Ostriche e Champagne: contro la casta degli abbinamenti errati

di Fabio Cagnetti

Pensando alla vicenda der Batman, la prima cosa che mi viene in mente è che Bruce Wayne era un ricco filantropo, non un arricchito arruffone. La seconda, è che leggendo per l’ennesima volta di cene a base di ostriche e Champagne non posso che ribellarmi contro la casta degli abbinamenti sbagliati. Champagne e ostriche evocano entrambi lusso e lussuria, e abbinarli è un classico: ma tecnicamente, nove volte su dieci è totalmente sbagliato. Con estrema facilità lo zinco delle ostriche e l’acidità e la carbonica dello Champagne produrranno fastidiosi sentori metallici, e i forti sentori salmastri del bivalve non troveranno armonia con le delicate trame delle bollicine d’Oltralpe. A questo punto, mi sembra doveroso suggerire abbinamenti alternativi:

Muscadet: il più classico e tradizionale compagno dell’ostrica,  la sua mineralità salmastra -che a volte richiama nettamente proprio il gusto dell’amato mollusco- si adatta all’abbinamento decisamente meglio rispetto allo Champagne. Fresco e agrumato, riesce dove il più blasonato compagno fallisce. Meglio se sur lie, di maggiore complessità e struttura.

Chablis: se dovete scegliere una denominazione che inizia per “Ch” da accompagnare alle ostriche, questa è la scelta migliore; possono ancora manifestarsi dei sentori metallici non perfettamente gradevoli, ma in misura minore. L’accompagnamento è suggestivo in quanto il suolo di Chablis, il famoso kimmeridgiano, è composto in larga parte di fossili marini, e i gusci d’ostrica ne rappresentano una porzione rilevante.

Moscato d’Asti: tra gli abbinamenti “zuccherosi” è, sorprendentemente, uno dei più funzionali. Mi raccomando non servitelo troppo caldo, sarebbe una perfetta ricetta per il disastro.

Sherry Fino: un altro classico, in questo caso uno che ha il potere di amplificare tutti i sentori caratteristici del mollusco senza produrre il minimo sapore sgradevole. L’alcool è rilevante, tra il 15 e il 16%, ma non risulta fastidioso. Occhio solamente a quanto ne mandate giù, perché la beva è spesso considerevole.

Morgon: ebbene sì, un rosso con le ostriche, e un Beaujolais per giunta. Leggero e con la mineralità giusta, il Morgon lavora alla perfezione con ogni tipo di ostrica, in un abbinamento reso famoso quattro anni fa da un immortale pezzo di Eric Asimov del New York Times. Per chi vuole farlo strano.

Birra Stout: non siete mai stati veramente in Irlanda se non vi siete rimpinzati di ostriche e Guinness. Con la più famosa delle Stout non potete sbagliarvi, ma tenete presente che lo stile si è nel tempo evoluto, e ci sono Oyster Stout brassate con i preziosi molluschi, di provenienza soprattutto americana: provate, se le trovate, quelle di Dogfish Head e Upright. Altrimenti c’è un’eccellente alternativa italiana, la Perle ai porci di Birra del Borgo.

Riesling: il Postulato di Immich-Batterieberg sull’abbinamento cibo-vino enuncia che, dato un piatto, c’è sempre un riesling che ci sta bene, e le ostriche non fanno eccezione. Nel caso specifico, opterei per un Auslese abbastanza invecchiato, dominato da toni salmastri: l’Eitelsbacher Karthauserhofberg Riesling Auslese #23 1990 di Karthauserhof, che sa SFACCIATAMENTE di ostrica, sarebbe il top, ma le alternative sono molteplici.

Sauternes: può funzionare, a patto che lo zucchero non prenda il sopravvento; si consiglia quindi di utilizzare un vino di un’annata minore e possibilmente piuttosto vecchio. Yquem di almeno quarant’anni va sempre bene, se il portafogli regge.

Whisky: mi rendo conto che l’alcool, qui, può diventare un problema. Ma se dopo non dovete guidare, arrendetevi al lascivo piacere di un Whisky della costa o delle isole: il mio preferito è Talisker, dall’isola di Skye, luogo celebre sia per la distilleria che per i molluschi in oggetto. Per molti, ma non per tutti.

