Perchè non riesco a stracciarmi le vesti quando leggo Bonilli che fustiga l’informazione?

di Antonio Tomacelli

— “Ehi, hai letto? Stefano Bonilli dice che in Toscana si svendono cantine come fossero noci e nessuno ne parla. Pare sia colpa della crisi ma il peggio è che nessuno le compra”
— “Miii, notiziona bomba, eh? Aspetta che intanto ordino due caffè”
— “Per me ristretto. Insomma pare che l’euro si stia mangiando cantine in quantità e anche in Piemonte non se la stiano passando bene”
— “Senti, ma Bonilli non è il fondatore del Gambero Rosso, quel signore che insieme a Cernilli assegnava alle cantine i tre bicchieri sulla guida dei vini?”
— “Si si, proprio lui. Poi il Gambero Rosso andò in crisi economica per una serie di investimenti sbagliati e i due furono messi alla porta. Ma questo che c’entra, scusa?”
— “No, niente, facevo un ragionamento mio. Sai com’è, certe volte i produttori pur di vincere qualcosa sono veramente disposti a tutto, anche ad investimenti folli in barrique e cantine fantasmagoriche. E tutto per compiacere i giornalisti che adesso se ne stanno in silenzio”.
— “Mah, non ti seguo. Dici che la voglia di premi c’entra qualcosa? E la crisi, allora?”
— “Ma di che crisi parli? Il vino è l’unico settore produttivo in crescita, a due cifre, perdipiù!”
— “Uhm, vero, ma secondo te perchè nessuno le compra?”
— “Forse perchè gli unici che c’hanno i soldi sono i cinesi che stanno comprando gi sciatò francesi? Mmh…buono ‘sto caffè”
— “Vero, dagli tempo e vedrai che arriveranno anche in Toscana. Magari si comprano pure il Gambero Rosso così chiudono il cerchio: fanno il vino e si danno pure i premi!”
— “Maddai, una cosa del genere non sarà mai possibile! Sei ubriaco nonostante il caffè?”
— “No. Sono lucidissimo. E ho buona memoria, io.”

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

16 Commenti

avatar

Andrea Pagliantini

circa 8 anni fa - Link

Quante sono le aziende a suo tempo premiate e passate sul tappeto rosso del Gambero ad essere in vendita?

Rispondi
avatar

Alessandro Bandini

circa 8 anni fa - Link

Questa storia mi sembra di averla già risentita...

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 8 anni fa - Link

Sono 2 anni che diciamo le stesse cose...menomale c'è Bonilli :-(

Rispondi
avatar

francesca ciancio

circa 8 anni fa - Link

scusa simone hai letto l'intervista di Bonilli sul Papero Giallo? Ti sembra che faccia qualche nome? La buttà lì per dire che chi si occupa di vino si disinteressa ( a caso?) di certi temi. TOmacelli va oltre, lo tira in ballo come ex fondatore del Gambero Rosso ( come faceva lui a non sapere di quello che oggi ritiene scandaloso). Il colpo di genio è però lasciar intendere ( e manco tanto tra le righe) che le cantine di toscana e piemonte , pur di avere gli ambiti 3 bicchieri, abbiano fatto il passo più lungo della gamba. E' andata così? se fosse beoti i produttori E se il post lasciasse intendere che sono stati i giornalisti a spingere verso certi investimenti? Eh be' qui la storia si fa avvincente! Giorgio Bocca parlava dei "partigiani di città" per intendere i fiancheggiatori del Ventennio che non salendo in montagna a fare la Resistenza con la fine del regime, ne facevano una loro personalissima tra le strade della metropoli. troppo comodo. Ah una cosa, la guida, soprattutto in piemonte, vorrei ricordare che per vent'anni l'ha fatta pure slow food

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 8 anni fa - Link

Scusate la mia ignoranza, ma quale sarebbe la cantina di Montalcino acquistata come tangente per Finmeccanica? Quanto poi al resto del trafiletto, dove è la notizia? La maggioranza delle aziende italiane di ogni settore è in vendita, è pesantemente indebitata, è piena di merce e nessuno le compra. E allora? Siamo un Paese di eroi, navigatori, poeti e gente che si arrangia, domattina il mio cappuccino lo bevo lo stesso.

