Slow Wine 2011 | Tutti i vini Slow

di Antonio Tomacelli

It’s Slow Wine day! Lo avevate capito, vero? Chiudiamo per oggi questa specie di terremoto enologico con l’elenco dei vini che si sono aggiudicati la Chiocciola, quelli che “oltre a una qualità organolettica elevata, riescono a condensare nel bicchiere valori di tipo territoriale, storico e identitario che desideriamo far conoscere ai nostri lettori.” Beh, se lo dicono i curatori c’è da crederci ma come al solito, sarà il pubblico a decidere. I confronti tra le diverse guide impazzano e i grandi nomi assenti fanno rumore, ma più passano le ore e più la situazione va chiarendosi. Cosa avete scoperto fino ad ora? Chi manca e chi invece proprio non doveva mancare?

Valle d’Aosta
Valle d’Aosta Blanc de Morgex M. Cl. Extreme Brut 2008, Cave du Vin Blanc de Morgex et de La Salle
Valle d’Aosta Donnas 2006, Cave Coopératives
Valle d’Aosta Fumin 2008, Les Granges

Piemonte
Barbaresco Basarin 2007,Marco e Adriano Vittorio
Barbaresco Montestefano 2007,Teobaldo Rivella
Barbaresco Pajè 2004,Roagna – I Paglieri
Barbaresco Pora 2007,Gigi Bianco
Barbaresco Ris. 2004,Punset
Barbera d’Alba 2008,Cascina Val del Prete
Barbera d’Asti Sup. Alfiera 2007,Marchesi Alfieri
Barbera d’Asti Sup. India 2007,Tenuta I Quaranta
Barbera d’Asti Sup. Nizza Ru 2006,Erede di Armando Chiappone
Barbera d’Asti Sup. Nizza Sotto La Muda 2007,Paolo Avezza
Barbera d’Asti Sup. Nizza Titon 2007,L’Armangia
Barolo 2006,Bartolo Mascarello
Barolo Bricco Cogni 2004,Michele Reverdito
Barolo Brunate – Le Coste 2006,Giuseppe Rinaldi
Barolo Cannubi 2006,Giacomo Fenocchio
Barolo Cerretta 2006,Giovanni Rosso
Barolo Prapò 2006,Schiavenza
Colli Tortonesi Timorasso Filari di Timorasso 2007,Luigi Boveri
Colli Tortonesi Timorasso Grue 2008,Pomodolce
Colli Tortonesi Timorasso San Vito 2008,Valli Unite
Dogliani Papà Celso 2008,Marziano Abbona
Dolcetto d’Alba Boschi di Berri 2009,Poderi Marcarini
Dolcetto di Dogliani Briccolero 2009,Quinto Chionetti
Dolcetto di Dogliani Valdibà 2008,San Fereolo
Erbaluce di Caluso Le Chiusure 2009,Favaro – Le Chiusure
Gavi del Comune di Tassarolo Il Mandorlo 2009,Tenuta San Pietro
Grignolino d’Asti 2009,Cascina Tavijn
Grignolino del Monferrato Casalese 2009,Tenuta Migliavacca
Langhe Bianco Anas-cetta 2009,Elvio Cogno
Langhe Nebbiolo Perbacco 2007,Vietti
Langhe Bianco Hérzu 2008,Ettore Germano
Lessona Omaggio a Quintino Sella 2005,Sella
Moscato d’Asti Vigna Vecchia 2009,Ca’ d’ Gal
Ovada D’Uien 2008,Bondi
Pinerolese Barbera 2007,Le Marie
Roero Arneis Bricco delle Ciliegie 2009,Giovanni Almondo
Roero Ròche d’Ampsèj Ris. 2006,Matteo Correggia

Lombardia
Barbacarlo 2009,Barbacarlo
Loghetto 2008,Agnes
Lugana I Frati affinato 5 anni in bottiglia 2004,Ca’ dei Frati
Opol 2009,Togni Rebaioli
Valtellina Sup. Dirupi 2008,Dirupi
Valtellina Sup. Sassella Rocce Rosse Ris. 1999,Ar.Pe.Pe.

Trentino
Filii 2009,Pojer & Sandri
Nosiola 2008,Cesconi
Podere Valtini Bianco 2008,Molino dei Lessi
Teroldego Beatome 2006,Redondel
Trentino Marzemino Poiema 2007,Eugenio Rosi

Alto Adige
A.A. Pinot Bianco Vorberg Ris. 2007,Cantina Terlano
A.A. Valle Isarco Veltliner 2009,Strasserhof – Hannes Baumgartner
A.A. Valle Venosta Riesling 2009,Falkenstein – Franz Pratzner
A.A. Valle Venosta Riesling 200, Unterortl – Castel Juval
Donà Rouge 2006,Hartmann Donà
Elda 2008,Nusserhof – Heinrich Mayr
Feldmarschall von Fenner zu Fennberg 2009,Tiefenbrunner – Castel Turmhof
Müller Thurgau Etza 2009,Radoar – Norbert Blasbichler

