7, o 4, è immediatamente comprensibile. Poi si va nello specifico e si articolano i giudizi. Se questa seconda parte non ci fosse sarei d'accordo con lei, Nicola, ma c'è, ed è pure molto più vasta della semplice valutazione numerica.

Rispondi
avatar

Fiorenzo Sartore

circa 1 anno fa - Link

Allora, premesso che questa specie di metafora laterale su L'attimo fuggente mi piace molto (il film l'abbiamo visto quasi tutti), diciamo anche che quel tipo di stile educativo venne severamente criticato (fuori e dentro la metafora) da molti insegnanti, a quel tempo. Ricordo molto bene le polemiche successive - e per la verità ero mezzo deluso, perché anche io facevo il tifo per Keating ma in effetti gli elementi, per così dire, fattuali formulati come critica al personaggio-insegnante erano molto credibili. Per non dire della generazione di quelli che erano sui banchi: in sostanza il film annunciava l'avvento di una generazione che alla fine degli anni 60 avrebbe avviato da un lato la rivoluzione kennediana, purtroppo fallita, e da un altro avrebbe aperto a Reagan, il neoliberismo, il caos odierno. Ole', spero che il volo pindarico OT sia piaciuto.

In breve: le cose sono un po' piu' complesse.

Rispondi
avatar

Enrico Nieri

circa 1 anno fa - Link

Buongiorno, secondo il mio punto di vista la questione è molto semplice. Sono un appassionato da molti anni, ho comprato, compro e comprerò le guide con lo scopo di avere delle indicazioni. Che le indicazioni siano soggettive va da se, anche se espresse da persone esperte e competenti che cercano di renderle più oggettive possibili. Uso le guide per avere dei suggerimenti e non mi sembra un grosso problema se un vino per il Dott. Cernilli vale 99 e per me 95 o101...sempre di un grande vino stiamo parlando. Poi posso preferire vini verticali a vini piu estratti, dipende dai periodi. E mi orienterò di conseguenza. Semplicemente cerco di adeguare le indicazioni al mio gusto.Questo per dire che non penso che i curatori delle guide pretendano di farmi comprare Biondi Santi piuttosto che Cerretalto,men che meno il Dott. Cernilli. Semplicemente mi stanno dicendo che questi due vini in questo millesimo sono splendidi. Poi che a me piaccia più uno dell'altro è naturale, altrimenti avrei il palato dell Dottore. Enrico

Rispondi
avatar

cernilli

circa 1 anno fa - Link

D'accordissimo

Rispondi
avatar

erique

circa 1 anno fa - Link

che modo curioso, e mi riferisco agli attacchi feroci di cui sopra, di valutare una guida che neanche è ancora in libreria. il bello delle diverse guide - ed avere almeno tre di qualità in italia è sintomo, credo, o spero, di una buona vitalità della nostra critica enologica - è proprio poterle incrociarle, valutare lo scarto tra i propri gusti, quelli dei recensori e il raffronto con gli stili produttivi che, come in tutti gli ambiti, cambiano col tempo. se a queste recensioni si aggiungono anche "penne" di valore, e autori come cernilli, rizzari e altri (firme di intravino incluse) sono godibili nella lettura anche per questo, ecco spiegato il senso ultimo di una guida. a metà tra critica, giornalismo e, perchè no, letteratura, raccontano da un punto di vista un pezzo del nostro paese. e se il vino che proprio si ama, in quelle schede non c'è, stì cazzi, tanto lo si ama già...

Rispondi
avatar

cernilli

circa 1 anno fa - Link

Complimenti. Questo è un post lucido e condivisibilissimo per quanto mi riguarda.

Rispondi
avatar

landmax

circa 1 anno fa - Link

Tre guide di qualità in Italia??? Ma magari!! L'unica che aveva un profilo critico ha chiuso i battenti, ahimè... io mi accontenterei di averne due come in Francia la guide vert e Bettane+Desseauve.

Rispondi
avatar

alfio

circa 1 anno fa - Link

Dopo aver degustato il vino in questione mi son posto due quesiti : mi avranno burlato versandomi un bel merlottone californiano o che di vino non ci capisco nulla, chissà.

Rispondi
avatar

cernilli

circa 1 anno fa - Link

Non distinguere un Montepulciano da un Merlot farebbe propendere per la seconda ipotesi. Chissà? Ma poi tutti i pareri sono rispettabili, ci mancherebbe altro.

Rispondi
avatar

Roberto Dal Ponte

circa 1 anno fa - Link

Oh rega' che palle. Rompevo io (insieme a nutrita compagnia) i maroni a Cernilli dieci anni orsono sul Gambero. Poi forse la pace mi ha colto. Del Cerretalto di Neri se ne parla da secoli, così come della scontrosita' dei Biondi Santi (cambiate latitudine è diventa un vino imbevibile), l'orchite Cernilli sa come curarla, io credo che oggi il problema vero nel mondo del vino sia un altro. Ovvero il fatto che i discrimine qualitativo non sia il gusto e l'olfatto dello stesso ma altro.

