Perché incoraggio la Rifondazione Novellista

di Massimo Bernardi

Vino Novello in Toscana

Facciamo un piccolo gioco di parole. Io dico “31 ottobre”. Voi rispondete: “Halloween”. Facile, vero? Bene, ora io dico “Halloween”. Voi dite… cosa? Risposta A. “Mi schiero fermamente nel campo di stica…”. Risposta B) “Io invece in quello di mecojo..”. La risposta C non è contemplata perché Halloween è il male assoluto. Una tradizione che non ci riguarda e che importiamo chissà perché. Allora meglio il Novello. Dove andate? Un momento, lasciatemi spiegare. Non la bibita di vino taroccata dalle aziende con i fondi di magazzino che okay, siamo d’accordo, provoca un forte senso di vomito. Parlo del Novello prodotto con macerazione carbonica al 100% (85% merlot, 15% cabernet franc), senza riciclaggio di vino vecchio. Un metodo che in Francia è legge, non a caso lì bevono con soddisfazione il Beaujolais Nouveau

E’ per questo che incoraggio la Rifondazione Novellista. Certo, anche perché una bottiglia con le prime castagne è roba da sollucchero mentale. A me poi figurarsi, piacciono perfino le tavolate conviviali in trattoria.

Sapete cosa? Io ci riprovo. Se considerassimo il 2009 una sorta di anno-zero del Novello, tipo che gli diamo l’ultima possibilità: quali sarebbero gli errori da non ripetere? E un’altra cosa, mai capitato di essere felici bevendolo, o sapevano tutti di lampone e acetone e lacca?

[Imamgine: JPG]

65 Commenti

avatar

Luca Ferraro

circa 10 anni fa - Link

io eliminerei il desolforatore tanto per cominciare, alzeri i prezzi e comincerei a fare il vero novello, non il "vino nuovo"

Rispondi
avatar

cernilli

circa 10 anni fa - Link

Se la bambina nella fotografia fosse minorenne, spererei che nel bicchiere ci fosse del succo di frutta, e non un vino. Troverei la cosa diseducativa, oltre che illegale. Poi il Novello su Intravino... cos'è una pubblicità occulta? Domando, eh.

Rispondi
avatar

vignereimanonposso

circa 10 anni fa - Link

Mi scusi dott. Cernilli, perché secondo lei Intravino non può parlare di novello? Domando, eh

Rispondi
avatar

cernilli

circa 10 anni fa - Link

Ad una domanda non si risponde con una domanda. Io chiedevo se per caso si trattasse di pubblicità occulta, visto che i Novelli sono in uscita e cosa ci sarebbe meglio di un blog per pomparne le vendite, ora che sono un po' in calo? Poi che mi dite su quella foto? A me sembra una bambina che beve vino. Se fosse così sarebbe illegale. E' così? Avete davvero messo la foto di una bambina che beve alcolici o è solo un'impressione? Mi rispondete? Chiarite la cosa? Sarebbe importante. O no?

Rispondi
avatar

Ganascia

circa 10 anni fa - Link

riguardo alla foto che sembra preoccupare tutti: avendo bevuto vino (fragolino e non) dal 7-8 anni (come tutti dalle mie parti) non me ne frega proprio nulla. Riguardo al novello: finora sapevano tutti di lampone e acetone e lacca.

Rispondi
avatar

vignereimanonposso

circa 10 anni fa - Link

Dico la mia, visto che non abbiamo avuto modo di confrontarci noi editor. Mi sembra evidente che il liquido nel bicchiere sia "ritoccato": è semplicemente un liquido di un forte rosa carico, ovvero è una post-produzione operata sulla foto. Una provocazione? sì forse. Vino novello=giovane. Credo fosse questa la provocazione, direi alquanto innocua Ma veniamo al fulcro della sua domanda. La risposta è no sig.Cernilli. Nulla di occulto. Mancano pochi giorni all'uscita del novello e Intravino - come Dissapore - è un blog che sta sulla notizia - l'aggiornamento è costante come lei stesso può verificare. All'inizio ci siamo detti che nulla poteva essere non interessante per partito preso, ergo, riteniamo che tutto possa suscitare interesse. Qualche pubblicità, come lei può vedere, è arrivata anche a noi. Sono in alto a destra: si chiamano banner

Rispondi
avatar

cernilli

circa 10 anni fa - Link

La contestualizzazione della foto è tale per cui il fatto che si tratti di un liquido ritoccato non ha molta importanza. Voi, nei fatti, non smentite che una bambina abbia in mano un bicchiere che non è di "liquido rosa", ma presumibilmente di Novello. Perché la "provocazione" non può che essere quella. Altrimenti quale sarebbe? E che messaggio date? Che il Novello lo potrebbero bere anche i bambini? Chiedo che quella foto sia cambiata.

