No comment | Annuario dei migliori vini italiani 2011 di Luca Maroni

di Alessandro Morichetti

Ci sono classifiche che voi umani non potete neanche immaginare. Ho letto or ora l’elenco delle bottiglie consigliate nell’Annuario dei migliori vini italiani 2011 di Sua Maestà Luca Maroni. Si, è un altra lenzuolata di etichette segnalate ma la firma del primo e inimitabile degustatore-frutto italiano è come un dribbling di Garrincha: ti stende. Se Emilio Fede in versione talent scout vi sembra una roba assurda da credere, leggere l’Annuario è qualcosa tipo incontrare E.T. al supermercato e chiedergli come iniziare la pasta madre. Qualche nome, dicevamo:

CATEGORIA BIANCHI
1°MIGLIOR VINO BIANCO : 98 PUNTI
DONNALUCE LAZIO BIANCO 2009 – POGGIO LE VOLPI – LAZIO
TABANO BIANCO 2009 – MONTECAPPONE – MARCHE

CATEGORIA ROSSI
1°MIGLIOR VINO ROSSO : 97 PUNTI
HARMONIUM 2008 – FIRRIATO – SICILIA
PRIMITIVO DI MANDURIA SESSANTANNI 2007 – FEUDI DI SAN MARZANO – PUGLIA
CALENO FALERNO DEL MASSICO ROSSO RISERVA 2007 – NUGNES –CAMPANIA
BAFFONERO 2008 – ROCCA DI FRASSINELLO – TOSCANA
MONTEPULCIANO D’ABRUZZO OPI RISERVA 2006 – FARNESE – ABRUZZO
GUTTURNIO RISERVA VIGNAMORELLO 2009 – LA TOSA – EMILIA ROMAGNA
BARBERA D’ASTI MONTEGOVONE 2008 – ELIO PERRONE- PIEMONTE
TIMPANARA 2008 – TERRE DEL GUFO – CALABRIA
BARBERA D’ASTI MERUM 2008 – BELLICOSO – PIEMONTE

CATEGORIA ROSATI
1°MIGLIOR VINO ROSATO : 97 PUNTI
MERLOT UNICO ROSATO 2009 – TENUTA ULISSE – ABRUZZO
2°MIGLIOR VINO ROSATO : 93 PUNTI
BARDOLINO CHIARETTO 2009 – MONTECI – VENETO
CERASUOLO HEDòS 2009 – CANTINA TOLLO – ABRUZZO

PREMI SPECIALI
99 PUNTI
SESTO A QUINCONCE 2006 – VINOSIA – CAMPANIA
MONTIANO 2008 – FALESCO – LAZIO
LACCENTO 2009 – MONTALBERA – PIEMONTE

Sapere che il miglior vino bianco italiano venga dal Lazio o dalle Marche mi rincuora come leggere che il Lambrusco Marcello – mai sentito prima, mea culpa –  valga NOVANTOTTO punti. Che poi il miglior rosato italiano sia abruzzese è banale: che te ne fai di Valentini e soci quando puoi avere il merlot rosato Unico 2009 della Tenuta Ulisse da soli 97 punti? Ecco, è un classico: spendi 100 euro per le guide della concorrenza per poi scoprire di avere in mano un mucchio di carta straccia. Ora però lo prometto: almeno per quest’anno, basta dare i numeri. Aspettavamo solo la chiusura col botto.

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

71 Commenti

avatar

kenray

circa 9 anni fa - Link

alex non è finita. tra poco mi arriva la guida ai vini di altroconsumo poi pubblico io quello che viene classificato ai vertici enoici dalla più prestigiosa rivista dei consumatori a meno che non ti interessi anche la classifica 2009..

Rispondi
avatar

kenray

circa 9 anni fa - Link

addendum " Lambrusco Marcello – mai sentito prima, mea culpa – valga NOVANTOTTO punti" si di sutura. ma chi è questo signore, il nipote di scaramacai?