Rispondi
avatar

alfio

circa 1 anno fa - Link

Diciamo pure che la forbice tra un punteggio dato da fattori oggettivi e soggettivi di solito può esser figlia o di ignoranza o di [boing! edit] vario.

oh no, eravamo arrivati fin qui evitando commenti gentisti su nefandezze e complotti - era durata troppo a lungo. va be'. [F.]

Rispondi
avatar

mariazzo

circa 1 anno fa - Link

A distanza di 2 giorni e a mente "lucida", penso di poter dare un giudizio sulla manifestazione. Al di là dei commenti sui voti, devo dire che è stata un esperienza magnifica e al tempo stesso devastante. Magnifica perchè, per un amatore come me del mondo enoico, hai la possibilità in un colpo solo di assaggiare nomi che probabilmente ti ricapiterà raramente di riassaggiare. Devastante, perchè non sai da che parte cominciare l'assaggio. :D L'unica nota negativa però è che alcune bottiglie assaggiate tipo Biondi Santi e Riserva, stappate mezz'ora prima (quando il patron del Greppo suggerisce 8 ore per l'annata e 24 per il riserva), erano pressochè "imbevibili". Avendo avuto la fortuna di poter assaggiare le stesse bottiglie in condizioni ottimali, beh non esprimevano al meglio il proprio carattere. Nel cuore mi sono rimasti Messorio di Le Macchiole, Beyond the clouds di Elena Walsh, Ograde di Skerk, Ben Rye di Donnafugata e Amarone Gioè di Santa Sofia.

Rispondi
avatar

cernilli

circa 1 anno fa - Link

Grazie, noi ce l'abbiamo messa tutta anche in fase organizzativa e abbiamo avuto più di 900 presenze alla fine. Ringrazio anche Intravino, l'ho anche fatto pubblicamente, per il fair play dimostrato nel dare notizia della manifestazione e per aver dato ai suoi lettori l'occasione per discuterne.

Rispondi
avatar

Tom

circa 1 anno fa - Link

Messorio (stupefacente), ES, Sorì San Lorenzo, Sassicaia (una bottiglia assaltata da un'orda famelica), Flaccianello, Bucci Riserva, Ben Rye e molti altri .... che gran pomeriggio! Io - da perfetto ignorante - ho molto apprezzato questo evento, perché mi ha dato l'opportunità di assaggiare tante eccellenze diverse contemporaneamente. Commerciale? Anni '90? embé? Sono o non sono vini eccezionali? Comunque gli onestissimi 15 Euro della giornata sarebbero valsi per il solo fatto che un'affascinante Cristiana Lauro mi ha versato personalmente mezzo litro di Etna Rosso nel bicchiere ...

Rispondi
avatar

mariazzo

circa 1 anno fa - Link

Ma infatti!!! ad averne di eventi così e a questo prezzo! Anni 90 o meno, se un vino è top, è top. Non capisco anche le polemiche sul fatto che su alcuni vini non c'è evoluzione sullo stile... Che evoluzione deve fare un produttore su un vino che ha trovato il suo carattere,la sua storia, il suo stile? Quando lo riconosci a distanza (e a occhi chiusi) che stai bevendo un Tale dei Tali, ha vinto. Non deve cambiare una virgola... tanto a quello ci pensa la natura e le annate. Ma forse non capisco io :)

Rispondi
avatar

cernilli

circa 1 anno fa - Link

Secondo me lei capisce benissimo. le assicuro.

Rispondi
avatar

amedeo

circa 1 anno fa - Link

Forse qualcuno è in cerca di un Sassigaja (che però, purtroppo, non esiste)

Rispondi
avatar

cernilli

circa 1 anno fa - Link

Le racconto un aneddoto. Molti anni fa, almeno venticinque, ero a cena da Checchino a Roma con Angelo Gaja e altri suoi ospiti. A un certo punto lui volle aprire una bottiglia di Sassicaia 1988, appena uscito. Era splendido. Allora Gaja prese la bottiglia ormai vuota e a penna cambiò il nome in "Sassigaja", dicendo che sarebbe stato felice di averlo prodotto lui quel vino. Il che significa che da qualche parte una bottiglia vuota di Sassigaja potrebbe anche esistere...

Rispondi
avatar

sergio

circa 1 anno fa - Link

C'è qualcuno, che non sia tra gli interessati, che sappia spiegare perché le guide(non solo questa) scelgono, tra i collaboratori dei redattori di blog enogastronomici?

Rispondi
avatar

cernilli

circa 1 anno fa - Link

Ma perché, quale oscura controindicazione ci troverebbe? Gori e Sartore, nella fattispecie, sono persone di estrema competenza. A chi se non a persone del genere si dovrebbe affidare la responsabilità di zone o la partecipazione a panel di degustatori? Ce ne sono altri in gruppo. La Amodio collabora con Pignataro, la Giannotti ha il suo blog vino.tv e poi c'è tutto il gruppo del mio sito che non nomino qui per non farmi pubblicità. Forse i sistemi integrati, web + cartaceo sono quelli che funzionano, e perciò anche chi lavora prevalentemente sul web può ogni tanto, e deve direi, fare una capatina altrove.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.