Salvate la scimmia!

di Antonio Tomacelli

Immagine 4Ora è troppo. Passi per i preti inglesi che ai fedeli offrono vino fortificato nella comunione per combattere l’influenza suina. Ho sopportato pure i consigli della nonna di Carlo Ancelotti—bere un bicchiere di latte caldo col vino—e quelli della Coldiretti sul resveratolo panacea di tutti i mali, ma qui si è superato il limite della decenza! Il bicchiere di vino rosso che i veterinari dello zoo di Krasnoiarsk somministrano ai macachi per prevenire l’influenza AH1N1, proprio non mi va giù. Vabbeh, siamo in Siberia e con il freddo non si scherza, ma sentire i veterinari dello zoo dichiarare felici che: “le scimmie apprezzano molto, alcune schioccano la lingua dopo aver bevuto” farebbe venire la pelle d’oca anche a Franco Ricci, pluripresidente dei sommelier italiani. Oddio, a pensarci bene l’ideuzza di un corso per macachi non sarebbe da buttare via. Io, per esempio, non ce li vedrei male gli scimpanzè roteare il bicchiere di chardonnay, annusare compunti e dichiarare: sa di banana! Sono bestie intellingenti, sa

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

Nessun Commento

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.