Le 10 regole d’oro di chi ama il vino

di Danilo Ingannamorte

A te che timidamente e con curiosità avvicini il mondo dell’uva fermentata, a te che da qualche tempo ci dài dentro con bottiglie, guide e degustazioni, a te che spendi in enoteca cifre da finale della Champions League, a te che guardi ammirato i guru indovinare il vitigno annusando un vino a 30 cm di distanza, ecco, proprio a te dico: continua così, stai andando benissimo. Ma attento, i peccati capitali dell’enosnob, tronfio di noiose sicurezze e sopracciglia alzate, sono in agguato. Perché disquisire del sentore di grafite nella nuova annata di Sassicaia con un tassista benevolo o consigliare uno Champagne metodo solera a tua mamma che deve invitare gli zii a cena sono bruttissimi segni. Annota queste 10 regole per esercitare la passione con costanza e abnegazione, lo spazio per aggiungerne qualcuna non manca.

1 ) Non te la menare | Questo è il primo e più importante comandamento. Sii pronto a ricacciare indietro il celolunghismo in ogni sua forma, pensando a quanto poco sai di biologia molecolare o di storia delle relazioni internazionali. Se proprio devi sfogarti, fallo con chi ti sfida con frasi del tipo: “Il 2005 in Bovgogna mi sembva sopvavvalutato, ho assaggiato degli Ovegon che invece…”.

2 ) Assaggia tutto e ogni volta che ne hai l’occasione | Se puoi cerca di farlo “alla cieca”, senza sapere prima di cosa si tratta e ogni tanto non disdegnare (basta una volta ogni sei mesi) un vino “ordinario” dal bottiglione: ti aiuterà a ricordare da dove vieni e soprattutto quanto te la stai spassando adesso.

3 ) Adotta un piccolo produttore | Sceglilo in base ai vini e alle affinità. Vai a trovarlo, compragli i vini e seguilo di vendemmia in vendemmia. Scoprirai la gioia di conoscere un vino e un territorio da vicino.

4 ) Fatti adottare da un onesto enotecario | Ti aiuterà a muoverti, a scoprire nuovi mondi e a risparmiare soldi. Come scerglielo? È semplice: innanzitutto deve essere simpatico e in secondo luogo devi osservarlo mentre parla dei suoi vini preferiti: se vedi una luce che gli si accende negli occhi e non riesci più a farlo smettere, non c’è dubbio, farà al caso tuo. Attenzione però: il tuo palato è sovrano, se non ti piace un vino non è perchè non lo capisci, è perchè non ti piace.

5 ) Privilegia i produttori che hanno a cuore l’ambiente (bio-qualcosa, per intenderci) | Il vino buono ha bisogno di una natura non strapazzata.

6 ) Non bere mai da solo | Il bello del vino è la socialità e poi se si divide, si risparmia.

7 ) Monopolizza garbatamente la carta dei vini al ristorante | Non per tirartela, ma perché è qui che si mette in pratica il tuo esercizio per il fine ultimo cui ogni buon enofilo deve tendere, ovvero il momento delle tre “G”: good food, good company, good wine.

8 ) Vai almeno una volta al Vinitaly rimanendo sobrio (non soberrimo, ma sobrio) | Non serve arrivare a Verona per bere come spugne fino a non distinguere più un Cerasuolo abruzzese da un Barolo. Il bello è assaggiare tanti vini sputandoli con diligenza. Poi non siamo mica alla fiera del masochismo, i più buoni si deglutiscono magari facendo il bis.

9 ) Leggi un po’ di tutto, ma soprattutto quello che ti annoia meno | Rifuggi la stampa da setta di intenditori che sciorina descrittori e sentenzia ogni due righe con malcelata retorica. La vita è già troppo breve per bere male, figuriamoci per leggere male di vino. E prega apri Intravino almeno 3 volte al giorno.

10 ) Costruisciti un percorso personale | Appassionati a un vitigno, a una zona, a una tipologia e scoprila pian piano, senza fretta, senza usare i punteggi come bussola, ma saltando di etichetta in etichetta a seconda delle occasioni, degli spunti, della casualità, delle notizie volanti. E infine, quando ti sentirai abbastanza forte da poter essere guida a tua volta, fai del sano proselitismo. Il vino buono ha bisogno di bravi bevitori. Racconta ai tuoi commensai come sei arrivato ad un vino, chi lo fa, la sua storia e quali ricordi ti legano alla bottiglia. Intanto, ricolma i loro bicchieri.

