Tre aziende italiane di cui vorrei tutte le bottiglie. Queste le mie, poi tocca a voi

Tre aziende italiane di cui vorrei tutte le bottiglie. Queste le mie, poi tocca a voi

di Alessandro Morichetti

Un tempo li chiamavano Forum ed erano quei post a domanda aperta su un tema, poi sono arrivati i social a spazzare quasi completamente l’interazione sui blog MA il periodo è fecondo, l’aria è cambiata e il traffico su Intra non manca mai. Nei momenti bui ragiono per estremi e uno dei miei ultimi dilemmi (mi pare una sera in cui: in frigo non avevo bolle, il bianco era caldo, il rosso era tappato) è infatti stato: “Dovessi scegliere SOLO TRE aziende italiane di cui poter consumare privatamente tutta la produzione, quali menzioneresti?“.

Ci ho pensato molto per una equa distribuzione tra bolle, bianche e rossi (NB: per una volta dimentico la mia vita di commerciante quindi vale tutto!). Tre aziende sole, dover bere solo quelle per tutte le stagioni e i momenti del giorno, dall’aperitivo in spiaggia al camino vista baita vista fidanzata. A ben pensarci, mica facile.

Siete pronti? Comincio io, poi tocca a voi.

1) Montevertine. Il mito. Il Chianti Classico, la Toscana, il sangiovese e gli uomini che lo hanno reso qualcosa di epico. Sergio Manetti (oggi il figlio Martino), il cantiniere Bruno Bini, poi Giulio Gambelli il mahatma, la grande anima di Poggibonsi, il custode più autentico di certo modo di fare vino. Generalmente adoro i vini di Montevertine per quel tocco felpato, nobile, danzante e squisito. Pian del Ciampolo, Montevertine e Le Pergole Torte sono mie etichette del cuore e quando ne leggo difficilmente ordino altro. Coup de coeur.

2) Pietracupa. Ci vuole il bianco, dovrebbe essere Verdicchio ma nel mondo che vorrei anche l’Irpinia sarebbe nel Regno dei cieli del vino. Sabino Loffredo ha quella faccia da serial killer chirurgico, metodico, che non lascia nulla al caso, e di bianchi ne produce ben due, sia Greco di Tufo che Fiano di Avellino, per non parlare poi di queste riserve specialissime di cui ho praticamente solo sentito parlare. E per non dire poi di un Taurasi che conosco solo nella versione 2010 e che ha praticamente rincretinito tutta la tavolata con cui l’ho bevuto, speziato, boschivo, saettante, succosissimo. Insomma, tre e più al prezzo di uno, un must.

3) Ca’ dei Zago. Un cavallo di battaglia, il nome nuovo del Prosecco, se ne parla già abbastanza ma non ancora quanto si dovrebbe. Il dott. enologo Christian Zanatta è il San Francesco di Valdobbiadene, e come ai tempi del Francesco vero gli viene detto a mo’ di critica. Fa un vino, un Prosecco col fondo, cioè rifermentato in bottiglia e senza sboccatura, zero zucchero residuo, bassissimi solfiti (indicati nella retro). È il vino che devo necessariamente avere in frigo tutto l’anno: equilibrio perfetto sulla tenerezza della glera e dei suoi fratelli, 10,5% gradi di piacere semplice, l’ombra che torna al suo posto. Prima del ponte di novembre me ne sono auto-fatturata una cassa per consumo personale. Massima stima, la meglio gioventù del vino italiano.

Queste le mie tre scelte privilegiate. Vi ho lasciato entrare nella mia riserva segreta, ora però tocca a voi o non siamo più amici. Nomi e motivazione.

