di | lun 11 gen 2010 ore 12:30
5
diluvio

OCM | Gradite un Verdicchio dei Castelli Californiani?

Immagine 6Pronti per il diluvio? Niente a che fare con il clima, parlo della nuova OCM, la legge europea sul vino che spiana la strada a chiunque voglia appropriarsi dei vitigni italiani. Già le prime gocce sono cadute con le richieste di America e Austrialia, ma il fronte nuvoloso è destinato all’aumento. Con l’entrata in vigore del regalino europeo infatti, chiunque nel mondo potrà produrre vino prodotto con vitigni italiani dai nomi protetti. È già stata chiesta l’autorizzazione a produrre per un tot di nomi quali Nebbiolo, Teroldego, Verdicchio, Freisa e Montepulciano. La lista è lunga e comprende il meglio dell’enologia italiana, col paradosso che varietà proibite in Italia (mai visto un Verdicchio di Puglia?) saranno autorizzate in California e nella Barossa Valley. Si salvano solo le denominazioni che negli scorsi anni hanno puntato tutto sul territorio e con vitigni esclusivi di quella denominazione, mentre per tutte le altre saranno dolori. Già la macchina da guerra del marketing si è messa in moto e tra i primi ad avviarla c’è un giornalista e blogger tra i più influenti sulla piazza, Steve Heimoff. Dalle pagine del suo blog invita i produttori americani a produrre vini dai nomi italiani perchè “They make nice wines over in Italy and are fun to pronounce”. Chiaro il messaggio? Sono buoni e simpatici da pronunciare e continua con “Perché non farli qui? Potrebbero diventare nomi familiari nel giro di dieci anni”. Non resta altro da fare che rimboccarsi le maniche e lavorare sulla qualità, ché sulla quantità all’estero sono imbattibili. Prendi i francesi, ad esempio. Il mondo è pieno di Cabernet e Merlot, ma loro non si preoccupano più di tanto della reputazione dei loro vitigni. Anche quei fessi dei cugini italiani li reputano “vitigni migliorativi”…

Spedisci via email

5 commenti a OCM | Gradite un Verdicchio dei Castelli Californiani?

  1. Di chi è la colpa?
    decisamente di chi sapeva e non è corso ai ripari.
    Non voglio parlare sempre e solo di prosecco ma noi ci siamo tutelati.
    Luca

  2. Per quanto riguarda USA, Australia ecc lo hanno sempre potuto fare, e gli esempi non mancano.
    La nuova OCM piuttosto vale solo in ambito UE, dove non credo che i francesi espianteranno Chardonnay per Lumassina.
    Luk

  3. Verdicchio di Puglia ??? Orrore !!!
    Verdicchio californiano ??? Orrorissimo !!!
    .
    Tomacelli, mi hai rovinato la giornata….
    .
    Ciao

  4. avatar Vittorio

    Anzi con questa nuova OCM, le denominazioni dal punto di vista legale diventano come se fossero DOP e IGP, quindi difendibili con maggiore facilità in sede WTO da simili richieste o contraffazioni.
    Come già detto da qualcuno l’OCM vale a livello europeo, e l’Italia si sta muovendo benissimo in difesa dei propri vitigni e delle denominazioni, stilando una lunghissima lista di varietà (praticamente quasi tutte) che non potranno comparire in etichetta sui vini da tavola prodotti in Italia e nel resto d’Europa.

  5. Per dire, volete un bel Nebbiolo 2007 da 92/100? Dalle Langhe? Macché…
    Eccolo qua, direttamente dall’Australia

Lascia un commento

1. Ospite
Commenta subito
2. Iscritto a Facebook o Twitter
Commenta con il tuo profilo social
accedi
3. Iscritto a Intravino
Registrati/Login



Inserisci un'immagine nel commento cliccando qui.