E voi, qual è il vostro abbinamento preferito? Bypassate tutte le regole e rimanete fedeli allo Champagne, o volentieri vi avventurate lungo percorsi meno battuti? In ogni caso, buone ostriche a tutti, ora che è iniziata la stagione!

93 Commenti

avatar

suslov

circa 7 anni fa - Link

sono d accordo con quasi tutto ho solo qualche remora con morgon e sauternes mai provati ma a naso mi sembrano tutti due abbastanza disgustosi magari mi sbaglio ...

Rispondi
avatar

pietro

circa 7 anni fa - Link

Quasi sempre abbinate a Chablis ma devo dire che sia Stout che Talisker li vedo molto bene... proverò.

Rispondi
avatar

Mimmo

circa 7 anni fa - Link

Perle ai porci tutta la vita!

Rispondi
avatar

Rolando Mineralwine

circa 7 anni fa - Link

Il Friulano. Quando è fine. Manferrari lo predica da tempo. In assoluto con il Ronco della Chiesa. Abbinamento perfetto.

Rispondi
avatar

gian paolo

circa 7 anni fa - Link

Mi permetto di consigliare anche un'altro immenso Tocai(perchè per me rimane Tocai) di G. Badin di Ronco del Gelso .Per me uno dei migliori bianche italiani in assoluto. ciao GP

Rispondi
avatar

michele malavasi

circa 7 anni fa - Link

Malvasia secca sur liè di Denny Bini, di cui non mi ricordo il nome, bell' espressione del varietale con sfumature salmastre, giusta tensione in bocca.

Rispondi
avatar

Gianpaolo Giacobbo

circa 7 anni fa - Link

Prosecco tranquillo

Rispondi
avatar

fabio

circa 7 anni fa - Link

seguo questo sito da qualce mese,lo trovo interresante anche se molto winesnob in alcuni personaggi che scrivono sul blog....ma questo signore delle ostriche mi chiedo le ha mai assaggiate??? come diceva il grande Totò "degustibus non est sputazzellam" ma per favore!!!!

Rispondi
avatar

Giovanni Corazzol

circa 7 anni fa - Link

bravo! hai perfettamente ragione! ;)

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 7 anni fa - Link

Approvo in pieno l'abbinamento con la Stout beer. Per me anche una Porter ci sta benissimo. Ma in questo caso vanno mangiate nelle Isole Britanniche, lo stesso abbinamento al bordo del Mediterraneo non convince. Così come l'abbinamento con il Muscadet è il massimo quando uno si trova a Bordeaux, a fine serata Vinexpo e va ad Arcachon per rifarsi. Uno Champagne generico va bene per chi non sa che pesci pigliare e vuole fare scena. Ho scritto "Champagne generico" perché se invece si dovesse trattare di uno Champagne specifico, le ostriche farebbero solo da contorno. ps Signor Fabio, l'autore del post, guardacaso chiamato Fabio anche lui è, sì in verità un poco eno-snob, ma di ostriche ne ha mangiate, non solo assaggitate.

Rispondi
avatar

fabio

circa 7 anni fa - Link

questo signor Fabio è stato come me a ilè d'oleron o a ile de rè dove si ASSAGGIANO e si producono le migliori ostriche di francia e quindi...... eppoi cara/o nelle nuvole chi sei il tutor? non faccio polemica ma tutto si può bere, anche l'acqua minerale. ritengo comunque che il vino sia legato strettamente al Terroir del cibo di appartenenza fatta eccezione per lo champagne che si adatta a tutto il cibo. Fatti un amburger di mc e bevici un base che non sia industriale eppoi mi racconti.

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 7 anni fa - Link

il mio curriculum di divoratore di ostriche è rispettabile, mi ci sono allegramente scofanato a Isigny, Cherbourg, Galway e Portree. Sono anche autore dell'adagio "sei giovane finché riesci a mangiare un numero di ostriche superiore alla tua età". L'abbinamento territoriale è sempre suggestivo, quasi magico per come spesso risolva con il rasoio di Occam la questione di cosa bere con questo o quel cibo; ma non è una regola ferrea, basti pensare a come stiano bene un Saint-Emilion con la cacio e pepe, un riesling trocken con una spigola al sale o addirittura un syrah col cous cous. Su un hamburger del Mc Donald's preferisco Cheval Blanc 1961.