[Foto]

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

95 Commenti

avatar

Cristiana Lauro

circa 3 anni fa - Link

Terlano, Montevertine, Valentini

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 3 anni fa - Link

Sacrificherei Terlano per mettere una gamma di Lambrusco buono, per il resto la gamma abruzzese bianco-rosa-rosso completa a perfezione il tutto, ottime scelte, saggia lei :-)

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 3 anni fa - Link

La tua abitudine al sacrificio si evince dalla scelta di mettere un prosecco sul podio. Terlano è indubitabilmente una cantina molto rappresentativa per l'Italia. Dovendo sceglierne tre non tocco le mie. Metto anno alle tue però😃 e dico: fuori prosecco e dentro Lambrusco. Medici. Tiè!

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 3 anni fa - Link

Metto mano, non anno 😡

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 3 anni fa - Link

Allora Vittorio Graziano così Medici se inca**a :-)

Rispondi
avatar

Lanegano

circa 3 anni fa - Link

Cappellano, Valentini, Gravner. Ale'.

Rispondi
avatar

G. Fon

circa 3 anni fa - Link

Beppe Rinaldi, La Distesa, Camillo Donati

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 3 anni fa - Link

Nulla da aggiugnere! Ci starebbero alla grande, visto che poi il Camillo di frizzanti multicolor ne ha in quantità e che sarebbe completissima anche la gamma rossa.

Rispondi
avatar

Paola

circa 3 anni fa - Link

Miani, Conterno, Terlano

Rispondi
avatar

Pietro

circa 3 anni fa - Link

Radikon, Pepe, Rinaldi

Rispondi
avatar

Fabio G.

circa 3 anni fa - Link

Valentini per i momenti forti, Collestefano per i momenti leggeri, i Franciacorta di Arici per tutto il resto

Rispondi
avatar

Piero

circa 3 anni fa - Link

Montevertine, Beppe Rinaldi, Arpepe

Rispondi
avatar

Matteo

circa 3 anni fa - Link

Barraco, Collecapretta, Pisoni.

Rispondi
avatar

Federico

circa 3 anni fa - Link

Gradizzolo - Ognibene: perchè è di casa mia, perchè le bolle rifermentate in bottiglia ci piacciono tanto anche a noi qui in Emila da sempre, perchè fa anche dei rossi (negrettino e barbera) niente male e così da solo riesce a rallegrare molte mangiate in stagioni diverse. Imbattibile per la sete quotidiana. Ferrari: sarà banale, ma lo dicevo che le bolle ci piacciono, e durante l'anno di occasioni da festeggiare con un Giulio ce ne sono tante e vanno onorate. Tenuta San Guido: perchè come dicevo sono banale, ma se devo sparare, sparo alto e quel paio di volte che me ne sono bevuta una boccia non sono bastate, ho decisamente bisogno di più pratica.

Rispondi
avatar

nicola mazzella

circa 3 anni fa - Link

Giulio Ferrari da aprile a settembre , Bartolo Mascarello da novembre a a marzo e Tauma quando mi gira e sono anche abbastanza sicuro di finirlo tutto sa solo e sanza aiuto.

Rispondi
avatar

elle

circa 3 anni fa - Link

per amore del gioco, direi che per bianchi e bolle metterei l'istituto agrario di san Michele all'adige. per i rossi resto in montagna e accendo Ottin (che anche in bianco dice la sua a dire il vero, ma bere solo petite arvine mi diventa ripetitivo) ciao

Rispondi
avatar

Bern

circa 3 anni fa - Link

Valentini, Giacomo Conterno, Biondi Santi... scontato? Si, sono scontato!

Rispondi
avatar

Giampiero

circa 3 anni fa - Link

Valentini, Dettori, Massavecchia, Marko Fon.

Ah già, tre...

... allora pure Collecapretta.

Rispondi
avatar

vinogodi

circa 3 anni fa - Link

...solo per oggi:
- Bucci
- Roagna
- Miani

... domani si vedrà , ma penso sarà:
- Valentini (Francesco)
- Conterno (Roberto)
- Mascarello (Mauro)

... e perdonate se di bolle non ne metto , ma se dovessi proprio metterne italiane sotto tortura , quelle di Frozza o Lini 910 (sia bianche che rosse)...

Rispondi
avatar

Manilo

circa 3 anni fa - Link

Boca Le Piane, Villa Diamante, Garofoli.

