L’importanza di chiamarsi col nome giusto. Ovvero perché scegliamo un vino in base al nome. E tanti saluti al resto

di Fiorenzo Sartore

Quanti indizi servono per fare una prova? Tempo fa chattavo con un amico sulle denominazioni di certi vini che, da sole, ne determinano l’appeal. Si diceva che un vino con un nome fighetto ha maggiori chance di piacere, così, in modo istintivo. Poi, lo stesso giorno, un cliente mi richiede per la milionesima volta quel certo bianco dall’Alto Adige che si chiama come San Valentino. Oggi infine leggo quest’altra notizia: ricercatori canadesi hanno scoperto che il nome del produttore influisce sulla valutazione gustativa. Non si parla della denominazione o del vitigno – presentare un Barolo piuttosto che un barbera, fatalmente, costituisce un’aspettativa comprensibile. Qui si parla di elementi fonetici, in questo caso riferiti al nome della winery. Il campione del produttore con un nome più complesso è stato giudicato migliore di quello più facile da pronunciare, che per questo appariva più banale. Ma i campioni erano identici.

Quindi un nome evocativo associato ad un’etichetta – che sia la denominazione, il produttore od altro – istintivamente condiziona la scelta. Ed è come se lo avessi sempre saputo: classico caso nel quale si giunge ad una convinzione, senza un dato anche vagamente scientifico. Il succedersi degli indizi basta a provare il sospetto: mentre qui spacchiamo il capello in quattro analizzando aromi, tannini e persistenze, là fuori legioni di umani scelgono il vino in modo totalmente irrazionale. Ricordo un amico che un giorno dichiarò di acquistare i vini per il suo ristorante, durante il Vinitaly, giudicando in base all’etichetta. Se questa gli piaceva, entrava in carta. Chiaramente l’amico trollava, o forse era solo un proto-intravinico, dotato di innata tendenza al cazzeggio. Altrimenti applicava il codice di comportamento da scelte allegramente irrazionali.

Ma non vi capita mai? Ci sono nomi legati al vino che in automatico accendono quella luce, nell’occhio del cliente, o dell’amico meno skillato. Dipende da come suona, da cosa evoca. Dipende da un sacco di fattori non facilmente spiegabili. Esempi? Ecco una lista riferita alla mia esperienza.

Sanct Valentin. Linea prodotta dalla Cantina San Michele Appiano (il San Valentino di cui sopra). Alla faccia dei nomi tedeschissimi quindi poco familiari nei vini atesini, questo geniale santo ha un’attrattiva tutta sua, e chi lo invoca piazza le consonanti dure anche dove non servono manco fossero schutzen: sankt valenktin. Immagino che suggerisca segreti equilibri tra rigore teutonico e spread mediterraneo.

Morellino (con o senza di Scansano). Fiumi di parole sono stati versati per dire quanto questo nome piaccia. La desinenza diminutiva c’entra solo in parte (vini col diminutivo ce ne sono a pacchi). Qui funziona la morellitudine, cioè il fatto che sia moro, ma con leggiadria. E’ fine e non impegna.

Blangé. Perfetto mix di molti termini: blanc, blasè, agée; con quel tocco di Francia che fa tres chic. Chi lo richiede vola alto, se ne frega (serenamente, pacatamente) di arneis, terroir, Langhe, e del mondo intero. Con una parola ha detto tutto. Nome indovinato se mai ce n’è uno.

Stràminer, triste italianizzazione (?) di gewürztraminer. Sareste sorpresi di sapere quanti umani chiamano straminer il famoso bianco aromatico. Se, incautamente, li correggerete pronunciando il vitigno nel modo esatto, quelli vi guarderanno dubbiosi: come sarebbe a dire, ghevurztràminer? Io voglio lo stràminer (a volte stramìner). Siate gentili, non contradditeli, non spezzate l’incantesimo. Quel nome suona troppo bene.

Nero d’Avola. In questa denominazione giocano evocazioni apparentemente opposte ma efficaci, assieme: nero richiama la cupezza, e, inevitabilmente, l’appellativo che l’enobarbaro dà al vino rosso: vino nero (per favore, ricordate: il vino nero non esiste. Il vino è rosso). Avola invece suona come favola, quindi Nero d’Avola, vino da favola, e via di suggestioni immaginifiche. Col Nero di Troia invece va tutto all’aria, per motivi che non dovrei spiegare.

Donnafugata. Sarà quest’aria da femmina liberata, che fa le valigie e pianta in asso il maschio, ma il nome è quasi perfetto. A parte l’elemento post-femminista, la parola ha in sé l’idea della fuga, dell’evasione, e della conseguente libertà.