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 7 anni fa - Link

Approvo l'abbinamento di Cheval su Hamburger di Mc Donald's...buongustaio! Su ostriche acqua gassata, tutto il resto per me e' acrobatico.

Rispondi
avatar

fabio

circa 7 anni fa - Link

sprecare un annata eccezionale come il 1961 mi sembra veramente da snob.....io parlavo di un base con una netta preminenza di pinot meunier come grand reserve di telmont per esempio ma mi è stato risposto sparando a cannonate....complimenti per la critica

avatar

Giovanni Corazzol

circa 7 anni fa - Link

cagnetti sei un citazionista cinematografico da strapazzo, ma quell'adagio è indecentemente buono: preso.

Rispondi
avatar

suslov

circa 7 anni fa - Link

questa e' copiata da sideways ...

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 7 anni fa - Link

si chiama citazionismo e ne sono affetto in maniera assai grave :)

avatar

suslov

circa 7 anni fa - Link

tranquillo ne siamo affetti tutti poi questo post e' diventato il posto dove citarsi addosso il posto piu' strano dove si sono divorate bivalvi "io ho mangiato ostriche della parte nord della baia di galway in tasmania ulteriore sorseggiando un riesling grossen gewachs del 1880 che era appartenuto a bismark. pero' l'acidita' non mi ha soddisfatto quindi ci ho bevuto sopra una romanee conti del 56. mi sono accontentato che ci vuoi fare sono semplice ..." :-)

avatar

vinattiere

circa 7 anni fa - Link

Io le ostriche le ho mangiate a pranzo con un Erdener Treppchen auslese Dr Loosen, non so come mai ma risulta più buono che con il moscato d'asti. Quest'ultimo lo preferisco con i salumi,come dice un "famoso" baffetto di langa Alla prossima bevuta, Vinattiere

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 7 anni fa - Link

io avrei una mia teoria, ma me la tengo o i produttori astigiani potrebbero risentirsi :)

avatar

Nelle Nuvole

circa 7 anni fa - Link

Fabio Cagnetti non ha certo bisogno del mio tutoring.Se la cava benissimo da solo. Grazie per l'attenzione. Io per esempio non sono stata all'Ile dell'Oleron o all'Ile de Rè, ma ho mangito ostriche irlandesi al The Old Brewery, una microbirreria a Londra - Greenwich, la prima volta accompagnate da una Porter Beer e la seconda da una Stout. L'accompagnamento mi ha soddisfatto. Un tempo le ostriche erano considerate cibo per poveri, scartato dalle classi alte e destinato ai lavoranti del porto di Londra, chiamati Porters. Poi sono stata ad Arcachon e ho mangiato le ostriche accompagnate da un notevole Muscadet Sevre et Maine. Di nuovo, ho trovato che l'abbinamento aiutava entrambi gli "attori" ad esprimersi al meglio. Uno dei miei posti preferiti a New York è l'Oyster Bar all'interno della Grand Central Station. Diverse varietà di ostriche provenienti dal Maine, Cape Cod, Canada e North Pacific Area. Accompagnate all'occorrenza anche da un Riesling come indicato da Fabio. Il vecchio e il nuovo mondo. Non sono d'accordo sul fatto che il vino sia legato al terroir del cibo e che lo Champagne si adatti a tutto il cibo. Qui il discorso rischia di farsi sin troppo ampio. Che vuoi "moglie e buoi dei paesi tuoi" non è una frase che mi farei scolpire sulla lapide della mia tomba. Non è male sentirsi leggermente più avventurosi Tutte le volte che invece mi sono state servite le ostriche accompagnate da uno Champagne ho trovato l'abbinamento deludente, perché lo Champagne la faceva da padrone, se era di valore e mirato, opppure diventava anonimo senza comunque esaltare quel gusto profondo di mare che le migliori ostriche hanno.

