Madonna Germofobica non è la bestemmia del giorno ma solo una winesnob in più

di Antonio Tomacelli

Le precarie condizioni igieniche della stalla di Betlemme c’entrano poco e, comunque, sulla fiatella del bove potremmo discutere per ore. La Madonna Germofobica di cui si parla in questi giorni è l’autrice di Like a virgin che, mi dicono (io non frequento), sia una canzone di successo. Cos’ha combinato la meschina di tanto disdicevole per meritarsi l’epiteto che i tabloid di mezzo mondo le hanno incollato? Trasecolate: si è presentata, in compagnia del ganzo di turno, nell’Osteria Cotta di New York con tanto di vino e bicchieri personali in borsetta. Lo confesso, sulle prime anche a me la signora è sembrata un pelo esagerata e ho pensato: “Continua così, bella mia, e ti toccherà portarti piatti e forchette da casa!”.  Poi, però, ho letto un post di James Suckling e ho avuto l’illuminazione: Madonna non è germofobica, ma una delle più stellari winesnob che la storia ricordi.

Suckling, infatti, difende la cantante con ottime argomentazioni: chi ama il vino porta sempre con sé un set completo di cristalli e mai, dico mai, potrebbe accettare dei vetracci anonimi sulla sua tavola. Neanche vi accenno all’orrore di Giacomino per i bicchieri di carta, banditi anche nelle condizioni più estreme, come una cenetta improvvisata sulle spiagge australiane. Ovunque e comunque lui tira fuori la valigetta e tac! inizia a snasare da un Riedel collezionabile. Esagerazioni o germofobia acuta? Io, come al solito, sono l’ultima persona alla quale chiedere lumi ma se dovessero servirmi un Riesling, preferirei di gran lunga il cristallo da cui ha bevuto il bue, piuttosto che un sanissimo bicchiere di carta. Germofobico si, ma non masochista!

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi e Stefano Caffarri il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

9 Commenti

avatar

blond

circa 9 anni fa - Link

Ma allora miss Ciccone,frequenta locali poco inn,da non permettersi dei calici in cristallo?

Rispondi
avatar

esperio

circa 9 anni fa - Link

Si e' notato ultimamante una serie di posts sacro-dissacratori di livello basso-demenziale; Come mai? Quando non si ha nulla da dire meglio tacere o chiudere baracca, piuttosto che abbandonarsi a poco meritevoli bassezze.

Rispondi
avatar

enrico togni viticoltore di montagna

circa 9 anni fa - Link

lo spunto è interessante, ci sono tanti, diversi ristoranti, trattorie, locande e chi più ne ha ne metta che ti servono il vino in bicchieri nei quali berrei nemmeno l'acqua. poi ti dicono che il ricarico che fanno è giustificato anche dai cristalli, ma quali cristalli! suvvia, spendere quattro soldi per dei calici giusti non credo sia un impegno economico così importante e soprattutto farebbero un migliore figura e offrirebbero un servizio più adeguato!

Rispondi
avatar

antonio tomacelli

circa 9 anni fa - Link

Vogliamo parlare dei bicchieri tenuti in cucina che ti arrivano sul tavolo già belli aromatizzati alla fritturina di pesce?

Rispondi
avatar

castigodivino

circa 9 anni fa - Link

Si, vabbe' i bicchieri ma a nessuno interessa il vino che portava in borsetta ?!? Come se parlassimo dei vestiti della donna che ci siamo portati a letto l'altra notte ma omettessimo di parlare se era una gran bella donna ...

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 9 anni fa - Link

In America il BYOB è molto più diffuso che da noi http://it.wikipedia.org/wiki/BYOB

Rispondi
avatar

Alessandro

circa 9 anni fa - Link

In certi paesi come Stati Uniti e Australia il vino è molto costoso nei ristoranti ed è diffusa l'abitudine di portarselo da casa, pagando al gestore una specie di tariffa per stappare la bottiglia. Non mi sembra però che Madonna sia così povera da non potersi permetttere di comprare il vino in loco. Probabilmente, lo fa per sentirsi "ggiovane".

Rispondi
avatar

matt

circa 9 anni fa - Link

ma in realtà in america è abbastanza frequente nei locali portarsi da bere (esempio i locali senza licenza di vendere alcolici)...se oltre al vino si porta pure i bicchieri cissene

Rispondi
avatar

Franca

circa 9 anni fa - Link

Per me è un post singolare, visto che non ero a conoscenza di queste usanze americane....abbiamo sempre da imparare qualcosa, anche dalla "quotidianità" ..... sarò demenziale perchè trovo questi posts interessanti????

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.