Rispondi
avatar

Marco Bianchini

circa 3 anni fa - Link

Fenech: Fa buoni anche i capperi.
Castel Juval: Anche "solo" per il Riesling.
Giacomo Fenocchio: Perchè ho appena bevuto il suo nebbiolo.

E tanto per non rispettare le regole aggiungo Capovilla, così, perchè l'inverno si avvicina..

Rispondi
avatar

Marco

circa 3 anni fa - Link

Valentini
Radikon
Barraco

Rispondi
avatar

Carlo

circa 3 anni fa - Link

San Giusto a Rentennano, La Castellada e San Lorenzo (Delle Marche)

Rispondi
avatar

amedeo

circa 3 anni fa - Link

Torre dei Beati l'intera batteria (trebbiano/pecorino/cerasuolo/montepulciano). L' Abruzzo è la mia seconda casa, e Fausto Albanesi un gran signore del vino. Chiara Boschis quando voglio godermi un momento particolare. Manincor, sempre e ovunque.

Rispondi
avatar

andrea

circa 3 anni fa - Link

Domaine de l'Horizon, Edmond Vatan, Benoit Lahaye Ah! Italiani? :-) Bucci, Corte sant'Alda, Benoit Lahaye (non ce la posso fare...)

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 3 anni fa - Link

Esco dalla mia regione:
Poderi Colla - Piemonte
Camossi - Franciacorta
Maccone - Puglia

Perché? Perché sono fra le ultime produzioni vinicole da me assaggiate, quindi me le ricordo meglio.

Rispondi
avatar

Simone

circa 3 anni fa - Link

Bressan, occhipinti, emidio pepe

Rispondi
avatar

Alessandro Marzocchi

circa 3 anni fa - Link

Bartolo Mascarello (per l'inverno e le grandi occasioni), Camillo Donati (per la sete), Pietracupa (per organizzare delle verticali di Fiano e stupire tutti i presenti)

Rispondi
avatar

Vignadelmar

circa 3 anni fa - Link

Mi accontento di tutta la produzione di Oasi degli Angeli, a patto che siano inseriti anche quei vini che fa solo per autoconsumo.....
.
Ma se proprio devono essere tre aggiungo Bucci e Gianfranco Fino
.
Ciao

Rispondi
avatar

Ruggero Romani

circa 3 anni fa - Link

e Giove Tonante?

Rispondi
avatar

Vignadelmar

circa 3 anni fa - Link

Sono umile, non arrivo a pretendere di bermi tutta la produzione di Dio.

Rispondi
avatar

MG

circa 3 anni fa - Link

GB Burlotto, Monteraponi, Valentini

Rispondi
avatar

Denis Mazzucato

circa 3 anni fa - Link

Ettore Germano (Riesling e Barolo in una botta sola)
Valentini (idem Trebbiano e Montepulciano)
Fattoria Zerbina (perché oltre ad un buon sangiovese prima o poi viene voglia di un gran passito!)

Rispondi
avatar

Valerio

circa 3 anni fa - Link

Collecapretta
Andrea Tirelli
Orgosa

Per cominciare...

Rispondi
avatar

Vittorio Cavaliere

circa 3 anni fa - Link

1 Montevertine
2 San Giusto a Rentennano
3 Elio Altare
un filino meno e per timore di apparire fazioso Chiaromonte e amareggiato per aver retrocesso Pietracupa , non bevo prosecco .

Rispondi
avatar

Andregolf

circa 3 anni fa - Link

Nessuno ha messo qullo che, a mio modesto parere, è il miglior produttore in assoluto... ''tante'' etichette e non sbaglia un colpo! Mister Bruno GIACOSA. Chiudo la mia personale lista con MONTEVERTINE e JAQUESSON! un saluto atutti!

Rispondi
avatar

Andregolf

circa 3 anni fa - Link

non avevo letto italiane.... : ( cambio JAQUESSON con HADERBURG

Rispondi
avatar

Fabio Panci

circa 3 anni fa - Link

Paltrinieri, Baglio del Cristo di Campobello, Pian dell'Orino... Così di getto, senza stare a pensarci tanto sopra...

