Sei buoni motivi per non fare il vignaiolo e vivere felici

di Antonio Tomacelli

E così vorresti fare il vignaiolo, eh? Eccerto, hai visto in tv due o tre principini in puro cachemire intervistati tra le zolle e adesso sbavi per un servizio in vellutino a coste su Vanity Fair. Beh, devo darti una brutta notizia: il vignaiolo è un contadino agricolo, perdipiù con le aggravanti del settore enologico. Se pianti grano, per dire, non dovrai preoccuparti della giusta essiccazione dei vermicelli o del lievito madre, figlia e spirito santo. Fare il vino, farlo seriamente intendo, prevede una serie di competenze e fatiche al limite dell’umana sopportazione e, alla fine del ciclo, ti va di culo se potrai pagarti il vellutino in misto cotone. Quindi dimentica le vergini al chiaro di luna e le sirene della vita mondana perchè ti aspettano le seguenti “attività meno glamour sulla faccia della terra”:

1) Sveglia alle 4:00. Il momento migliore per raccogliere l’uva è l’alba. I grappoli non devono arrivare troppo caldi in cantina, pena la perdita di profumi essenziali. D’altronde dovresti aver fatto il callo alle levatacce, visto che per tutta l’estate non hai fatto altro che svegliarti al canto del gallo. La tua vita sociale? lasciamo perdere, i pipistrelli del sottotetto ne hanno più di te.

2) Lo spaventapassere. Denim di spessore, camicia a maniche lunghe, scarponi e un cappello per proteggerti dal sole. Il tuo spaventapasseri ti guarda e sogghigna. Più che vestirti hai indossato una muta che ti proteggerà da tagli, ortiche e insetti molesti ma se ti vedesse ora la troupe di Terra e Sapori, volgerebbe schifata la telecamera altrove, cambiando al volo il tema del programma: “la concimazione a letame, questa sconosciuta”.

3) Le gioie del raccolto. Due ore di vendemmia e hai le mani appiccicose da fare schifo. Ti eri scordato che l’uva contiene zucchero e adesso hai difficoltà con le forbici e con il resto degli attrezzi. Lavarle è inutile, dopo tre grappoli raccolti sei messo peggio di prima. Ricordi cosa rispondesti a chi ti proponeva la vendemmia meccanizzata? “No, guardi, la raccolta dell’uva è, per me, il momento più sacro dell’anno, non voglio macchine dentro il vigneto”. Su, non fare l’eroe, asciuga le lacrime e richiama il tizio.

4) La legge è legge. La matematica non è un’opinione: per produrre un quintale di vino, servono due quintali di carta tra registri, bolle e documenti vari. Stai bene attento a quello che scrivi, però: lo stato ha tredici enti che ti controllano, quattordici calcolando le Giovani Marmotte. Ognuno di essi entra senza preavviso e sei obbligato a sospendere tutto per star dietro ai controlli. In cima alla hit parade delle richieste impossibili, c’è il calcolo delle fecce da sottrarre come scarti del vino prodotto. È una semplicissima equazione a tredici funzioni multiple con doppio avvitamento carpiato che, in genere, viene risolta con mille euro di multa nei casi meno gravi.

5) Il piccolo chimico. La malolattica trama contro di te, l’acidità ti odia e i lieviti indigeni parlano male di te. Vorresti chiedere aiuto a un enologo ma, fatti due conti, ti costerebbe quanto una crociera alle Maldive. Che poi, guarda caso, è la rotta più frequentata dai flying winemaker. Che fare, pagare o pregare? Inginocchiati, e sii convincente: ritrovarsi con mille ettolitri d’aceto è un attimo.

6) Rich & Famous. Ora che la bottiglia è finalmente tra le tue mani, puoi regalarti cinque minuti di soddisfazione. Al sesto minuto interviene puntuale sua maestà l’angoscia che ti rovina la festa con la domanda carogna: “E ora, a chi lo vendo?”. Se non hai una rete di rappresentanti che ti  bussano alla porta, son dolori e chilometri da macinare. Piazzato il prodotto hai ancora uno scoglio davanti a te, l’ostacolo che nessun altro prodotto agricolo deve superare: le guide del vino. Potresti scansarle affidandoti a quei bloggers di cui si parla tanto, ma credimi, è come passare dalla padella a una brace eterna.

Se ho dimenticato qualcosa è solo per carità cristiana ma se, nonostante tutto, vuoi insistere e diventare vignaiolo, sappi che di qui a poco ci penseranno i nostri commentatori a dissuaderti. Forza ragazzi, c’è da salvare l’ennesimo masochista!

