L’ultima vendemmia di Severino Garofano

L’ultima vendemmia di Severino Garofano

di Antonio Tomacelli

Se ne è andato in silenzio, come la rivoluzione gentile che ha cambiato la Puglia.

Silenzioso, come un muro a secco che disegna la nostra vita di cafoni, come una vigna distesa sul mare ad acchiappare scirocco.

Come un bicchiere di negroamaro e una preghiera a un dio qualunque.

In silenzio, ché chi parte per la sua ultima vendemmia non ha fiato da sprecare in addii e saluti.

Oggi siamo tutti orfani di un padre silenzioso, che ci ha lasciato l’eredità più bella che si possa lasciare ai propri figli: l’orgoglio di sentirsi pugliesi.

Tranquillo Severino, continuiamo noi.

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

4 Commenti

avatar

Orion

circa 2 settimane fa - Link

In 3 giorni ci hanno lasciato 2 pezzi da 99. Severino seppur meno sotto i riflettori è stato un totem che ha creato capolavori come Patriglione, Gratticciaia e in ultimo le Braci. Autentiche perle dell’enologia pugliese e quindi dell’Italia. Che la terra gli sia lieve e condoglianze alla famiglia!

Rispondi
avatar

Vincenzo Busiello

circa 2 settimane fa - Link

Che cosa sta succedendo?

Rispondi
avatar

Gianni

circa 2 settimane fa - Link

RIP, mi spiace tanto, grandi vini

Rispondi
avatar

FRANCESCO GARZON

circa 2 settimane fa - Link

... un pensiero va a quella cantina appena fuori il paese di Copertino... ...dove ogni tanto passavo cotto da una giornata di mare...

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.