Slowine | Prova su strada smanettona del nuovo sito di Slow Food

di Fiorenzo Sartore

ComputerSlowine è online e Intravino m’ha spedito a fare la prova su strada del nuovo sito di Slow Food. Cominciamo dall’aspetto grafico: direi bene. Visto con la macchina primaria, running Windows 7, e con la secondaria, sulla quale gira il glorioso Ubuntu 9.04, abbiamo una visualizzazione perfetta, senza bachi di impaginazione e altre menate che affliggono quasi ogni portale appena varato. Bene, voto 90/100. Primo bug: hey, dove stanno i feed rss? Non ci sono. Significa che gli aggiornamenti non potranno essere notificati nel mio lettore di feed? Pazzesco. Ma come mai? Qualcuno s’è dimenticato di accrocchiarli? Provvedete a razzo, anche se siete slow, non facciamo scherzi. Dico, perfino quei fighetti di Porthos – che paragonato a voi è una fanzine – hanno i feed! 40/100, e son di manica larga.

Ah, questa è pure peggio: niente commenti! Niente interattività, niente due punto zero. Gli articoli son tanti, c’è un sacco di ciccia da masticare, ma il mio parere non vi interessa proprio, eh, snobboni? Ci rimango malissimo. 20/100. Senza appello.

Vediamo un po’ i contenuti. L’editoriale dice che Slowine “va in linea solo con un accenno di quello che vuole essere e che si riempirà nei prossimi mesi”. Bene, soprattutto perché non avete infilato la gif animata dei lavori in corso. Dice anche “daremo valutazioni ma proveremo soprattutto a fornire chiavi di lettura: l’obbiettivo finale non è fare classifiche ma bensì aiutare curiosi e appassionati nelle loro scelte e confrontarsi anche sui giudizi, sulle impressioni” e pure questa premessa è interessante. In effetti il sito trabocca di assaggi. Una pletora di assaggi, divisi tra degu(stazioni) one shot, gli assaggi italiani e dal mondo, e vere e proprie degu tematiche: quella sui Barolo 2005 è bella monumentale.

Originale il metodo di classificazione: emozionanti, grandi, molto buoni, buoni, che fa riferimento a sezioni di punteggi centesimali. Oh, e usare direttamente i centesimali no, eh? Evabbe’. Niente punteggi nelle schede con valutazione a pallini (cinque) su parametri che variano da vino a vino. Risultato: sistema complicato. Voto al metodo Slowine: 60/100.

Nello specifico, la terminologia adoperata sembra confortevole, le descrizioni sono brevi e scattanti, e non ho trovato troppi tecnicismi. Probabilmente qualche dettaglio è da mettere a punto; per dire, trovo tra i “vini quotidiani” il Vermentino di Maria Donata Bianchi, una bottiglia che in enoteca è sopra i quindici euri, normalmente. Eh, magari fosse una vendita quotidiana. A proposito, nelle degu quasi sempre appaiono i prezzi e pure questo mi piace assai. Tornando al mood degli assaggi, trovo che la loro lettura non sia affatto noiosa, anzi. Chiaro, dovete essere enofanatici. Comunque, le loro schede sono da 85/100.

Che altro ancora? Le immagini delle etichette sono precise e belline. Gli “assaggi dal mondo” sono inattivi (meglio usare una pagina di spiega “arriviamo subito”, però, anziché un link azzoppato). C’è una gran quantità di rimandi incrociati – i migliori vini per zona, vini particolari, vecchie bottiglie, per non dire gli indirizzi di osterie e punti vendita. Ma a me non pare caotico. Chi adora leggere schede d’assaggio qui ha trovato l’Eden. In estrema sintesi: i contenuti mi piacciono, la parte geek è da fixare – ehm, volevo dire da migliorare.

avatar

Fiorenzo Sartore

Vinaio. Pressoché da sempre nell'enomondo, offline e online.

14 Commenti

avatar

Lizzy

circa 11 anni fa - Link

...e la grafica da ripensare, se permetti. Sarà bellina finchè vuoi, ma ricorda tanto, troppo, il classico magazine cartaceo, al punto che quando l'ho vista ho fatto un salto: che ci fa la rivista X on line? ah no, non è quella, è Slowine... boh. :-/ L.

Rispondi
avatar

Bereilvino

circa 11 anni fa - Link

Se non ci sono i feed rss significa che non sono intenzionati ad aggiornare il sito regolarmente!!! Persino il mio piccolo portale amatoriale www.bereilvino.it ha i feed rss da ben 7 anni, e cioè dalla sua nascita. Comunque aspettiamo a criticare grafica, contenuti, e assenza di strumenti 2.0 sono ancora piccini.