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi e Stefano Caffarri il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

34 Commenti

avatar

maria gioia

circa 8 anni fa - Link

7) sei li che guardi le tue vigne pieno d'orgoglio, ma funesta arriva la grandine a dimezzare il raccolto. Il vignaiolo scappa una lacrima, ma alla fine se ne fa una ragione. Ho dato, pensa, e spera nella annata successiva. Nell'annata successiva si presenta la siccità che dimezza il raccolto, il vignaiolo è triste, ma si fa coraggio... è la natura pensa, il prossimo anno andrà meglio. L'annata successiva dopo aver combattuto la siccità (è si, che il clima è cambiato!), il vignaiolo aspetta senza troppe illusioni la vendemmia, e proprio pochi giorni prima del raccolto arriva la grandine (ancora!!!), e il vignaiolo rimane con la cantina quasi vuota... medita di cambiare lavoro, ma siccome è troppo attaccato alle sue vigne cerca di farsi coraggio sperando che la prossima annata sia migliore... P.S. Tratto da una storia vera

Rispondi
avatar

Gabriele Succi

circa 8 anni fa - Link

Azzz... ...allora non sono il solo a cui è successo una cosa simile... :shock:

Rispondi
avatar

Sir Panzy

circa 8 anni fa - Link

è pieno il mondo.. purtroppo :(

Rispondi
avatar

Elio

circa 4 mesi fa - Link

Si certamente, ma comunque esistono le compagnie di assicurazioni, qui da noi gli ultimi anni hanno guadagnato molto ma molto di piu' quando grandinava senza neanche toccare certe volte il semovente per la raccolta.. Io comunque parlo della frutta in generale e non di uva.. Pesche, pere, mele, nocciole ecc..

Rispondi
avatar

gianpaolo

circa 8 anni fa - Link

dopo 10 anni ti sei accorto che per fare una bottiglia che vendi a 4 euro ti costa 4,50. Auguri.

Rispondi
avatar

Alessandro Bandini

circa 8 anni fa - Link

Rimarrebbero tempi, modalitá e probabilitá di riscossione, che faccio infierisco?

Rispondi
avatar

Fabrizio Dellaporta

circa 8 anni fa - Link

Tutto giusto, ma come tutti i lavori ha i suoi contro ma anche qualche pro... Potrei elencare mille inconvenienti per ogni onesta attività, ma qualche volte ci sono anche le soddisfazioni, non solo quelle che originano da altri, ma quelle che uno trova in se stesso per quello che ha fatto... Il giusto equilibrio nelle cose... quello è l'obiettivo della propria attività. Non è certo quello di arricchire in breve tempo che ti porta a fare il vagnaiuolo, tantomeno quello di far lavorare gli altri e supervisionare i lavori in maglioncino di cachemire... Credetemi! Trovo tanta gente insoddisfatta e stressata che lavora negli uffici e nelle fabbriche, lo sbarcare il lunario è un problema di tutti, ma non tutti possono alla sera girarsi indietro ed essere soddisfatti per quanto si è fatto durante la giornata...

Rispondi
avatar

Diego

circa 8 anni fa - Link

Quotissimo. Non se ne può più di questi piagnistei... Tutte le categorie professionali non fanno altro che lamentarsi in Italia. Spero che intervengano 10, 100, 1000 produttori di vino a dire: è faticoso, non guadagno abbastanza, la burocrazia è terribile, i clienti poi non mi pagano, ma è il lavoro più bello del mondo!

Rispondi
avatar

Elio

circa 4 mesi fa - Link

Pienamente d'accordo con te...

Rispondi
avatar

suslov

circa 8 anni fa - Link

... vabbe' ma ogni tanto non capita tra le vigne qualche giunonica turista americana e/o scandinava e/o teutonica affascinata dal contatto con la terra e dal rude vignaiuolo italico ??? no, eh ???

Rispondi
avatar

batavia

circa 8 anni fa - Link

sì, quella che poi non ci sta più dentro e vuole pigiare il vino spogliandosi tutta, ci hanno fatto anche delle foto....

Rispondi
avatar

suslov

circa 8 anni fa - Link

beh una teutone nel tino delle fecce mi sembra un benefit non disprezzabile ... sempre meglio del telefonino aziendale che fa cosi' anni 90 ...

Rispondi
avatar

suslov

circa 8 anni fa - Link

beh una teutone nel tino delle fecce mi sembra un benefit non disprezzabile ... sempre meglio del telefonino aziendale che fa cosi' anni 90 ... o no ?