Rispondi
avatar

Vinocondiviso

circa 3 anni fa - Link

Valentini: perchè così ho bianco, rosso e rosato
Boncompagni Ludovisi: se posso tornare indietro nel tempo
Testalonga (Nino Perrino): un'emozione senza prezzo

Rispondi
avatar

Andrea egy

circa 3 anni fa - Link

io in terra di lambruschi dico Fondo Bozzole(bianco,rosa,rosso) Eredi Cobelli Aldo(bianco,rosso,bolle) Barraco(bianchi,rossi e ora anche bolla assaggiata e comprata a Fornovo)

Rispondi
avatar

Giuseppe

circa 3 anni fa - Link

Ciro Picariello
Elena Fucci
Quintodecimo

Rispondi
avatar

Giuseppe

circa 3 anni fa - Link

Brezzza,Niedrist,Costa Archi.

Rispondi
avatar

marcovena

circa 3 anni fa - Link

De Batté per i bianchi ( se ne parla sempre troppo poco...meglio ci sono più bottiglie per me...trovarle è già un miracolo!). Luigi Tecce e i suoi rossi romanzeschi Poliphemo e Satyricon. Le bolle mai stanche di Matteo Furlan

Rispondi
avatar

Enzo

circa 3 anni fa - Link

Bellavista per le bolle,Pietracupa per i bianchi,Luigi Tecce i rossi,.....prosit!!

Rispondi
avatar

Enzo

circa 3 anni fa - Link

.....non me ne voglia Perillo.

Rispondi
avatar

sergio

circa 3 anni fa - Link

Caprai, Montefalco (PG). Torrevento, Corato (BA). Librandi, Cirò (KR).

Rispondi
avatar

Andrea07

circa 3 anni fa - Link

Io dico

•Cantina della Volta
•Tenuta di Trinoro
•Terlano

Rispondi
avatar

Gaetano

circa 3 anni fa - Link

Gaja
Conti Costanti
Quintodecimo

Rispondi
avatar

Zuk

circa 3 anni fa - Link

Garlider, Bonavita, Principiano

Rispondi
avatar

Stefano De Santis

circa 3 anni fa - Link

De Bartoli
Pojer & Sandri oppure Unterortl
Le Piane

Rispondi
avatar

Giacomo

circa 3 anni fa - Link

Foradori, Badia a Coltibuono,Occhipinti........che ne dici?

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 3 anni fa - Link

Che ti mancano un po' di bollicine :-) Per il resto, specie sui rossi nord/centro/sud sei foderato ahah

Rispondi
avatar

VinidiSicilia

circa 3 anni fa - Link

1) Tutti gli Etna di Salvo Foti (I Vigneri e dintorni) 2) Cantina Marilina 3) Marilena Barbera e Passopisciaro, Marco De Bartoli, Nino Barraco, Fenech... Come dite, si poteva anche scegliere fuori dalla Sicilia? Ma perché?

Rispondi
avatar

Davide

circa 3 anni fa - Link

Il Pendio
Doro Princic
Cav. Accomasdo

Rispondi
avatar

Lorenzo

circa 3 anni fa - Link

Valentini, Monte dei ragni, radikon Sceglierne solo 3 è dura.....

Rispondi
avatar

Montosoli

circa 3 anni fa - Link

Quintarelli
Franco Conterno
Corte Lenguin

Rispondi
avatar

gabri

circa 3 anni fa - Link

bartolo mascarello
maso corno
quintodecimo

Rispondi
avatar

Daniele Longhi

circa 3 anni fa - Link

Le mie:
San Leonardo
Produttori del Barbaresco
Stella di Campalto

Bollicine e bianchi li lascio agli altri :)