Rispondi
avatar

Lizzy

circa 11 anni fa - Link

Sono tornata sul sito e stavolta l'ho letto-scrutato-osservato meglio. Ha ragione Fiorenzo, è la pacchia per i fanatici delle degustazioni. Purtroppo non sono tra questi, ad un sito sul vino (in generale) chiedo ben altro e ben di più, ma don't worry, io appartengo ad una minoranza di lettori così sparuta che la mia assenza cme lettrice non peserà certo sul loro page ranking. @Bereilvino, apprezzo la tua generosità: io darei del "piccino" a chi si affaccia per la prima volta sul mondo del web e della comunicazione del vino, e a questo riguardo gli amici di Slow Food mi sembrano un tantino cresciutelli... ;) L.

Rispondi
avatar

Slowine.it

circa 11 anni fa - Link

Innanzitutto grazie per la bella e devo dire completa recensione, che tra l'altro mi pare anche la prima ad essere uscita (quindi doppi complimenti per la rapidità). Andiamo con ordine sono contento che sia piaciuta la grafica (per Lizzy non so a che rivista faccia riferimento, se ce la segnali ci fai un favore e così controlliamo...). Veniamo alla prima cazziata che ci siamo meritati ovvero quella riguardante gli RSS. Appena lo abbiamo letto, Fabio ed io, ci siamo guardati in faccia e ci siamo chiesti di che si trattasse... allora abbiamo chiamato il nostro bravissimo (mio giudizio personale) ideatore del sito che ci ha detto che è prevista la cosa, ma che avendo fatto tutto di fretta, ci vorrà qualche giorno per mettere mano a questo bug! Stanchi di un'ipersensibilità verso i punteggi abbiamo deciso di dare meno spazio a questo lato. In realtà se uno è interessato proprio al valore del vino nella sezione "come degustiamo" riuscirà a convertire le 4 scale di valori da noi scelte (emozionanti, grandi vini, molto buoni, buoni a cui si aggiungerà corretti) in un punteggio in centesimi. Il discorso dei pallini non è un vero e proprio punteggio, è in realtà il nostro tentativo spero riuscito di dare un'immagine del vino. Se a uno piacciono le etichette potenti e concentrate cercherà quelli che nella particolare categoria esprimono il massimo, viceversa se preferisce l'eleganza, l'austerità e l'ampiezza si comporterà diversamente. Sono contento che piaccia anche il linguaggio che non volevamo fosse esageratamente tecnico. Il sito è una macchina in divenire per ora siamo al 20% delle sue potenzialità. Manca ad esempio tutta la parte interattiva. I commenti degli enonauti saranno i benvenuti e saranno ospitati soprattutto nella sezione degli Argomenti che per il momento è una pagina statica, ma la nostra volontà è quella di aprire a 360° la discussione soprattutto su tematiche più politiche e giornalistiche che degustative. manca ancora tutta la sezione dedicata all'educazione e ai contributi di ricerca degli studenti dell'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Un po' di pazienza non volevamo sparare tutte le nostre cartucce alla prima uscita! entro breve (martedì, mercoledì) apriremo un bel po' di nuove sezioni... Grazie Giancarlo Gariglio e Fabio Giavedoni

Rispondi
avatar

Lizzy

circa 11 anni fa - Link

La rivista è Euposia. Ovviamente la grafica non è precisa a quella di Slowine, però ha una certa aria di famiglia...non so, forse i colori, i riquadri... Parlo della versione cartacea, ovviamente, perchè quella on line fa decisamente pena (scusa direttore, ma lo sai anche tu, è tanto che te lo dico!). ;) L.

Rispondi
avatar

Filippo Ronco

circa 11 anni fa - Link

Immagino, poveri, i ragazzi di Blulab sotto le frustate dei Germanetto. Chissà quante voci da ascoltare, quante direzioni prese e abbandonate e poi riprese, chissà quante ore, quanti appuntamenti, quanta frustrazione per pubblicare un sito che non volevate sicuramente pubblicare ieri ma che però bisogna farlo per forza... Forza ragazzi, un po' di solidarietà webbarola vi accompagni. Per quanto riguarda il sito, aspetto di vederlo più o meno a regime e ne farò una recensioncina anche su tigulliovino. Per il momento, un grande in bocca al lupo. Filippo