Veneto
Amarone della Valpolicella Cl. 2003,Cav. G.B. Bertani
Amarone della Valpolicella Cl. Stropa 2003,Monte Dall’Ora
Frizzante Naturalmente,Casa Coste Piane
Gambellara Vin Santo Cl. Selva 2003,Domenico Cavazza
Montemagro 2008,Daniele P iccinin
Piave Raboso Gelsaia 2007,Cecchetto
Piave Raboso L’Autentico 2003,Bellussi
Prosecco Treviso Frizzante 2009,Gregoletto
Recioto di Gambellara 2007,La Biancara
Soave Cl. Sup. Monte di Fice 2008,I Stefanini
Valpolicella Cl. Sup. Taso 2006,Villa Bellini

Friuli Venezia Giulia
COF Rosso Sacrisassi 2008,Le Due Terre
COF Verduzzo Friulano Cràtis 2007,Roberto Scubla
Collio Bianco 2009,Edi Keber
Collio Bianco della Castellada 2006,La Castellada
Collio Friulano Vigna del Rolat 2009,Dario Raccaro
Collio Pinot Bianco 2009,Doro Princic
Collio Sauvignon 2009,Edi Skok
Friuli Grave Merlot Vistorta 2007,Vistorta
Malvasia Selezione 2003,Kante
Morus Nigra 2008,Vignai da Duline
Prulke 2008,Zidarich
Ribolla Gialla 2007,Damian Podversic
Verduzzo Friulano 2006,Bressan Mastri Vinai

Liguria
Cinque Terre Bianco 2009,Possa
Cinque Terre Sciacchetrà 2008,Cantine Litàn
Riviera Ligure di Ponente Pigato Bon in da Bon 2008, BioVio
Riviera Ligure di Ponente Pigato Vigne Vegie 2008,Massimo Alessandri

Emilia Romagna
C.B. Cabernet Sauvignon Pro.Vino 2008,Orsi – Vigneto San Vito
Cupola 2007,La Collina
Fiorile 2008,Fondo San Giuseppe
Il Mio Barbera 2008,Camillo Donati
Lambrusco Grasparossa di Castelvetro Fontana dei Boschi 2009,Vittorio Graziano
Ponente 270 2009,Denny Bini Podere Cipolla
Vin Santo di Vigoleno 2000,Marco ed Emilio Lusignani

Toscana
Aleatico dell’Elba 2007,Acquabona
Bolgheri Sup. Campo al Fico 2007,I Luoghi
Brunello di Montalcino Ris. 2004,Canalicchio di Sopra
Brunello di Montalcino Ris. 2004,Canalicchio Franco Pacenti
Brunello di Montalcino Ris. 2004,Fattoi
Brunello di Montalcino Ris. 2004,Fornacina
Brunello di Montalcino Ris. 2004,Brunelli Le Chiuse di Sotto
Brunello di Montalcino Ris. 2004,La Fortuna
Brunello di Montalcino Ris. 2004,La Palazzetta
Brunello di Montalcino Piaggione Ris. 2004,Podere Salicutti
Brunello di Montalcino Vigna Paganelli Ris. 2004,Tenuta il Poggione
Cavasonno 2007,Fattoria Migliarina
Cepparello 2007,Isole e Olena
Chianti Classico 2007,Castello di Ama
Chianti Classico 2008,Villa del Cigliano
Chianti Classico 2008,Villa Pomona
Chianti Classico Borro del Diavolo Ris. 2006,Fattoria Ormanni
Chianti Classico Il Campitello Ris. 2007,Monteraponi
Chianti Classico Il Poggio Ris. 2006,Castello di Monsanto
Chianti Classico Ris. 2006,Castello di Cacchiano
Chianti Classico Ris. 2007,Solatione
Chianti Classico Ris. 2007,La Porta di Vertine
Ciliegiolo 2008,La Selva
Colline Lucchesi Arcipressi Rosso 2009,Fabbrica di San Martino
Il Templare 2006,Montenidoli
Montecucco Rosso Sacromonte 2007,Castello di Potentino
Montevertine 2007,Montevertine
Nobile di Montepulciano 2007,Poderi Sanguineto I e II
Nobile di Montepulciano Bossona Ris. 2006,Dei
Nobile di Montepulciano Ris. 2003,Godiolo
Rosso di Montalcino 2007,Stella di Campalto
Sammarco 2006,Castello dei Rampolla
Val di Cornia Rubino 2009,Bulichella
Vermentino Colli di Luni 2009,Podere Lavandaro
Vigna alla Sughera 2008,I Mandorli
Vin Santo del Chianti Classico Occhio di Pernice 2003,Badia a Coltibuono

Marche
Conero Dorico Ris. 2005,Moroder
Lacrima di Morro d’Alba Sup. 2008,Stefano Mancinelli
Offida Pecorino Ciprea 2009,Poderi Capecci San Savino
Offida Pecorino Colle Vecchio 2009,Tenuta Cocci Grifoni
Petronio 2006,Alberto Quacquarini
San Paolo 2006,Pievalta
Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Serra Fiorese Ris. 2006,Gioacchino Garofoli
Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. San Michele 2008,Vallerosa Bonci
Verdicchio di Matelica Mirum Ris. 2008,Fattoria La Monacesca