[Immagine: Bert Witt]

53 Commenti

avatar

Francesco Fabbretti

circa 9 anni fa - Link

Che bell'articolo! quoto soprattutto "il tuo palato è sovrano, se non ti piace un vino non è perchè non lo capisci, è perchè non ti piace.". Quanti clienti vedo entrare intimoriti in enotca, quante volte mi sento dire "non lo capisco" e li correggo "non ti piace". Onestà. p.s. aggiungerei che l'enofilo che incontrasse il tipo di cui al punto 1 (“Il 2005 in Bovgogna mi sembva sopvavvalutato, ho assaggiato degli Ovegon che invece…”.) è autorizzato a rispondergli "vai a cagXXe" senza dover temere di dare spiegazioni

Rispondi
avatar

Stefano Ghisletta

circa 9 anni fa - Link

Complimenti bell'articolo, lo dovrebbero leggere in molti ;-)

Rispondi
avatar

ken-ray

circa 9 anni fa - Link

perfetto! danilo, alcune luci si sono accese nel mio microscopico cervello da un po' di tempo sto imparando e molto. grazie alle persone voi. ps. andrea gori, mio sommo maestro, nell'articolo ti vedo tirato in causa..... pps. (miss NN aspetto diligentemente le sue lezioni private, sa che mi piace e molto la frase "good food, good female company, good wine" ? così tanto che ne ho fatto uno stile di vita) ppps le parole vinitaly e sobrio non possono esistere nella stessa frase

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 9 anni fa - Link

@ken-ray, non impartisco lezioni, condivido piaceri.

Rispondi
avatar

ken-ray

circa 9 anni fa - Link

sa che abbiano affinità elettive non da poco? in primis il piacere di bere buon vino. sul fronte del gusto, come giustamente conferma danilo, bisogna dar retta al proprio palato. quindi ribadisco con fermezza il mio attaccamento al milleunanotte. e son quasi sicuro che una verticale "privata e rigorosamente a due" di questo vino le farebbe cambiare idea. nel caso contrario sono disposto a fare pubblica ammenda. sulle degustazioni alla cieca vorrei far notare sommessamente che per il labrusco mi rendo disponibile a chiunque voglia coivolgermi. so riconoscere i miei limiti. in quanto a superarli..ne riparliamo. mi sono scordato di questo Fatti adottare da un onesto enotecario. ecco, di contro posso affermare che io ho adottato lui. mi costa come un porsche. ma almeno è onesto. forse è anche competente

Rispondi

Sara Porro

circa 9 anni fa - Link

Ma nella storia delle relazioni internazionali invece è lecito menarsela? Io ci avrei la laurea.

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 9 anni fa - Link

Anche io, e 29 come voto d'esame...se conto che il Gori di Biologia se ne intende..mi faccio spiegare due cose da lui e poi sono a posto!!

Rispondi
avatar

Signora

circa 9 anni fa - Link

NON C'ENTRA CON L'ARTICOLO........MA..... AVETE VISTO SU WIKIO CHE INTRAVINO E' IL PRIMO SITO IN ITALIA SUI VINI? AUGURI.

Rispondi
avatar

antonio tomacelli

circa 9 anni fa - Link

Grazie :-)

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 9 anni fa - Link

Ineccepibile, aggiungerei, per un livello più "advanced" - Non avere pregiudizi, impara ad ascoltare te stesso. Quello per cui impazzivi ieri può oggi non soddisfarti più. Ogni età ha la sua bellezza e la sua scelta di vino. - Sii flessibile e magnanimo, non cazziare qualcuno che mostra di amare il Lambrusco e trova il Sangiovese "tropppo secco" o il Barolo "troppo acido". - Ogni tanto puoi bere anche da solo, ci sono momenti in cui ti trovi da solo lontano da casa migliaia di chilometri e un buon bicchiere ti scalda il cuore. Se poi é anche un tipo di vino a te sconosciuto ti può regalare un piacere sensuale ed intellettuale che ti fa compagnia.