Rispondi
avatar

suslov

circa 7 anni fa - Link

aho de che io sto' a magna' a'a'amatriciana a torpignattara e ce bevo er frascati guardandome a ciempions forza roooomaaaa

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 7 anni fa - Link

@suslov, m'hai provocato: prendi un bicchierozzo ben freddo e mettici dentro: - vodka ghiacciata in cui per più di un mese sono stati marinati peperoncino/rosmarino/semi di finocchio/pepe nero/aglio. - qualche goccia di Worcester Sauce - qualche goccia di Tabasco - qualche goccia di sugo di limone - un’ostrica autenticamente Scottish, grassa, minerale e croccante scolati il tutto in un sol colpo, per non fare brutta figura. Si chiama Oyster Scottish Shot

avatar

suslov

circa 7 anni fa - Link

no no sei competitiva eccome e' per quello che mi sei simpatica ;-) ;-)

avatar

suslov

circa 7 anni fa - Link

perfect, we got a date see you soon

avatar

suslov

circa 7 anni fa - Link

nn mi sei simpatica ma mi provochi ... ti consiglio pinte di guinness con bicchierino di mulligan's - me ne sono fatti a dozzine nella contea di clare ... ti consiglio la vodka al pepe con il caviale e lo scalogno tritato ... a litri a mosca nel lontano 92 ... oppure cognac d'annata per il mio compleanno bloccato a montauk per via del 9/11 ... oppure ancora meglio bottiglie di chateau golan a tel aviv qualche anno fa ... magari ci incontriamo in qualche aeroporto somewhere sometimes e facciamo una gara a chi se la tira di piu' :-)

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 7 anni fa - Link

Non sono competitiva, ti lascio volentieri la vittoria :)

avatar

Nelle Nuvole

circa 7 anni fa - Link

Oh guarda che quando volo spesso indosso la t-shirt di Intravino, per scaramanzia. Quindi mi puoi individuare facilmente, la mia è personalizzata con il mio nome.

avatar

Leonardo

circa 7 anni fa - Link

Per quanto riguarda la birra concordo con NN: porter e stout ci vanno benissimo, al limite anche una milk stout. Non mi piace tanto la Guinness con le ostriche, è una dry stout un po' troppo corposa, meglio le inglesi. Fra l'altro ho visto che nella grande distribuzione adesso si trova facile la Oyster Stout del birrifico Marston. Una delle più felici e equilibrate stout in circolazione. Per quanto riguarda il vino io opto sempre per il Muscadet, ma sarei disponibile a farmi tentare da soluzioni alternative. Il Talisker mi pare azzeccato per le sue note più pepose, ma si deve andare su età importanti... il 10 anni mi sa che le ostriche non le regge e l'alcool prende il sopravvento. Sarei tentato da un altro whisky isolano (tralasciando gli Islay) ossia Higland Park, magari il 15 anni ma dovrei verificare. Mi sa che ormai il rito della gita ad Arcachon è molto diffuso anche se a me è capitato in corso di Vinexpo e la mattina dopo è stata sconvolgente :-)

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 7 anni fa - Link

concordo totalmente su Highland Park, che ho dovuto ricontrollare di non avere direttamente inserito nel post. La morte loro sarebbe Talisker 25 - peraltro uno dei migliori imbottigliamenti di distilleria in circolazione - ma mi rendo conto che il prezzo è quello che è e possiamo accontentarci del 18.

Rispondi
avatar

Leonardo

circa 7 anni fa - Link

Che è comunque un bell'accontentarsi... :-)

Rispondi
avatar

gianni

circa 5 anni fa - Link

Per me il top degli abbinamenti è il Muscadet non ne uccide il gusto. Lo champagne? Snob e scontato. Per i vini italiani, Falanghina del Sannio , Pignoletto e Riesling

Rispondi
avatar

abbinatio

circa 7 anni fa - Link

Un abbinamento che vi stupirà : Moscato di Trani passito spumante metodo classico Pas Dosè !!! Lo produce una sola azienda : AZ. Agr Franco di Filippo

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 7 anni fa - Link

questa mi mancava, indagherò...

Rispondi
avatar

Fabrizio pagliardi

circa 7 anni fa - Link

l'abbinamento con lo champagne c'è eccome bisogna solo capire di cosa parliamo. Di che ostrica parliamo?? Come mangiamo le ostriche ? Pane nero burro e limone? Aceto di lampone e scalogno ?? Limone e tabasco??.... Pure? Con la salsiccia accanto? Adesso sono al lavoro non ho tempo cerco di dilungarmi più tardi.

