Quando il vino è ottimo e l’etichetta invece…

Quando il vino è ottimo e l’etichetta invece…

di Davide Bassani

I fatti. È domenica e non so cosa mettermi, le previsioni dicono pioggia e fuori c’è il sole, ma al sole fa caldo e all’ombra fa freschetto; mi sono svegliato tardi, non faccio colazione però so già che attorno all’una avrò fame. E pure sete.

Ravano nel reparto cantina e metto mano su un Riesling. Mi faccio ingannare da quell’etichetta un po’ così che hanno certi vini e ricordo quella faccia un po’ così di chi vende il proprio prodotto presentandolo con l’umiltà di chi ci crede fin lì, senza sbracare pensando che, in fondo, i cavalli di razza li allevano sempre gli altri. Salto il cavolo nero con le patate, l’aglio e una noce di burro ed intanto guardo quella bottiglia lì, che con quell’etichetta un po’ così mi lascia una perplessità che arriva fino a lì. Chissà…

Schermata 2020-10-05 alle 17.31.41

 

Questo è il risultato dei miei acquisti compulsivi, di questo modo che ho di analizzare facendo a fette l’etichetta: alla fine arriva sempre chi vende a dispensare con cortesia informazioni ed io, che in fondo son timido e pur di non deludere assecondo, acquisto pur senza esser convinto, anche senza assaggiare (errore, fustigatemi in pubblica piazza ma va bene anche la sala mensa): come in questo caso. Eppure l’etichetta l’ho vista, e, al netto dei gusti, personali, non ho timor di dire che bella non è. È un po’ così.

E il vino? Rieslingheggia e mineraleggia in perfetto equilibrio atarassico con la punta sulfurea tipica del vitigno teutonico e, da par suo, si dimostra solido, granitico. Ottimo. E pensare che stavo per scrivere dell’etichetta e di quanto non mi piacesse: volevo scatenare il dibattito, esortare i vignaioli che mi leggono a spendere qualche risorsa in più nel “packaging” (virgolettato perché aborro gli inglesismi ed ogni tanto do retta a Mughini).

Non datemi retta: andate avanti a fare del buon vino che noi, la domenica come tutti gli altri giorni della settimana, abbiamo bisogno di bere come si deve. Però, quell’etichetta…

Opus vdt
Azienda vinicola Esenta – Borgo Castello

1 Commento

avatar

Sancho P

circa 2 mesi fa - Link

Ghemme Katia Sebastiani Grande vino, etichetta "non bella" Ma le etichette arancioni di Giacomo Anselma battono tutti.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.