Il senso di Maurizio Zanella per l’arte

Il senso di Maurizio Zanella per l’arte

di Antonio Tomacelli

“Mecenate s. m. – Propriam., nome (lat. Caius Maecenas -atis) di un noto cavaliere romano (69 – 8 a. C.), consigliere di Augusto e influente protettore di letterati e artisti; quindi, per antonomasia, ogni munifico protettore e benefattore di poeti e artisti: Lorenzo de’ Medici fu uno dei più grandi m. del Rinascimento. ”

La Treccani così definisce il mecenate, termine in disuso ma che, forse, ha ancora senso nel 2018. Abbiamo chiesto lumi in proposito a Maurizio Zanella, fondatore dell’azienda agricola Ca’ del Bosco e collezionista di opere d’arte esposte nella cantina e fruibili dai visitatori. Uno degli aspetti meno conosciuti di questa azienda, infatti, è l’investimento in arte, principalmente scultura e fotografia.

Tra gli artisti che hanno lavorato per Ca’ del Bosco ricordiamo Arnaldo Pomodoro, Mimmo Paladino, Igor Mitoraj e tutti gli altri presenti sul sito dedicato.

Schermata 2018-09-13 alle 12.45.38

 

Schermata 2018-09-13 alle 12.48.24

 

Schermata 2018-09-13 alle 12.49.56

 

 

 

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi e Stefano Caffarri il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

1 Commento

avatar

Alcamo

circa 2 anni fa - Link

Stiamo parlando di un novello Lorenzo de Medici o sto esagerando?

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.