Greco di Tufo. Cos’è che acchiappa tanto, in questa denominazione? La citazione ellenica, i coloni greci che portano la vitis vinifera nel sud Italia? Ma come mai chi ha questa raffinata cultura classica, si fa abbindolare così? – Oppure: è necessario avere una raffinata cultura classica per farsi abbindolare? O è il tufo che richiama sotterranee radici?

Primitivo. Per l’uomo che non deve chiedere mai, e magari si fa la doccia raramente. A parte quell’evocazione di virilità, piace il richiamo della foresta, il mito del buon selvaggio, il bel tempo andato. Insomma è pure mezzo fascio, e infatti un po’ confligge con le donnefugate. Ma è lo stesso irresistibile.

Passito. Non importa di cosa, tipicamente va quello di Pantelleria. Passito contiene la radice di passione, oppure passato, insomma è un bel po’ trasversale. Nella versione full, Passito di Pantelleria appunto, le due pi assonano in modo molto musicale, e comunque l’isola è esotica quanto basta.

Da questa lista stanno fuori gli elenchi infiniti di nomi più o meno fantasiosi che fanno riferimento al sesso, all’accoppiamento, alle posizioni amorose e ai descrittori anatomici. Quanto alla lista dei toscani (e non) che finiscono per -aia, è un numero talmente spropositato che non mi basta la RAM.

[Immagine: Oddee.com]

avatar

Fiorenzo Sartore

Vinaio. Pressoché da sempre nell'enomondo, offline e online.

35 Commenti

avatar

Andrea

circa 8 anni fa - Link

Vero. Ho un amico che sceglie il vino in base all'etichetta...però beve soprattutto Coca-Cola (Zero) ;)

Rispondi
avatar

Carlo Mantovani

circa 8 anni fa - Link

la berrò quando cambieranno il nome in "zero Cocacola"

Rispondi
avatar

Olimarox

circa 8 anni fa - Link

Ci sono vini che nobilitano solo a pronunciarne il nome: Mueller Thurgau Feldmarshall von Fenner zu Fennberg. Lo ordini e ti crescono subito favoriti e fedine, lo bevi e dichiari guerra alla Francia.

Rispondi
avatar

Armando Castagno

circa 8 anni fa - Link

Degna di Woody Allen.

Rispondi
avatar

Carlo Mantovani

circa 8 anni fa - Link

del Woody Allen attuale, però: quello che non ne azzecca una.

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 8 anni fa - Link

Una volta a Caluso, dissi ad un produttore quanto era fortunato a poter chiamare il suo prodotto Erbaluce..e di quanto fosse sgraziato pronunciare la parola Vernaccia :-)) Il Sig Bruni, titolare dell'omonima Enoteca in San Gimignano, vi racconterà di quando, decine di anni fa, durante i primi commerci di Vernaccia su Roma, gli acquirenti chiedessero se fosse possibile cambiare nome :-))

Rispondi
avatar

esperio

circa 8 anni fa - Link

E' tutta una questione di gusti : Il nome vernaccia a me piace; ha sentori di rustito, schittezza, di bonta' agreste; mentre erbaluce e' un nome che sfugge quasi esoterico. Comunque entrambi non avranno mai le fortune di pinot grigio.

Rispondi
avatar

MAurizio

circa 8 anni fa - Link

erbaluce sa un po' di shampoo .. :-)

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 8 anni fa - Link

Luigi Soini, presidente della Cantina Cooperativa di Cormons, pensò che fosse giusto contrastare il più che famoso Pinot Grigio, con l'aggiunta del termine "gialla" alla famosa uva Ribolla.

Rispondi
avatar

pollabrut

circa 8 anni fa - Link

...e vogliamo dire di come i clienti si riempiono la bocca di "millesimato"? poco prima di natale, nella ressa dei regali in tempo di crisi, una stra-fighettissima in pellicciotto trench mi rincorre per mezza enoteca urlando: "ma il prosecco, quello CENTESIMATO, voi non ce l'avete mica neh!?!?!?! vi assicuro... da rotolarsi!!!

Rispondi
avatar

Pietro Caputo

circa 8 anni fa - Link

haha centesimato... evidente mente pensava che come un centesimo vale più di un millesimo, anche un prosecco centesimato valesse più di un millesimato... inquesta ottica per fortuna non ha chiesto un prosecco DECIMATO!

Rispondi
avatar

Manilo

circa 8 anni fa - Link

Sartore si dimentica il Cannonau, fa venire in mente un vino deciso a palla di cannone. L'altro è il Sagrantino... un vino per pochi viene in mente un vino speciale, coime se fosse molto curato, quasi tra il sacro ed il profano.