Rispondi
avatar

M.Grazia (Soavemente)

circa 10 anni fa - Link

Il vero novello, come lo chiama Luca, si conta sulle dita di una mano in Italia. L'anno scorso alla manifestazione dedicata - qui a Verona - se ne son contati una decina scarsa, di Novelli prodotti da macerazione carbonica per intero: un paio a base Teroldego e qualche Bardolino. Il resto? No comment, con uve e vini da vitigni che a far novello non si prestano... Certi vinoni abbiamo assaggiato, altro che novelli! Non son d'accordo con Lei, Bernardi. Fino a che la legislazione permette d'infilarci dentro anche altro, non possiamo parlare di Rifondazione del Novello e, per quanto mi riguarda, non andrò più in là di una bottiglia o due , con le castagne, come al solito scelte tra quelle ben conosciute e affidabili che fan macerazione carbonica al 100%. Saluti. MG

Rispondi
avatar

cernilli

circa 10 anni fa - Link

A me invece dà fastidio l'idea che un bambino di 7 od 8 anni beva alcolici. Trovo la cosa grave per la sua salute, diseducativa e pericolosa. Sulla foto non si vede la bambina bere, ma solo tenere in mano un bicchiere. Ma l'idea che poi possa berlo c'è tutta, visto il titolo del post e l'atteggiamento delle due persone presenti nella foto. Se quella che sembra una bambina fosse una bambina chiedo che la foto venga cambiata.

Rispondi
avatar

Ganascia

circa 10 anni fa - Link

Signor Cernilli, rispetto la sua opinione personale, ma per quanto mi riguarda non vedo nella di male nel concedere a un bambino un dito di vino ogni tanto in certe occasioni. Essendoci passato posso con tranquillità affermare che sia essenziale per una corretta introduzione al consumo consapevole e corretto del prodotto. L'esatto contrario di quello che succede oggi, con gli adolescenti astemi in casa e alcolisti per spocchia fuori casa. Dalle mie parti verrebbero considerati per quello che sono: dei perfetti C*ogli*ni, anche se la colpa probabilmente non è interamente loro ma, come sempre, in buona parte delle famiglie di appartenenza.

Rispondi
avatar

cernilli

circa 10 anni fa - Link

Signor Ganascia, capisco il suo punto di vista, però un conto è dare un dito di vino ad un bambino, un conto è ritrarlo in foto con un bicchiere pieno in mano, strumentalizzandola al fine di comunicare l'uscita del Novello. Ripeto, trovo la cosa del tutto fuori luogo e, se la foto non verrà cambiata, spero che qualche associazione di genitori possa intervenire.

Rispondi
avatar

Ganascia

circa 10 anni fa - Link

Non so, credo che si tratti del solito eccesso di zelo stile moige che trovo sempre profondamente irritante

Rispondi
avatar

Leone

circa 10 anni fa - Link

Strano, avrei pensato che una persona come lei avesse di meglio da fare che scrivere 5 post in meno di 3 ore (spam?) riguardo una foto... (anche piuttosto bruttina direi) ....

Rispondi
avatar

cernilli

circa 10 anni fa - Link

Perché, sono commenti sbagliati? Abbia il coraggio di dirlo. almeno.

avatar

DIO

circa 10 anni fa - Link

The answer, my friend, is blowin' in the wind....

Rispondi
avatar

giulio

circa 10 anni fa - Link

Suvvia Cernilli...nel bicchiere c'è del coevo!

Rispondi
avatar

Leone

circa 10 anni fa - Link

Grandissimo !! ;)

Rispondi
avatar

Arturo Dori

circa 10 anni fa - Link

di più !! :-)

Rispondi
avatar

Vignadelmar

circa 10 anni fa - Link

E usare il novello esclusivamente come vino da messa ??? . Ciao

Rispondi
avatar

Ganascia

circa 10 anni fa - Link

perché turbare i poveri preti, magari di mattina presto :) ?