Rispondi
avatar

Marco

circa 7 anni fa - Link

Sig. Pagliardi è ancora a lavoro? Siamo in attesa di un suo contributo. Grazie :-)

Rispondi
avatar

Fabrizio pagliardi

circa 7 anni fa - Link

Sig. Marco mi perdoni ma intravino non è in cima ai miei pensieri e neanche ai miei sogni. Le mie perplessità sono sull'esaltazione del metallico che viene paventata nel pezzo in abbinamento allo champagne. Per me i risling tedeschi sono molto peggio in questo. Per quanto vadano di moda i crucchi, sono molto meglio i base alsaziani, quelli basici basici, quelli che a colmar ti servono nelle brocchette, questo con le ostriche e tutti i frutti di mare in genere quando sono crudi, i tedeschi li preferisco dopo che il fuoco ha attenuato iodio e esaltato grasso e proteine. Per jil muscadet, lo trovo un'abbinamento monotonale di convenienza, si esalta un tono per dimenticare la melodia, e attenzione alle ostriche più salate e iodate però, perché ci si può danneggiare seriamente le papille gustative. Lo chablis è un'abbinamento interessante, ma anche qui è da cercare la semplicità, niente legno, e vigne minori se non proprio Petit. Kimmeridgiano per kimmeridgiano preferisco gli champagne dell'Aube, con le ostriche più grasse, la bolla bella sottile aiuta ad attenuare gli spigoli dell'aciditá da una parte e dall'altra gli si affianca per pulire i ricettori. I migliori per le Belon i pinot bianco in purezza, contabili sulla mano di E.T. ....telefono casa. Mentre i pinot nero hanno un slmastro e una struttura da ile d'oleron. Per i vini rossi Morgon ma anche dei piccoli Bordeaux meglio se delle parti di saint emilion ma devono essere talmente piccoli da dover rispolverare l'arcaismo un po' snob del nome Claret, e per quanto mi riguarda solo e soltanto con quella strana abitudine molto diffusa un tempo sulla baia di Arcachon di servire le ostriche con accanto due salsicce ogni dozzina opportunamente già tagliate in dodici pezzi. Queste sono le considerazioni che mi sono venute in mente a braccio ci sarebbe altro da dire ma se Marco permette ...... Ora dovrei lavorare.

Rispondi
avatar

Marco

circa 7 anni fa - Link

Permetto eccome sig. Pagliardi, buon lavoro e grazie per il suo contributo “a braccio” decisamente il più completo ed approfondito. A rileggerla presto :-)

Rispondi
avatar

Fabrizio pagliardi

circa 7 anni fa - Link

Concludo enunciando un teorema ispirato da Gigi Proietti.... Le ostriche bone so come er cavaliere nero non ie devi rompe er ca.... Sempre vini piccoli anche gli champagne sempre base poco dosati e poco dotati, possibilmente accompagnando con pane nero burro e aceto allo scalogno, mangi un'ostrica attenui lo iodio con il pane aggiungi grasso con il burro, pulisci con lo champagne che ti riporta lo iodio e il salmastro in primo piano. Per le ostriche mangiate naturali il mio vino preferito per quanto rappresenta un semplice intermezzo tra un'ostrica e l'altra è il Macon village dell'annata quello di un pessimo produttore in un'annata inutile è l'ideale. Pessimo ma pulito.

avatar

abbinatio

circa 7 anni fa - Link

Champagne : Larmandier Bernier Blanc de Blancs Terre de Vertus Non Dosè Vilmart e Cie Grand Cellier d'Or 1er Cru ( 70% Ch,30% P.N. ) A volte lo champagne ci può stare molto bene

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 7 anni fa - Link

è su un dosage zero che ho in assoluto i maggiori dubbi... poi probabilmente è anche il mio palato, ad essere particolarmente sensibile ai sentori metallici (così come ho scoperto di avere un'ipersensibilità ai terpeni e in particolare all'ossido di rosa cis)

Rispondi
avatar

giulo

circa 7 anni fa - Link

ah, l'ossido di rosa cis... ;-) in Languedoc alle ostriche abbinano il Picpoul de Pinet, per rimanere sulla territorialità, e devo dire che l'insieme si lascia apprezzare ciao g

Rispondi
avatar

Daniele

circa 7 anni fa - Link

Post per enostrippati ;) Personalmente: Muscadet Sevre et Maine (che tra l'altro si trova anche in Sur Lie) di tourlaudière, la 2002

Rispondi
avatar

Gianpaolo Paglia

circa 7 anni fa - Link

se e' vero come e' vero che ci sta bene il muscadet sur lie, allora ci sta bene anche l'ansonica (o inzolia) che e' il nostro muscadet, e tra l'altro anch'essa surliabile.