Rispondi
avatar

FdM

circa 8 anni fa - Link

però sarebbe ghevurztramìner, tanto per fare i bacchettoni fino in fondo :P

Rispondi
avatar

Massimiliano Montes

circa 8 anni fa - Link

Donnefugate dal nero di troia memoria di un passito che più non ritorna, l'angustia del sospiro di un soffocone dal primitivo bricco dell'uccellone, amarone ricordo non ancora sopito. Donnefugate, tradite, liberate.

Rispondi
avatar

Carema86

circa 8 anni fa - Link

Dimentichi la tanto amata Passerina:)

Rispondi
avatar

Massimiliano Montes

circa 8 anni fa - Link

Ho tralasciato passerina e pecorino, non volevo abusare

Rispondi
avatar

esperio

circa 8 anni fa - Link

Eh, e' bello scoprire che in giro c'e' ancora gente che pratica soavemente la temperanza. E' Cortese ed una grande Lessona.

Rispondi
avatar

Dylan Doc

circa 8 anni fa - Link

(Geniale!) Quasi mi commossi leggendo i tuoi versi, intrisi di liquidi rossi di cotal bellezza che del novello annienta l'asprezza! Mentre tutt'intorno facciamo girotondo, intonando Caparezza! mandando affan... tutta l'amarezza!! P.S.Vabbè c'ho provato!;-)

Rispondi
avatar

Carlo Mantovani

circa 8 anni fa - Link

chestronzata!

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 8 anni fa - Link

Il nome perfetto, completo, facile da ricordare in tutte le lingue, evocativo di allegria e fugatore di momenti tristi c'e' GAJA questo Signore, non contento della fortuna ereditata con siffatto cognome ha voluto stravincere raddoppiando con una delle figliole. In caso non si capisse quanto sono contenti da quelle parti. Ti credo, con quei vini e quei prezzi, sarei gajissima anche io.

Rispondi
avatar

GiacomoPevere

circa 8 anni fa - Link

Infatti all'inizio lo chiamavano Gaja o'Rei ma Pelè si incazzò e il resto è storia...

Rispondi
avatar

Massimiliano Montes

circa 8 anni fa - Link

Patron dell'annuale Gaja Pride

Rispondi
avatar

Vittorio Vezzola

circa 8 anni fa - Link

Che cosa c'è in un nome? Ciò che noi chiamiamo con il nome rosa, anche se lo chiamassimo con un altro nome, serberebbe pur sempre lo stesso dolce profumo.

Rispondi
avatar

Massimiliano Montes

circa 8 anni fa - Link

nomina non sunt consequentia rerum

Rispondi
avatar

Olimarox

circa 8 anni fa - Link

Non stat rosa pristina nomine?

Rispondi
avatar

Massimiliano Montes

circa 8 anni fa - Link

m a r o s s i ! Sai che mi mancavi?

Rispondi
avatar

Olimarox

circa 8 anni fa - Link

Montes, si veede che ti distrai: ogni tanto intervengo, qua e là. Ma non pronunciare quel nome, o verrai bannato. Taci, il nemico ti ascolta. Ford transit Gloria Gaynor.

Rispondi
avatar

Massimiliano Montes

circa 8 anni fa - Link

Ogni tanto lavoro, ho meno tempo :-( Ford escort presidenziale (meglio non fare nomi...)

avatar

suslov

circa 8 anni fa - Link

nuda nomina tenemus ...

Rispondi
avatar

she-wolf latinorum

circa 8 anni fa - Link

Parlum comem magnom, et anca bevum. Presuntosis presuntosorum que altium non sietes.

Rispondi
avatar

Enobarbaro

circa 8 anni fa - Link

Ahahahah troppo avanti questa Lupa! :)

avatar

Massimiliano Montes

circa 8 anni fa - Link

Piano che poi Carlo Mantovani si incazza

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 8 anni fa - Link

a tutto c'è rimedio basta trovare il vino buono (davvero!) con un nome più intrigante. tanto per dirne uno al felmarshall contrapponi uno "Gneiss" di Unterortl Castel Juvall Familie Aurich... vittoria a tavolino perchè il feld non si presenta nemmeno in campo

Rispondi
avatar

navod

circa 8 anni fa - Link

Mmah... state sempre lì a cercar doppi sensi. Sapete cosa vi dico vado a beermi un bel rosso pe-la-verga !

Rispondi
avatar

Pietro Caputo

circa 8 anni fa - Link

E vogliamo ricordare il PHIGAIA? tra l'altro prodotto dalla stessa azienda che fa il Rosso dell'Abbazia... come a dire non ci facciamo scappare nessun cliente, da Rocco al Papa....

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.