Umbria
Adarmando 2008,Tabarrini
Sagrantino di Montefalco Passito 2005,Adanti
Torgiano Rosso Vigna Monticchio Ris. 2005,Lungarotti

Lazio
Marino Coste Rotonde 2009, Colle Picchioni
Moscato di Terracina Secco Oppidum 2009,Sant’Andrea
Poggio della Costa 2009, Sergio Mottura

Abruzzo
Montepulciano d’Abruzzo 2006,Valentini
Montepulciano d’Abruzzo 2007,Emidio Pepe
Montepulciano d’Abruzzo 2007,Strappelli
Trebbiano d’Abruzzo Vigna di Capestrano 2008,Valle Reale

Molise
Molise Tintilia Macchiarossa 2008, Cantine Cipressi

Campania
2mila7 2007, Mila Vuolo
Campi Flegrei Vigna delle Volpi 2007,Agnanum Raffaele Moccia
Fiano di Avellino 2008,Ciro Picariello
Gaja 2008,Cantina Giardino
Greco di Tufo 2009,Cantine dell’Angelo
Greco Musc’ 2008,Contrade di Taurasi
Ragis 2007,Le Vigne di Raito
Sabbie di Sopra il Bosco 2008,Nanni Copè
Taurasi Poliphemo 2006,Luigi Tecce

Puglia
Aleatico Sorso Antico 2009,Natalino Del Prete
Brut Nobile Ris. 2006, d’Araprì
Fiano Minutolo Rampone 2009,I Pàstini
Gioia del Colle Primitivo 17 2007,Polvanera
Giroflè 2009, Azienda Monaci
Primitivo di Manduria Dolce Naturale Il Sava 2004,Vinicola Savese
Tretarante 2007,Mille Una

Basilicata
Aglianico del Vulture Antelio 2007,Camerlengo
Aglianico del Vulture Serra del Prete 2008,Musto Carmelitano

Calabria
Cirò Rosso ‘A Vita 2009,Vigna De Franco
Cirò Rosso Duca San Felice Ris. 2008,Librandi
Greco di Bianco 2006,Pasquale Ceratti

Sicilia
Carricante 2007,Calabretta
Don Totò 2005,Tenuta Barone della Lumia
Etna Bianco Zero Uno 2006,Etna Rocca d’Api
Etna Rosso Outis 2007,Vini Biondi
Etna Rosso Valcerasa 2006,Alice Bonaccorsi
Frappato 2008,Arianna Occhipinti
Girgis Extra 2008,Guccione
Nero d’Avola 2008,Barraco
Passito di Pantelleria Ben Ryè 2008,Donnafugata
Passito di Pantelleria Monastè 2000,Agricola Valenza
Vrucara 2007,Feudo Montoni

Sardegna
Carignano del Sulcis Aina Ris. 2007,Cantina di Calasetta
Malvasia di Bosa 2006,Giovanni Battista Columbu
Vernaccia di Oristano Ris. 1988,Contini
Vernaccia di Oristano Ris. 1999,Serra Fratelli

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

49 Commenti

avatar

Andrea Pagliantini

circa 9 anni fa - Link

Sul Chianti Classico ci sono dei grandi vini espressione vera del territorio che li partorisce e qualcosa che non si capisce bene che cosa sia...

Rispondi
avatar

giulio

circa 9 anni fa - Link

Ma non capisci cosa siano perchè non li conosci, oppure non ti piaccio per niente? ti riferisci a questi? Chianti Classico 2008,Villa del Cigliano Chianti Classico 2008,Villa Pomona

Rispondi
avatar

Andrea Pagliantini

circa 9 anni fa - Link

Nomi non ne faccio perchè uno non sono un esperto, due perchè a parlarne si corre il rischio di fare pubblicità gratuita a chi certo non lo merita e non ha problemi di energie in marketing.

Rispondi
avatar

giulio

circa 9 anni fa - Link

Giusto.

Rispondi
avatar

francesca ciancio

circa 9 anni fa - Link

eh no! da pagliantini mi aspetto i nomi, proprio perché competente lo è. fare della pubblicità è un effetto collaterale, ma non sempre va in porto faccio gli auguri al mio amico fabio sireci. mai comparso in nessuna guida. con il suo vrucara 2007 conquista la chiocciola. le terre della sua sicilia assolata sono tra i più bei ricordi che ho

Rispondi
avatar

francesca ciancio

circa 9 anni fa - Link

correggo , comparso in guida ma non ha mai raggiunto i meritati riconoscimenti. almeno in italia. all'estero sbanca!

Rispondi
avatar

giulio

circa 9 anni fa - Link

Infatti è proprio questo lo spirito della guida. Dare risalto, là dove possibile, a certe piccole e piccolissime realtà che prima venivano considerate marginali. Francamente trovo la scelta del Chianti Classico giusta e centrata (tra grandi vini e vini slow) per la qualità dei vini. Poi se si vuole che in una guida non ci siano anche grosse realtà è un altro conto.