Rispondi
avatar

carolina di lorenzo gatti

circa 9 anni fa - Link

scaramacai lo dico io a casa mia... che sei della zona?

Rispondi
avatar

kenray

circa 9 anni fa - Link

no sono solo cittadino del mondo

Rispondi
avatar

marcello

circa 9 anni fa - Link

Provate ad assaggiare il lambrusco di cui sopra e scoprirete sin dove un "vinello" può spingersi. Ricco nella struttura, nitido al naso e squisitamente equilibrato. Ottimo.

Rispondi
avatar

Franco Ziliani

circa 9 anni fa - Link

giuro, se il Primitivo di Manduria Sessantanni 2007 di Feudi di San Marzano vale 97/100 ed é uno dei migliori vini italiani, allora io sono astemio, juventino e nostalgico di Stalin. Ma Luca Maroni, il teorico del vino frutto.. che frutta, é così e se lo conosci... lo eviti... Oppure ti fai due risate...

Rispondi
avatar

antonio tomacelli

circa 9 anni fa - Link

Occhio Frà, non ti compromettere! :-) Il Sessantanni è tra i "Grandi vini" di Slow Food!!!

Rispondi
avatar

Franco Ziliani

circa 9 anni fa - Link

e chi se ne frega Antonio! Se quello é un grande vino, per qualsiasi guida, anche la più simpatica e ben fatta, allora io di vino dopo 25 anni che me occupo non capisco proprio niente...

Rispondi
avatar

io

circa 9 anni fa - Link

bravo! non capisci un bel C.... infatti!

Rispondi
avatar

daniela

circa 9 anni fa - Link

m' accollo! come si dice a Roma

avatar

TERROIR

circa 9 anni fa - Link

ihihihihiih più che "vino frutto"..."vino frullato" !

Rispondi
avatar

Michele

circa 9 anni fa - Link

io me ne faccio anche quattro di risate pero', avendo saputo da diversi produttori che MR vino-frutto Maroni essere un commerciale puro, il fatto che dia questi punteggi a questi prodotti non mi lascia basito in quanto al giudizio in se ma, alla spinta pubblicitaria che, sulla logica dei grandi numeri e molto molto importante. Quindi, non voglio neanche immaginare quante persone, soprattutto quelle che si approcciano a questo mondo da poco tempo, che, leggendo queste valutazioni, magari correranno a comprarsi qualche bottiglia. Ma quando la finiranno questi personaggi di mentire in funzione solo del businness e del dio denaro a scapito della povera gente??????

Rispondi
avatar

Cristiano

circa 9 anni fa - Link

C'è stato un post qualche giorno fa sui vini concentrati artificialmente: il "sessant'anni" mi sembrerebbe un buon candidato... Anche la bottiglia,vuota è degno d'interesse, il vetro, è roba da 900gr. o giù di lì...Carlo Macchi, dove sei ? Eppure il vino, per quanto un po' improbabile, a modo suo, non è male,(anche se non lo berrei mai...) e costa anche il giusto.

Rispondi
avatar

Carlo Macchi

circa 9 anni fa - Link

Eccomi! In effetti durante una degustazione in cantina dai sanmarzanesi definii la bottiglia una magnum travestita. Abbiamo anche di peggio comunque: bottiglie per vini fermi che pesano oltre il chilo.

Rispondi
avatar

Cristiano

circa 9 anni fa - Link

E' interessante e condivisibile la tua campagna contro la bottiglia pesante, per contro mi è difficile riuscire a proporre vini rossi, come Chianti Classico in bottiglie sotto i 450gr.(vuote) senza essere accusato di taccagneria: paradossalmente ci vorrebbero delle bottiglie leggere un po'più costose (e prestigiose).Saluti. Cristiano Castagno P.S.Scusate l'OT.