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 8 anni fa - Link

a Firenze era abbastanza risaputo... http://www.bortonevivai.it/news/articolo.php?id=personaggi,%20il%20vino%20del%20manager%20finmeccanica strano che a montalcino nessuno ne sapesse nulla!

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 8 anni fa - Link

Grazie, ora capisco di cosa parlate. Non l'associavo con Montalcino perchè la cantina di cui parlano per Finmeccanica è a Buonconvento. Giusto per spiegare ai non toscani, sarebbe come dire a uno di Pavia che è di Milano. Vicino, ma è un'altra cosa.

Rispondi
avatar

Alessandro Bandini

circa 8 anni fa - Link

Provo a essere ancora più preciso: l'azienda è a Montalcino, sul versante che guarda Buonconvento.

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 8 anni fa - Link

Ricordo un IGT Toscana Madonna Nera fatto da Ferrini servito al G8 nel 2009, esiste una azienda La Madonna Srl a Montalcino che ha una piccolissima vigna di Brunello e un alto dirigente Finmeccanica ha una villa a Buonconvento vicino ad Armena. Ignoro se ci sia una connessione. Comunque una cosa è certa, se quel francobollo di azienda era una tangente allora i prezzi della corruzione sono crollati peggio della borsa di Milano.

Rispondi
avatar

Eleutherius Grootjans

circa 8 anni fa - Link

Ma guarda un po'! Il vino di Finmeccanica...ora capisco tanto perché sa d'olio da ingranaggi, quanto perché è il vino abituale sulle tavole di molti ricevimenti di/con politici. Markettaland.

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 8 anni fa - Link

Quella del vino è una storia complessa fatta di poesia, sogni e materiali molto meno nobili. In percentuali assemblabili a piacere.

Rispondi
avatar

nico aka tenente Drogo

circa 8 anni fa - Link

i debiti dei produttori a causa degli investimenti folli fatti per compiacere le guide .... questa è mitica

Rispondi
avatar

GiacomoPevere

circa 8 anni fa - Link

mi sovviene giusto un nome... farò finta di niente ed eviterò di parlare di colui che pur di farsi la cantina nuova ora ha debiti con le banche per i prossimi due milioni di anni.

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 8 anni fa - Link

La sua mi pare una visione ottimistica, i viticoltori che non riusciranno a pagare i mutui prima dell'anno 3000 sono più o meno tutti. E grazie alle tasse sulle cantine messe dal geniale governo tecnico (mai visto un economista che capisse qualcosa di aziende agrarie) stiamo spostando la previsione del saldo all'anno 4000. Io penso tutto il male possibile delle guide, ma attribuirgli anche questa colpa è eccessivo; a noi ci ha fottuto un decennio di euforia dopo una vita di gramaglie, ci siamo illusi di avere preso il treno del lusso e ci siamo ritrovati per terra e con le solite toppe al culo di sempre.

Rispondi
avatar

GiacomoPevere

circa 8 anni fa - Link

Il mio voleva essere un esempio di investimento folle, non mi interessa se abbia voluto compiacere o meno qualcuno. Non ne ho idea, non faccio il nome del produttore ma i suoi vini erano ampiamente descritti nelle guide prima e lo sono tuttora, e spesso per non dir sempre, arrivano all'eccellenza (stelle, bicchieri, grappoli, bottiglie...). Il problema è che il marketing o la voglia di apparire troppo spesso sono l'unico orizzonte oltre il quale non si guarda. In economia lo chiamano il cigno nero. Ovvero l'imprevisto che ti coglie impreparato e ti butta al tappeto. Ecco mi pare che troppo spesso una visione troppo "positivista" (nel senso del non potrà che andarmi bene) si è dimenticata del cigno nero. Nel vino, come in ogni campo. Ovviamente spero per lui (il produttore) che gli vada tutto bene e riesca a pagare i suoi debiti, io un aiuto concreto glie lo dò spesso. Potete ben immaginare come...

Rispondi
avatar

carlo colombo

circa 8 anni fa - Link

Vorrei sapere dove il vino sta aumentando le vendite con numeri a due cifre!a casa sua?Comprava 6 bottiglie ed adesso ne compra 7?

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.