La Fondazione Italiana Sommelier perde pezzi, dalla delegazione umbra nasce Assosommelier

La Fondazione Italiana Sommelier perde pezzi, dalla delegazione umbra nasce Assosommelier

di Jacopo Cossater

La notizia ha iniziato a girare sui social un paio di giorni fa quando con un comunicato ufficiale l’Associazione Prowine – già titolare del marchio FIS per l’Umbria – ha annunciato la nascita di Assosommelier, nuova realtà attiva tanto nella formazione professionale quanto nella divulgazione del vino e non solo attraverso degustazioni e più in generale eventi.

Il testo integrale lo potete trovare qui, si tratta di un riassunto delle relazioni tra la delegazione umbra della Fondazione Italiana Sommelier e la sede centrale guidata da Franco Maria Ricci, da luglio ad oggi. Un rapporto che nel tempo è cambiato e che si è concluso con la “rottura” di questa settimana. Ecco un estratto della parte finale:

Associazione Prowine fin dalla sua nascita ha avuto un comportamento chiaro e cristallino con Fondazione Italiana Sommelier della quale ha spinto la crescita sempre e comunque in modo sano. Associazione Prowine ha uno spirito associativo che mantiene e manterrà sempre, con elezioni democratiche, decisioni prese dall’assemblea e con una gestione dei costi rigorosa. Riteniamo che lo spirito che ha contraddistinto il primo periodo di Fondazione, con apertura a nuove idee e grande fermento positivo, sia una stagione purtroppo chiusa.

E ancora:

All’assemblea era presente tutto il consiglio direttivo, il comitato organizzatore, i direttori di corso, i sommelier di servizio, i docenti, i responsabili di settore e siamo tutti sulla stessa linea. Prendiamo atto della caduta del rapporto fiduciario, e diamo seguito a tutte le idee maturate nel tempo, che in Fondazione non è stato possibile realizzare.

Dice ad Intravino Davide Marotta, presidente della neonata associazione: “non c’è stato alcuno strappo, i rapporti con la Fondazione rimangono cordiali. Siamo affezionati alla FIS e continuiamo a credere sia un posto dove stare bene, è successo che semplicemente, come gruppo, non ce la siamo sentita di adottare il nuovo statuto regionale”.

A partire da quest’estate infatti la Fondazione Italiana Sommelier ha comunicato a tutte le proprie sedi l’intenzione di uniformare i diversi statuti in essere per far sì ogni delegazione si muovesse negli stessi confini e con le stesse regole.

“Il problema è che con il nuovo statuto non avremmo potuto portare avanti alcuni importanti progetti intrapresi in questi anni, tra cui quello con l’Università dei Sapori di Perugia (rilevante realtà privata i cui corsi sul vino sono gestiti proprio da FIS Umbria, oggi Assosommelier, nda).

“Abbiamo semplicemente deciso di continuare a fare quello che già stavamo facendo bene, non siamo quindi noi ad aver cambiato linea, ma è la FIS ad aver deciso di intraprendere un’altra direzione. Comunque abbiamo diversi progetti anche legati ad altre bevande, per non parlare del fatto che a breve Assosommelier “aprirà” in un’altra regione e comincerà ad avere un respiro nazionale.”

Jacopo Cossater

Comunicazione digitale ed e-commerce, è tutta una questione di vino, di birra e di trail running. Vive in Umbria, a Perugia, per motivi diversi ha un debole per NYC e per Stoccolma ma non potrebbe mai fare a meno dei ritmi dell'Italia Centrale. Su Intravino dal 2009.

3 Commenti

avatar

david

circa 5 mesi fa - Link

Marò, n'altra?..alla quale ne succederanno altre di sezioni, tutto per portare acqua al proprio minuscolo mulino. Il mondo del vino, a questi livelli, è veramente triste. (Il problema è che con il nuovo statuto non avremmo potuto portare avanti alcuni importanti progetti intrapresi in questi anni, tra cui quello con l’Università dei Sapori di Perugia (rilevante realtà privata i cui corsi sul vino sono gestiti proprio da FIS Umbria, oggi Assosommelier, nda) Schei, in poche parole.

Rispondi
avatar

Umberto

circa 5 mesi fa - Link

Concordo David. È da anni che c’è un crescente interesse per il mondo del vino, e tutti lo vogliono cavalcare alla loro maniera e per il loro interesse. Ma così nn si fa il bene del movimento ma solo delle tasche dei pochi che reggono le fila

Rispondi
avatar

Antonio

circa 5 mesi fa - Link

Si sentiva proprio la mancanza di una nuova Associazione di sommelier...

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.