Io, Anna Magnani e una bottiglia di vino per ricordare un incontro mai avvenuto

di Francesca Ciancio

Via Solferino 28, Milano, sede de Il Corriere della Sera. Colloquio con Ferruccio De Bortoli
Io: ” Ma davvero lei va pazzo per il trebbiano spoletino di Collecapretta?”
De Bortoli: “Si, è tra i miei bianchi preferiti. Lo conosce?
Io: “Lo conosco? a casa ne ho almeno un bancale”
De Bortoli: “Sarebbe così gentile da vendermene qualche bottiglia allora? Ah, lei mi piace, inizia oggi”.

A me non succederà mai, ma a Bernard Pivot è andata più o meno così. Il maestro francese degli intervistatori a 23 anni si presentò dal caporedattore del Figaro Litteraire per proporsi come praticante. Aveva letto poco e male ma la sua famiglia produceva Beaujolais e questo bastò a destare l’interesse del suo futuro capo. Quella domanda “Ah, le piace il Beaujolais?” ha permesso a Pivot di fare domande a Vladimir Nabokov, Roland Barthes e Marguerite Yourcenar.
Esseri affetti dalla “domandite” può essere alquanto irritante per l’interlocutore, ma – come dice Pivot nell’intervista pubblicata sull’inserto del Corriere della Sera La Lettura, “le domande sono la materia di cui è fatto il mondo, senza domande non c’è vita, figurarsi l’amore”.
A fine lettura mi sono chiesta: “a chi porrei delle domande e con quale vino davanti?
Questa è la mia parziale lista che vorrebbe crescere con i vostri contributi:

Paul McCartney con Barolo Arborina di Elio Altare: “Paul, ma avevi idea di cosa avresti combinato insieme ai Beatles sulla scena musicale? Che nulla sarebbe stato più come prima? Mentre scrivevate e arrangiavate i pezzi puntavate a vendere qualche disco o a scompaginare ogni cosa?”. Un po’ quello che ha fatto Altare con il Barolo. Chi lo ama sta con i Beatles, chi non lo apprezza preferisce i Rolling Stones, Mascarello e Rinaldi.

Tutte le bond girls con Champagne Fallet Prevostat: lo trovavate banale James, vero? Sempre il solito Dom Perignon da bere. Eravate coscienti di rappresentare un segnale inequivocabile della rivoluzione femminile? Atletiche, emancipate, traditrici, fasulle, desiderose di fare sesso senza far credere che l’amore c’entrasse sempre. No logo: meglio uno Champagne quasi sconosciuto e di altrettante soddisfazioni.

Anna Magnani con Malvasia delle Lipari Doc Passito di Paola Lantieri. Alle tue occhiaie nere chiederei “ma perché amare un uomo che preferisce Ingrid Bergman a te? Ti saresti annoiata per il resto della tua vita”. Se avessi vissuto fino ad oggi sarebbe stato molto più appagante incontrare la sig.ra Lantieri sull’isola di Vulcano e bere con lei la sua ambrosia dal finale acido.

Aldo Moro con Valcerasa Etna Bianco Doc. “Presidente le va di raccontarmi i suoi veri pensieri mentre era nella “prigione del popolo”? Cosa avrebbe davvero scritto in tutte quelle lettere se la ragion di Stato non glielo avesse impedito? È il vino più sapido che ultimamente a memoria ricordi. Come certe storie che ti lasciano sempre la bocca salata.

Natalia Aspesi con Dogliani Docg Poderi Luigi Einaudi. Più che una domanda questa è una richiesta di lavoro: “posso farle da assistente personale per la posta del cuore sul Venerdì di La Repubblica? Mi smazzo io quelle più lunghe e noiose, quelle dove donne 50enni si chiedono perchè il marito le tradisca con una 25enne o quelle dove uomini affermati non si capacitano di essere stati mollati nonostante tutti i loro soldi e la loro legittimazione pubblica. Lei mi insegna le risposte della vita e io a farle apprezzare una delle uve più buone d’Italia. Ci sta?

Solo cinque. Perchè sembra un giochetto scemo ma poi i nomi non vengono… vediamo se siete più bravi voi…

 

 

 

13 Commenti

avatar

Fabio Cagnetti

circa 6 anni fa - Link

A Ettore Majorana, con il Rossese di Dolceacqua Vigneto Curli 1978 di Emilio Croesi: "Hai la faccia di legno, dove cazzo eri finito?"

Rispondi
avatar

Armando Castagno

circa 6 anni fa - Link

Geniale.

Rispondi
avatar

Adriano Aiello

circa 6 anni fa - Link

citazione dell'anno:)

Rispondi
avatar

Jacopo Cossater

circa 6 anni fa - Link

Bel post e bella scelta, quella di Collecapretta. Calza particolarmente bene.

Rispondi

francesca ciancio

circa 6 anni fa - Link

signori io vi ringrazio ma vi chiedevo di allungare la lista.....

Rispondi
avatar

Silvana

circa 6 anni fa - Link

Scusi Francesca, ma James beve Taittinger...

Rispondi

francesca ciancio

circa 6 anni fa - Link

semmai Bollinger da metà anni '70

Rispondi
avatar

Silvana

circa 6 anni fa - Link

Insisto sommessamente, gentile FC, Taittinger: Lui, quello beveva.

Rispondi
avatar

C.Moon Cats

circa 6 anni fa - Link

col mio prosecco punk devi intervistar uno stronzo, tipo sid vicius. il raboso eddie vedder dice che gli piace. ps: per te i bancali ci son sempre :)

Rispondi
avatar

Simone

circa 6 anni fa - Link

A Fioravanti con un Maschio vino frizzante a temperatura ambiente: "Giusva, che ci fai in giro? Tiè, sparatelo tutto in un colpo solo!"

Rispondi
avatar

Silvana

circa 6 anni fa - Link

A Paolo Mieli (già nei dintorni di via Solferino): Chateau Musar 2000 "Che cosa ci faceva l'altro giorno alla stazione Termini, con un trolley e l'aria interrogativa?

Rispondi
avatar

Andrea Pagliantini

circa 6 anni fa - Link

A Francesca Ciancio un sangiovese raccolto oggi che domani starà fermentando.

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 6 anni fa - Link

Antonio Banderas - Malbec Riserva Luigi Bosca: "Balliamo?" Indro Montanelli - Pergole Torte 1990: "Perché sei nato troppo presto e morto troppo tardi?" Charlotte Bronte, Emily Dickinson, Jane Austen - Pedro Ximenes X.O. aged 30 years: "Come avete fatto, col vostro puritanesimo e con la vostra piccola vita limitata a scrivere così bene e così a fondo?"

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.