Rispondi
avatar

ken-ray

circa 9 anni fa - Link

non sono un fine conoscitore di vino, io mi limito a berlo ma dall'elenco mancano a mio avviso alcuni vini che normalmente bevo e che sono a mio avviso al top. la poja allegrini recioto allegrini amarone allegrini il querciabella camartina non è citato, e vi assicuro che dopo averlo bevuto (grazie a voi sia chiaro) lo reputo un grandissimo vino. come aglianico non vedo il nibbio...strano mi sorprende al solito che si dia un riconoscimento ad un lambrusco..va bè sorvolo.

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 9 anni fa - Link

@Kenray, un giorno quando avrai tempo e quando il tempo l'avrò anche io, ti prenderò per mano come si fa a un bambino e ti spiegherò perché i vini di Allegrini che tu indichi non sono presenti in guide come quella di Slowfood. Prima però ti devi un po' disintossicare dal Milleunanotte..

Rispondi
avatar

kenray

circa 9 anni fa - Link

mis NN di solito sono io che tengo lezioni, ma evedentemente non sul vino. ma facciamo cosi' tu mi spieghi l'arcano mistero su allegrini (ma occhio, la silvia è mia amicicia) e io ti offro una visita guidata e raccontata dei ristoranti emiliani

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 9 anni fa - Link

Cmq ti consiglio di assaggiare gli amarone "vecchia etichetta", quelli con la scritta Allegrini in Bianco e font Arial. Quella era roba buona, Nuova etichetta ci fermiamo al 96 o 97.

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 9 anni fa - Link

Nessuna lezione, solo voglia di svagarmi un po' durante il coffee break e i tuoi commenti attirano inevitabilmente le mie risposte.

Rispondi
avatar

Franco Ziliani

circa 9 anni fa - Link

sono anch'io ammirato dalla saggezza e dall'ironia che traspaiono dai commenti di "Nelle Nuvole". E davvero incuriosito dalla personalità di chi riesce sempre a parlare con intelligenza e non dire mai cose banali... Chapeau!

Rispondi
avatar

Marco De Tomasi

circa 9 anni fa - Link

E invece a sorprendere dovrebbero essere il lambrusco di Giordano: anch'io ero prevenuto nei confronti della tipologia, ma i vini di questo produttore mi hanno consentito di riconciliarmi con il lambrusco e assegnarli una dignità che prima non riuscivo a cogliere !

Rispondi
avatar

Sebastiano Cossia Castiglioni

circa 9 anni fa - Link

È vero che Camartina non appare in questo elenco, ma appare nell'elenco ufficiale dei vini premiati da Slow Wine: www.slowine.it/pagine/ita/parliamodi.lasso?id_edit=224 Camartina 2007, infatti, ha vinto il riconoscimento di Grande Vino, e Querciabella come azienda ha vinto sia la Chiocciola (cantina che interpreta valori in sintonia con l'associazione), sia la Bottiglia (ottima qualità media su tutte le bottiglie prodotte). Evviva! Sebastiano

Rispondi
avatar

Alessia

circa 9 anni fa - Link

In realtà il titolo è un po' fuorviante: qui è spiegato meglio come sono stati attribuiti i riconoscimenti alle cantine (chiocciola, bottiglia, moneta) e ai vini (vino slow, grande vino e vino quotidiano). Non necessariamente a tutti è stata attribuita la chiocciola...

Rispondi
avatar

Alessia

circa 9 anni fa - Link

scusate, ho dimenticato il link: http://www.slowine.it/pagine/ita/parliamodi.lasso?id_edit=224

Rispondi
avatar

Francesco

circa 9 anni fa - Link

per confermare che grande è la confusione nella mia testa trovo qui alcuni dei vini di cui avevo lamentato l'assenza in altro post precedente. a questo punto non capisco più nulla e mi rassegno. comunque ha ragione andrea, acuni di questi chianti classico sono degli ufo che starebbero meglio sul gambero, tanto li ormai vanno avanti con sprezzo del ridicolo.

Rispondi
avatar

Franco Ziliani

circa 9 anni fa - Link

allora Dio, pardon Bacco, esiste! Leggo "Vino Slow (scritto in colore marrone): bottiglie che, oltre a una qualità organolettica elevata, riuscissero a condensare nel bicchiere valori di tipo territoriale, storico e identitario che desideriamo far conoscere ai nostri lettori. E andando all'elenco dei "vini Slow" trovo, tra i Barolo, questi vini Barolo 2006,Bartolo Mascarello Barolo Bricco Cogni 2004,Michele Reverdito Barolo Brunate – Le Coste 2006,Giuseppe Rinaldi Barolo Cannubi 2006,Giacomo Fenocchio Barolo Cerretta 2006,Giovanni Rosso Barolo Prapò 2006,Schiavenza e non altri. E non trovo in questo elenco i "prezzemolini" Gaja e Rivetti e trovo in Lombardia Arpepe e Dirupi e non Nino Negri e in Campania Luigi Tecce e non Feudi di San Gregorio e in Calabria Librandi e De Franco e non Ceraudo... Beh, sento molto aria di casa, in questa nuova guida...