Rispondi
avatar

luciano pignataro

circa 10 anni fa - Link

Ehi, Vigna: ma così non potrei mai berlo!:-)

Rispondi
avatar

Vignadelmar

circa 10 anni fa - Link

Mi dispiace veramente per te; però potrebbe tirarti su di morale sapere che se lo bevono tutto loro e magari anche il loro capo ??? . Ciao

Rispondi
avatar

Tommaso Farina

circa 10 anni fa - Link

Cosa può essere e cosa non può essere vino da Messa lo specifica il diritto canonico.

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 10 anni fa - Link

Glielo dico io Cernilli: sono commenti sbagliati. Puzzano di pretesto, di voglia di menar le mani lontano un miglio. Che vuol dire "pompiamo le vendite del novello"? Che tutte le aziende che producono novello si sono consorziate per pagarci una marchetta? E allora io l'accuso qui e pubblicamente di prendere marchette rispettivamente da: —Consorzio del Brunello di Montalcino —Consorzio del Verdicchio dei Castelli di Iesi —Consorzio del Barolo —Tutti i vini del Trentino —Tutti i vini di cui avete parlato sulla vostra rivista —La CIA —La CGIL la CISL e la UIL —Scaramacai —La mucca Carolina e Susanna tutta Panna —La pizza 4 stagioni, 4 formaggi, e 4x4 E non mi tiri fuori la storia che lei non prende una lira perchè gira ancora con la Panda, che ce lo sappiamo tutti che è una Ferrari truccata da Giggi, il carrozziere der Tufello! Contento, ora? Vuole ancora fare a pugni o intende elevare un pò il tono della discussione? Sù, si impegni, so che può farcela! P.s.: La bambina beve succo di lampone, what else...

Rispondi
avatar

Leone

circa 10 anni fa - Link

In senso assoluto direi che i contenuti dei suoi commenti non sono sbagliati.. Vorrei dire però anche che: - questo non è il blog della Walt Disney, quindi considerando quanti bambini vedranno la foto incriminata non mi preoccuperei così tanto.. - In una giornata di pioggia come questa, leggo Intravino per puro piacere, per rilassarmi ed ecco, il modo in cui lei scrive oggi proprio non si addice alla voglia di autunno e di tranquillità, e pensavo di farglielo sapere - ultimo, ma non meno importante, cosa ne pensa dei Novelli? (che poi sarebbe l'argomento del Post?) Saluti

Rispondi
avatar

Massimo Bernardi

circa 10 anni fa - Link

Fantastico. Con tempismo degno di miglior causa Intravino ha ricevuto dall'ufficio stampa del Moige (Movimento italiano genitori) questa mail. Gentile redazione, in un momento in cui è forte l’emergenza dell’abuso di alcolici fra minori, l’immagine di una bambina seduta ad un tavolo con in mano quello che presumibilmente è un bicchiere di vino ci sembra a dir poco inopportuna. Come associazione di genitori che da più di dieci anni si occupa di tutela dei minori sotto molteplici aspetti, il Moige - Movimento Italiano Genitori chiede che la foto sia tolta dal sito. Cielo, un'altra sacrosanta battaglia del Moige. Un movimento evoluto e moderno che in tanti anni di attività ha sentito la necessità di intraprendere solo pochissime ma necessarie battaglie in difesa dei minori. Cose tipo i danni psicologici arrecati dallo zucchero filato cotto su fiamma media nei minori di sedici anni. E che ora trova il tempo per fare il paio con un Cernilli pretestuoso (lui che fa la predica a noi sul conflitto di interessi non si può guardare) e stranamente insipido, in questa fondamentale battaglia di civiltà. Come qualcuno ha spiegato la bambina della foto beve un bicchiere d'acqua ritoccato in post-produzione. Non a caso l'immagine è presa da JPG, una rivista di fotografia. E comunque, vista l'odierna equivalenza Cernilli->Moige, non è che vuoi comprarmela tu, Daniele, la collezione di Topolino?