Rispondi
avatar

ceedub

circa 7 anni fa - Link

Moscato d'Asti Filari Corti di Carussin, perfetto sulle ostriche al naturale perchè meno zuccherino rispetto al resto della tipologia, teso e di finissima acidità. Io ho bevuto Champagne (nello specifico il brut di Corbon, Blanc de Blancs Grand Cru di Avize) sulle ostriche gratinate, quindi cotte, molto in voga in Francia (e che personalmente preferisco a quelle crude) e devo dire che ci stava perfettamente. Sulle stout, è doveroso citare la Oyster della Porterhouse di Dublino, un piccolo classico ormai trovabile anche in qualche pub italico. Interessante l'idea del whisky ma "a naso" ci vedrei meglio un Irish Whiskey non troppo torbato e magari nemmeno "stravecchio". Un Connemara 10 Y.O.?

Rispondi
avatar

claudioT

circa 7 anni fa - Link

Una mia idea, fermo restando che la varietà dell'ostrica e il luogo di consumo incidono tanto, oltre alle molte cose condivisibili lette (muscadet sevre et maine sur lie, porter, riesling, in primis): Chavignol rosato di Pascal Cotat, rosato (Tramonti) di Monte di Grazia e il rosato di Bonavita...piccole perversioni latenti!!!

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 7 anni fa - Link

tutti vini stra-esoterici prodotti in quantità omeopatiche... le bottiglie che ho di Chavignol Rosè le difendo con le unghie e con i denti!

Rispondi
avatar

Nic Marsél

circa 7 anni fa - Link

Non passando dalle mie parti grandi quantità di ostriche, quanto posso tenere in cantina il rosato di Bonavita?

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 7 anni fa - Link

mancando dati al riguardo, la sua conservazione per più di un paio d'anni è da ritenersi sperimentale. E' comunque un vino di tale piacevolezza da giovane che non lo farei invecchiare più di tanto.

Rispondi
avatar

Fabrizio pagliardi

circa 7 anni fa - Link

Bah !!! Il faro bonavita con le ostriche va bene per far capire cosa è lo squilibrio dovuto alla sensazione metallica in un abbinamento. Semmai aspetta che passino due scampi.

avatar

claudioT

circa 7 anni fa - Link

Il Rosato di Bonavita con i crostacei tipo scampi e mezzi gamberi può essere ancora più godurioso ma con quelle ostriche meno iodate e più lattiche non ha effetti metallici che vanno sullo sgradevole anzi la sua sapidità mista alla fragranza fruttata-vegetale esalta il bi-valve!!! Lo giuro.

avatar

Fabrizio pagliardi

circa 7 anni fa - Link

Quindi va bene sulle ostriche a luglio e agosto?? :-))

avatar

Lorenzonserra

circa 7 anni fa - Link

Muscadet sevre et maine tutta la vita.....

Rispondi
avatar

Sir Panzy

circa 7 anni fa - Link

A me il "metallico" dello champagne con le ostriche piace. Forse perchè non ne mangio più di 3 o 4? Un altro abbinamento che trovo piacevole è con la birra bianca, tipo la BiancaNeive di CitaBiunda.

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 7 anni fa - Link

quella della quantità può essere una buona osservazione, per me le prime due dozzine sono riscaldamento :)

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 7 anni fa - Link

Margarita per me.

Rispondi
avatar

Fabrizio pagliardi

circa 7 anni fa - Link

allora se passiamo a miscelare vodka Martini dirty ma con acqua di un'ostrica invece che di olive, e vermuth noilly prat.

Rispondi
avatar

Antonio

circa 7 anni fa - Link

Valle Isarco Gewurztraminer, residuo zuccherino non eccessivo bilancia la sapidità del mollusco alla grande.

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 7 anni fa - Link

io non potrei mai farcela, vedi anche alla voce ossido di rosa cis.

Rispondi
avatar

Lorenzo

circa 7 anni fa - Link

Proporrei a Fabio Cagnetti una seconda puntata inversa: con cosa abbinare i migliori champagne invece che con le solite scontate ed inflazionate ostriche? Qualche dritta per noi comuni mortali che il nettare francese non lo beviamo tutti i giorni, ma ogni tanto ci creiamo l'occasione...