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 9 anni fa - Link

Mi sembra che quelle di Biondi Santi siano fra le più leggere, ma potrei sbagliarmi.

avatar

io

circa 9 anni fa - Link

fratello! ma lo hai mai bevuto? o parli solo per aprire la bocca? allora sciacquala prima di dire cazzate! poi se parli per partito preso è un un'altro discorso. Valuta bene prima di dare giudizi affrettati

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 9 anni fa - Link

Ahahahahaahahahahahahahahahahahahahah!

Rispondi
avatar

Alexer3b

circa 9 anni fa - Link

Cosa ci sarebbe di male nell'eleggere miglior bianco un vino marchigiano ? Capisco il Lazio (mia regione tra l'altro) ma le Marche esprimono probabilmente il meglio della produzione bianchista italiana (soprattutto come qualità media). Potremmo discutere sul fatto che in una regione piena di Verdicchio di livello altissimo si è andato a scegliere un IGT in cui non è in purezza ma insieme a Sauvignon e Moscato (vino frutto ... do you remember ?).

Rispondi
avatar

Signora

circa 9 anni fa - Link

Non esageriamo, la migliore espressione viticola bianchista italiana è, e rimarrà in eterno, almeno per i prossimo trenta anni, la zona del "FIANO DI AVELLINO DOCG". Punto.

Rispondi
avatar

Signorina

circa 9 anni fa - Link

Io rilancio: BIANCO DI ALCAMO per i prossimi trentuno.

Rispondi
avatar

Alexer3b

circa 9 anni fa - Link

Carissima/o Signora non penso di essere stato così perentorio come sei stata/o tu ... comunque io ADORO il Fiano (Lapio , Picariello , Villa Diamante , Pietracupa vecchi Radici di Mastro e chi più ne ha più ne metta) ma trovo una qualità media nei Verdicchio e una affidabilità nell'invecchiamento ad oggi , secondo il mio modestissimo parere , superiore a tutte le doc/docg bianche italiane. Soprattutto su Jesi intendo , su Matelica ci sono alcune "stelle" (Mirum su tutti) e spero che si continui a crescere perchè il terroir è di prim'ordine.

Rispondi
avatar

Carlo

circa 9 anni fa - Link

Avendone assaggiati molti di Matelica utimamente, ti posso confermare che quel territorio è in grande crescita.

Rispondi
avatar

calacalatrinchetto

circa 9 anni fa - Link

senza dubbio il Friuli

Rispondi
avatar

Mario Crosta

circa 9 anni fa - Link

Forse volevi dire la Venezia Giulia, caro calacalatrinchetto...

Rispondi
avatar

Tommaso Farina

circa 9 anni fa - Link

Cosa c'è di male chiedi? C'è solo che l'ha fatto Luca Maroni, e Luca Maroni, nella weltanschaaung talebana non dichiarata che vige qua dentro, è cattivo per definizione, perché osa gradire anche vini che non siano fatti con macerazioni di 80 giorni, allevati in botti grandi putrescenti di 80 anni, e bevibili anche se non fatti ossigenare per 80 minuti.

Rispondi
avatar

Ruggero Romani

circa 9 anni fa - Link

mi scusi,non le sembra un po'strana una lista di eccellenze dei vini italiani che non veda neanche un vino fatto con nebbiolo e sangiovese?

Rispondi
avatar

Gabriele

circa 9 anni fa - Link

In effetti fa pensare...

Rispondi
avatar

Franco Ziliani

circa 9 anni fa - Link

alla sanità mentale e alla competenza, in materia di vino, di chi ha stilato una lista del genere...

avatar

Tommaso Farina

circa 9 anni fa - Link

Sì. Ma io penso anche a quello che c'è, oltre a quello che non c'è! Tutto qui. :)

Rispondi
avatar

Franco Ziliani

circa 9 anni fa - Link

Farina, non ti facevo proprio maroniano... Quanto ai "talebani" anti-maroniani che tu trovi qui, autori di commenti stupefatti per le scelte del teorico del vino frutto, beh, mi sa che sono un parto fervido della tua immaginazione...

avatar

Nico aka tenente Drogo

circa 9 anni fa - Link

mettiamola così: LM del vino privilegia solo un aspetto, se fosse un critico musicale giudicherebbe in base all'orecchiabilita'

Rispondi
avatar

Nico aka tenente Drogo

circa 9 anni fa - Link

IMHO il meglio e' in FVG e in AA

Rispondi
avatar

Ruggero Romani

circa 9 anni fa - Link

posso svelare almeno parte del mistero:montecappone si avvale dei consigli di luca maroni.