Rispondi
avatar

Leone

circa 10 anni fa - Link

Quando ho letto il suo libro (mi sembra che si chiamasse "memorie di un assaggiatore di vino") mi era risultato profondamenta simpatico; chi lo conosce di persona, può o meno confermare che il vero Cernilli, quello di tutti i giorni,non è quello che si può leggere nei post qua sopra? O si sta comportando così di proposito? E riguardo ad un'associazione che scrive "in un momento in cui è forte l’emergenza dell’abuso di alcolici fra minori"...l'emergenza è forte solo al TG, poi nella vita normale..mah....

Rispondi
avatar

cernilli

circa 10 anni fa - Link

Perché, far notare che una foto è poco opportuna significa diventare antipatico? Ma che ragionamento è? Io scrivo di vino, ma penso che il senso di responsabilità che proprio chi fa questo mestiere dovrebbe avere, imponga di fare la massima attenzione su argomenti di questo genere, Sono cose serie, non giochini. A buttarla in burletta sono capaci tutti, ma di fronte a certe cose la burletta mi pare davvero inopportuna. Chiedo ancora che la foto venga rimossa.

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 10 anni fa - Link

Perchè, l'accusa di essere pagati dai produttori del Novello per pompare le vendite era una cosa seria? Ha cominciato lei a "buttarla in burletta", Cernilli...

Rispondi
avatar

cernilli

circa 10 anni fa - Link

Io non ho accusato nessuno, ho solo chiesto. E c'è una bella differenza fra domandare un'informazione e pubblicare una foto come minimo inopportuna come quella.

avatar

Franco Ziliani

circa 10 anni fa - Link

no, l'antipatia é una sua prerogativa naturale. Al di là di questo suo intervento

Rispondi
avatar

cernilli

circa 10 anni fa - Link

Evviva Bernardo Losappio.

avatar

luciano pignataro

circa 10 anni fa - Link

Il punto vero, secondo me, è un altro: quella bimba di 18 anni è così brutta che toglie la voglia di bere novello

Rispondi
avatar

Dan Lerner

circa 10 anni fa - Link

Complimenti Luciano, per il tuo lavoro che seguo con ammirazione e per questo commento che propongo per il premio "Il Commento della Settimana: condivisibile nei contenuti, sdrammatizzante nella forma, essenziale nella sua brevità.

Rispondi
avatar

Ric64

circa 10 anni fa - Link

E che dire della madre? E che dire del resto della foto?

Rispondi
avatar

Gian

circa 10 anni fa - Link

Condivido in pieno, Grande Luciano! (e smettetela con sto bonismo da vecchi tromboni, che tanto poi tutti bevono, sarebbe meglio educarli che vietare.... come faceva mio nonno, che mi dava un terzo di "ombra" anche se mi faceva schifo, il vino, ed ora bevo per godere, ma iper strafare ed ubriacarmi....)

Rispondi
avatar

cernilli

circa 10 anni fa - Link

Faresti bene a smetterla, caro Bernardi, con la storia del conflitto d'interessi, visto che la cosa l'ho spiegata cento volte e che il conflitto c'è solo nella testa di qualcuno che ha molto interesse a sbandierarlo, sapendo bene che si tratta di una palese falsità. Faresti bene a togliere quella foto, che è davvero fuori luogo, come ti ha piegato il moige, che non è un'associazione di burloni, ed anche Enzo Vizzari, che si dimostra attento e sensibile a certi argoment, da persona civile qual è e da padre. Come ti accade spesso sei tu a "buttarla in caciara" cercando di cambiere le carte in tavola. Qui c'è un fatto, avete pubblicato una foto inopportuna, ed invece di toglierla, scusandovi, state rappresentando tutto il peggio che il piccolo mondo degli enostrippati riesce a produrre. Complimenti.

Rispondi
avatar

Franco Ziliani

circa 10 anni fa - Link

Massimo, di fronte a questa proterva, ostinata e arrogante replica di chi interviene sui blog altrui pretendendo la rimozione di fotografie che lui definisce inopportune, sono ben lieto di aver pubblicato questo post http://vinoalvino.org/blog/2009/10/il-moige-e%e2%80%a6-come-si-chiama-non-saranno-d%e2%80%99accordo-ma-ecco-anche-qui-la-foto-di-intravino-sotto-accusa%e2%80%a6.html dove ripubblico, per pura solidarietà, la foto incriminata, p.s. Mi auguro anch'io di rappresentare quel "peggio che il piccolo mondo degli enostrippati riesce a produrre" di cui il Robert Parker der Tufello accusa Intravino di essere manifestazione: meglio con gli "enostrippati" che dalla sua parte