Rispondi
avatar

Simone Maglioni

circa 9 anni fa - Link

Arpepe e Dirupi... sono proprio contento per loro, premio strameritato !!! il sogno sarebbe stato anche un riconoscimento a Siro Buzzetti di Terrazzi Alti ...

Rispondi
avatar

Giancarlo Gariglio

circa 9 anni fa - Link

Gentile Intravino, dopo una nottata a leggere gli exit poll della nostra Guida volevo mettere un po' di chiarezza. Una chiarezza dovuta visto che nessuno ha ancora tra le mani la Guida Slow Wine 2011 e quindi i fraintendimenti sono all'ordine del giorno. Poi la pubblicazione di tutte le segnalazioni da noi fatte non ha certo aiutato. Ma lo scotto degli ultimi arrivati era giusto che lo pagassimo! Comunque una Guida si giudica avendola in mano, soprattutto per una Guida che per ora pochi hanno avuto la possibilità di sfogliare. Rispondo alle prime critiche che ci sono giunte: 1) Todos caballeros, hanno vinto tutti! La nostra è una Guida che ha tre criteri di giudizio declinati su azienda e vino. Non si tratta di premi, ma di indicazioni ai nostri lettori sulle cose che secondo noi dovrebbero aver più risalto. Detto questo non voglio perdermi tra equilibrismi da prima repubblica (ma la seconda non sta meglio!). Abbiamo dato 160 Chiocciole su 1850 schede. Meno di una su dieci. Questo è il riconoscimento che ha più visibilità in assoluto perché a queste aziende dedichiamo una pagina intera. Siete proprio sicuri che tutti sono così contenti???? Io ho già ricevuto un mare di chiamate da aziende che non ce l'hanno e che mi chiedevano come mai e che pur avendo preso il Grande vino o Vino Quotidiano, o bottiglia o moneta... Non mi parevano così felici e contente... Quindi il Todos Caballeros di qualcuno lascia il tempo che trova. 2) Qualcuno ha detto che ritrova sempre i soliti nomi... Perfetto. Questo non mi pare così vero. Però bisogna operare un distinguo importante tra le varie categorie di vini selzionati: - I Grandi Vini (quelli di altissima qualità dal punto di vista organolettico e basta) sono frutto della nostra visita e di conseguenti 4 degustazioni alla cieca. Mi pare normale che ci si ritrovi in questa categoria nomi famosissimi: Giacomo Conterno, Biondi Santi, Giacosa, San Guido, Gaja, ecc... altrimenti 25 anni di critica enologica sarebbe stata inutile e tutta una farsa??? Però, vi invito a leggere bene fra le righe perché una linea in questo senso ben precisa l'abbiamo tracciata e in questa lista di 215 vini (vi paiono tanti?) mancano alcuni vini molto famosi che a noi non sono piaciuti così tanto. Prendete ad esempio il Brunello, questi i Grandi Vini: Brunello di Montalcino 2005, Agostina Pieri Brunello di Montalcino 2005, La Cerbaiola-Salvioni Brunello di Montalcino 2005, Pian delle Querci Brunello di Montalcino 2005, Pietroso Brunello di Montalcino Phenomena Ris. 2004, Sesti-Castello di Argiano Brunello di Montalcino Ris. 2004, Le Chiuse Brunello di Montalcino Ris. 2004, Biondi Santi – Tenuta Il Greppo Brunello di Montalcino Ris. 2004, Poggio di Sotto Brunello di Montalcino Ris. 2004, Tenuta di Sesta Insomma ci siamo capiti. Queste le chiocciole di Montalcino, se non bastassero i Grandi Vini: Baricci, Fattoi, Il Paradiso di Manfredi, Le Chiuse, Le Presi Mi pare che ci sia un'evidenza incredibile, sui Gusti di questa Guida. 3) Ci si sofferma sui Grandi Vini, ma la rivoluzione se c'è è quella dei Vini Slow, che voleva essere una collezione dei vini che ci hanno emozionato e che rispecchiano storia, territorio, vitigno, coltivazione pulita. Tanto per fare un esempio sono i famosi Coup de coeur dell'Hachette. Torniamo a Montalcino: Brunello di Montalcino Ris. 2004,Canalicchio di Sopra Brunello di Montalcino Ris. 2004,Canalicchio Franco Pacenti Brunello di Montalcino Ris. 2004,Fattoi Brunello di Montalcino Ris. 2004,Fornacina Brunello di Montalcino Ris. 2004,Brunelli Le Chiuse di Sotto Brunello di Montalcino Ris. 2004,La Fortuna Brunello di Montalcino Ris. 2004,La Palazzetta Brunello di Montalcino Piaggione Ris. 2004,Podere Salicutti Brunello di Montalcino Vigna Paganelli Ris. 2004,Tenuta il Poggione 4) Non continuo con la litania, ma guardatevi la Sicilia, la Campania, la Puglia, la Lombardia, ecc... e vedrete che di differenze le troverete eccome. 5) Infine chiudo dicendo che abbiamo scelto di indicare tre categorie nei vini perché quasi nessuno si sveglia la mattina e si vuole bere sempre e solo un Grande Vino, per cui guardate i Vini Slow e i Vini Quotidiani, per cui guardate anche queste.