Rispondi
avatar

Alessandro

circa 9 anni fa - Link

E hanno in cantina Lorenzo Landi, non mi sembra l'ultimo arrivato....

Rispondi
avatar

Ruggero Romani

circa 9 anni fa - Link

sì,ma landi non scrive una guida dei vini...

Rispondi
avatar

Alessandro

circa 9 anni fa - Link

Infatti ho scritto 'in cantina'... E credo che come lui, il Sig. Baccalaro e il Sig. Ercolino nominati da Antonio, siano dei bravi enologi...

Rispondi
avatar

antonio tomacelli

circa 9 anni fa - Link

Per carità, chi dice il contrario, se ti piacciono i succhi di frutta sono imbattibili...

avatar

daniela

circa 9 anni fa - Link

povero lui!

Rispondi
avatar

antonio tomacelli

circa 9 anni fa - Link

Vabbeh, visto che siamo a questo, vi chiarisco un po' le idee. Cantina Tollo, Farnese e Sessantanni sono quasi la stessa cosa, avendo in comune come enologo-manager il signor Baccalaro Vinosia è il progetto Pugliese di Ercolino, ex Feudi di San Gregorio. Falesco è Cotarella mentre su Firriato è meglio che sto zitto. Manca qualcuno? Divertitevi voi

Rispondi
avatar

Claudia Donegaglia

circa 9 anni fa - Link

Come si scrive all'inizio: No comment Nessuno ha mai pensato di scrivere una guida pe interpretare le guide? altra cosa:a me la definizione di vino futto mi fa alzare la pelle di un paio di centimetri, è una definizione banale e scontata , forse Maroni ha dimenticato che il vino è il prodotto di trasformazione dell'uva che è appunto un frutto.

Rispondi
avatar

Valter

circa 9 anni fa - Link

Veramente non lo ha mai dimenticato. Ciò che viene infatti contestato da molti é che il vino secondo lui é piacevole quando il suo gusto richiama in modo vero quello del frutto da cui é ottenuto... Ovvero l'uva!

Rispondi
avatar

gianpaolo

circa 9 anni fa - Link

se ci fai caso non si fanno mai richiami al luogo dove il vino viene fatto, insomma al famigerato terroir. A me sembra un vuoto abbastanza enorme da poterlo riempire con tutto il frutto possibile.

Rispondi
avatar

Flachi10

circa 9 anni fa - Link

E io che mi sono fatto arrivare direttamente dalla cantina 6 bottiglie di Polvanera 17 del 2006... che demente che sono! Ora le stappo svuotandole nel WC e vado subito a comprarmi il Sessantanni 2007 di Feudi di San Marzano!

Rispondi
avatar

antonio tomacelli

circa 9 anni fa - Link

Nooooooooooo

Rispondi
avatar

Flachi10

circa 9 anni fa - Link

AHAHAHAHHAHAHHA...

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 9 anni fa - Link

Il sessant'anni lo trovo il più "salvabile" della categoria proposta ma il problema resta: non si può biasimare un signore che indica vini reputati eccellenti dalla maggior parte di consumatori mediamente evoluti. Più passa il tempo e più il mio gusto si allontana sideralmente dai vini maroniani; simulo comprensione per trattenere l'imbufalimento quando un cliente mi chiede i vini "alla Luca Maroni" (è l'unico critico che riesce a anteporre la sua immagine a quella della cantina o dell'enologo!!!). ciononostante devo ammettere che il popolo vinfruttoso cammina con noi, ed è molto numeroso

Rispondi
avatar

enzo pietrantonio

circa 9 anni fa - Link

Ma perchè complicarsi la vita con l'annuario dei vini di Luca Maroni !?!?!?! Boh...