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 7 anni fa - Link

Secondo me ti risponde con 4 lettere ;-)

Rispondi
avatar

Rocco Siffredi

circa 7 anni fa - Link

..... Che te lo dico a fare......

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 7 anni fa - Link

cucina emiliana come se non ci fosse un domani. Pane e mortadella, cappelletti, pasta e fagioli, parmigiano, bollito, trippa, borlenghi...

Rispondi
avatar

Pierpaolo

circa 7 anni fa - Link

Manca l'abbinamento con la Guinnes, bevuta al templebar di Dublino. Eccezionale!

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 7 anni fa - Link

Ricontrollare alla voce "Birra Stout"... :)

Rispondi
avatar

gianluca bianucci

circa 7 anni fa - Link

Champagne J. de Telmont Heritage 1985 sulle Belon al naturale (al massimo una grattatina di pepe nero). Semplicemente perfetto

Rispondi
avatar

Vittorio Vezzola

circa 7 anni fa - Link

Dipende di che tipo di ostriche e che champagne. Con quelle metalliche o iodate si può abbinare anche un demi-sec. Stile le dejeuner d'huîtres

Rispondi
avatar

Dan L.

circa 7 anni fa - Link

Amo giocare con i rossi anche io. Morgon senz'altro, ma clamorosi successi -non solo tra enostrippati- con un Samur-Champigny giovinetto. Nello specifico quello di Thierry Germain.

Rispondi
avatar

exafo

circa 7 anni fa - Link

chiedendo venia fin d'ora per l'approssimazione visto che non ho quasi mai appuntato i nomi dei nettari bevuti ma ricordo con incredibile piacere una serata con bivalve e porto, non era un ruby base ma neanche un vintage e per il produttore bisogna chiedere a chi allora mesceva, io mi limitavo a bere.. l'abbinamento fu proposto come tradizionale per i portuali scozzesi che, in periodi di magra nell'800, avevano abbondanza di ostriche non desiderate dai signori e di porto dato i commerci fluenti con la regione del douro

Rispondi
avatar

Benedetta Poretti

circa 7 anni fa - Link

Provate le ostriche anche col marsala vergine, fresco. Un Baglio Florio ad una temperatura sui 12 gradi C.

Rispondi
avatar

claudioT

circa 7 anni fa - Link

QUOTO!!!

Rispondi
avatar

Elena

circa 7 anni fa - Link

A Galway con la Guinness sono state fantastiche ma ho provato con il prosecco di Frozza e davvero non e' male

Rispondi
avatar

paolo

circa 7 anni fa - Link

l'autore di questo articolo le ha assaggiate su internet.

Rispondi
avatar

Francesco Amodeo

circa 7 anni fa - Link

L'autore di questo articolo le ha certamente assaggiate innumerevoli volte, una delle quali in mia compagnia durante una verticale di Champagne Carte d'Or R.D. di Philippart, e posso testimoniare che l'abbinamento oscillava tra il disastroso e il pessimo.

Rispondi
avatar

Fabrizio pagliardi

circa 7 anni fa - Link

Te credo che l'abbinamento era pessimo.

Rispondi
avatar

marino

circa 7 anni fa - Link

buongiorno a tutti,vi consiglio birra del birrificio I COLORI DEL GUSTO. LA NUMERO 1 in stile blanche a cui vengono aggiunti petali di rosa e sanbuco. chiara , beverina con toni fruttati e floreali leggermente acidula. LA NUMERO 4 birra in stile Oatmeal Stout.colore scuro, medio corpo, evidenti i toni di caramello, caffè, liquirizia e cioccolato, vellutata in bocca con schiuma fine e persistente grazie all'aggiunta di avena.

Rispondi
avatar

Lorenzo

circa 7 anni fa - Link

"cucina emiliana come se non ci fosse un domani. Pane e mortadella, cappelletti, pasta e fagioli, parmigiano, bollito, trippa, borlenghi…" Devo un vero ed enorme grazie in ritardo a Fabio Cagnetti. Ho fatto per bene i compiti a casa, come da sue indicazioni. E allora: Trattoria Da Mariella Mallol Gantois 2005 Blanc de Blancs Cappelletti e Cotiche di maiale con fagioli neri. Una parentesi di paradiso lontano dal logorio della vita moderna.

