Il senso di Maurizio Zanella per l’arte

Il senso di Maurizio Zanella per l’arte

di Antonio Tomacelli

“Mecenate s. m. – Propriam., nome (lat. Caius Maecenas -atis) di un noto cavaliere romano (69 – 8 a. C.), consigliere di Augusto e influente protettore di letterati e artisti; quindi, per antonomasia, ogni munifico protettore e benefattore di poeti e artisti: Lorenzo de’ Medici fu uno dei più grandi m. del Rinascimento. ”

La Treccani così definisce il mecenate, termine in disuso ma che, forse, ha ancora senso nel 2018. Abbiamo chiesto lumi in proposito a Maurizio Zanella, fondatore dell’azienda agricola Ca’ del Bosco e collezionista di opere d’arte esposte nella cantina e fruibili dai visitatori. Uno degli aspetti meno conosciuti di questa azienda, infatti, è l’investimento in arte, principalmente scultura e fotografia.

Tra gli artisti che hanno lavorato per Ca’ del Bosco ricordiamo Arnaldo Pomodoro, Mimmo Paladino, Igor Mitoraj e tutti gli altri presenti sul sito dedicato.

Schermata 2018-09-13 alle 12.45.38

 

Schermata 2018-09-13 alle 12.48.24

 

Schermata 2018-09-13 alle 12.49.56

 

 

 

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

1 Commento

avatar

Alcamo

circa 1 settimana fa - Link

Stiamo parlando di un novello Lorenzo de Medici o sto esagerando?

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.