Rispondi
avatar

Federico

circa 8 anni fa - Link

La teutonica nel tino delle fecce, dicono gli enologi che doni al futuro vino i sentori di frutta bianca e rossa concomitanti, come pere e prugna! E attenti con le l(i)evitazioni: se selezionate aggiungono una nota tropicale di banana, se spontanee sentori animali. E' meglio che vado a letto!

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 8 anni fa - Link

C'ho un paio di vigne troppo lontane da vendere, spero che i potenziali acquirenti non ti leggano!

Rispondi
avatar

Alessandro

circa 8 anni fa - Link

ma Tomacelli è vignaiolo?? Io non lo vedo assolutamente un lavoro da sconsigliare! per carità, sei soggetto a intemperie e sfighe del tempo, ma hai tanti altri piccoli vantaggi!! come ogni mestiere credo

Rispondi
avatar

armin

circa 8 anni fa - Link

"è faticoso, non guadagno abbastanza, la burocrazia è terribile, i clienti poi non mi pagano, ma è il lavoro più bello del mondo!"

Rispondi
avatar

Fabrizio Dellaporta

circa 8 anni fa - Link

Solo le ultime parole ti ripagano di tante fatiche e sofferenze... Siate più ottimisti e guardate chi sta peggio!

Rispondi
avatar

Carlo Tabarrini

circa 8 anni fa - Link

“è faticoso, non guadagno abbastanza, la burocrazia è terribile, i clienti poi non mi pagano, ma è il lavoro più bello del mondo!” p.s. : l'orario di vendemmia citato vale solo per climi caldi e secchi, più che altro al sud, ma tanto la sera prima della vendemmia chi è che riesce a dormire ?

Rispondi
avatar

Kevin Manes

circa 1 settimana fa - Link

E anche se fosse capita una volta all'anno

Rispondi
avatar

gianpiero

circa 8 anni fa - Link

si può anche essere soci di una cantina e vedere che un ettaro di terra ti rende circa 15 mila euro l'anno e fare del vino senza solfiti per uso personale e di qualche fortunato amico....Il problema è che se intendi iniziare da zero,penso sia una follia.....hai bisogno di trattori,pompe irroratrici,scalzatore,rimorchi vari,zappe ecc...(potresti anche delegare quei lavori meccanizzati a terzisti);hai bisogno di comprare terreni ed impiantare i vigneti (potresti prenderli anche in affitto con vigneti già attivi!)poi devi laurearti in enologia e comprare l'attrezzatura per la vinificazione(si può comprare bene l'attrezzatura anche alle aste giudiziarie risparmiando il 90%,ma ciò ti ricorda che qualcuno non ce l'ha fatta!)dopodichè aspetti almeno 3 anni per poter vedere il frutto del tuo lavoro e cercare di venderlo sul mercato che ritieni più opportuno(con ulteriori spese per fiere,assaggi,manifestazioni varie ed eventuali ecc..)senza contare le ore di lavoro passate in vigna!!!Poi vedi in un osteria una bottiglia di vino dove il produttore COMPRA l'uva da terzi,ha un enologo ed è bravo a vendere vini....oppure si fà imbottigliare il vino da terzi e attacca solo l'etichetta e ti dice che lui è un produttore vinicolo!!!!!!!!

Rispondi
avatar

Gianpaolo

circa 8 anni fa - Link

Ammappa, un ettaro ti rende 15.000 euro l'anno come socio di una cantina? E dove, che provvedo subito a spostare tutte le vigne.

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 8 anni fa - Link

Ti dirò Gianpaolo, dalle mie parti quest'anno si festeggia alla grande nonostante i comunicati apocalittici della Coldiretti. L'uva gira a 40 euro al quintale rispetto ai 15 degli anni scorsi e con le rese dei tendoni (400/500 q.li a ettaro) c'è di che gioire. Oh, va tutta in Tavernello, sia chiaro, ma una volta tanto ci guadagnano i contadini.

Rispondi
avatar

Luca Ferraro

circa 8 anni fa - Link

Prosecco doc anno scorso 1 euro a kg x 180 qli ettaro, fai 2 conti e vedrai ;)

