Sono in finale e quest’anno voglio proprio diventare Ambassadeur de Champagne

di Andrea Gori

Quest’anno ho davvero dato il meglio per raggiungere le finali di Ambassadeur de Champagne 2011. Quello organizzato dal CIVC (Comité interprofessionnel du vin de Champagne) è un concorso atipico e molti vincitori delle passate edizioni vengono dalla Toscana (Roberto Bellini, Leonardo Taddei, Marco Anichini). Fuori dagli schemi perchè la preparazione AIS e le capacità di degustazione non sono tutto: qui il focus è la comunicazione dello Champagne non il suo servizio o l’assaggio. Serve usare gli Champagne per descrivere la Champagne e tutta la magia che il nome porta con sé.

Regole particolari che rendono la preparazione difficile soprattutto perché richiede non solo una buona conoscenza della geologia del territorio, dei suoi cru, delle maison e delle cuvée principali sul mercato ma anche e soprattutto sapersi inventare il modo per sviluppare ogni anno un tema diverso sulla Champagne: nel 2010 la diversità, nel 2009 i Rosati, ancor prima i millesimati e quest’anno le sfumature dei terroir e l’arte dell’assemblaggio, il tutto usando 4 bottiglie scelte dalla commissione. Tempo per elaborare il tutto 30 minuti, poi 35 minuti per esporre il tutto alla commissione. A seguire, 15 minuti per domande e approfondimenti. La difficoltà principale risiede nel fatto che prima della finale devi preparare un canovaccio con esempi e una traccia cui attenersi, rigida e chiara ma abbastanza elastica da piegarsi alle cuvée proposte. Altra difficoltà è il dover fingere di parlare ad una platea che sa come si fa uno Champagne ma tutto sommato non esperta. Quindi è necessario evitare troppi tecnicismi e paroloni, dire poche cose ma chiare e con esempi. L’importante è non risultare nozionisti, bisogna seguire fedelmente il tema e la traccia proposti, risultando esaurienti.

Si valutano soprattutto chiarezza espositiva e capacità di comunicare un concetto dello Champagne. Il concorso è aperto a giornalisti, sommelier, ristoratori o anche semplici appassionati ma che svolgano appunto ogni anno attività di comunicazione (degustazioni, articoli, eventi, libri). Per arrivare in finale è infatti necessario allegare un CV dettagliato, con le attività svolte sul tema durante l’anno, rispondere a 10 domande chiuse su vari aspetti dello Champagne (affatto banali), e infine preparare una tesina sull’argomento specifico. Tra i dossier (quest’anno ben 45 i partecipanti), escono i nomi dei tre finalisti che si giocano a Milano la finale italiana. Chi vince vola a giocarsi il titolo ad Epernay con gli altri vincitori nazionali, dopo una settimana di lavori forzati tra cantina e vigna.

Consigli spicci e banali da aggiungere? Sempre i soliti: degustare tanti prodotti, meglio se in compagnia di persone competenti che ne sanno più di te (ad esempio consiglio spassionato di frequentare i locali dei due finalisti insieme a me quest’anno ovvero Maurizio Zanolla e Andrea de Agostini). Ricordare aromi, sensazioni e anche le idee più strampalate, segnarsi gli abbinamenti proposti in ristoranti con cucina di alto livello e ovviamente viaggiare, sperimentare. Quanto all’esposizione, l’idea della formula che ho proposto quest’anno mi è venuta leggendo un pezzo sulla matematica di tutti i giorni su La Domenica del Sole 24 ore che citava un bell’aforisma di Winston Churchill (quello della cuvèe di Pol Roger), ovvero “l’arte della politica sta nel prevedere cosa accadrà domani, dopodomani, tra un mese e tra un anno. E l’abilità dopo di spiegare come mai non è accaduto”. Praticamente la stessa arte di chi assembla 80 parcelle diverse di cru ogni anno per realizzare una cuvée di Champagne.

Curiosi della formula con cui ho stupito la giuria?

  • CH = chardonnay
  • PN = pinot noir
  • PM = pinot meunier
  • TR = Terroir ed echelle des crus (da 80% a 100%)
  • T = tempo affinamento vin claires, se >1 si tratta di vin de reserve
  • B = uso del legno per i vin claires
  • TL = tempo sui lieviti prima della sboccatura
  • DS = dosage e liquer d’expesition

E adesso, fate le vostre prove!