Rispondi
avatar

El barto

circa 3 anni fa - Link

Ciabot Berton (cortese, dolcetto, barbera, nebbiolo e 4 baroli)
Emidio Pepe (così abbiamo 2 bianchi il rosso ed il rosato)
E a questo punto vado con Ferrari (spumanti sia da uve bianche che rosse e poi il Giulio Ferrari per le grandi occasioni)

Rispondi
avatar

Orion

circa 3 anni fa - Link

Valentini
Pietracupa
Hilberg Pasquero

Rispondi
avatar

andrea

circa 3 anni fa - Link

Le due terre: Rosso e Bianco Sacrisassi, Merlot e Pinot Nero,
Capanna: Brunello e Riserva, S. Antimo Pinot Grigio e Moscadello Passito
Terlano: Vorberg, Quartz, Porphir e tutte le super riserve

Rispondi
avatar

gabriele

circa 3 anni fa - Link

Salvionimianiconterno Waltermassavillabucci Cavalleri

Rispondi
avatar

Adriano Aiello

circa 3 anni fa - Link

Sorprendentemente concordo per 2/3, il prosecco tra i primi 3 però per me non si può sentire. Entra Giacosa

Rispondi
avatar

Mirco

circa 3 anni fa - Link

Cascina degli Ulivi
Ascari + Danesi
Francesco Guccione

Rispondi
avatar

Il chiaro

circa 3 anni fa - Link

Giuseppe Mascarello
Valentini
Soldera

Per le bolle Cà del Vent

In panchina de Bartoli che il Marsala è Bbbono

Rispondi
avatar

Ivan Ferri

circa 3 anni fa - Link

Impresa ardua. Dico la mia sentimentalmente:
1. Villa Diamante. Ho conosciuto troppo tardi Antoine Gaita purtroppo. Vorrei riavvolgere il nastro per averlo più tempo, come persona prima e vignaiolo poi.
2. Roddolo. Adoro il Barolo e scelgo uno dei migliori contadini di Langa.
3. Valentini. Mi sono sposato a giugno nel castello accanto al suo palazzo e i suoi vini vi hanno deliziato.

Rispondi
avatar

Stefano

circa 3 anni fa - Link

La mia triade (da neofita)
1) Montevertine
2) Produttori del Barbaresco
3) Monsupello

Rispondi
avatar

Davide

circa 3 anni fa - Link

Io:
1. Giacomo Fenocchio
2. Contrade di Taurasi
3. Claudio Mariotto

Rispondi
avatar

Francesco Annibali

circa 3 anni fa - Link

Terlano - Riecine - Agnanum/Perrillo (testa o croce)

Rispondi
avatar

Luca S.

circa 3 anni fa - Link

Eccoli:
1. Claudio Alario, perché i piemontesi non possono mancare
2. Cantina della Volta, perché nemmeno le bollicine. E poi queste sono fantastiche
3. Köfererhof, perché basterebbe facesse solo il kerner... poi però fa anche del resto, e pure buono.

Rispondi
avatar

Enrico

circa 3 anni fa - Link

Quintodecimo, Marisa Cuomo,Emidio Pepe

Rispondi
avatar

Luca S.

circa 3 anni fa - Link

e smettetela di dire Cantina della Volta che poi aumenta la richiesta, aumentano i prezzi, io sono povero, non riesco più a comprarli, vado in depressione, mi riduco a comprare il tavernello frizzante e mi viene la cirrosi... :-) ... e tra l'altro l'ultimo a citare la cantina sono stato io...

Rispondi
avatar

Ale

circa 3 anni fa - Link

aspetta che guardo su DoYouWIne e scelgo... dato che i tuoi preferiti sono praticamente li dentro

Rispondi
avatar

Sergio

circa 3 anni fa - Link

Non per provocare, ma per me: Antinori, Santa Margherita, Produttori del Barbaresco; l'ultima per la qualità, ovvio, le prime due soprattutto per la quantità (ma rossi e spumante Antinori... mmmh, boni!): quante etichette mi metto in cantina? difficile anche calcolarne il numero.