Rispondi
avatar

Francesco

circa 9 anni fa - Link

E' un grande, giù il cappello davanti a luca maroni.

Rispondi
avatar

Alessandro

circa 9 anni fa - Link

Confermo... Oltretutto é l'unico che nel suo metodo penalizza nel punteggio i vini difettati/puzzolenti, mentre altri colleghi ci prestano a volte poca attenzione, o addirittura il sulfureo o l'acetoso vengono riconosciuto come preggi!! Si parlava in un recente post delle bottiglie lasciate aperte per qualche giorno... Vino Svanito, aldeidizzato ... Naso terribile. Alcuni vini esordiscono cosi, e pochi se ne accorgono.

Rispondi
avatar

Francesco

circa 9 anni fa - Link

ehm, ehm io a dire il vero scherzavo...mai stato fan del poeta fruttuoso...

Rispondi
avatar

Pippo

circa 9 anni fa - Link

Conosco Luca, e devo dire, se bevo di tanto in tanto lo devo a lui, a come parla di vino. non certo dalle guide o peggio ancora, da talebani come quelli che ho letto sopra! potrà non piacere, ma è l'unico "presentabile", tra chi parla di vino (in tv soprattutto) bere è una questione personale e a me personalmente, il lambrusco marcello piace molto. non vengo certo a dire qui che è "l'assoluto" per i prossimi 30 anni (e balle simili).

Rispondi
avatar

Alessandro

circa 9 anni fa - Link

comunque l'accento di montalbera è un gran bel vino

Rispondi
avatar

Lizzy

circa 9 anni fa - Link

Tra i migliori rosati c'è un Bardolino Chiaretto! Tra i migliori rosati c'è un Bardolino Chiaretto! ("si allontana danzando...")

Rispondi
avatar

Lupin

circa 9 anni fa - Link

Scusae ... ma qualcuno non è ancora a conoscenza che tutte le aziende premiae hanno come consulente Lunca Maroni?...che gli fanno dei vini su misura aggiungendo grammi di fruttosio a go go!!!!ma leggendo sopra sono io che casco dalle nuvole..dove vivete?Il ragazzo è un furbone che ha messo su un bel apparato..e c'è chi ci crede

Rispondi
avatar

Valter

circa 9 anni fa - Link

Fruttosio??.. Nel vino? Ma vaaa...

Rispondi
avatar

Mario Crosta

circa 9 anni fa - Link

Ah... ci mancava proprio la sangrìa!

Rispondi
avatar

maxmagnus

circa 9 anni fa - Link

grazie dell'informazione. non che del maroni m'importi granché, ma lei, immagino, avrà le prove di questo fatterello che, se non sbaglio, si chiama frode. in caso contrario, consiglierei un uso massiccio del condizionale. con tutti questi avvocati che gironzolano ...

Rispondi
avatar

Lupin

circa 9 anni fa - Link

Ragazzi il fruttosio ( presente anche nell'aranciata per esempio, non dannoso) viene aggiunto nel vino al posto dello zucchero in maniera che le analisi fatti dagli enti incaricati non lo possano trovare, dato che il fruttosio è già presente nel vino...

Rispondi
avatar

gian paolo

circa 9 anni fa - Link

il fruttosio ? io lo uso nel caffè;PERCHE' dovrei usarlo nell'uva??? Lo zucchero contenuto nell'uva non è abbastanza..nelle ultime vendemmie -salvo l'ultima- direi che le concentrazioni zuccherine erano ben sopra la media

Rispondi
avatar

Lupin

circa 9 anni fa - Link

Perchè ti da la morbidezza la roondità, che magari se fai tanta produzione non riesci ad avere in vigna. E poi perchè le cose dolci u mi insegni piacciono di più, gli da quel taglio che tanto piace a L.M. sul frutto. Vini coca cola, piacciono perchè son facili costruiti e omologano.