Andrea Gori

Quarta generazione della famiglia Gori – ristoratori in Firenze dal 1901 – è il primo a occuparsi seriamente di vino. Biologo, ricercatore e genetista, inizia gli studi da sommelier nel 2004. Gli serviranno 4 anni per diventare vice campione europeo. In pubblico nega, ma crede nella supremazia della Toscana sulle altre regioni del vino, pur avendo un debole per Borgogna e Champagne. Per tutti è “il sommelier informatico”.

42 Commenti

avatar

francesco

circa 8 anni fa - Link

Dai Al Gore prezzemolino che se non devi degustare ce la puoi fare. Vorrei vedere la faccia del tuo amico della val brembana on caso di vittoria ah ah ah

Rispondi
avatar

Mammamsterdam

circa 8 anni fa - Link

Gori, ci credo che hai stupefatto la giuria con la formula, ti toccherà rispiegarmela a parte.

Rispondi
avatar

Fabrizio pagliardi

circa 8 anni fa - Link

Complimenti!!! E in bocca al lupo per le finali.

Rispondi
avatar

Leonardo

circa 8 anni fa - Link

Complimenti e in bocca al lupo per la finale. Correggi semmai la formula perchè così come è scritta vuol dire poco, l'uguale va sulla linea di frazione più lunga, giusto in caso la prossima giuria sappia fare le divisioni :-) Ancora complimenti. L.

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 8 anni fa - Link

infatti il taglio del jpeg mi è venuto male, la formula completa è questa: (CH * TR) (PN * TR) (PM * TR) ------------ + ----------- +----------- = Cuvèe (T + B) (T + B) (T + B) -------------------------------------------------= Champagne (Tl + DS)

Rispondi
avatar

Francesco Annibali

circa 8 anni fa - Link

t consiglio solo di non vincere. In caso contrario so cazzi tuoi: prox volta che t becco mi offri una boccia di krug...in bocca al lupo

Rispondi
avatar

francesca ciancio

circa 8 anni fa - Link

sei ufficialmente un malato di mente!

Rispondi
avatar

Ignazio Anglani

circa 8 anni fa - Link

Scusate perchè a Francesca Ciancio c'è la mia foto? Ed io non riesco a mettere la mia ed esce quella di Adriano Anglani?

Rispondi
avatar

Leonardo Romanelli

circa 8 anni fa - Link

Ehm...come mai nel post non scrivi a CARATTERI CUBITALI che hai vinto?Lo hai scritto prima del giudizio, confessa..Comunque, il Gori quest'anno HA VINTO!

Rispondi
avatar

anonimo

circa 8 anni fa - Link

il Mito ha colpito. pur se considero il piscio francese vino da debosciati il riconoscimento è meritatissimo. Gardini rosica!

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 8 anni fa - Link

Complimentissimi! Anche se la formula mi ha causato un lieve mal di testa... :)

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 8 anni fa - Link

lo scopo era quella, infatti non ho messo nella formula l'SO2!

Rispondi
avatar

luciano pignataro

circa 8 anni fa - Link

E' giusto che i miei complimenti te li faccia qui. Sono davvero contento per te

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 8 anni fa - Link

grazie Luciano, ti aspettiamo a WineTown... ieri abbiamo pure discusso di bollicine campane, pensa te!!!

Rispondi
avatar

Armando Castagno

circa 8 anni fa - Link

Ma bravo! Complimenti sinceri, monsieur l'ambassadeur.

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 8 anni fa - Link

Merci monsieur Armandò, devo venire a prendere ripetizioni di francese da te...

Rispondi
avatar

Marossi

circa 8 anni fa - Link

Roba da matti. Sarkozy va in Libia a rubarci i contratti, e questo figlio degenere di Caterina de' Medici vince il concorso per promuovere il vino franzoso. "Ahi serva Italia di dolore ostello, non vino da burde, ma bordello." Non ci resta che Bigazzi.

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 8 anni fa - Link

grandissima Marossi questa la metto in Trattoria al volo!

