L’enorme incendio che minaccia parte della viticoltura cilena

L’enorme incendio che minaccia parte della viticoltura cilena

di Jacopo Cossater

Il peggior disastro forestale della nostra storia. È così che la Presidente cilena Michelle Bachelet ha commentato l’enorme incendio che da alcuni giorni sta devastando le regioni del Libertador General Bernardo O’Higgins, del Maule e del Bío Bío, a partire da un centinaio di chilometri a sud della capitale, Santiago.

La prolungata siccità e le alte temperature della scorsa settimana hanno portato a condizioni considerate come eccezionalmente favorevoli al propagarsi degli incendi. Un disastro che fino a oggi ha distrutto oltre 130.000 ettari tra boschi e terreni destinati all’agricoltura e che ha ucciso 3 vigili del fuoco. Il governo ha dichiarato lo stato di emergenza, schierato 1.200 soldati a supporto dei pompieri e chiesto aiuto alla comunità internazionale.

Questa zona, come già raccontato su Intravino l’anno scorso, rappresenta il cuore della produzione vitivinicola cilena. Un’area unica, dove trovano dimora centinaia e centinaia di ettari di vigneti centenari a piede franco e dove controversi piani di forestazione sostenuti dal Governo hanno portato a intensive piantagioni di eucaliptus e di pini, boschi utili a sostenere la fiorente industria della carta cilena ma che in caso di siccità risultano altamente infiammabili.

Incendio in Cile

Diego Morales, proprietario di Bisogno Wines, ha raccontato a Decanter di aver perso tutti i suoi 25 ettari ultracentenari di pais, la più tradizionale varietà del Cile: “sabato abbiamo iniziato a renderci conto che l’arrivo dell’incendio sarebbe stato imminente, abbiamo provato in tutti i modi a contrastarlo ma nulla è stato sufficiente, inoltre la nostra priorità era ovviamente quella di salvare la casa. I vigili del fuoco erano così sovraccarichi di lavoro che sono arrivati sul posto 5 ore dopo il passaggio dell’incendio. Questi non solo solo incendi boschivi, questa è una zona profondamente rurale dove la gente vive in simbiosi con i boschi, i vigneti, gli animali. Le autorità tendono sempre a minimizzare questo genere di problemi e il risultato è che non sono in grado di reagire in tempo. Prima che un evento del genere si verifichi di nuovo mi auguro che il nostro Paese sia in grado di valorizzare e proteggere maggiormente la nostra cultura e la nostra storia.”

Questa immagine postata su Twitter da Cancha Alegre temo valga più di mille parole.

Cancha Alegre

[immagini in apertura: The New York Times]

Jacopo Cossater

Comunicazione digitale ed e-commerce, è tutta una questione di vino, di birra artigianale e di trail running. Vive in Umbria, a Perugia, ha un debole tanto per i Paesi del Mediterraneo quanto per quelli scandinavi ma non potrebbe mai fare a meno dei ritmi dell'Italia Centrale. Blogger della seconda ora, su Intravino dal 2009.

1 Commento

avatar

Denis Mazzucato

circa 3 anni fa - Link

Che tristezza... Qualche tempo fa ho preso all'esselunga una bottiglia di Casillero del Diablo Reserve Late Harvest, sauvignon blanc del 2011. Poco più di 4 euro in offerta per la mezza bottiglia. Mi ha stupito!! Quella sera presi anche un pezzo di stilton e mi ci divertii parecchio! Davvero una bella sorpresa! In bocca al lupo al Cile...

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.