Rispondi
avatar

cernilli

circa 10 anni fa - Link

Io mi chiedo come fa certa gente a parlare ancora dopo la figura da cioccolataio fatta l'11 di ottobre sul suo blog. Devo ringraziare vivamente l'avvovcato Bernardo Losappio per il quarto d'ora di ilarità pura che mi ha regalato. Erano anni che non mi divertivo così. Un genio,

Rispondi
avatar

Ganascia

circa 10 anni fa - Link

Poiché il M-o-i-g-e è stato citato non volutamente da me (ammazza però hanno i migliori spider di ricerca della rete, e che è? ECHELON?), mi scuso per il fastidio arrecato da questi tromboni.

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 10 anni fa - Link

Chiariamoci, la collezione di Topolino deve essere mia!! Ti propongo il doppio!!

Rispondi
avatar

Maurizio Cortese

circa 10 anni fa - Link

Spesso vado al ristorante con i miei figli, Carolina undici anni e Giovanni otto. Quando il cameriere porta via dal tavolo i bicchieri per il vino dai loro posti intervengo immediatamente. "Bevono anche loro" dico e i miei bambini mi guardano contenti perchè si sentono "importanti". La stessa scena si ripete quando il vino viene portato a tavola, "il vino lo provano loro" e infatti mi prendo cura che venga versato nei loro bicchieri la stessa quantità, altrimenti litigano, comunque mai superiore ad un dito. E tengo molto anche al loro giudizio, giusto o sbagliato che sia. La maggior parte delle volte quel dito di vino diventa mezzo dito, non lo bevono mai tutto. E' solo una questione educazione al vino, di gestualità, di condivisione. A me, alla loro età, veniva proibito tutto, tassativamente, ma ricordo ancora le bottiglie rubate e portate al sicuro. Era solo il gusto di trasgredire, di imitare, perchè "il vino mi faceva male".

Rispondi
avatar

Enzo Vizzari

circa 10 anni fa - Link

A prescindere da qualsiasi opinione sul Novello, e anche da qualsiasi deriva moralistica, trovo anch'io quell'immagine inopportuna: "scorretta" politicamente e socialmente.

Rispondi
avatar

Kapakkio

circa 10 anni fa - Link

L'immagine è brutta e basta ma cerco di dire la mia sul novello con buona pace di Cernilli e del Moige. Il problema vero è che il novello italiano viene prodotto in tutte le regioni con uve che vanno dal'aglianico al nero d'avola mentre in Francia è un prodotto tipico di una regione fatto con un disciplinare ben preciso. Il risultato ovviamente è ben diverso ma spesso i vari consorzi vinicoli italiani nello scrivere i disciplinari non vedono più lontano del loro naso.

Rispondi
avatar

Franco Ziliani

circa 10 anni fa - Link

Alcuni interventi pubblicati qui mi fanno pensare a quello che recentemente raccontavano sdegnati in due post, due wine blogger cult americani, Tom Wark sul blog Fermentation – leggete qui – e Tyler Colman sul blog Dr. Vino - Leggete qui Negli Stati Uniti e precisamente nel Maine da metà settembre entrerà in vigore una legge che vieta di effettuare attività di degustazione davanti agli occhi dei minori, perché l’osservazione e lo spettacolo di questo gesto giudicato evidentemente osceno li indurrebbe a diventare degli alcolisti. E’ questa l’America stupida, ipocrita, manichea, falsamente perbenista, che il nuovo presidente Barack Obama deve sforzarsi davvero di cambiare, ma mi sa che deve intervenire anche in Italia, di fronte a vecchi e nuovi moralisti…

Rispondi
avatar

VignereiMaNonPosso

circa 10 anni fa - Link

oilà franco.....

