Read my lips: la newsletter a pagamento di Alice Feiring è un successo senza precedenti

di Antonio Tomacelli

Alice Feiring è un’apprezzata scrittrice americana di vino. Il suo è tra i blog meglio frequentati della rete e collabora da free-lance per il New York Times, Newsweek e The World of Fine Wine. Stilisticamente potremmo definirla l’alternativa fricchettona a Jancis Robinson, viste le sue frequentazioni naturali e i numerosi scatti che la ritraggono a piedi nudi nell’uva. Alice è stata probabilmente la prima giornalista americana a scoprire il mondo dei vini naturali e ora, dopo anni di viaggi e recensioni, ha deciso di monetizzare questa sua autorevolezza nel campo dei vini naturali. E qui viene il bello. La Feiring pubblicherà, a partire da ottobre, una newsletter mensile a pagamento. Ogni numero conterrà 20-25 recensioni di vini naturali o biodinamici più alcuni articoli sull’argomento. Il costo è di 65 dollari per dieci numeri e l’obiettivo della sottoscrizione è di raggiungere i 6,000 dollari entro ottobre che le permetteranno di pagare un grafico e le piccole spese editoriali. Volendo potete prenotarvi sul sito di presentazione a questo indirizzo.

La domanda che tiene tutti con il fiato sospeso è: ce la farà la paladina dei vini naturali in America, a racimolare i soldini per questo suo nuovo progetto? La risposta è sì, obiettivo raggiunto in ventiquattro ore e il contatore, a tre giorni dal lancio, segna 10,000 dollari tondi tondi. Insomma, mancano 25 giorni al termine delle adesioni e Alice ha già fatto il botto. Vero è che lo scrivere in inglese ti apre un mondo, ma qui si parla di una nicchia di mercato che, per ora, ha generato in America più polemiche che profitti.

Ok, Alice, il ruolo della “Robert Parker dei vini naturali” è tuo, ma noi attoniti ci chiediamo: oddio, vuoi vedere che la rivoluzione dei vini naturali è davvero iniziata e io non ho niente da mettermi?

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

7 Commenti

avatar

Alessandro - VinNatur

circa 7 anni fa - Link

umile, intelligente, curiosa e professionale. Una piccola donna (nelle dimensioni) con una personalità unica. Davvero GRANDE!

Rispondi
avatar

riccardo

circa 7 anni fa - Link

State pensando di far pagare anche per Intravino?

Rispondi
avatar

lidolucca

circa 7 anni fa - Link

Per Intravino se i denari vanno al Morichetti, ci autooboliamo tutti, questo Ragazzo è un bene e patrimonio umanitario da salvaguardare. ciao Lido.

Rispondi
avatar

Riccardo

circa 7 anni fa - Link

Morichetti è un patrimonio umanitario da salvare. Certe esseri preistorici non capita di vederli tutti i giorni infatti... :) Per quanto sei simpatico ti edito pure i commenti. Tvb anche io ;-) [a]

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 7 anni fa - Link

Moricchia è l'acidità energetica di Intravino (vedi post precedente). Non abbiamo bisogno della nasuta Feiring e delle sue 20-25 recensioni a pagamento.Non ancora. Quello per cui io pagherei è scrittura comprensibile, veloce e schietta. Argomenti aggiornati che non si limitino ad un elenco telefonico di degustazioni. Informazioni veritiere, opinioni equilibrate, commenti puntuti ma rispettosi. Professionalità senza pomposità. Certe cose non si possono comprare, per il resto c'è Mastercard.

Rispondi
avatar

Elena

circa 7 anni fa - Link

Quindi e' proprio vero che quello che non ti guadagni non vale nulla? Spero proprio di no... Mi associo all' hip hip hurra x ale

Rispondi
avatar

Andrea

circa 7 anni fa - Link

complimenti per il Vs. website

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.