Rispondi
avatar

Marossi

circa 8 anni fa - Link

Vabbé, allora se passo pranzo gratis, almeno...

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 8 anni fa - Link

una ribollita e una rosticciana non si negano a nessuno!

Rispondi
avatar

Marossi

circa 8 anni fa - Link

Prendo il treno e arrivo, ma da bere niente sciampagn, ambasciatore: a me un chianticino va più che bene... Grazie

avatar

Mario Crosta

circa 8 anni fa - Link

"piegarsi alle cuvée proposte"... mmmmmmm..... Sono le cuvée che si devono piegare! Ti mando un abbraccio d'incoraggiamento. Stracciali tutti!!!

Rispondi
avatar

Manilo

circa 8 anni fa - Link

Se su Intravino è uno dei miei preferiti,un motivo c'è, per me NUMBER ONE che detto alla romana sarebbe "Namberone".

Rispondi
avatar

Ivano Antonini-EnoCentrico

circa 8 anni fa - Link

E bravo il Gori! Dai, Ambassadeur suona meglio di vicecampionediqualchecosa, no? :-) Alegher!

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 8 anni fa - Link

quanto è vero Ivano, grazie!

Rispondi
avatar

gionni1979

circa 8 anni fa - Link

Ripeto quello scritto ieri su fb... Bravooooo!!!! Ma la formula è da scellerati!!!!!

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 8 anni fa - Link

L'ambito titolo è in tasca, tu sei felice e ci sono una "caterva" di persone fiere di te. Bravo! PS: Bravo soprattutto se continui con lo Champagne al calice da Burde! :-)

Rispondi
avatar

Luca Cravanzola

circa 8 anni fa - Link

Grande Gori!!!!

Rispondi
avatar

gianpaolo paglia

circa 8 anni fa - Link

Forza Gori, e il prossimo anno, se sei bravo, ti promuoviamo da ambasciatore dello Champagne, ad ambasciatore di Scansano. Ohe', vuoi mettere? Complimenti davvero, perche' noi si scherza, ma te hai studiato per davvero.

Rispondi
avatar

Franco Ziliani

circa 8 anni fa - Link

qualche dettaglio sull'affermazione del "prezzemolino" anche qui: http://www.lemillebolleblog.it/2011/09/15/andrea-gori-vince-la-selezione-italiana-del-concours-europeen-des-ambassadeurs-du-champagne/

Rispondi
avatar

carolina

circa 8 anni fa - Link

bravo gori!! son proprio contenta per te, quando ti stanchi di esser ambassadeur du champagne ti faccio ambassador del fondo! :)

Rispondi
avatar

gian paolo

circa 8 anni fa - Link

Grande Gori,ambasciatore non porta pegno...almeno penso!! Bravo e complimenti P.S.Prova a fare la stessa formula con il Lambrusco e ti vengo a prendere a Burde :)!!ciao GP

Rispondi
avatar

Alberto G.

circa 8 anni fa - Link

Complimenti,forse gli ultimi vista l'ora e i primi che leggerai al risveglio. Della formula non ci ho capito quasi una mazza,ma secondo me per la giuria e' stata una "genialata". Non so se perche' l'hanno capita perfettamente o se perche' si sono impressionati come me.

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 8 anni fa - Link

Bravo Andrea, sei diventato Grande.

Rispondi
avatar

Massimiliano Montes

circa 8 anni fa - Link

Complimenti. Ma con la formula "nun ce la fo'" non ci riesco proprio.

Rispondi
avatar

Giulia V

circa 8 anni fa - Link

Davvero complimenti!... in bocca al lupo e buon divertimento!

Rispondi
avatar

Mirco Mariotti

circa 8 anni fa - Link

Però se non citi "Wine Music" a Epernay mi arrabbio! ;-) Complimentissimi!

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 8 anni fa - Link

Tranquilizzo i disorientati dalla formula, lunedì sul mio blog la spiegazione con dovizia di dettagli e 4 esempi pratici di bevuta scientifica

Rispondi
avatar

Giovanni Corazzol

circa 8 anni fa - Link

buono l'Ayala! per quel che vale (detto da me intendo):complimenti.

Rispondi

Commenta

Rispondi a carolina or Cancella Risposta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.