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 9 anni fa - Link

appunto, sarebbero bastati i premi slow..... capisco il senso di chi ha scritto "todos caballeros". Insomma meglio essere "di lotta e di governo" che solo "di lotta".... peccato che al lancio si parlava di qualcosa di completamente diverso, nuovo e via discorrendo. Sia ben inteso, mi piacciono molto sia i Grandi Vini, sia i Vini Slow...... ma non riesco, per quanto mi sforzi, a vedere questa ventata di freschezza.... saro miope io...

Rispondi
avatar

Giancarlo Gariglio

circa 9 anni fa - Link

Caro Francesco, ci tengo a sottolineare che non siamo né di lotta e neppure di governo. Facciamo un lavoro editoriale e cerchiamo di farlo con serietà e rigore. Per cui abbiamo pensato di poter dare delle chiavi di lettura a chi comprerà la nostra Guida. Ribadisco che eliminare la categoria dei Grandi Vini sarebbe stato impoverente... E anche stupido: che si fa? si eliminano Gaja, Biondi Santi, ecc... Ma forse non sempre ci si sveglia e si beve il Grande Vino: e allora i Vini Slow e i Vini Quotidiani sono una sezione ugualmente importante... Non abbiamo fatto una guida per stupire o per punire, ma per informare il pubblico. Comunque ribadisco sfogliate la Guida (anche senza comprarla, magari a sgamo in una libreria) e poi ci troveremo a discuterne con più tranquillità e pacatezza.

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 9 anni fa - Link

Credo anche io che leggere la guida possa dare qualche indicazione di più. La acquisterò certamente. Sarà curioso analizzare il thelos narrativo

Rispondi
avatar

francesca ciancio

circa 9 anni fa - Link

Campania senza Mastroberardino, senza Molettieri? Non c'è neanche Caggiano, spesso controverso. Pietracupa? Per me uno degli esempi più calzanti di azienda slow. Ora i "grossi" nomi possono stare pure antipatici, ma continuano a fare il vino che conta nella mia regione. Qui si parla di storia ragazzi, non di flywinemaker

Rispondi
avatar

Mauro Erro

circa 9 anni fa - Link

Li trovi tutti nella categoria Grande Vino. Come giustamente osservato da Antonio Tomacelli, se prendete i vini slow e i Grande vini avete la apnoramica delle eccellenze in ogni regione, così per semplificare la lettura. Poi ulteriori informazioni al lettore legati al vino quotidiano o a segnalazioni che riguardano al qualità media della cantina ecc. ecc.

Rispondi
avatar

Francesco

circa 9 anni fa - Link

sono tra i grandi vini, c'è posto per tutti (preciso che a me mastroberardino e molettieri piacciono e anch molto,e sicuramenmte hanno una storia allle spalle)

Rispondi
avatar

Francesco

circa 9 anni fa - Link

@Franco, ma non fa parte anche lei della squadra? cosìmi sembrava, ma forse sbaglio e comunque, tra l'infinita lista dei premiati ci sono anche gaja e la spinetta così non si scontenta nessuno.

Rispondi
avatar

Franco Ziliani

circa 9 anni fa - Link

@ Francesco. E' vero, ho fatto parte, con un ruolo assolutamente marginale, che ha inciso minimamente nel lavoro della guida (ho solo redatto una quindicina di schede) della squadra e a risultato finito (anche se voglio avere in mano la guida e guardarmela con attenzione) scorrendo l'elenco dei vini Slow, che é quello che a me interessa maggiormente per le motivazioni del riconoscimento, che dicono "Vino Slow: bottiglie che, oltre a una qualità organolettica elevata, riuscissero a condensare nel bicchiere valori di tipo territoriale, storico e identitario che desideriamo far conoscere ai nostri lettori", posso dire di essere piuttosto soddisfatto di aver dato il mio piccolo contributo a questo lavoro. Se poi tra i Grandi Vini ovvero "bottiglie dalle elevate qualità organolettiche", trovo altri vini e altre aziende, che magari a me possono non piacere, non mi straccio le vesti. Perché si tratta di vini che sono piaciuti in una degustazione, seppure coperta, ma non trasmettono quei "valori di tipo territoriale, storico e identitario" che i Vini Slow vogliono sottolineare. Valori con i quali sono totalmente in sintonia

Rispondi
avatar

Francesco

circa 9 anni fa - Link

capito, ma, stante il fatto che non ho la guida tra le mani, la penso un po' come fabretti, cioè alla fine viene fuori un po'il listone. comuqnue è il bello e il brutto di tutte le guide, no? certo che sui chianti classico alcuni nomi chiocciolati proprio non ci azzeccano nulla

Rispondi
avatar

Fabio Pracchia

circa 9 anni fa - Link

Mi scusi Francesco. Ma mi incuriosisce sapere quali sono i vini slow che nel Chianti non la convincono. A noi in visita e in degustazione sono apparsi tutti di estrema territorialità e qualità stilistica. Ribadisco poi che non si parla di listone ma di semplici segnalazioni in un corpo del testo uguale per tutte le aziende, eccetto per le FATTORIE con chiocciola. Grazie ancora a Intravino per lo spazio che ci ha concesso. Saluti Fabio Pracchia

Rispondi
avatar

Lizzy

circa 9 anni fa - Link

Ben 4 vini bio-qualcosa premiati in Veneto! Evvai!! L.

