Indiana Jones alla ricerca della roccia d’Alsazia

Indiana Jones alla ricerca della roccia d’Alsazia

di Giorgio Michieletto

Si sa che a livello geologico l’Alsazia è una delle regioni più complesse al mondo e sotto il sole che ti graffia a 37 gradi “l’arca perduta” è un riesling distillato di pietra, fossili e agrumi. A Hunawihr, nel paese-cartolina sotto la chiesa fortificata che domina i vigneti, Domaine Mittnacht Frères è una miniera di scoperte. Due riesling vanno dritti come una lancia al palato e al cuore. Esprit Libre! 2017, presentato come vino senza solfiti (minima quantità solo in imbottigliamento) al naso è quasi Sicilia: mare e limoni. Acidità tagliente, spremuta col ghiaccio: pompelmo, mela verde, fiori bianchi. La curiosità è tutta sull’evoluzione della bottiglia.

Lieu dit Muehlforst 2016 è un temporale d’estate in alta montagna dove ci sono solo erba e rocce. Producono due riesling grand cru (Osterberg e Rosacker) ma non esitano a definire questo il loro “più prestigioso terroir”. Il naso è già complesso: lime, scorzette d’arancia, finocchietto e anice. Un po’ di polvere da sparo. Bocca potente, piena, mai stancante. Finisce a mezzanotte (nomen omen).

Il Grand Cru Rosacker 2015 di Mittnacht Frères ha invece ancora bisogno di tempo per tirar fuori la mineralità; per ora è fermo sul frutto maturo, miele, albicocca e uno sbuffo affumicato. Ritroviamo invece la finezza di questo grand cru, uno dei più interessanti d’Alsazia (tra i 260 e i 330 metri d’altezza, est / sud-est, roccia madre di calcare di 245 milioni di anni, molto magnesio e calcio), al Domaine Agapè di Riquewihr il villaggio che ha ispirato i disegnatori di La Bella e la Bestia. L’Agapè Grand Cru Rosacker 2016 è un riesling bestiale, da favola: tutto giocato sui fiori di campo, gelsomino, cedro, pesca. Note verdi e di frutta gialla con un tocco di liquirizia e cera. Ancora giovane ma già entusiasmante: asciutto, sapidissimo. Potenza e finezza. Vincent Sipp, il produttore, è il fratello di Jacques del Domaine Sipp Mack di Hunawir (il suo Rosacker 2013 è da avere assolutamente in cantina) e nel 2007 ha deciso di prendere la propria strada.

Questo riesling è un suo calco in pietra: discreto, ma travolgente. Se Rosacker ha un’aura di leggenda (in questo grand cru nasce il mitico Clos Sainte Hune di Trimbach), Kanzlerberg invece è il gran cru più piccolo di Alsazia. Poco più di tre ettari al confine di Bergheim.

Solo due produttori, uno dei quali è Sylvie Spielmann che nella sua gamma di grandi (e potenti) classici produce anche una chicca per piccoli esploratori: GypsE Terroir Unique. Pinot bianco, pinot grigio e pinot nero piantati nel 2004 su una marna di gesso della vecchia cava di Bergheim: uve vendemmiate, pressate e vinificate tutte insieme, otto mesi sulle fecce. Col 2015 sul tavolo si può discutere, anzi litigare, su tutto: vino biodinamico, vino naturale, vitigni e terroir, terreni e mineralità, lieviti indigeni, acidità e residuo zuccherino.

Divide, spiazza, ma di sicuro ti fa sentire un po’ Dottor Jones con calice e cappello.

avatar

Giorgio Michieletto

Giornalista professionista: ieri cronaca nera, oggi rosa. Ieri, oggi e domani: rosso, bianco & co. Varesino di nascita e cuore, milanese d'adozione e testa. Corsista Ais. Se c'è una storia la deve raccontare.

Nessun Commento

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.