Moscato d’Asti: in Piemonte non lo beve (quasi) più nessuno, Michael Broadbent ci festeggia i 90 anni

Moscato d’Asti: in Piemonte non lo beve (quasi) più nessuno, Michael Broadbent ci festeggia i 90 anni

di Alessandro Morichetti

È il genere di notizia che scovano solo gli acuti, ed è per questo che leggete Intravino e non [aggiungere un markettaro a caso] altrove. Ma veniamo al succo di quel che potrebbe essere un comunicato stampa perfetto, e che infatti nessuno ha mai inviato: il Moscato d’Asti – beloved – è comparso sulla tavola di un arzillo neo-novantenne di nome Michael Broadbent MW, che a molti non dirà nulla. In sintesi, uno che ha messo in piedi da decenni e decenni e decenni il comparto vino presso la casa d’aste Christie’s a Londra. Un’enciclopedia umana del vino, specialmente di certi vini. Uno che a celolunghismo, possibilmente parlando di etichette costose e costosissime, introvabili e strepitose lo infila ovunque a chiunque.

Ebbene: questo arzillo nonnino, per il suo novantesimo compleanno celebrato in pompa magna e raccontato da Jancis Robinson, ha scelto di bere:

On Tuesday, the day itself, he gave a dinner for enough close friends and family to fill the handsome first-floor dining room of his club, Brooks’s, overlooking St James’s Street. We enjoyed a handsome beef Wellington plus Gusbourne English sparkling wine, a Hungarian dry white from Royal Tokaji, lashings of delightful Cos d’Estournel 2001, his beloved Moscato d’Asti, and Graham 1997, impressive in both density and quantity.

Cioè MB MW, uno che potrebbe ingolfarsi di tutto il bevibile sulla faccia della terra, finisce la cena col Moscato d’Asti, quello che in Piemonte siamo rimasti cinque gatti a berlo. Della serie: “Comunicati stampa che avremmo voluto ricevere” per ricordarci che a volte abbiamo gioielli che gli altri sanno apprezzare, ma ben più di noi. Drink Moscato d’Asti.

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, vendo vino su Doyouwine.com. Marchigiano, vivo nelle Langhe. Amo tutti gli animali e qualche umano.

17 Commenti

avatar

Denis Mazzucato

circa 7 mesi fa - Link

Questa la giro immediatamente a Carosso! :)

Rispondi
avatar

Alessandro Boido

circa 7 mesi fa - Link

Deve essere una propensione che hanno gli inglesi benestanti verso i vi i buoni anni fa lo abbiamo servito al pranzo della REGINA ELISABETTA "OGGI E IL COMPLEANNO DELLA REGINA ELISABETTA..! E così ricordo che ben 16 anni fa in onore della sua visita in Italia al suo pranzo servito dalla famiglia Cerea Da Vittorio...Ca'd'Gal il nostro Moscato d'Asti è stato il vino del dessert per quell'occassione. Veronelli ci citò in una recensione con delle parole molto belle... ma la cosa che ricordo da sempre che "pochi giorni dopo il grande Romano Levi mi telefono a casa per farmi i suoi complimenti dicendomi che lo aveva saputo da un suo cliente inglese che avevo conosciuto da lui e complimentandosi mi disse è pur sempre un grande onore..!!" BUON COMPLEANNO 90 ANNI REGINA ELISABETTA.

Rispondi
avatar

Marco

circa 7 mesi fa - Link

A questo punto si impone un giro di etichette consigliate per chi, come me, il moscato d'Asti lo conosce poco, no?

Rispondi
avatar

vinogodi

circa 7 mesi fa - Link

...tale Alessandro Boido - Ca.d'Gal produce piccoli (o grandi?) capolavori , di cui l'assoluto è senz'altro il Vigna Vecchia . Poi ci sono gli specialisti come Saracco (il Moscato d'Autunno di qualche hanno è poesia pura) e Caudrina. Io adoro quelli di Cascina Fonda , sia Moscato che Spumante. Da capottarsi la recentissima bevuta ei Vignaioli Santo Stefano annata 2012 ( si , ripeto, 2012) . Ma a cercare bene ce ne sono di eccellenti ...

Rispondi
avatar

vinogodi

circa 7 mesi fa - Link

...anno , chiaramente ... i ditoni mi fanno sbagliare...