Rispondi
avatar

Marco Bolasco

circa 9 anni fa - Link

A completamento di quello che dice Gianca aggiungo (dopo aver letto il titolo del post) che questo è l'elenco dei "vini slow". La CHIOCCIOLA è una segnalazione DATA ALLE CANTINE E NON AI VINI...

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 9 anni fa - Link

Corretto. Grazie per la precisazione.

Rispondi
avatar

Alessia

circa 9 anni fa - Link

Wow ci siamo anche noi del Molise. Una sola cantina, un solo vino ma si tratta della nostra ottima Tintilia di " Cantine Cipressi". Noi di Gustitaly siamo felicissime del riconoscimento ottenuto da uno dei vini che fara' parte del nostro negozio on-line!!

Rispondi
avatar

Fabio

circa 9 anni fa - Link

Il Molise con un solo vino , si ma che vino.. Piano piano cominciano a conoscerlo e lo apprezzano. Tintilia Macchiarossa una promessa nel campo dei vini, Lho scelto e so che andrà lontano!!

Rispondi
avatar

Alessia

circa 9 anni fa - Link

Anche noi di Gustitaly siamo sicurissime che questo vino ci dara' grandi soddisfazioni e riuscira' ad emergere sempre di piu' ed essere apprezzato dagli amanti del buon vino quindi grazie per averlo scelto!

Rispondi
avatar

enzo pietrantonio

circa 9 anni fa - Link

Non voglio fare il disfattista nè avere pregiudizi ma a mio avviso 3 linee direttive creano un pò di confusione nel lettore. Ci saranno pure grandi vini, che esprimono tradizione e aderenza al territorio e che sono venduti ad un prezzo giusto? Beh, se la qualità del vino, i legami con la terra ed il prezzo sono i criteri principali si sarebbe potuto accorparli e partire da li ! Non voglio essere malizioso ma credo che questa scelta abbia degli altri fini. E comunque mi riservo di tornare sull'argomento dopo aver sfogliato la guida.

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 9 anni fa - Link

Mi piace, mi piace, mi piace. Mi piace per la voglia di portare un po' di cambiamento nel modo di presentare i vini e le aziende, mi piace per la scelta dei vini, almeno di quelli di zone che conosco abbastanza, scelta imperfetta e incompleta forse ma molto decisa nell'impostazione. Mi piace per l'atteggiamento un po' più rilassato e meno ansiolitico delle vostre risposte. Noi siamo sempre qui a dire "perché questo e non quello?", ma alla fine una guida deve solo dare indicazioni e informazioni a chi vuole esplorare o "visitare" una zona, un'azienda, un vino, i punteggi creano spesso tensione e deviano dall'intento primario che é quello, appunto di far conoscere a chi é curioso di sapere.

Rispondi
avatar

Stefano

circa 9 anni fa - Link

Anche a me piace l'impostazione generale, penso che acquisterò la guida, ma noto l'assenza del Kurni

Rispondi
avatar

Franco Ziliani

circa 9 anni fa - Link

Stefano, se ne faccia una ragione se manca quel Kurni che trova invece puntualmente premiato da altre guide... Non credo sia un'assenza di quelle da stracciarsi le vesti e non riuscire a dormirci la notte... :)

Rispondi
avatar

Stefano

circa 9 anni fa - Link

Ziliani non si preoccupi, di solito dormo benissimo :-) Però ho visto sul sito Slowine che è stata premiata la cantina Oasi degli Angeli con la chiocciolina... poi a me il Kurni piace, ma visto anche il prezzo non è certo un acquisto ricorrente :-)

Rispondi
avatar

Annalisa

circa 9 anni fa - Link

Mi rigolvo ai curatori della Guida. Trovo difficile condividere l'impostazione sulla selezione iniziale. I giudizi successivi poi sono un'altra cosa, almeno le cantine sono state visitate ed i vini assaggiati. E'la prima parte a lasciarmi interdetta: decidete a priori (su segnalazione di qualcuno) chi valutare e chi no. Ma se quel qualcuno si sbaglia? Siete proprio così sicuri che chi vi segnala le aziende segua veramente criteri di oggettività o rispecchi invece i piccoli intrallazzi territoriali ?!!? Almeno nelle altre guide accettano di assaggiare i vini di tutti, prima di decidere. Probabilmente poi non sono scevri anche gli altri di scelte di parte (successive), ma per lo meno la forma mi sembra più corretta e l'accesso alla selezione possibile a tutti. E' ovvio che non si può controllare tutto, che le fonti di errore (anche non voluti) possono essere diverse in un lavoro così immane come una guida dei vini, ma resta il fatto che almeno il sistema di accesso dovrebbe essere impeccabile.