Rispondi

Sara Porro

circa 9 anni fa - Link

Sono d'accordissimo cara Nelle Nuvole. Quando ceno a casa da sola, oltre a cucinarmi qualcosa, mi scelgo sempre una bottiglina, me la apro e brindo (senza esagerare) in solitudine. Un momento bellissimo!

Rispondi
avatar

Carlo Gola

circa 9 anni fa - Link

e aggiungerei: ..SE ASSAGGIATE UN BUON VINO NON CHIEDETEVI SEMPRE COME MIGLIORARLO , A VOLTE LASCIATEVI MIGLIORARE BEVENDOLO IN SILENZIO !!!

Rispondi
avatar

GIULIO

circa 9 anni fa - Link

Complimento, l'ho condiviso subito sulla mia pagina facebook :-)

Rispondi
avatar

Francesco Santini

circa 9 anni fa - Link

anche io...

Rispondi
avatar

ziadada

circa 9 anni fa - Link

Proprio bello, nella lettera e nello spirito. Provvedo a dare, come si suol dire, "ampia diffusione" :)

Rispondi
avatar

francesca ciancio

circa 9 anni fa - Link

io vorrei adottare Roddolo. Che dite, glielo chiedo?

Rispondi
avatar

Nic Marsèl

circa 9 anni fa - Link

Fantastico! Seguo alla lettera da anni tutti e dieci i comandamenti, ma ora un problema : ho finito i soldi :-)

Rispondi

Tomaso Armento

circa 9 anni fa - Link

Concordo con tutto, solo una precisazione , secondo me importante: al punto 5 "bio qualcosa". Molto meglio la prima parte della frase "hanno a cuore l'ambiente", ricordo uno scambio di battute che ho molto apprezzato "la vigna è parte dell'ecosistema" non "è l'ecosistema". Combinato sempre con la visita e con la conoscenza del produttore, la definizione di per se non è ancora una garanzia, purtroppo. se quando vai a vedere le vigne ci son solo vigne e non vedi boshi prati e altre parti della natura fatti delle domande. Danilo, ti sei anche dimenticato una delle mitiche "io con quello li non ci pavlo nemmeno, tvoppi solfiti". Ciao Tom P.S. tra i consigli dovevi metterci di venire a cena da te, per fare una prova di cio che intendevi con il punto 4 applicato a un ristoratore e iniziare a spiegare come mettere in pratica il punto 7!

Rispondi
avatar

Angelo Di Costanzo

circa 9 anni fa - Link

Li cvedo tutti buoni pvopositi, alcuni un po steveotipati ma val bene sottolineave un appvvoccio ludico al piaceve del vino... :-) Una obiezione però lasciatemela avanzare sul punto 5): 5)- Privilegia i produttori che hanno a cuore l’ambiente (bio-qualcosa, per intenderci) | Il vino buono ha bisogno di una natura non strapazzata. Ma perchè, conoscete produttori che non hanno a cuore l'ambiente o addirittura quello dove crescono le sue uve?

Rispondi

Danilo Ingannamorte

circa 9 anni fa - Link

Questione spinosa, certamente. Per la mia esperienza personale, tutti i miei vini preferiti sono fatti da viticoltori che se non dichiarano esplicitamente l'appartenenza a una filosofia o a una certificazione, hanno comunque un'attenzione maggiore per l'ambiente e un totale rifiuto per le ptratiche invasive in cantina o in vigna. L'importante però è averla e non ce l'hanno tutti purtoppo. Forse per i piccoli produttori la tua affermazione è vera, ma per i grandi non ci metterei la mano sul fuoco...

Rispondi
avatar

Angelo Di Costanzo

circa 9 anni fa - Link

Ciao Danilo, io credo che chi fa viticoltura di qualità la fa e basta. Piccolo o grande che sia (forse è questo il male più grande della comunicazione di oggi - il voler per forza etichettare)Non credo che ci sia alcuno che beva robaccia da tetrabrick e ne venga a raccontare in un Social. O almeno lo spero per loro. Conosco produttori che fanno 2000 bottiglie e tutte le difficoltà che hanno per stare sul mercato nonostante tutto l'amore possibile per la propria terra ma consoco parimenti produttori grandi, che fanno milioni di bottiglie e che investono fior di soldoni per migliorare la vigna e l'habitat in cui cresce. Non vedo in entrambi i casi diversità di sentimento, forse un approccio diverso, magari vini a loro immagine, diversi, ma la terra, la viticoltura è preservata alla stessa maniera. Poi se il discorso è piccolo (e sfigato!) è bello, allora è tutta un'altra storia... ;-)

