OCM | Gradite un Verdicchio dei Castelli Californiani?

di Antonio Tomacelli

Immagine 6Pronti per il diluvio? Niente a che fare con il clima, parlo della nuova OCM, la legge europea sul vino che spiana la strada a chiunque voglia appropriarsi dei vitigni italiani. Già le prime gocce sono cadute con le richieste di America e Austrialia, ma il fronte nuvoloso è destinato all’aumento. Con l’entrata in vigore del regalino europeo infatti, chiunque nel mondo potrà produrre vino prodotto con vitigni italiani dai nomi protetti. È già stata chiesta l’autorizzazione a produrre per un tot di nomi quali Nebbiolo, Teroldego, Verdicchio, Freisa e Montepulciano. La lista è lunga e comprende il meglio dell’enologia italiana, col paradosso che varietà proibite in Italia (mai visto un Verdicchio di Puglia?) saranno autorizzate in California e nella Barossa Valley. Si salvano solo le denominazioni che negli scorsi anni hanno puntato tutto sul territorio e con vitigni esclusivi di quella denominazione, mentre per tutte le altre saranno dolori. Già la macchina da guerra del marketing si è messa in moto e tra i primi ad avviarla c’è un giornalista e blogger tra i più influenti sulla piazza, Steve Heimoff. Dalle pagine del suo blog invita i produttori americani a produrre vini dai nomi italiani perchè “They make nice wines over in Italy and are fun to pronounce”. Chiaro il messaggio? Sono buoni e simpatici da pronunciare e continua con “Perché non farli qui? Potrebbero diventare nomi familiari nel giro di dieci anni”. Non resta altro da fare che rimboccarsi le maniche e lavorare sulla qualità, ché sulla quantità all’estero sono imbattibili. Prendi i francesi, ad esempio. Il mondo è pieno di Cabernet e Merlot, ma loro non si preoccupano più di tanto della reputazione dei loro vitigni. Anche quei fessi dei cugini italiani li reputano “vitigni migliorativi”…

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

5 Commenti

avatar

Luca Ferraro

circa 6 anni fa

Di chi è la colpa? decisamente di chi sapeva e non è corso ai ripari. Non voglio parlare sempre e solo di prosecco ma noi ci siamo tutelati. Luca

Rispondi
avatar

Luca Risso

circa 6 anni fa

Per quanto riguarda USA, Australia ecc lo hanno sempre potuto fare, e gli esempi non mancano. La nuova OCM piuttosto vale solo in ambito UE, dove non credo che i francesi espianteranno Chardonnay per Lumassina. Luk

Rispondi
avatar

Vignadelmar

circa 6 anni fa

Verdicchio di Puglia ??? Orrore !!! Verdicchio californiano ??? Orrorissimo !!! . Tomacelli, mi hai rovinato la giornata.... . Ciao

Rispondi
avatar

Vittorio

circa 6 anni fa

Anzi con questa nuova OCM, le denominazioni dal punto di vista legale diventano come se fossero DOP e IGP, quindi difendibili con maggiore facilità in sede WTO da simili richieste o contraffazioni. Come già detto da qualcuno l'OCM vale a livello europeo, e l'Italia si sta muovendo benissimo in difesa dei propri vitigni e delle denominazioni, stilando una lunghissima lista di varietà (praticamente quasi tutte) che non potranno comparire in etichetta sui vini da tavola prodotti in Italia e nel resto d'Europa.

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 6 anni fa

Per dire, volete un bel Nebbiolo 2007 da 92/100? Dalle Langhe? Macché... Eccolo qua, direttamente dall'Australia [img]http://www.intravino.com/wp-content/upload/Arrivo Nebbiolo 2007 Adelaide Hills.JPG[/img]

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.


Inserisci un'immagine nel commento cliccando qui.