L’emoji del calice di vino bianco? Bocciata, per ora accontentatevi di un buon rosso

L’emoji del calice di vino bianco? Bocciata, per ora accontentatevi di un buon rosso

di Antonio Tomacelli

La notizia vi è sicuramente sfuggita ma ha delle implicazioni piuttosto strane sul mondo del vino. Lo Unicode Technical Committee, l’ente che approva e armonizza tra i vari device caratteri ed emoji, ha bocciato la richiesta di inserire l’emoticon del vino bianco  e rosato sui nostri cellulari. Non lo avevate notato, vero? Col messaggino inviato alla vostra fidanzata potete solo invitarla a bere un bicchiere di vino rosso o una flute (!) di bollicine, ma non un calice di bianco.

Come saprete l’opzione “colore” esiste per molte altre emoji quali, ad esempio, le faccine e il pollice alzato che esistono in diverse tonalità di pelle. Oggettivamente un linguaggio con sole faccine bianche sarebbe inaccettabile, ragion per cui l’UTC ha, nel tempo, approvato tutte le etnie e i colori possibili.

La motivazione del respingimento della richiesta sta nell’eccessivo numero delle emoji già disponibili (circa 3019) e nell’inutilità sostanziale dell’icona del vino bianco. L’approvazione avrebbe inoltre aperto la strada a migliaia di altre richieste (i colori della birra, ecc.) che avrebbero intasato i nostri smartphone.

La proposta per aggiungere l’emoji vino bianco era supportata dall’azienda vinicola Kendall-Jackson e da altre grandi aziende come Yellow Tail con una campagna sulla rete piuttosto vivace a colpi di hashtag (#WhiteWineEmoji) che invitava i clienti a far pressione sul comitato, e la cosa non vi sembri strana: dietro l’approvazione di quegli insulsi disegnini si celano spesso le azioni di potenti lobbies. L’emoji del camioncino che verrà rilasciato nel 2020, ad esempio, è stata progettata e sponsorizzata dalla Ford e qui si potrebbero aprire tutta una seria di discorsi sulla volontà delle multinazionali di influenzare il linguaggio.

Già, ma l’emoji è un linguaggio? Secondo il professore di linguistica Vyvan Evans, autore di The Emoji Code, le emoji sono un “linguaggio visivo” migliore dei geroglifici egiziani, mentre David J. Peterson, il “creatore di lingue” noto per il suo lavoro su Game of Thrones, sostiene che le emoji non sono una lingua a causa della mancanza di regole condivise.

Linguaggio o no, lobbies o meno, per ora c’è solo un bicchiere di vino rosso tra le opzioni possibili. E guai a parlare di Orange wine!

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

2 Commenti

avatar

hakluyt

circa 3 mesi fa - Link

Però qui, sperando che il mio post passi la censura, un bel "echissenefrega" ci sta proprio bene..

Rispondi
avatar

Andrea

circa 3 mesi fa - Link

Magari, senza disperare, prossimamente ci sarà un'apertura e comparirà anche il calice di bianco :)

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.