Rispondi
avatar

Antonella DIsanto

circa 8 anni fa - Link

Sei anni fa ho lasciato un lavoro d'ufficio e mi sono data "all'alcol" . Ho incominciato a condurre una piccola azienda agricola, con dei vigneti che mio marito vent'anni fa aveva impianto per hobby. E' stata durissima...ho dovuto imparare tutto: mi sono scelta un enologo donna, con la quale colloquio meglio! ho chiesto a chi ne sapeva più di me, mi sono confrontata con qualche mio vicino,anche loro produttori che mi guardavano con aria di sufficenza....Certo mi sono imbattuta nella peggiore crisi dell'ultimo millennio, non è passato giorno che non mi sia stramaledetta per la scelta azzardata che avevo fatto. Quest'estate ad agosto ho fatto la danza della pioggia, non bastando mi sono raccomandata a tutti i santi del paradiso affinchè piovesse, ma nel complesso non mi sono mai pentita, anche nelle mattine che mi sono alzata alle 5 o le notti che sono andata a letto alle 2 per convincere qualcuno all'estero a prendere in considerazione i miei vini. Mi commuovo quando vedo le prime foglioline verdi sulla vite, quando c'è la fermentazione vado in giro in tinaia annusando come un cane, quando imbottiglio la nuova annata mi sembra mi sia nato un figlio. Quello che c'è nella bottiglia è un figlio, e come un figlio è l'unica cosa che puoi dire ; questo l'ho fatto io! E' faticoso lo so, ma vuoi mettere produrre un alimento, bevanda o farmaco, tra i più nobili al mondo?

Rispondi
avatar

Federico

circa 8 anni fa - Link

Bel racconto di vissuto. Grazie davvero. Senza volontà di contrasto, solo un appunto: non "farmaco" ti prego non scherziamo, il vino può essere tante cose, ma i farmaci sono altro.

Rispondi
avatar

Fabrizio Dellaporta

circa 8 anni fa - Link

Fantastico racconto! Certo che la vita del vignaiolo e molto dura.... Ma con passione e amore si superano tanti ostacoli! Bisogna essere un po' contadini, un po' economi, un po' commercianti, un po' fatalisti e molto ottimisti... Ma se io dovessi intervistare tutti i produttori di vino che hanno le caratteristiche sopra citate, nessuno tornerebbe indietro! Il legame fra l'uomo e la terra è uno dei più atavici. Abbiamo nei geni l'amore per la vita bucolica e per i ritmi della Natura. E umiltà e rispetto per la vita...

Rispondi
avatar

Gianpaolo

circa 8 anni fa - Link

Una volta qualcuno ha detto: produrre whisky e' come aprire un ristorante, acquistare le attrezzatuare, arredarlo, acquistare i prodotti, assumere i cuochi, camerieri, personale vario, e poi chiuderlo per i prossimi 10 anni. Fatte le debite proporzioni penso che la stessa cosa si possa dire per il vino.

Rispondi
avatar

Flavio Meistro & Enrico Orlando

circa 8 anni fa - Link

Sei un mito!!!!! ti aspettiamo in cantina! Per la cronaca quest'anno: Gelata+grandinata+3 q. di carta per le d.o.p.=ce lo beviamo con gli amici!

Rispondi
avatar

Gianpaolo

circa 8 anni fa - Link

Tomacelli, l'uva poi deve diventare vino, e il vino deve essere venduto. Voglio vedere questi prezzi all'origine come si trasformeranno sul mercato alla fine, non si se i consumatori accetteranno di pagare la festa dei contadini, vedremo.

Rispondi
avatar

Gianpaolo

circa 8 anni fa - Link

Non per niente tutti vogliono fare prosecco. Morellino, 1 euro al kg.per 90 qli, coati do conditions 5000 euro ad ettaro = 4000 profitto. E siamo già nel lusso.

Rispondi
avatar

Paolo Cianferoni

circa 3 anni fa - Link

Ironia a parte, fare il vignaiolo o la vignaiola da soli è arduo. Con Una compagna o un compagno, insieme, può essere una scelta di vita che nonostante tante difficoltà può dare felicità. Ci vuole amore, tutto il resto passa in secondo piano. E questo è tanto più vero in questo lavoro sopratutto quando non si hanno risorse e si tenta l’azzardo: anche se va male, anche se fatichi, con l’amore tutto è più leggero. (Dai su, non prendetemi per un pazzo visionario...:)

Rispondi
avatar

La Vignaiola

circa 3 anni fa - Link

8) Uma massa di incompetenti che pensano di comprendere cosa sia La terra ed vino , che danno gudizi su un prodotto che nemmeno hanno degustato vanno in giro a scroccare campioni con la promessa di chissà quali esportazioni e alla fine recensiscono il "nulla"; a questi signori che tentano di vendersi come esperti assaggiatori in cambio di regalie pena la diffamazione, il vignaiolo frastornato da cotanta tracotanza si rassegna , attende il prossimo parassita ed intanto pensa: "prima o poi uno buono ci sarà" dopo tanto investimento possibile che tutti ci mangiano meno io che ci lavoro!

Rispondi
avatar

cosimo

circa 2 anni fa - Link

mi piacerebbe sapere chi puio' veramente definirsi vignaiolo

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.