Puglia | 10 favolosi ristoranti sul mare di cui Flavio Briatore ignora l’esistenza

Puglia | 10 favolosi ristoranti sul mare di cui Flavio Briatore ignora l’esistenza

di Antonio Tomacelli

Rapido flashback: negli anni sessanta il ricchissimo principe Karim Aga Khan IV si innamora della Sardegna e ne acquista un bel pezzo, una località brulla e inospitale nel comune di Arzachena che i sardi chiamano Porto Cervo per via della forma. Parte così una delle più grandi e lussuose lottizzazioni della storia d’Italia che cambiò per sempre l’immagine (e l’immaginario) della Sardegna che, da quel giorno, diventò il luogo d’elezione delle vacanze da pashà. L’Aga Kahn oltre agli alberghi, al porto e alle ville, costruì anche l’aeroporto di Olbia e fondò una compagnia aerea, l’Alisarda, per trasferire i ricchi turisti verso Costa Smeralda.

Quaranta anni dopo: un signore di nome Flavio Briatore apre una discoteca in una villa, il Billionare, e da allora tutti pensano che la Sardegna l’abbia inventata lui, tant’è che alcuni lo considerano un esperto di flussi turistici. Ci cascano in pieno anche alcuni sindaci della Puglia che lo invitano ad un convegno e lui, in quanto “esperto”, sentenzia: “Il ricco vuole tutto e subito. Io so bene come ragiona chi ha molti soldi: non vuole prati né musei ma lusso, servizi impeccabili e tanta movida” e ancora “Masserie e casette, villaggi turistici, hotel a due e tre stelle, tutta roba che va bene per chi vuole spendere poco ma non porterà qui chi ha molto denaro”.

In realtà “i ricchi” che conosce Flavio sono un mazzo di calciatori col portafoglio pieno e un tot di tronisti di Maria de Filippi dalla mutande facili, buoni solo a sputtanare su Instagram ogni minuto della loro agiatezza. E così, mentre Briatore ci spiegava il turismo, Madonna, Beyoncè, Ivanka Trump e un nugolo di tycoon indiani si rilassavano al sole di Puglia, dormendo in hotel a 6 stelle e pranzando in ristoranti che il Billionaire arrossirebbe al confronto.

Proprio per spiegare a Briatore cos’è il vero turismo di lusso, Intravino ha raccolto qui sotto una lista di ristoranti sul mare di Puglia da mozzare il fiato e, qualche volta, il portafogli. Sperando che Flavietto capisca due o tre cose:

1. Non ha inventato nulla, tranne la cafonaggine.
2. Il vero lusso è la privacy, non l’ostentazione.
3. Un conto è il lusso, un altro la ricchezza.


Il Trabucco, Peschici
Il trabucco è un’antica macchina da pesca tipica delle coste garganiche, molisane e abruzzesi. Ne sono sopravvissuti diversi e più di uno è diventato ristorante come quello della famiglia Ottaviano che è diventato, nel giro di pochi anni, una tappa d’obbligo per vacanzieri di passaggio e locali. C’è da capirli: la vista è da urlo, il cibo è pescato al momento e i due fratelli, Domenico in cucina e Vincenzo tra sala e surf, sono quanto di più figo si possa trovare sul Gargano. Si mangia crudo e locale, semplice ma efficace come i tramonti mozzafiato che si godono da questi scogli. Consigliatissimo l’aperitivo prima di cena: il sole che tramonta in mare si affronta meglio con un bicchiere di bollicine in mano. A proposito: la cantina ha solo vini pugliesi ma, per fortuna, Vincenzo ha scelto il meglio per ogni denominazione.

17903970_10154269402780855_5631330007279403212_n

Schermata 2017-07-13 alle 09.46.39

Schermata 2017-07-13 alle 11.43.05


Il Capriccio, Vieste
Ai fornelli c’è la mano sicura dello chef Leonardo Vescera e il dehors – incantevole – è affacciato sul porticciolo turistico di Vieste. Come dite, tutto qua? Incontentabili che siete, io vi metto su un piatto d’argento uno dei migliori chef in circolazione, un ristorante elegantissimo a pochi metri dal vostro yacht e voi osate lamentarvi? Vabbè, a buon peso: è anche Ambassador Krug per cui occhio ai cedimenti strutturali della vostra carta di credito perché qui sky is the limit, come testimonia il nostro post del 2013. Se invece vi lanciate su di un buon rosato pugliese, il menù alla carta è una bella esperienza a soli 60 euro. Vivamente raccomandato anche agli ispettori Michelin, casomai dovessero passare da quelle parti.