Rispondi
avatar

Denis Mazzucato

circa 7 mesi fa - Link

Anche "Su Reimond" di Bera e "Sourgal" di Elio Perrone.

Rispondi
avatar

Alessandro

circa 7 mesi fa - Link

Da ristoratore non posso dire che non si beve più moscato, io ne vendo ancora tantissimo non finiamo un banchetto senza la bottiglia di moscato (tappo raso) se posso consigliare oltre ai soliti noti cioè saracco caudrina ceretto (produttori di Santo Stefano) aggiungerei tutta la vita fatto

Rispondi
avatar

Alessandro

circa 7 mesi fa - Link

Gatti Santo Stefano belbo

Rispondi
avatar

Denis Mazzucato

circa 7 mesi fa - Link

E' vero, ma c'è la diffusissima e antipaticissima usanza di considerare il moscato un vinello dolce da bere quando non ti puoi permettere nulla di meglio. Infatti, come dici, è il vino dolce dei banchetti, dove servono tante bottiglie e quindi ci va qualcosa che costi poco, ma credo (potrai confermare) che sia molto più raro che un singolo chieda un bicchiere di moscato, o che si vada in enoteca a comprare una bottiglia di moscato da berci con la crostata fatta dalla gentile mogliettina.

Rispondi
avatar

durthu

circa 7 mesi fa - Link

Senza dimenticare che il Moscato d'Asti regala delle vere e proprie gemme a prezzi incredibilmente ragionevoli. E agli inglesi questa cosa del "value for money" e' sempre piaciuta.

Rispondi
avatar

Zuk

circa 7 mesi fa - Link

Aggiungerei a Ca'd'Gal e Saracco, anche Criolin e il "Bricco delle Merende" di Marco Capra, da bere letteralmente a secchiate, tanto più con l'arrivo dell'estate. Ah, se il Moscato d'Asti ce l'avessero i francesi... altro che Prosecco!

Rispondi
avatar

Giacomo

circa 7 mesi fa - Link

novantanni roba dusa

Rispondi
avatar

Radici

circa 7 mesi fa - Link

C'è da sperare che la crisi dell'Asti spumante faccia ripensare il modo di lavorare di molti produttori. Le vigne di moscato e la terra su cui poggiano sono gioielli, in media, molto poco valorizzati. A fronte di poche etichette di qualità si trovano migliaia di ettolitri di vino dozzinale, stucchevole, piatto, omologato. Questo è un peccato perché è un prodotto unico: non ha sostanzialmente una concorrenza nel suo genere. E penso che il mercato internazionale potrebbe assorbire facilmente una produzione di moscati di alta qualità a un prezzo molto più alto dell'attuale. Segnalo, tra le aziende meritevoli non ancora citate, Gianni Doglia a Castagnole Lanze e i fratelli Bera a Neviglie. Ottimi i 2015.

Rispondi
avatar

andrea jermol groppi

circa 7 mesi fa - Link

Le selezioni di Bera e Doglia (Su Reimond e Doglia no ricordo il nome) sono veramente meritevoli di citazione. Ne tengo da parte un paio ogni anno per valutarne l' evoluzione. Se non ricordo male Il Moscato d' Asti tecnica mente non è vino ma mosto parzialmente fermentato: I 5-6gradi alcoolici che ne conseguono fanno la felicità di tutti quelli che dopo una batteria di vini impegnativi di fronte al passito o al vino rinforzato passano la mano. La moda nel vino è molto: prima o poi qualcuno di molto figo lo inserirà nella sua top ten e i prezzi raddoppieranno. Intanto al prezzo di 1 barolo mi faccio una cassa di Moscato.

Rispondi
avatar

camillako

circa 7 mesi fa - Link

ok ma non facciamo grande progresso. a fronte di nome e annata degli altri vini, per il moscato nessuna menzione specifica...

Rispondi
avatar

Raffaele

circa 7 mesi fa - Link

Diciamo che a fine pasto secondo me è difficile bere qualcosa che abbia gradazioni elevate e comunque io sono un grande fan del moscato d'asti tappo raso. Ora però non ne parlate troppo altrimenti il prezzo dei moscato cresce...

Rispondi
avatar

Barbara Summa

circa 7 mesi fa - Link

Ti risponderebbero: eh, ma sai, ormai ha un'età, per forza che deve andarci piano :-)

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.