Rispondi
avatar

Franco Ziliani

circa 10 anni fa - Link

I permalink sono questi e la legge, nel frattempo, è già entrata in vigore: http://fermentation.typepad.com/fermentation/2009/08/attack-of-the-stupid-wine-legislation.html e http://www.drvino.com/2009/08/25/maine-law-children-not-to-observe-wine-tastings/

Rispondi
avatar

Dan Lerner

circa 10 anni fa - Link

Lieto di rileggerti qui... ;-)

Rispondi
avatar

gianpaolo

circa 10 anni fa - Link

anche in UK e' vietato, per es. al Decanter Fine Wines Encounters non possono entrare minori. Mi ricordo di qualche produttore di vino che si era incautamente portato dei figli minorenni che hanno dovuto aspettare fuori tutto il tempo. Troppo pedanti? Boh, ci sono delle regole e li le fanno rispettare, bosognerebbe informarsi e attenersi agli usi e costumi dei posti, che come si sa variano.

Rispondi
avatar

Stefano Caffarri

circa 10 anni fa - Link

Errori da non ripetere? Fare del Novello gramo.

Rispondi
avatar

bucanero

circa 10 anni fa - Link

E come? se non cambi le norme ci infilano dentro di tutto...

Rispondi
avatar

Stefano Caffarri

circa 10 anni fa - Link

non è questione di norme, è questione di non comprallo, perbacco. Quello gramo, lasciamolo sugli scaffali.

Rispondi
avatar

bucanero

circa 10 anni fa - Link

ma infatti l'ultima litigata in GDO l'ho fatta con una spocchiosa promoter di Vignanonricordobenecosa che voleva per forza propinarmi uno di quest'intrugli...

Rispondi
avatar

Kapakkio

circa 10 anni fa - Link

Facciamo qualche nome di quelli 100% MACERAZIONE CARBONICA e no riciclo vecchie annate? Queste informazioni in etichetta nella maggior parte dei casi non ci sono!

avatar

cernilli

circa 10 anni fa - Link

Mi fa piacere che il moige e Vizzari siano intervenuti. Chiedo ancora di togliere quella foto che trovo anch'io a dir poco diseducativa.

Rispondi
avatar

roberto gatti

circa 10 anni fa - Link

A dire il vero, la foto, sarebbe da cambiare anche per la bruttezza della mamma, oltre che per la bambina minorenne ! Personalmente a piu' di una persona che mi chiede, ed allude al fatto, che io debba " allevare a vino " i miei due nipotini di 15 mesi, rispondo puntualmente che, prima dei 18/20 anni personalmente io il vino non glielo farò bere. Piuttosto ho iniziato ad educarli " all'olfatto " dei fiori ecc., che trovo estremamente positivo, in quanto tutti noi ne abbiamo smarrito il senso e l'utilità, e non solo per il mestiere di degustatore di vino. Saluti

Rispondi
avatar

Gianpaolo Giacobbo

circa 10 anni fa - Link

Al di la di ogni opinione. Alcol vino birra e alcolice devono rimanere fuori dai ragazzi. Per cortesia non strumentalizziamo i giovani con il vino. I giovani devo rimanere in altri valori sport, arti, musica e non devono avere nulla a che spartire con il mondo del vino. Sono d'accordo con Enzo Vizzari l'utilizzo di questa immagine è scorretta. Mi spiace per gli amici di Intravino ma questa volta non sono d'accordo con la loro scelta. Rispettiamo i nostri ragazzi che sono il nostro futuro!!!!! Ve lo chiedo per piacere. Giampaolo Giacobbo

Rispondi
avatar

fabrizio scarpato

circa 10 anni fa - Link

Alla fine della questione, nell'onirica spaventevolezza dell'incubo del malcapitato che sogna quella situazione, mi spiegate perchè i bicchieri fumano? Ponche? Tisane? Vampiri a tavola (e la dentatura della signora farebbe sospettare)? Streghe e pozioni magiche? Novhelloween?

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 10 anni fa - Link

I bicchieri fumano perche i bambini hanno ben pensato di sciogliere dentro al Novello 2 aspirine, chissà che testa avranno dopo tutti questi discorsi...ed il vino ora è più buono...dicono loro.

Rispondi
avatar

Lizzy

circa 10 anni fa - Link

Massimo, fammi un favore. Riscrivi l'intero pezzo sul Novello in un nuovo post. Senza foto, stavolta, nè di umani, nè di altro. Ho perso circa 20 minuti a leggere 60 commenti rigorosamente OT (in misura più o meno maggiore). A questo punto un nuovo post sul Novello me lo devi. Oppure mi resistituisci i miei 20 minuti! ;-) L.

Rispondi

Commenta

Rispondi a vignereimanonposso or Cancella Risposta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.