1504131143_wine-bar-8

1504131131_menu-4

1504131124_ristorante-8


Le Lampare al Fortino, Trani
La butto lì, liberissimi di fischiarmi: Trani ha il più bel lungomare d’Italia. Sul più bel lungomare c’è uno dei più incantevoli ristoranti mai visti, una chiesa del 1200 affacciata sul porto di fronte alla Cattedrale. il patron Antonio del Curatolo l’ha riportata alla vita, chiamando in cucina lo chef Raffaele Casale e in sala il sommelier Alessandro Francesco, già in forza da Sadler a Milano. Il terzetto gira che è una bellezza, come raccontato dal nostro inviato Andrea Gori quasi un anno fa. Il resto (Trani, la passeggiata, la Cattedrale) è solo da godere.

il fortino Sillife -121-Modifica

Schermata-2016-08-24-alle-19.20.19-700x465

Schermata-2016-08-24-alle-19.19.42-750x400


Gallo restaurant, Trani
Un piccolo dehors romantico al centro del lungomare, una decina di tavoli e due draghi alla guida: Alessandro Gallo, il patron, e Mario Musci ai fornelli. La specialità del ristorante? Il tempo, la bellezza del lungomare e una serie di piatti che vi si pianteranno nella memoria, tipo il battuto di sgombro crudo che dà due piste a un sacco di pesci più blasonati, o il riso patate e cozze rivisitato. Anche per loro una recensione di Intravino e un plauso alla loro crescita anno dopo anno.

gallo_restaurant_1486371088FkPJw

gallo_restaurant_1486371111MzIsp

14291787_1144783098892034_2296710508672230415_n


La Terrazza del Grande Albergo delle Nazioni, Bari
Per i baresi è il “transatlantico”, per tutti gli altri un hotel semi-sconosciuto, lontano dai social ma vicino al lusso sfrenato: sei piani sormontati da una spettacolare terrazza vista mare e dalla piscina panoramica: 115 camere, tra cui una Presidential Suite di 120 metri quadrati e 2 Executive Suite, 2 esclusivi ristoranti e un cocktail bar a piano terra. Progettato nel 1932 come palazzo di rappresentanza e inaugurato nel 1935 in occasione della VII edizione della Fiera del Levante, il Grande Albergo delle Nazioni è stato dichiarato patrimonio storico dal Ministero per i Beni culturali.
Ok, ma il ristorante? Da provare, decisamente: la cucina pugliese rivisitata con mano leggera dallo chef Johnny Basti, uno che ha passato la vita tra i migliori hotel italiani, accoppiata alla vista sul lungomare di Bari, può causare grave dipendenza. Con buona pace di quelli che “in Italia la ristorazione alberghiera è morta”

Schermata 2017-07-21 alle 18.36.35

Schermata 2017-07-16 alle 13.08.01

Schermata 2017-07-16 alle 13.03.34


Ristorante da Tuccino, Polignano
È il ristorante che Nettuno vorrebbe aprire o, se preferite, il ristorante che ha insegnato agli italiani come si mangia il pesce crudo. Le tecniche di sfilettamento fanno invidia ai giapponesi e la materia prima arriva ogni mattina dalle barche ancorate di fronte al ristorante. Oltre al pescato locale c’è un’ampia scelta di salmone selvaggio e cinque tipi di ostriche da scegliere (ah, le Gillardeau marchiate!). Qui anche una semplice linguina ai ricci diventa un benchmark cui fare riferimento. La squadra in campo vede tre assoluti fuoriclasse a dirigere questo veliero gastronomico: il patron Pasquale Centrone, lo chef Enzo Florio e Vito Martino Mancini, addetto agli acquisti e sfilettatore.  La recensione potrebbe finire qui, ma per quei pochi che ancora non lo conoscono, dirò che il mare e il cielo sopra Tuccino sono proprio quelli della canzone di Modugno (Nel blu dipinto di blu). Cantina all’altezza del resto, ovviamente.
P.s.: non è attualmente nel menù ma voi provate a chiedere “il piatto della vita”: cozze nere e provolone.

Schermata 2017-07-13 alle 17.37.32

pig_7436

pig_7534


Grotta Palazzese, Polignano
Il ristorante nella grotta sul mare è presente ai primi posti praticamente in tutte le classifiche internazionali, sia che si parli di “most romantic” che di “amazing” o “exotic”. C’è da ammetterlo, hanno tutti ragione ed è un posto davvero unico, di quelli dove anche una rosetta con la mortadella sarebbe indimenticabile. Niente paura, però, la cucina dello chef Tiziano Tomassini è allo stesso livello della vista ed i piatti rivisitano una solida tradizione con eleganza e tanto mestiere. Sulle vostre teste c’è anche un hotel a strapiombo sul mare che da solo vale il weekend.

Schermata 2017-07-18 alle 12.13.41

phpThumb_generated_thumbnailjpg

19989518_10212117792491482_1749411285531820348_n


La Peschiera Resort, Monopoli
Una delle più belle spiaggia di Puglia è nei pressi di Monopoli, si chiama Capitolo e qui ha sede uno dei più bei resort a 5 stelle della regione. Non che ci manchino eh, ma questo è proprio una gioia per gli occhi e per il palato. Prendetevi un weekend lungo e rilassatevi: le capaci mani dello chef Vito Casulli e dello staff penseranno al resto. Si pranza e si cena “nel” mare, indossate qualcosa di elegante e sognate: ogni tanto un po’ di lusso non guasta.