Rispondi

Danilo Ingannamorte

circa 9 anni fa - Link

Sono d'accordo con te angelo. Solamente avanzavo qualche dubbio sul tuo assioma viticoltore=amante della natura. Per i piccoli forse è universalmente valido, ma per i grandi è più difficile. Naturalmente esistono tanti grandi produttori cin una coscienza ambientale avanzata e, anzi, spesso proprio a loro si devono sperimentazioni e pratiche innovative dal punto di vistadella sostenibilità che non potrebbero essere messe in atto da chi ha meno massa critica e capitali per farlo. Quindi il discorso non è piccolo/sfigato è bello. Il discorso è grande/industriale meno bello, perchè per forza di cose un'industria del vino fa più fatica a rinunciare a percentuali di uva in una vendemmia non felice e ci dà dentro con i "rimedi". Il fatto che però sia meglio adottarne uno piccolo piuttosto che grande dipende dal fatto che è più facile e più bello interagirci per un'appassionato.

Rispondi
avatar

armando treccaffé

circa 9 anni fa - Link

Kenray baaaasta di flirtare con NN....all'ultimo banco con un bicchiere di Tavernello da degustare e poi ne parliamo.... ma la Porro ' è vramente cosi' carina o esce migliorata su Intravino?

Rispondi
avatar

Letico

circa 9 anni fa - Link

Me lo chiedo anch'io da tempo ma per pudore ho tenuto per me la questione...

Rispondi

Sara Porro

circa 9 anni fa - Link

Va bene, forza, ditemi di che favore avete bisogno.

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 9 anni fa - Link

@Armando e più sopra @ken-ray, vi saluto, sono di nuovo in partenza, proprio quando tutta l'uva é stata portata in cantina e tutto invita ad una consultazione pacata delle numerose guide davanti al camino con le prime castagne sul fuoco, mannaggia mi tocca andar via. Voi due in particolare mi avete fatto divertire, mi raccomando non accapigliatevi troppo. Cercherò di rimanere in contatto con Intravino, ormai ne sono dipendente.

Rispondi
avatar

Dan Lerner

circa 9 anni fa - Link

@Armando: di più.

Rispondi

Sara Porro

circa 9 anni fa - Link

Dan, dopo che sei nato tu hanno gettato lo stampino. Che gentiluomo!

Rispondi

Danilo Ingannamorte

circa 9 anni fa - Link

No no, è proprio carina, garantisco. E' un po' di anni che conviviamo...:)

Rispondi
avatar

armando treccaffé

circa 9 anni fa - Link

e bravo Danilo, già volevo farti i complimenti per il tuo stile, il tuo garbo ed i tuoi articoli....adesso devo aggiungere anche i gusti in fatto di fanciulle...buone bevute...

Rispondi
avatar

La linea dell'inutile (Mauro)

circa 9 anni fa - Link

like, like, like ma non sono troppo sicuro sul punto 6

Rispondi
avatar

Maurizio Fava

circa 9 anni fa - Link

sono sempre un po' prevenuto verso i decaloghi. lo era anche Mosè, che pare abbia spaccato una delle tre tavole scendendo dal monte perchè non la condivideva. su due cose in particolare non sono per nulla d'accordo: il "bio-qualcosa" (preferisco bere vini che siano buoni, a prescindere dalle autocertificazioni ecologiche) e lo sputo. I miai vecchi mi hanno insegnato che sputare è da maleducati. "Se non sai bere, stattene a casa", dice un mio amico precirrotico che è sulla breccia da 70 anni... e concludo con un'altra citazione storica: "Il vero bevitore beve con moderazione". E' di Richard. Richard Burton.