Rispondi
avatar

Annalisa

circa 9 anni fa - Link

Possibile che nessuno della guida possa rispondere e chiarire i criteri di scelta iniziale???

Rispondi
avatar

Fabio Pracchia

circa 9 anni fa - Link

Ciao Annalisa, rispondo io. La scelta iniziale è stata dettata dalla esperienza di ciascuno di noi, responsabili regionali e nazionali. Non dimentichiamoci che chi più chi meno proveniamo da una guida ventennale che ci ha permesso di avere una conoscenza profonda delle zone vitate italiane. Siamo partiti da questo, ma non bastava. Abbiamo partecipato a quasi tutte le manifestazioni (e son fin troppo numerose) dove si assaggiano i vini di un numero sempre maggiore di aziende. Anche questo non è stato sufficiente e quindi grazie all'aiuto dei consorzi e di altre strutture, come molte guide fanno, si sono organizzate degustazioni alla cieca qualora emergessero vini di straordinaria espressione territoriale o qualitativa ( nel nostro caso, in Toscana, abbiamo assaggiato lo stesso vino anche dopo un giorno.) A conferma di quanto dicevi nel tuo post precedente infatti è successo. è il caso, tanto per citarne due, di Villa Pomona in Chianti Classico e La Fornacina a Montalcino. Ho preso la macchina e sono andato a visitarle per trovare la conferma di ciò che il bicchiere aveva suggerito. Così i Mandorli in Val di Cornia assaggiati per caso a Cerea durante il periodo del Vinitaly. Questo è stato l'iter, con varie procedure di regione in regione. Qualcosa può mancare, dipende poi dalla soggettività di ognuno di noi, ma siamo disponibili a suggerimenti e modifiche. Siamo alla prima vendemmia. Grazie Fabio Pracchia

Rispondi
avatar

Annalisa

circa 9 anni fa - Link

Gentile Fabio, ti ringrazio delle spiegazini. Tuttavia credo che forse un po' di sistematicità in più possa solo giovare alla fama della guida. Che alcuni incontri siano "casuali" o fatti alle manifestazioni (quali? dove?) mi sembra molto vago. Che vi appoggiate ai Consorzi per le degustazioni non mi risulta, non almeno nei Consorzi del nostro territorio. Rimango del parere che mi sembra poco chiaro il metodo di selezione iniziale e poco accessibile per chi voglia tentare di apparire nella vostra pubblicazione.

Rispondi
avatar

Andrea Pagliantini

circa 9 anni fa - Link

@ Francesca fra me e me mi ero immaginato la presenza sulla guida di certi soggetti vinari e ci ho preso. Non faccio nomi, non faccio pubblicità gratuita e meno che meno a pagamento, non pretendo di sapere e intendermi. Pulisco terrazze, brucio ginestre, vivo nel trapassato remoto a modo mio rispetto ai tempi e ci sto anche bene.

Rispondi
avatar

Francesco Quercetti

circa 9 anni fa - Link

Ciao Annalisa, anche dalle Marche alcune spiegazioni alle tue richieste. Come già detto da Fabio, ciascuno di ha una conoscenza del territorio pluriennale, collabora alle Guide ed assaggia da anni. E' questo il bello della struttura di Slowine: noi viviamo sul territorio, viviamo il territorio, assaggiamo i vini tutto l'anno e non solamente due o tre giorni per le degustazioni estive. Tutto ciò ci ha permesso e ci permette di conoscere un pochino le aziende, capire come i vini evolvono e magari se abbiamo preso delle "cantonate". Quindi la scelta delle aziende non è stata fatta a tavolino o su segnalazione di chissà chi ma abbiamo girato la regione in lungo e in largo, visitando tante più aziende di quelle inserite in guida. La gran parte delle visite fatte prima delle degustazioni estive, il resto dopo, andando a visitare magari produttori che dalle degustazioni "cieche" ci hanno colpito, il tutto fino ai primi di agosto. Abbiamo visto e ascoltato dai vignaioli come lavorano, assaggiato i vini in cantina, cercato riscontri (e magari non sempre trovati nelle degustazioni cieche) ed alla fine abbiamo condensato il tutto, decidendo se l'azienda meritava di entrare in guida o meno. Non ti nascondo che quest'anno abbiamo visitato almeno un 10% in più delle aziende che sono entrate ma il lavoro è ancora lungo, sono tante le realtà da approfondire, conoscere e questo inizierà già dopo la vendemmia. Inoltre il prossimo anno io andrò a vedere quelle visitate dai miei collaboratori e viceversa. Come potrai immaginare alla fine avremo tante idee, impressioni diverse che ci permetteranno di fornire ai lettori un quadro il più completo possibile. E' il primo anno, avremo modo di affinare il metodo anche con i vostri suggerimenti appena avrete letto la guida. Siamo qui pronti ad ascoltarvi. Ciao Francesco Quercetti

Rispondi
avatar

Trister

circa 9 anni fa - Link

Ma chi ha redatto questo elenco,l'ha degustato "a vita" (Cirò az De Franco)?

Rispondi

Commenta

Rispondi a Mauro Erro or Cancella Risposta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.