Il vino-collutorio di Assoenologi è semplicemente indifendibile

Il vino-collutorio di Assoenologi è semplicemente indifendibile

di Antonio Tomacelli

Mi ha detto mio cugggino che “un consumo moderato di vino, legato al bere responsabile, può contribuire ad una migliore igenizzazione del cavo orale e della faringe, area, quest’ultima, dove si annidano i virus nel corso delle infezioni.” ma io non so se fidarmi o no anche perché, l’ultima volta, con la storia del limone e bicarbonato che preveniva i tumori, ho avuto una stitichezza che stavo meglio se mangiavo i ricci di mare con tutte le spine.

Ha detto pure, sempre mio cugggino, che “la sopravvivenza del virus nel vino appare impossibile in quanto la concomitante combinazione della presenza di alcol, di un ambiente ipotonico e della presenza di polifenoli, impedisce la vita e la moltiplicazione del virus stesso”. Dice che glielo ha detto uno che c’ha un amico che lavora in farmacia ma non ho capito bene se era una farmacia agricola o una parasanitaria con uso di cucina.

Io, nel dubbio, sono indeciso tra due bottiglie da servire a tavola: una è un’Amuchina del 2019 a 97° di etanolo, l’altra è un negroamaro che di gradi ne fa 16° scarsi: quale dite che ammazzerà il coronavirus?

Non è che faccio la fine di quei 44 iraniani che sono morti per la bufala dell’alcol che guariva dal Covid19?? E che dite se mi fido del ministero della Salute secondo cui l’alcol è efficace contro il virus solo oltre i 75°?

Uffa, che ansia, quasi quasi telefono ad Assoenologi e mi faccio spiegare per bene la questione…

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi e Stefano Caffarri il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

7 Commenti

avatar

Remo

circa 9 mesi fa - Link

Eeeeh, hmm, quando accadono cataclismi di questa gravità si scomodano emeriti luminari di fanta-scienza a darci i più paradossali consigli, stiamo attenti a non crederci troppo e...stiamo tutti a casa! Alla stregua allora: "Evviva la Grappa"!

Rispondi
avatar

Federico

circa 9 mesi fa - Link

Mio cuggino invece mi ha detto che il coronavirus si nutre di alcol. Allora, io che sono più furbo di lui, ho porato tutte le mie bottiglie di vino nella sua cantina.

Rispondi
avatar

Giacomo

circa 9 mesi fa - Link

mio cuggino fa il produttore di vino. con una mano posta le petizioni contro i dazi usa sul vino, con l'altra stigmatizza lo sbarco dei militari americani in europa.

Rispondi
avatar

vinogodi

circa 9 mesi fa - Link

... illustri studiosi, io fra quelli, affermano , con cognizione di causa, che non è la quantità di vino ma la qualità del vino ad ergersi a baluardo contro il Coronavirus , dove l'aspetto economico non è secondario nella dissuasione virale . Quindi con Tavernello e vini in tetrabrik , ma anche per quel che riguarda lo sfuso (escluso quello di Valentini , per ovvie ragioni) non si è immuni , mentre per intere categorie di vini costosissimi (Cuvée de Prestige di Champagne , Grands Cru di Borgogna , Premiers di Bordeaux , Barolo e Brunello , solo top, e , in parte , Amarone ) si ha certezza del risultato quasi completa , come catalizzatore estremo della reazione immunitaria dell'organismo e dissuasione biologica della virulenza... sembra , ma queste sono voci di corridoio , che con i vini di Leroy e DRC si abbia addirittura una risposta immunitaria estremizzata , amplificando ed estendendo lo spettro d'influenza all'azione erettile e antimutagena... oeh , questo per completezza dell'informazione e di condivisione , perché non vorrei togliere aspettativa di vita in nessun lettore di Intravino...

Rispondi
avatar

Paolo A.

circa 8 mesi fa - Link

Eticamente è sciacallaggio e non sono nemmeno così convinto che non ci siano profili di rilevanza penale. In sintesi, che schifo.

Rispondi
avatar

vinogodi

circa 8 mesi fa - Link

...essù ... una bufala come un'altra, perché darci rilievo? Come "lo studio che vuole prevenire il Coronavirus ingerendo, da studi avanzati cinesi, 25 grammi di vitC al giorno ...

Rispondi
avatar

vinogodi

circa 8 mesi fa - Link

...che corrispondono , circa ad un rapido calcolo , a 350 chili di arance al giorno ... e ci sono amici che , avendo letto sul web , mi tempestano di richieste di conferma senza sapere a quanto corrispondono... è proprio vero , l'umanità è scema e va selezionata ...

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.