Rispondi
avatar

bruno

circa 3 anni fa - Link

Nicola Chiaromonte, Cortese, Bucci

Rispondi
avatar

il farmacista goloso

circa 3 anni fa - Link

Rossi: Paltrinieri - Etichetta Bianca
Bianchi: Pojer & Sandri - Zero Infinito
Bolle: Sektkellerei Stocker- Extra Brut
Perché a me i vini di voi guidaroli pesano sullo stomaco: viva l'acida leggerezza!

Rispondi
avatar

erique

circa 3 anni fa - Link

- il sardo, per il rosso: giovanni montisci
- l'irpinia, coi bianchi nordici: colli di lapio
- il pantesco e la sua fattoria in pietra nera: ferrandes (al posto della bolla)

Rispondi
avatar

biotipo

circa 3 anni fa - Link

poggio di sotto roagna castel juval (così mi becco pure i distillati)

Rispondi
avatar

Giacomo

circa 3 anni fa - Link

FELSINA, BENANTI, MONSUPELLO

Rispondi
avatar

wine princess

circa 3 anni fa - Link

Nomi: Falesco - La Madeleine - Vespa vignaioli per passione. Motivazione: sono i migliori...

Rispondi
avatar

Mattia Grazioli

circa 3 anni fa - Link

scherzi, vero...

Rispondi
avatar

BrucoUgo

circa 3 anni fa - Link

Titolari: B.Mascarello-Valenitini-Dettori Riserva: Stoppa-Bressan-Dettori

Rispondi
avatar

Mattia Grazioli

circa 3 anni fa - Link

Pepe, Lino Maga e Accomasso Più che altro non ne voglio fare a meno...

Rispondi
avatar

Nicola

circa 3 anni fa - Link

Barbacarlo, Monte dei Ragni, Haderburg.

Rispondi
avatar

Vittoria

circa 3 anni fa - Link

Enrico Gatti - Franciacorta Marotti Campi - Marche Michele Satta - Toscana

Rispondi
avatar

Matteo L.

circa 3 anni fa - Link

Giovanna Madonia - Vigne di Zamò - Abate Nero -

Rispondi
avatar

Vocativo

circa 3 anni fa - Link

Massavecchia
Vadiaperti
Cantina Produttori di Carema

Rispondi
avatar

Claudio

circa 3 anni fa - Link

Pepe - Valentini - Miani

Rispondi
avatar

Stefano R.

circa 3 anni fa - Link

Roagna, Valentini, Villa Bucci

Rispondi
avatar

Matteo Carlucci

circa 3 anni fa - Link

Giuseppe Cortese - Valentini - Fattoria Coroncino (che così ci scappa anche il passito)

Rispondi
avatar

vide0drome

circa 3 anni fa - Link

Sarebbe facile mettere i soliti produttori, quindi Burlotto - Pelaverga (perchè è un rosso che si può bere fresco anche d'estate) Cappellano Barolo piè Franco (perchè è uno dei pocchissimi barolo che può competere con i più grandi di langa, spendendo la metà o 1 terzo) Cà d'gal - Moscato d'asti vigne vecchie (perchè se voglie bere un dolce bollato è il migliore che c'è)

Rispondi
avatar

Andrea

circa 3 anni fa - Link

Mario Torelli, Alfonso Soranzo, Luciano Saetti.

Rispondi
avatar

Elena 02

circa 3 anni fa - Link

AgroGento (AG) Antichi Vinai (CT) Azienda Agricola Bioviola (TP)

Rispondi
avatar

Emanuele

circa 3 anni fa - Link

Quinto decimo (campania)
Fina (sicilia)
Torreventom (puglia)

Rispondi
avatar

Federico

circa 2 anni fa - Link

Cantina della Volta (con il nuovo DDR poi, non ci penso due volte, ha tutte le bollicine in ogni declinazione e splendide), Roagna, Valentini. Non ho molta varietà sui bianchi, ma per un anno posso sopravvivere. Bello ripescare un vecchio post, a un anno di distanza cambio tutto.

Rispondi

Commenta

Rispondi a Davide or Cancella Risposta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.