Rispondi

Danilo Ingannamorte

circa 9 anni fa - Link

Sì ma Mosè a furia di non sputare è finito nudo e ubriaco a vagolare all'aria aperta!:)

Rispondi
avatar

Antonio Ciccarelli

circa 9 anni fa - Link

Ma non era Noè quello ubriaco e nudo? Non che sia un appassionato di testi Biblici ma Mosè mi sembrava unoparecchio serio e timorato!!! Ciao

Rispondi

Sara Porro

circa 9 anni fa - Link

L'Ingannamorte mi è cresciuto in famiglia atea e comunista, non ha nemmeno i rudimenti biblici :))

Rispondi
avatar

kenray

circa 9 anni fa - Link

un comunista? evvai ora so si non essere solo!

avatar

armando treccaffé

circa 9 anni fa - Link

Be buon viaggio NN, che dire... anche io mi son divertito molto con voi due.. grazie anke ad Intravino che è er mejo Blog der bigoncio... maagari adesso lavoro un po' di più... KenRay ma dov'è che T 6 infrattato?

Rispondi
avatar

armando treccaffé

circa 9 anni fa - Link

@ Lerner beato te che puoi gioire di cotanta bellezza in vivo... io me ne torno a rosicare in silenzio....

Rispondi
avatar

carolina

circa 9 anni fa - Link

dieci regole d'oro, ma manca la 3-A: adotta un piccolo produttore, ma dopo non smenargliela troppo, e sopratutto le prime volte guarda e taci. che hai tempo se l'adotti davvero di chiedere e sapere, magari stando culo a culo con lui. perchè adottare vuol dire osservare ed imparare.

Rispondi
avatar

daniela (senzapanna)

circa 9 anni fa - Link

punto 3) fatto di recente punto 4) fatto da anni. Ho l'oste personale, è Fabrizio pagliardi de La Barrique. Fidatevi di lui, ha la passione e la trasmette.

Rispondi
avatar

NEBBIOLO67

circa 9 anni fa - Link

E PER FINIRE "NON ESISTE IL BUON VINO, ESISTE LA BUONA BOTTIGLIA, LA DIFFERENZA LA FA' IL PRODUTTORE..."

Rispondi
avatar

A.

circa 9 anni fa - Link

Ho iniziato da poco a bevicchiare curiosando qua e là e osservando il punto 2. Prima il vino e poi l'etichetta. O meglio, se mi piace il vino, mi ricorderò l'etichetta. Nel punto 4 si intende che l'enotecario mi somministri i vini a sue spese? :D

Rispondi
avatar

Dan Lerner

circa 9 anni fa - Link

Punto 4: alcuni assaggi sì, ma bada, è come dare le caramelle con la droga davanti a scuola ai ragazzi, solo che non è una leggenda metropolitana: poi non ne puoi più fare a meno... :-)

Rispondi
avatar

Vinogodi

circa 9 anni fa - Link

... articolo piacevole in base anche al percorso personale di chi legge : mio figlio (11 anni) ha detto che non l'ha divertito...

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 9 anni fa - Link

Notizia di servizio per Kenray: miss NN è ospite presso la mia enoteca oggi..... che charme :-)

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 9 anni fa - Link

Mi prega di farti sapere che sta degustando un vino rosso (non il Melleunanotte) seduta sulle mia ginocchia!

Rispondi
avatar

Mario Crosta

circa 9 anni fa - Link

Non mi dire che e' un... Lambrusco!!!

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 9 anni fa - Link

Giuro che mi piacerebbe poterlo dire.... sai il povero Kenray come ci rimane? Per concupire la pulcherrima NN sarà costretto a farsi piacere anche la "nefasta bevanda".... ;-)

Rispondi
avatar

Novaia Azienda Agricola

circa 9 anni fa - Link

Consiglio a tutti di leggere queste 10 regole con molta attenzione.

Rispondi
avatar

Cantinetta

circa 9 anni fa - Link

Gia fatto e retwittato

Rispondi
avatar

Morgana Aller Conti

circa 9 anni fa - Link

Grazie. Anche a nome di non capisce niente di vino e ha la possibilità di capire che on è una loggia massonica e di chi, solo per quel (poco) che sa storcerà il naso, credendo che condividere cultura sia perdere allure...

Rispondi
avatar

Enrico

circa 9 anni fa - Link

11) Almeno una volta nella vita sii parte attiva dell’intero processo produttivo che porta l’uva a diventare vino.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.