Ogni vino può essere ripugnante e meraviglioso. Tutto dipende dalla chiave di lettura

Ogni vino può essere ripugnante e meraviglioso. Tutto dipende dalla chiave di lettura

di Alessandro Morichetti

Ivan De Chiara è un ex studente, ex tennista, ex appassionato e ora venditore di vino in Toscana. Tra un cliente e l’altro ogni tanto annota qualche perla notevole su Facebook e il titolo è merito suo: forza un concetto alle estreme conseguenze ma sono molto d’accordo col suo punto di vista. Il modello oggettivista nell’analisi dei vini non è mai stato in discussione come ora, con prospettive uguali e contrarie che si scontrano quotidianamente. Fiere RAW e mass market, disquisizioni in punta di difetto e modelli estetici a confronto ampliano con solerzia il nostro approccio al vino.

La scienza fa analisi e riconduce effetti a cause ma è l’estetica che, più della scienza, ci aiuta ad interpretare liquidi e posizionarli nella nostra personale scala di gradimento. È sotto gli occhi di tutti come l’univocità di giudizio sia più chimera che realtà e come le chiavi di lettura siano spazio-temporalmente determinate: aprire una guida dei vini a casa con anche pochi anni sulle spalle per verificare in punta di libro.

Ciascuno di noi adotta un proprio modello interpretativo del vino, i fattori da analizzare sono molteplici e fatico a ricordare un vino che abbia messo tutti d’accordo. Sia chiaro, capita, ci sono vini sommi ma preferiamo una pluralità di giudizi argomentati e coerenti, anche spiazzanti a volte, a un monocolore acritico strisciante in cui la paura di cantare fuori dal coro prende il sopravvento sul proprio modo di vedere il mondo, e il vino.

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, vende vino su Doyouwine.com. Marchigiano, vive a Barbaresco. Ama tutti gli animali e qualche umano.

4 Commenti

avatar

Federico

circa 5 mesi fa - Link

... e così Intravino sdoganò Luca Maroni :-)

Rispondi
avatar

Ivan

circa 5 mesi fa - Link

È un concetto provocazione che ho rubato da tutt'altro ambito: "La realtà oggettiva esiste eccome, ma noi non viviano nel suo mondo: la nostra esperienza si svolge in un mondo che è una costruzione, un'interpretazione a partire dal reale." Pietro Trabucchi

Rispondi
avatar

Acino Aspro

circa 5 mesi fa - Link

chi sceglie le immagini da corredare ai post? chi? cribbio!

Rispondi
avatar

Giacomo

circa 5 mesi fa - Link

ogni tanto penso: magari ha scritto sul nebbiolo da barbaresco extra bollini e sulla sua più o meno esoterica destinazione; o, che so, sulla condizione dei lavoratori macedoni, sul caporalato dei braccianti, o sullo sfruttamento del territorio..... poi, apro il sito e mi tranquillizzo......

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.