11011965_904272366280639_1191041091953430626_n

13627133_1140242772683596_9060685304897511249_n

Schermata 2017-07-21 alle 19.48.59


Ristorante Aqua, Le DuneResort, Porto Cesareo
La spiaggia di Porto Cesareo non ha bisogno di presentazioni o descrizioni, è un sogno e basta. Nella pause tra un bagno e l’altro nella riserva marina, regalatevi un pranzo sulla terrazza del Resort. A cucinare ci pensa lui, Cosimo Russo, uno di quelli che che hanno il futuro brillante stampato in faccia e nelle mani. Il pesce come non lo avete mai mangiato, insomma, accompagnato da un servizio e da una vista come non se ne vedono spesso. Cantina di spessore, con tanto Salento in tutte le salse, ovviamente.

Schermata 2017-07-20 alle 19.25.04

13626460_1669208553401117_9199119331388904127_n

Nonno Mimì, Torre Lapillo
Scusate se insisto ma è il mio posto del cuore e poi, ammettetelo, dopo questo tour la vostra carta di credito vi ha fatto causa e voi siete molto tristi. Tranquilli, ho la cura che fa per voi: andate sotto la Torre Lapillo e qui, nella friggitoria immersa tra i cespugli di mirto, ordinate a nonno Mimì una frittura di paranza VERA, una birretta e accomodatevi sullo scoglio tenendo i piedi nell’acqua più cristallina che c’è. Finita la frittura, pagate questi 10 euro e ringraziate Dio per la giornata appena trascorsa. Credetemi, non conosco lusso più grande.

Schermata 2017-07-20 alle 20.08.50

Schermata-2017-07-20-alle-20.10.04-700x388

Schermata 2017-07-20 alle 20.11.57

 

 

 

 

 

 

 

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

10 Commenti

avatar

vinogodi

circa 4 settimane fa - Link

M.E.R.A.V.I.G.L.I.O.S.O ... per un "mezzo pugliese" come me (da trent'anni in zona per lavoro e sorella ... "mesagnese" per trasferta lavorativa di mio padre in quel periodo), è un servizio che ... rende un grande servizio. Chiaramente non da andarci tutti i giorni (causa risorse limitate) ma posti da favola per davvero...

Rispondi
avatar

Montosoli

circa 4 settimane fa - Link

👍👍🤑🤑

Rispondi
avatar

Vittorio Cavaliere

circa 4 settimane fa - Link

Abuso del simbolo del Gran Maestro Luigi Veronelli , <3 , di questi locali troppi appartengono ai miei ristoranti del mio privilegio.

Rispondi
avatar

Alessandro

circa 4 settimane fa - Link

Tomacelli mi scusi, ma quando lei parla di "nonno mimi", fa per caso riferimento a "mare fritto"? Stiamo parlando dello stesso posto? Dalle foto mi parrebbe di si. Nel qual caso, sulla qualitä della frittura, non sono molto concorde con lei. Possibile pero` si stia parlando di posti differenti... Saluti

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 4 settimane fa - Link

Si, è proprio Nonno Mimì: cosa c'è che non va?

Rispondi
avatar

Alessandro

circa 4 settimane fa - Link

Boh, se parliamo di "mare fritto", ci sono stato ad agosto lo scorso anno. Di certo non e`il periodo migliore per giudicare un ristorante, in una localitä di mare. pero`ho un ricordo mediocre. Lunghe attese fuori dal locale in file disordinate (no prenotazioni, no risposte alla domanda "piu o meno quanto dobbiamo aspettare?"), qualitä della frittura non elevata (quantomeno per gli altissimi livelli medi della Puglia), ricevuta fiscale "su richiesta". Da riprovare, potendo, in un altro periodo dell anno. Mi ha dato l impressione del tipico locale "acchiappaturisti", grazie anche alla location indubbiamente bella.

Rispondi
avatar

Virginia mantegazza

circa 4 settimane fa - Link

Avete dimenticato a Peschici il ristorante Porta di Basso dello chef Domenico Cilenti

Rispondi
avatar

laura

circa 3 settimane fa - Link

e marechiaro a gallipoli no?

Rispondi
avatar

david

circa 3 settimane fa - Link

Ma coi soldi di Pippo Inzaghi? :)

Rispondi
avatar

dociamix

circa 2 settimane fa - Link

bellissimo e personalissimo articolo e per questo parziale! quanta verità nelle tue parole direttore! mancano decine di ristoranti sul mare da sogno e per tutte le tasche della nostra meravigliosa puglia! mi permetto di aggiungerne alcuni: questi altrettanto frutto di esperienze personali! le antiche sere a lesina: non sarà vista mare ma la vista sulla laguna è fantastica e la cucina di nazario biscotti da sola vale il viaggio! bar zooki-lido felix: qui siamo nella #alternativepuglia ovvero nella costa brindisina sud; piccola terrazza affacciata sul mare con una bella e semplice cucina dai sapori netti e non banali. e i ristorantini alla forcatella regni dei ricci? e i ristoranti di torre a mare?

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.