Non so se state seguendo il sito di Ernesto Gentili: si chiama ErGentili – Wine Ratings

Non so se state seguendo il sito di Ernesto Gentili: si chiama ErGentili – Wine Ratings

di Alessandro Morichetti

Quando la guida ai vini dell’Espresso era “la guida ai vini dell’Espresso”, e non un colabrodo come oggi (domani vedremo, chissà), al comando c’erano due persone di specchiata professionalità: Fabio Rizzari ed Ernesto Gentili. Se Fabio Rizzari – aka Faro Izbaziri – è discretamente social, il Gentili è moderatamente a-social, nonostante un account Facebook che, ogni tanto, smanaccia qualche link al suo “nuovo” sito: si chiama ErGentili – Wine Ratings. Nuovo per modo di dire perché sembra composto con Windows 98, e se ci fosse un premio per il giovane sito più fuori dal tempo avremmo già il vincitore.

Se Rizzari si muove sul web come Pinturicchio Del Piero, con pochi tocchi ben cesellati, il Gentili veste più i panni di Rino Gattuso, il fabbro della degustazione che macina palloni e asfalta autostrade tenendo in piedi la baracca. Nella realtà, il toscanaccio Gentili è elegantissimo e pacatamente fermo – l’ho visto poche volte e di sfuggita ma io sono Lombroso e voi meno – ma la cosa divertente è che il suo sito è pieno di degustazioni interessanti. Talvolta compare anche il suo sodale e compagno di merende Claudio Corrieri, ristoratore presso Lo Scoglietto di Rosignano Solvay.

Non pettinate, non post-prodotte, non imbellettate: pane al pane e vino al vino. Se una degustazione si intitola “Spumanti italiani – Gennaio 2018“, essa contiene proprio un mix totalmente non esaustivo di spumanti italiani, ma se l’introduzione è quella che segue, io – e fareste bene pure voi – mi fido. Perché Gentili è uno serio per davvero:

Gli spumanti (Metodo Classico) recensiti, molto diversi per origine e stile, mettono in prevedibile risalto la Riserva Giulio Ferrari, autentico fuoriclasse tra le italiche bollicine, in una versione eccellente come sempre. Molto buone, ma anche questa non è una novità, le etichette della casa altoatesina Haderburg e, per restare nelle aree tradizionali della spumantistica nazionale, più che convincente la prova dell’Oltrepò Pavese dei Conte Vistarino. Piacevolmente sorprendenti, infine, gli altri spumanti segnalati.

 

Ripetuto quindi che l’outfit è abominevole e la fruibilità molto limitata, l’invito in special modo per gli addetti ai lavori che vogliano avere un consiglio GRATUITO e ATTENDIBILE (facciamo un esempio: IO) è consultare ErGentili.

Se poi ci fate un salto e avete voglia di condividere qualche impressione, oltre quanto già scritto, noi stiamo qui.

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, vendo vino su Doyouwine.com. Marchigiano, vivo nelle Langhe. Amo tutti gli animali e qualche umano.

9 Commenti

avatar

amadio ruggeri

circa 5 mesi fa - Link

Consulto spesso il "bicchiere col baffo". Esteticamente vintage, i contenuti sono a mio avviso modernissimi. Letture dei vini senza voli pindarici o mirabolanti riconoscimenti olfattivi. Di una Vernaccia di San Gimignano che ho assaggiato da poco ha scritto. "preciso, nitido e calibrato nei profumi di stampo agrumato e floreale; in bocca rilancia con sicurezza e continuità, è fresco, lungo, elegante e piacevolmente sapido". Ecco, avrei scritto le stesse identiche cose. Lo consiglio vivamente.

Rispondi
avatar

Sandrino

circa 5 mesi fa - Link

Scaduta completamente la guida vini dopo il loro forfait (forzato), grande professionalità, e poi a me i punteggi in fondo piacevano. Essenziale "Er Gentili" ma anche gli interventi di Rizzari su "Piatto Forte".

Rispondi
avatar

Tino

circa 5 mesi fa - Link

Eh si quel sito lo leggo da più di un anno, cioè da quando hanno dato notizia della loro partenza dall'Espresso. Tantissime recensioni, niente supercazzola o altre distrazioni, e a mio avviso / esperienza, per mè molto attendibili. Bravo Gentili

Rispondi
avatar

Paolo Cianferoni

circa 5 mesi fa - Link

... e poi la sintesi, una qualità in questo nostro mondo di folla affollata che cerca di ritagliarsi.

Rispondi
avatar

Marco

circa 5 mesi fa - Link

Davvero un sito dall'altissimo contenuto informativo, senza fronzoli. In America se lo farebbe pagare a peso d'oro.

Rispondi
avatar

Ulrich

circa 5 mesi fa - Link

Grazie per la segnalazione. In un mondo in cui quasi tutti gridano con gli strumenti grafici, una voce sottotono è spesso un segno inconfondibile di bravura. Come in questo caso.

Rispondi
avatar

Federico

circa 5 mesi fa - Link

Anche io lo seguo sporadicamente, dall'inizio. Devo però dire che da semplice appassionato quale sono è davvero ostico come approccio. Non saprei trovare un aggettivo giusto se non delle negazioni o dei contrari, contrario che accattivante, contrario che fruibile, contrario che divulgativo, contrario insomma. Come del resto ha anche affermato Morrichetti. Ammiro molto Gentili, la cui ex guida mi ha condotto per mano nel mondo del vino insieme a Intravino e Slowine (ognuno ha i suoi scheletri nell'armadio, io i miei tre), ma continuare a seguirlo in questo sito è per me davvero ostico. O meglio, diciamo che spesso mi dimentico di visitarlo, per decine di giorni, per mesi. Spero trovi anche altre forme mediatiche per incanalare la sua grande conoscenza/passione.

Rispondi
avatar

vocativo

circa 5 mesi fa - Link

Rizzari su Piattoforte e Gentili sul suo "Er" sono imprescindibili. Uno è più incline al racconto, colto e con raffinata ironia, l'altro riporta descrizioni secche, in stile Espresso che fu. Ancora non mi capacito di quello che accadde alla direzione dell'Espresso... Bah

Rispondi
avatar

Rai

circa 5 mesi fa - Link

Sicuramente un sito ricco, pieno di utili informazioni. Peccato che, a mio avviso, dedichi la sua attenzione quasi totalmente ai vini toscani, con qualche puntata in Piemonte ed In Alto Adige, lasciando in secondo piano il restante territorio nazionale.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.