Rispondi
avatar

M.Grazia

circa 11 anni fa - Link

Attendendo i prossimi sviluppi mi complimento per la parte degustazioni. Bravi pure a non fare classifiche, all'interno delle quattro classificazioni mettendo i vini in ordne alfabetico e non in virtù del singolo punteggio centesimale. Per il resto, non sono un tecnico, quindi ok ai RSS e aggiungerei una minima possibilità di interazione con i lettori. Buona Fortuna! M.Grazia

Rispondi
avatar

gianpaolo

circa 11 anni fa - Link

sono un po' basito, non conoscete i feeds? Come si fa a progettare un sito e nell'occasione fare un incontro sulla comunicazione online e non conoscere le basi di come funzionano oggi (ma sono ormai anni) i siti internet? Ci sono tanti bravi in questo campo anche in Italia, magari chiedere e consultarsi con loro? Anche la dichiarazione che i commenti saranno benvenuti, ma in qualche modo confinati in una sezione del sito, mi fa pensare che in fin dei conti si abbia un po' paura della mancanza di controllo su di essi. Ma quale paura, apritevi al 100%, rendete tutto commentabile e vivo, solo cosi' sara' davvero una risorsa importante.

Rispondi
avatar

Bereilvino

circa 11 anni fa - Link

Anche io sono rimasto sorpreso nel leggere che non avevano mai sentito parlare dei feed rss. Allora ho proprio indovinato definendoli piccini. Neppure il sito ufficiale di Slow Food ha i feed rss. Devo pensare che non sono molto "pratici" di Internet? Che non visitano regolarmente altri siti web del settore, o di un qualunque altro genere? Perchè l'icona dei feed rss ormai è onnipresente. Comunque i ragazzi di Blulab avvrebbero dovuti metterli in ogni caso. I feed rss nei siti web sono come gli alzacristalli elettrici nelle macchine, ci sono e basta. Tanti anni fa erano un optional ma oggi non lo sono più.

Rispondi
avatar

Max-Wino

circa 11 anni fa - Link

Fiorenzo mi hai anticipato :-) D'accordo con te su tutto. Alcune mancanze, speriamo siano solo errori di gioventù, ma ancora non capisco questa mania di individuare una data di pubblicazione e poi uscire con un prodotto monco. Prendetevi qualche giorno in più, anche se la "presentazione stampa" l'avete già fissata. Come se ti consegnassero l'auto nuova, ma ti dicessero torni tra 3 giorni che le montiamo i freni... Comunque, a me la degustazione dei Barolo è piaciuta tanto

Rispondi
avatar

Edoardo Fioravanti

circa 11 anni fa - Link

Ciao, dopo una veloce lettura del sito (che ancora viste le dimensioni si fa in 30 minuti) mi sembra fatto molto bene . Grafica, temi e foto sono rilassanti ed invitano alla lettura; i vini degustati sono vini di livello e spessore, lasciando da parte i vini che spesso riscuotono troppa attenzione ingiustificata.(non c'ho trovato vernacce, e se ce le trovo, spero che siano assaggi di bottiglie di 10 anni fa' !!) E anche l'idea di non poter commentare mi sembra "originale". Qualsiasi sito\blog che considerate "moderno " e al passo con i tempi (2.0, ma che vor dì?) alla fine diventa poco più di una chat, dove si finisce per parlare davvero poco di vino o del tema originale.Tipo un grande fratello, con i soliti post ovunque e i soliti personaggi che scrivono contemporaneamente su 4\5 siti..oh, ma non lavora mai nessuno? ;) Io per scrivere 5 minuti ogni 3 giorni devo prima vedermela contro: stanchezza, la forza di gravità del letto,o la fidanzata!(a volte anche il latte freddo con le Macine). Quindi, non sapendo quasi niente delle varie lotte intestine (Di cibo in effetti si parla) tra slow food, Gambero etc etc posso dire che il sito per ora mi sembra interessante e fatto bene. Ciao

Rispondi
avatar

Slowine.it

circa 11 anni fa - Link

Per completezza volevo annunciare l'apertura oggi della sezione Assaggi dal Mondo, 8 degustazioni di vini Slow, vecchie bottiglie, migliori assaggi e sentite dai soci. http://www.slowine.it/pagine/ita/assaggi_mondo.lasso Piano, piano stiamo ampliando l'offerta. Tra pochi giorni finalmente l'interattività sugli argomenti e sulla sezione Degustazione. E poi finalmente i mitici quanto incriminati RSS. Un caro saluto Giancarlo Gariglio

Rispondi
avatar

Slowine.it

circa 11 anni fa - Link

Mi hanno anticipato gli RSS ci sono già...

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.