Rispondi
avatar

Maurizio Fava

circa 9 anni fa - Link

credo che la legge italiana consenta abbastanza sull'uso dei mcr, da non esserci necessità di fruttosio esogeno. sul fatto che il fruttosio (riscontrabile analiticamente sottoforma di zuccheri residui o alcol etilico, post-fermentazione) dia al vino aromi fruttati ne prendo atto, anche se non lo sapevo...

Rispondi
avatar

Nico aka tenente Drogo

circa 9 anni fa - Link

Comunque, tanto di cappello a questo genio del marketing, che ha saputo intercettare il gusto popolare e ha creato, a suo modo, una scuola, un'estetica tutta sua. Onore al Vanzina dei vini. Io mi godo le mie amate bottiglie, gioisco per Ar.Pe.Pe o Zidarich, e i suoi seguaci berranno altre cose. Chi se ne frega, il mondo e' grande abbastanza per tutti i gusti

Rispondi
avatar

Simone

circa 9 anni fa - Link

Luca Maroni sta al vino come Mughini al calcio.

Rispondi
avatar

mario fusco

circa 9 anni fa - Link

Ma perchè tutti contro Luca Maroni? La sua guida al contrario di tente altre è piacevole da leggere e, soprattutto scritta bene.

Rispondi
avatar

Paolo50

circa 8 anni fa - Link

sono arrivato un pò in ritardo, sta per uscire, o forse è già uscita, la guida 2011 però credo che il vino vada bevuto e provato prima di giudicare. Luca Maroni è pittoresco ed enfatico nei suoi giudizi anche se spesso (spessissimo) sono fuori dal coro. Ama i vini di gran corpo e troppo esuberanti per i miei gusti e premia spesso i vini del sud densi e oleosi. Viva comunque i Luca Maroni se servono a far parlare di vino. Poi, di vini abbiamo ampia scelta e anche di guide, io le leggo un pò tutte e poi faccio la sintesi.

Rispondi
avatar

Cix

circa 8 anni fa - Link

Quanti commenti su Luca Maroni ! Ma chi lo critica ha mai studiato, o almeno letto, il suo metodo di degustazione ? Luca Maroni segue il suo metodo, scritto nero su bianco, e da giudizi in base ai suoi parametri. E' normale che i giudizi sul vino siano discordanti se si utilizzano metodi diversi. Secondo il mio modesto parere, il metodo che utilizza Maroni è il migliore per valutare il vino. ex sommelier AIS

Rispondi
avatar

Paolo Como

circa 8 anni fa - Link

Concordo ed e' l'unica guida che spiega con chiarezza il criterio utilizzato. Mi chiedo pero' perche'Vinosia non venga nemmeno segnalato dal Gambero, mentre ad esempio Maroni non segnala mai Castello d'ama e Produttori del Barbaresco. Va bene il proprio gusto ma...

Rispondi
avatar

babybaby

circa 8 anni fa - Link

In sardegna si produce del buonissimo vermentino e ci sono molte aziende che lo producono ,non hanno premiato un vementino sardo ma bensì toscano presumo che Il signor LUCA non ne abbia assaggiato nessuno..per chi ama il vermentino consiglio ARAKENA cantina Monti vendemmia tardiva e GIUNCO cantina MESA..

Rispondi
avatar

Paolo Como

circa 8 anni fa - Link

Anche dare 85 al sassicaia e 90 al morellino le more di cecchi fa sorridere,pero'al vinitali ho bevuto i vini di vinosia e poggio le volpi e concordo con i suoi altissimi punteggi

Rispondi
avatar

l carnitine weight loss

circa 7 anni fa - Link

Ingest alot more crops. Own it with the help of daily meals and even like a approximately snack munch. Homegrown fruit makes an most suitable a treat. Protect any cakes, desserts, in addition to soft serve ice cream pertaining to special events.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.