Rispondi
avatar

StefanoR

circa 6 anni fa - Link

facile facile: Prosecco dry o extradry (anche Cartizze), Adami,per esempio. ppc!

Rispondi
avatar

Denis

circa 4 anni fa - Link

Io ho mangiato le ostriche del Limski kanal con la malvasia d'Istria e l'ho trovato un abbinamento ottimo!

Rispondi
avatar

Mia

circa 4 anni fa - Link

Trovo molte delle risposte superficiali, e mi permetto di dire anche l'articolo. Io prima ho indagato sulle ostriche e poi in ritardo sui vini, quindi mi sono scofanata ostriche solo con lo champagne, abbinamento scontato e superficiale ma in alcune occasioni ottimo. Il punto è che non si può dire "le ostriche si abbinano a", ma prima indicare tipo di ostrica, condimento, eventuale cottura e con cosa vengono servite ( qualcuno l'ha fatto). L'abbinamento champagne è scontato come dire " le ostriche sono sapide" ci sono sapide, dolci, con retrogusto variabile ecc ecc, poi le mangio così o condite o cotte? Con olio, con pepe, con la sua acqua? Le servo con pane e burro? Insomma l'abbinamento dovrebbe tener conto in primis della caratteristica dell'ostrica ( se no è come abbinare un formaggio a prescindere dalle caratteristiche) del condimento, cottura e con cosa si serve e scoprirete che alcuni champagne sono perfetti.

Rispondi
avatar

Massimo

circa 2 anni fa - Link

del sidro bretone demisec

Rispondi
avatar

Marco

circa 2 anni fa - Link

Completamente d'accordo con l'abbinamento Ostriche-Chablis. Poi sono abbondantemente di parte ma io le ostriche che adoro con un Valdobbiadene Docg rifermentato in bottiglia, il Colfondo.

Rispondi
avatar

Denis Mazzucato

circa 2 anni fa - Link

Bravo bravo bravo Fabio!
Un abbinamento ri-scoprto da me per c...aso è con il Vermut!!!
Davvero notevole e, ho scoperto in seguito, storico!
Se posso citarmi, ne scrissi qui:
http://www.awineloversnotes.eu/2016/04/01/ostriche-con-doppia-sorpresa/

Rispondi
avatar

Fabio

circa 2 anni fa - Link

Le ho provate anche con il buon Moscato demi-sec metodo classico La Palazzola (Umbria). Bollicina 'cremosa' e non acida, fiorita. Sorprendente (per me).

Rispondi
avatar

Valter ferrero

circa 2 anni fa - Link

Peró è necessario distinguere fra champagne e champagne... e mancano alla selezione i vini alsaziani del sud tipo clos st. Theobald magari vengange tardive, il pic pul de pinet, moscato di trani...ed è sicure un bere più fighetto che un convenzionale champagne#

Rispondi
avatar

ivan

circa 2 anni fa - Link

L'ultima volta ho abbinato le ostriche a "sui lieviti" di Orsi, abbinamento fantastico!!

Rispondi
avatar

agata

circa 2 anni fa - Link

Ho trovato molto interessante l'artico su ostriche e champagne

Rispondi
avatar

Paolo

circa 2 anni fa - Link

Non dimentichiamo che esiste il terzo abbinamento, quello x tradizione, esempio lampante il caciucco con il chianti.

Rispondi
avatar

Moreno Rossin

circa 2 anni fa - Link

Considero il miglior abbinamento con le ostriche l' entre deux meres bianco naturalmente. Un vino che sembra nato per le ostriche.

Rispondi
avatar

turcati marco

circa 2 anni fa - Link

e un bel verdiso no?

Rispondi
avatar

carmine

circa 2 anni fa - Link

Confermo che l abbinamento con i Whisky e sorprendente. Invito a farlo con qu e li Dell isola di Islay dove tro vate i migliori torbati al mondo. Il gusto affumicato e fortemente salmastro vi faranno andare il palato in paradiso....

Rispondi
avatar

Veff

circa 3 giorni fa - Link

Mah... Secondo me non c'è nulla di meglio di uno champagne o un metodo classico italiano con le ostriche...e i crudi di mare in generale.... Io non avverto nessun sapore metallico e la spiccata acidità unita alla bolla elegante ripulisce la bocca dal sapore di crudo Voi bevete quello che volete ;)

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.