Otto anni fa qui era tutta campagna | Intravino compie otto anni

Otto anni fa qui era tutta campagna | Intravino compie otto anni

di Alessandro Morichetti

Ricordo il primo giorno, soprattutto il backstage. Eravamo da Burde, risto della dinastia Gori in Firenze, il 5 giugno 2009. Io ero sbarbatello e con 30 kg in meno, convocato da Massimo Bernardi ad un meeting carbonaro per fondare la costola vinosa di Dissapore. Il nome era già deciso: Intravino.

All’epoca capivo meno di ora ma andava bene così, perché quelli sapientoni per me erano la noia, oggi come allora. Ci trovammo e non conoscevo nessuno di quei precursori del web gastronomico: Antonio Tomacelli, Fiorenzo Sartore, Francesca Ciancio, Stefano Caffarri, Giulia Graglia, e altri.

Bernardi e Tomacelli

Bum, partenza. Poi come sempre le cose cambiano, qualcuno va verso nuove avventure, amici che ora sono altrove ma rimangono amici, come ad esempio il Caf qua sotto ritratto proprio in quei giorni di fondazione.

Stefano Caffarri

Ricordo il primo post, l’emozione della prima uscita pubblica, la sottile ansia per gli interventi in quella girandola senza fine che è il mondo dei commenti, croce e delizia di questo spazio di libertà che ci siamo scelti e che ci diamo quotidianamente nella serena consapevolezza che chi non è mai in dissenso con qualcuno ha qualcosa da nascondere. Qui infatti i vaffanculo volano più dei grazie, prego.

E così oggi Intravino compie tanti anni. Oltre 5.000 articoli e 71.000 commenti dopo siamo ancora qui, qualcuno se ne è andato, qualcuno è tornato, qualcuno è arrivato – ogni tanto nella posta leggiamo un nuovo contributo “salve, vi mando questo, vi interessa?” – molti sono giovani e belli, sempre un po’ arrogantelli ma con quel piacere di dissacrare, godere e capirci qualcosa allo stesso tempo.

Che tu sia un lettore della prima ora o dell’altro ieri, condividi con noi un ricordo, un pensiero, un cuoricino, qualsiasi cosa nella giornata di oggi. Te ne saremo grati, dillo agli amici! Insomma otto candeline, ma chi l’avrebbe detto?

Viva Intravino.

[Credits foto: Maven]

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, vendo vino su Doyouwine.com. Marchigiano, vivo nelle Langhe. Amo tutti gli animali e qualche umano.

12 Commenti

avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 5 mesi fa - Link

Auguri, auguri, auguri! Ma davvero pesavi trenta chili di meno? Nooo, non è possibile.

Rispondi
avatar

Nic Marsél

circa 5 mesi fa - Link

alla fine son solo 10 gr al giorno ;-)

Rispondi
avatar

amadio ruggeri

circa 5 mesi fa - Link

Confesso che a volte ho storto un po' il naso davanti a certe pagine di Intravino, ad esempio quando Morichetti assume toni un po' sprezzanti con quell'aria "ora ti spiego come va il mondo, amico mio", o davanti ai voli pindarici con annessi mirabolanti riconoscimenti olfattivi di Giannone o Gori. Detto questo, sono pagine libere, e non è poco, e quando si fanno le marchette lo si fa alla luce del sole. Dunque è una lettura mattutina imprescindibile. Viva Intravino! Auguri.

Rispondi
avatar

Nic Marsél

circa 5 mesi fa - Link

Bravi! Auguri! P.S. Solo otto anni? :-) P.P.S. Quale è stato il primo post?

Rispondi
avatar

nicola mazzella

circa 5 mesi fa - Link

grazie.

Rispondi
avatar

Federico

circa 5 mesi fa - Link

La mia passione per il vino è maturata parallelamente a Intravino. Che dire? Concorso di colpa, maledetti! 😂

Rispondi
avatar

Marco Prato - Il Fummelier

circa 5 mesi fa - Link

Auguri per il traguardo raggiunto. Trovo spesso negli articoli proposti, begli spunti di riflessione, intrattenimento e cultura. In merito ai vaffa, che sarebbero preferibili ai complimenti (dissento, ma non tutti la pensiamo allo stesso modo) e che io non sono solito mai scrivere, poiché sono della scuola di pensiero "quando usi parolacce passi automaticamente dalla parte del torto", ammetto di averne avuto stimolo ad esprimerlo, proprio nei confronti di Morichetti per non aver avuto alcun riscontro (sarebbe bastato un "grazie dell'invito, ma abbiamo deciso altrimenti") , alcuna risposta, niente di niente, in merito all'invito al Vinitaly, per il pranzo in cui chiedevate ospitalità. Posso dirlo? Ho cominciato a leggere meno e rispondere ancor meno (di quanto avrei fatto altrimenti) ai post di Intravino. Non dico - poiché sarebbe assurdo - dover rispondere direttamente ad ogni intervento/commento, ma a casa mia - dove mi hanno "imparato l'educanza" - se ad una richiesta di invito si riceve proposta, ci si aspetta almeno...un "vaffa, no grazie". Detto questo...Auguri! :)

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 5 mesi fa - Link

Hai ragione e mi scuso! Fu disattenzione e mi cospargo il capo di cenere ma fossi in te non mi priverei del buono solo per un episodio del genere. Alla prossima!

Rispondi
avatar

rampavia

circa 5 mesi fa - Link

Intravino mi ha aiutato a rimanere giovane (quasi). Un approccio con il vino meno serioso e decisamente divertente, con alcuni post davvero da ricordare: il primo che mi viene in mente è quello della pizza con grandi chateaux (autrice un'esponente del gentil sesso) che per alcuni minuti mi ha, direbbero i francesi, bouleversè. Per me Intravino è anche stata un'isola alla quale approdare in un periodo diciamo battagliero della mia vita. Grazie ed auguri. Viva Intravino

Rispondi
avatar

rampavia

circa 5 mesi fa - Link

Mi togliete quel vergognoso apostrofo dopo un e prima di approccio. Grazie mille.

tranqui ci penso io. faccina. F.

Rispondi
avatar

Denis Mazzucato

circa 5 mesi fa - Link

Se ho iniziato a scrivere di vino la colpa è tutta vostra! Se il Fiano di Pietracupa è diventato uno dei miei bianchi preferiti il merito è vostro (tuo in particolare). Se nonostante il lavoro (in tutt'altro campo purtroppo) non mi manchi e quest'anno le candeline saranno 40, ho ancora voglia di imparare a conoscere il vino e quello che gli gira intorno, una buona parte di merito è vostra. Considero alcuni di voi amici, anche se non vi ho mai visti in faccia. Grazie per tutto.

Rispondi
avatar

Capex

circa 5 mesi fa - Link

Si legge e a volte si è d'accordo, a volte no, a volte si interviene, altre no. Ma si impara sempre sia dagli autori sia dai frequentatori. Intravino è imprescindibile per chi ama l'enomondo. Auguri.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.