di | mar 14 feb 2012 ore 19:34
1
weekly

Ma il vino di San Valentino dovevate per forza chiamarlo Deviation?

PORTLAND PRESS HERALD. In questi giorni sfuggire a un articolo su San Valentino è come cercare di evitare la neve. Impossibile. Ci sono quelli che danno istruzioni su come maneggiare una bottiglia di vino se lo si fa per la prima volta; oppure quelli che si sprecano sugli ovvi abbinamenti di vino e il cioccolato. C’è invece quello che va al sodo consigliando un vino afrodisicaco che si chiama “Deviation”, arricchito da erbe del centro America che stimolano la libido. Ma in questi casi è meglio lasciarsi guidare dal buon senso: se vuoi mantenere la fiamma accesa anche dopo San Valentino una volta scoperto a quale vino il tuo lui o la tua lei appartiene, fanne scorta.

THE GUARDIAN. Attenti all’alcol ma anche al raffreddore. Una ricerca condotta da una compagnia di assicurazione britannica ha dimostrato che gli automobilisti ubriachi sono tanto pericolosi quanto quelli che si mettono alla guida con un forte raffreddore. I ricercatori servendosi di scatole nere installate nelle macchine di automobilisti modello hanno visto che il raffreddore rallenta la capacità reattiva e la concentrazione proprio come l’alcol. Anche per l’American Auto Association la tesi è vera, infatti dice che 600,000 incidenti stradali ogni anno sono causati dagli stati influenzali di chi è alla guida.

THE DRINK BUSINESS. Lionel Messi produttore di vino argentino? Non ancora. Per il momento si è limitato a dare il suo nome, “Leo”, ad un vino prodotto dalla Bodega Bianchi nella sua regione, Mendoza. Il ricavato dalle vendite sarà devoluto alla Leo Messi Foundation che, tra le tante attività benefiche, promuove lo sport nelle aree argentine meno fortunate. Quindi per ora si tratta solo di “prove generali” per una futura carriera simile a quella di Yao Ming and David Ginola, quest’ultimo vinicitore anche di un premio internazionale con il suo vino prodotto in Provenza.

YOUTUBE. Comunque essere un calciatore non apre tutte le porte a tutti. Per il trio del Manchester United, Wayne Rooney, Ryan Giggs e Patrice Evra sono piovute solo critiche e risate quando hanno recitato nello spot dello sponsor cileno, il vino Casillero del Diablo. Certe abilità riesce ad abbinarle solo Ginola.

TELEGRAPH. Un vino Fairtrade è “fair” per tutti? L’idea di creare una corsia preferenziale per permettere ai produttori di paesi sottosviluppati di far arrivare i loro vini su mercati importanti e poi di riceverne i profitti dalle vendite è geniale. Ma cosa dire e fare quando i vini non sono qualitativamente all’altezza della concorrenza a parità di prezzo? La giornalista Victoria Moore, scoraggiata dalla qualità di una degustazione Fairtrade si è chiesta se sia giusto (e chi ha interesse?) incoraggiare certi produttori a fare vino là dove neanche i facoltosi riuscirebbero a ricavare un buon prodotto.

Spedisci via email

Un commento a Ma il vino di San Valentino dovevate per forza chiamarlo Deviation?

Lascia un commento

1. Ospite
Commenta subito
2. Iscritto a Facebook o Twitter
Commenta con il tuo profilo social
accedi
3. Iscritto a Intravino
Registrati/Login



Inserisci un'immagine nel commento cliccando qui.